Conto Deposito IBL Libero e Vincolato: Scopri i Tassi d’Interesse e le Caratteristiche del Conto

Benvenuto su Affari Miei, sono Davide Marciano, Wealth Hacker. In questa guida analizzo il conto deposito di IBL Banca, disponibile in versione libera e in versione vincolata. 

Come forse saprai, sono costantemente alla ricerca dei conti che offrono i migliori tassi d’interesse sul mercato, in modo da guidare i miei lettori nella scelta degli strumenti di risparmio e investimento più convenienti. 

Oggi ti parlo di CONTOsuIBL Vincolato (così si chiama il prodotto) perché, a detta della Banca, è un conto deposito a “zero spese e interessi elevati”. Sarà veramente così? IBL ha davvero qualcosa in più da offrire rispetto alla concorrenza? 

Nel corso di questa recensione intendo proprio scovare tutti i vantaggi e i punti critici del conto deposito IBL, in modo che i miei lettori possano fare una valutazione oggettiva del prodotto e confrontarlo con i conti deposito delle altre banche. Ma non perdiamo altro tempo, cominciamo!

IBL Banca: una breve presentazione

IBL (Istituto Bancario del Lavoro) è un gruppo bancario che opera principalmente nel settore del credito al consumo e dei mutui.

Da diversi anni è ampiamente attivo anche nell’erogazione di servizi per il risparmio e la gestione delle finanze personali, attraverso i canali tradizionali ma anche online. Tra i prodotti di punta spiccano il conto corrente, le carte, e i depositi liberi e vincolati. 

Per quanto riguarda la sicurezza e la solidità dell’Istituto bisogna innanzitutto rilevare che il gruppo IBL non è esposto in modo particolare ai cosiddetti “crediti tossici”, tuttavia, per maggiore tranquillità, possiamo controllare il CET1 ratio, il principale indice di solidità di una banca.

Dall’ultimo bilancio annuale (fine 2018) il CET1 ratio di IBL è attestato al 11,3%, non è un valore altissimo ma è comunque sopra la soglia minima (8%) fissata dalla BCE, perciò possiamo stare tranquilli.

I depositi dei clienti sono tutelati

Vale anche la pena ricordare che, indipendentemente dal CET1 ratio, i soldi sui conti correnti e di deposito intestati ai clienti sono naturalmente coperti dalla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi – garanzia che prevede il rimborso in caso di fallimento della Banca per un massimo complessivo di 100.000 euro a cliente.

A prescindere dunque da quale sia l’effettiva solidità del Gruppo e dalle sue vicissitudini passate, presenti e future, chi deposita somme inferiori a 100.000 euro può dormire sonni tranquilli.

Proseguiamo con l’analisi del conto deposito di IBL, iniziando dai tassi di interesse.

CONTOsuIBL Libero e Vincolato 

ContosuIBL funziona come un classico conto deposito, per cui la Banca prende in custodia i risparmi del depositante e riconosce in cambio degli interessi che maturano per tutto il periodo di giacenza delle somme sul conto.

Come già anticipato, IBL offre due modalità di deposito: Libero e Vincolato. Entrambe permettono di valorizzare i risparmi ad un tasso d’interesse fisso stabilito per contratto che, ovviamente, è superiore se si sceglie la modalità vincolata. 

Al ContosuIBL sono collegati altri servizi gratuiti: la carta di debito, l’Internet Banking e le ricariche telefoniche. Il depositante può effettuare versamenti sul conto con assegni bancari, assegni circolari e bonifici bancari, mentre i prelevamenti, entro il limite del saldo disponibile, si effettuano esclusivamente tramite bonifici bancari e carta di debito.

Viste le caratteristiche generali, ora entriamo nello specifico…

IBL Conto Deposito Libero

Il conto deposito libero è privo di vincoli temporali perciò è ideale per chi ha la necessità di mantenere le liquidità sempre disponibili. Ciononostante, IBL Banca riconosce sulle somme depositate degli interessi. 

Fino al 31/03/2020, per importi di almeno 1.000 euro e fino a 1 milione, il tasso annuo lordo riconosciuto dalla Banca è 0,65%. Questa promozione è valida per i clienti che attivano il conto deposito libero entro il 31/12/2019. 

Il tasso d’interesse non è alto, però il conto è a zero spese, ovvero: non c’è nessuna commissione di apertura, nessun canone da pagare, nessuna spesa di gestione e nessun costo per la chiusura del conto, in più non hai nessun vincolo e puoi ritirare i tuoi soldi quando preferisci!

Le condizioni non sono affatto male, se però cerchi guadagni superiori devi per forza puntare al deposito vincolato.

IBL Conto Deposito Vincolato

ContosuIBL Vincolato permette di ottenere rendimenti superiori a patto che si blocchino i risparmi per un periodo di tempo pattuito con la Banca. Di conseguenza, questa modalità di deposito dovrebbe essere scelta da chi non ha problemi a rendere indisponibili i propri soldi per periodi più o meno lunghi.

Infatti, ContosuIBL non permette nessun rimborso anticipato delle somme vincolate, neppure in misura parziale. Quindi non si può in alcun modo estinguere il vincolo prima della sua scadenza o modificarne la durata. Questo aspetto è molto importante!

Se decidi di attivare un vincolo devi essere disposto ad aspettare fino alla scadenza, occhio quindi a scegliere una durata che sia per te fattibile.

Quando il contratto di deposito arriva al termine, i soldi sul conto Vincolato e gli interessi maturati tornano automaticamente disponibili sul conto Libero.

A quel punto è possibile decidere se mantenere le somme in deposito (remunerate al tasso d’interesse base), vincolarle nuovamente oppure ritirarle.

L’importo minimo vincolabile è di 5.000 euro fino ad un massino di 1 milione.

Tassi in vigore dal 01/10/2019

Quali tassi applica IBL? È davvero un conto ad interessi elevati? In realtà non è proprio così.

I tassi sono abbastanza nella norma, crescono e diventano più remunerativi se si scelgono vincoli di lungo termine. Anche la modalità di liquidazione degli interessi incide sul guadagno.

Di seguito ti illustro il prospetto dei tassi, inizio con le condizioni applicate se si sceglie la liquidazione con cedola trimestrale, ovvero con incasso degli interessi ogni tre mesi. I tassi sono lordi e calcolati annualmente:

  • Tasso del 0,90% per un vincolo di 180 giorni;
  • Tasso del 1,00% per un vincolo di 365 giorni;
  • Tasso del 1,10% per un vincolo di 18 mesi;
  • Tasso del 1,15% per un vincolo di 24 mesi;
  • Tasso del 1,25% per un vincolo di 36 mesi.

Quelli che seguono sono invece i tassi lordi corrisposti se si sceglie la liquidazione a scadenza degli interessi, cioè a fine vincolo:

  • Tasso del 0,75% per un vincolo di 90 giorni;
  • Tasso del 0,90% per un vincolo di 180 giorni;
  • Tasso del 1,00% per un vincolo di 365 giorni;
  • Tasso del 1,10% per un vincolo di 18 mesi;
  • Tasso del 1,15% per un vincolo di 24 mesi.

Questi sono i nuovi tassi d’interesse proposti da IBL Banca. Confrontandoli con i rendimenti del passato posso concludere che l’offerta dell’Istituto è peggiorata. Ciò è abbastanza normale ed è in linea con i guadagni che, attualmente, è possibile realizzare con un conto deposito.

I tassi di ContosuIBL sono comunque buoni se consideriamo che sono applicati a vincoli piuttosto brevi (massimo 3 anni), quindi l’offerta risulta in qualche modo competitiva. È giusto sapere che ci sono conti deposito a interessi leggermente migliori, ma spesso prevedono anche vincoli più lunghi.

Per una valutazione più realistica dei possibili guadagni ti consiglio di utilizzare il calcolatore automatico sul sito di IBL: imposti la durata del vincolo, la cifra da bloccare e calcoli il guadagno netto.

Altro vantaggio: anche il deposito vincolato è a zero spese 

Come il deposito libero anche quello vincolato non prevede nessun costo di apertura, gestione e chiusura, e nessun canone mensile.

È a carico del cliente, invece, il pagamento dell’imposta di bollo sulle giacenze (0,2% per depositi superiori a 5.000 euro) e la ritenuta fiscale sugli interessi maturati (26%).

Come aprire il conto

Aprire ContosuIBL è semplicissimo: si attiva direttamente online, compilando il modulo d’iscrizione presente sul sito, e senza doversi recare in filiale.

Tieni a portata di mano la tua carta di identità e il codice fiscale, poi procedi ad inserire i tuoi dati nel modulo online.

Leggi l’informativa e spunta la casella legata alla presa visione. Il resto della procedura ti verrà comunicato direttamente dalla Banca.

Opinioni di Affari Miei sul conto deposito di IBL Banca

Come sempre concludo la mia recensione dandoti un parere personale. Sai che da anni mi occupo di studiare il mercato economico e finanziario per illustrare a te e agli altri risparmiatori quali sono gli strumenti migliori per crescere economicamente. 

I conti deposito sono una valida soluzione di risparmio ma un blando investimento poiché un prodotto a basso rischio non può permetterci di guadagnare davvero – gli interessi risicati sono quindi una naturale conseguenza.

In quest’ottica, non possiamo attenderci chissà cosa da un conto deposito, sia esso ContosuIBL o un altro. Se però estendiamo il nostro giudizio al mero guadagno possiamo fare delle importanti considerazioni. 

Il conto deposito di IBL è un prodotto di risparmio interessante. Ci costa poco o nulla ed è collegato ad altri servizi aggiuntivi, come la carta di debito. Il fatto che la modalità libera maturi comunque interessi è sicuramente vantaggioso per noi. 

La pecca è rappresentata dal fatto che le partite vincolate non possono essere sbloccate prima della scadenza, però questo svantaggio è facilmente arginabile grazie al fatto che i vincoli sono di breve durata.

Dunque, penso che questo conto deposito possa essere indicato per alcuni risparmiatori ma non per altri…

A chi conviene il conto deposito IBL?

Per rispondere alla domanda bisogna fare una distinzione fra il conto Libero e quello Vincolato. Il primo è indicato per chi vuole disporre liberamente dei propri risparmi, ma senza rinunciare completamente agli interessi.

Il deposito Vincolato invece è idoneo a chi possiede delle riserve da poter accantonare anche per alcuni anni, dato che non vi è modo di estinguere un vincolo anticipatamente. Così facendo si potranno maturare interessi più alti e si avrà un ritorno maggiore.

Si tratta di un prodotto con poca flessibilità, adatto soltanto a chi è matematicamente certo che le somme investite potranno rimanere tali. Il deposito minimo è di 5.000 euro, non è una cifra esorbitante ma può fare la differenza per alcuni.

Un ultimo aspetto determinante è l’operatività online, tramite Internet Banking. Poter gestire il conto completamente da casa è un indubbio vantaggio che altri conti più tradizionali non permettono.

ContosuIBL non è adatto a chi…

A chi cerca rendimenti maggiori. Esistono conti deposito che offrono possibilità di vincolo più lunghe di 36 mesi e che riconoscono tassi lordi più alti, sopra il 2,00%. Alcune banche si offrono anche di pagare l’imposta di bollo e sgravano il cliente di questa spesa.

In genere i depositi vincolati prevedono quasi sempre la possibilità di chiedere il rimborso anticipato, se ce ne fosse bisogno. Solitamente si perde una parte degli interessi oppure viene calcolato un tasso peggiorativo. In ogni caso si riesce a rientrare in possesso dei propri risparmi senza grosse penalizzazioni.

Il conto deposito vincolato IBL rappresenta un’eccezione più che la regola. Chi è alla ricerca invece di conti deposito che offrano possibilità di vincolo più lunghe di quelli offerti da IBL, dovrà per forza di cose rivolgersi altrove: ne ho parlato in questo video.

Conclusioni

Valutare le offerte di conto deposito di tutte le banche può essere un lavoro lungo e tedioso, per questo motivo ho messo a punto il nuovo servizio gratuito di ricerca conti per i lettori di Affari Miei: si chiama Conto Deposito TOP e ti permette di visionare e confrontare direttamente le offerte migliori in questo momento. Provalo subito!

Risorse Utili

Se sei arrivato qui perché stai cercando consigli per investire i tuoi soldi e vuoi comprendere come operare al meglio, ti consiglio di partire da questi percorsi tematici che ho scritto per te:

Buon proseguimento.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

.

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO