Conto Banca di Piacenza: Opinioni sui Conti Correnti e Deposito

Banca di Piacenza è un gruppo bancario locale, uno dei pochi italiani rimasti al di fuori dei vorticosi circuiti di fusioni e acquisizioni e continua ad operare su tutto il territorio piacentino (e anche al di fuori dello stesso) con la sua offerta di prodotti per il risparmio e per l’operatività dei privati.

Oggi ci occupiamo di analizzare le offerte conto corrente del gruppo, analizzando tutti e 6 i diversi conti corrente che il gruppo offre oggi al mercato.

Il conto corrente di Banca di Piacenza è davvero quello che fa al caso tuo? Quali sono i vantaggi? E quali sono gli svantaggi? Vediamolo insieme.

Chi è Banca di Piacenza?

Banca di Piacenza è un gruppo bancario fondato nel primo dopoguerra e che da sempre ha concentrato la sua azione sul territorio della provincia omonima, offrendo sia servizi al risparmiatore sia alle imprese.

Oltre ad essere attiva sul fronte culturale con la sua fondazione, la banca continua ad operare nel tessuto economico cittadino ed è arrivata a raggiungere anche le città limitrofe di Parma, Cremona, Pavia, Genova.

La banca offre oltre ai conti corrente diversi prodotti per il risparmio, ritagliati sulle esigenze del piccolo e del medio risparmiatore.

Quali conti corrente offre Banca di Piacenza?

Banca di Piacenza offre sei diversi prodotti conto corrente, ognuno ritagliato intorno alle esigenze di diverse tipologie di cliente. Ti presenterò queste proposte una per una, continua a leggere!

Conto A Conto di Banca di Piacenza

Conto a Sconto è un conto corrente che parte da un canone mensile molto alto, che può essere però abbassato nel caso in cui si dovessero utilizzare servizi aggiuntivi della banca oppure superare determinate soglie.

Le condizioni applicate dalla banca sono le seguenti:

  • canone di base di 10,00 euro;
  • operazioni illimitate;
  • carta di Credito gratuita per il primo anno, e per gli anni successivi gratuita se si superano soglie di utilizzo;
  • carta di debito gratuita;
  • home Banking Gratuito.

Il canone di 10,00 euro mensili può essere abbassato:

  • di 2,00 euro se si accredita stipendio o pensione;
  • di 1,00 euro se si usa la carta di debito per almeno 250 euro;
  • di 1,00 euro se si usa la carta di credito per almeno 250 euro;
  • di 1,00 euro nel caso in cui si stipulino prestiti personali nella stessa banca;
  • di 2,00 euro per la sottoscrizione di fondi comuni o SICAV per almeno 15.000 euro;
  • di 1,00 euro per la sottoscrizione di assicurazioni;
  • di 1,00 euro se si scelgono prodotti conto deposito vincolato con un controvalore di almeno 25.000 euro;
  • di 2,00 euro se si scelgono conti deposito vincolati per almeno 50.000 euro.

Nel caso in cui i rapporti che intrattenete con la banca dovessero essere complessi, questo conto potrebbe arrivare a costare somme decisamente basse (anche 0). Da tenere in considerazione nel caso in cui si dovessero avere tali necessità.

Conto Banc@online zero spese

Il secondo conto della Banca di Piacenza che ti presento è il Conto Banc@Online Zero Spese. È un conto corrente pensato per chi può operare esclusivamente online e che garantisce condizioni, nel caso in cui appunto si decida di operare solo via Home Banking. Tra le condizioni praticate troviamo:

  • nessun canone mensile;
  • carta di debito gratuita;
  • operazioni Online illimitate;
  • servizio Home Banking completamente gratuito.

Il conto in questione è uno di quelli a bassa operatività e a basso costo, che segue un po’ quello che è il filone principale che ha interessato i conti corrente bancari negli ultimi anni.

I conti deposito di Banca di Piacenza

Molto interessante invece il prospetto che riguarda i conti deposito offerti da Banca di Piacenza. Abbiamo infatti 3 diversi prodotti, a vincolo di durata differente e con condizioni decisamente interessante.

Conto Deposito Vincolato 3 anni

È il vincolo più breve offerto da Banca di Piacenza e prevede il seguente piano di retribuzione via interessi:

  1. 0,40% per il primo anno;
  2. 0,60% per il secondo anno;
  3. 0,80% per il terzo anno.

Se l’investimento dovesse essere mantenuto fino al termine del vincolo, si riceverà per l’ultimo anno un bonus di 0,50%, portando il rendimento per il terzo anno di vincolo all’1,30%.

Conto Deposito Vincolato 5 anni

È il vincolo medio offerto da Banca di Piacenza e offre il seguente prospetto di interessi:

  1. 0,40% per il primo anno;
  2. 0,60% per il secondo anno;
  3. 0,80% per il terzo anno;
  4. 1,00% per il quarto anno;
  5. 1,20% per il quinto anno più bonus dell’1% se si dovesse mantenere l’investimento fino al termine del vincolo.

Conto Deposito Vincolato 7 anni

È l’ultimo dei conti deposito che vengono offerti da Banca di Piacenza e propone il seguente prospetto di interessi:

  1. 0,40% per il primo anno;
  2. 0,60% per il secondo anno;
  3. 0,80% per il terzo anno;
  4. 1,00% per il quarto anno;
  5. 1,20% per il quinto anno;
  6. 1,40% per il sesto anno;
  7. 1,60% per il settimo anno, più bonus dell’1,50%.

Conviene aprire un conto da Banca di Piacenza?

Banca di Piacenza continua ad essere una delle poche banche italiane rimaste a forte vocazione locale e completamente indipendente.

Per chi non vive però nell’area dove la banca è presente, non ha alcun tipo di senso aprire conti presso questo istituto, sia perché non ci sono offerte particolarmente convenienti, sia perché senza avere sportelli e ATM in zona, sarebbe difficile operare.

Ci sono istituti bancari sicuramente più interessanti, che troverai recensiti sulle pagine di Affari Miei:

Scegli quello che più fa al caso tuo e taglia i costi, opera in libertà e comincia a risparmiare.

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO