Quotazione Gas Naturale: Guida, Consigli e Previsioni per Investire in Gas Natural

Investire nelle materie prime, come ti ho spiegato nelle guida dedicata che puoi trovare qui, in seguito alla crisi degli anni 2008/2011 è diventata una delle strade più gettonate da coloro che vogliono far fruttare i propri risparmi. Tra le varie commodities non troviamo soltanto le più note, ossia petrolio o oro, ma anche altre materie prime. In particolare, in questo articolo voglio parlarti di come investire in gas naturale.

Continua a leggere per scoprire le strategie migliori per investire su questo bene.

Che cos’è il gas naturale?

Quando parliamo di gas naturale ci riferiamo ad un combustibile fossile formatosi dalla stratificazione di detriti di piante e gas, i quali sono stati esposti a fonti di calore molto forte e alla pressione per migliaia di anni. Il risultato di questo processo è un gas naturale, ovverosia la miscela di gas idrocarburico: esso è costituito perlopiù da metano, ma vi troviamo anche anidride carbonica, azoto e idrogeno solforato.

Tale miscela è una fonte di energia utilizzata per il riscaldamento, la produzione di energia elettrica e la cottura dei cibi, oltre che come combustibile per i mezzi di trasporto e come energia nell’industria.

La lavorazione del gas

Ovviamente, come avviene anche per il petrolio e le altre materie prime, il gas non può essere immesso sul mercato allo stato in cui è stato estratto, ma va lavorato, poiché è necessario sottoporlo ad un processo di raffinazione mirato a eliminare impurità e acqua, in modo tale che il prodotto finito risponda a determinate caratteristiche di commerciabilità.

Da tale lavorazione derivano gas quali l’etano, il butano, il propano, i pentani e gli idrocarburi superiori di peso molecolare, il solfuro di idrogeno, il biossido di carbonio e così via.

Il mercato di riferimento: quotazioni e prezzi

Fatta tale premessa, vediamo come possiamo riferirci a questa materia prima nel mercato degli investimenti. Il gas naturale viene scambiato tra le diverse aziende produttrici e distributrici europee e internazionali attraverso l’utilizzo di contratti della durata compresa tra i 5 e i 25 anni.

Esattamente come avviene anche per il petrolio, anche la quotazione del gas avviene in tempo reale su questi mercati e subisce l’influenza della speculazione e di decisioni geopolitiche.

Proprio per questo, esattamente come il petrolio, anche questa commodity è soggetta a un’alta volatilità che rende i profitti potenzialmente molto golosi, ma potenzialmente molto rischiosi, elemento che non tutti i trader apprezzano, a meno che non ci si possa permettere tale rischio e che questo tipo di investimento sia solo uno dei vari aspetti di diversificazione del proprio portafoglio.

Dunque cerchiamo di capire, per approfondire insieme questa fetta del trading, da cosa dipende il prezzo del gas naturale.

A influenzarlo direttamente troviamo due elementi determinanti, ossia:

  • il valore del dollaro: il dollaro è la valuta con cui il gas viene scambiato a livello internazionale. Per questo ne influenza l’andamento dei prezzi;
  • il prezzo del petrolio: essendo un concorrente diretto del gas, il suo prezzo influenza quello del secondo;
  • la domanda: assume un ruolo importantissimo sull’andamento e le fluttuazioni dei prezzi. Basti pensare alle condizioni climatiche che possono comportare l’aumento o l’abbassamento della richiesta di gas per il riscaldamento. La stagionalità è importante;
  • le decisioni politiche: come ho accennato, se il Paese estrattore è coinvolto in una crisi politico-economica, per quanto lieve possa essere, anche i prezzi della materia prima ne saranno influenzati;
  • la mancanza di una organizzazione che gestisca questa materia prima, come può essere l’OPEC per il petrolio, cercando di equilibrare le oscillazioni derivanti da mercato e politica;
  • la difficoltà di stoccaggio del bene, che rende difficoltoso aumentare eventualmente la produzione/estrazione di gas in caso di necessità, a meno costruire nuovi gasdotti, che comporterebbe costi non indifferenti.

Gli strumenti finanziari sul gas naturale

Passiamo a esaminare le possibilità concrete di investire su questa commodity. Quale strumento finanziario possiamo usare? Ce ne sono due in particolare:

  • Futures, con scadenza mensile;
  • CFD sul gas naturale;
  • ETF.

Esaminiamoli nel dettaglio.

Futures sul gas naturale

Questo tipo di strumento sfruttato sul gas è in ordine di importanza per volume di transazioni al terzo posto mondiale. Si basano su una commodity indipendente e sono utilizzati massicciamente come benchmark, ossia il parametro di riferimento per valutare l’andamento del mercato in genere, ovviamente in funzione al prezzo del gas natural, materia che continua a crescere come fonte di energia a livello mondiale.

CDF e gas natural

I Contratti per Differenza sono strumenti finanziari il cui valore deriva dal valore di un altro strumento finanziario sottostante: in questo caso si parla del futures sul gas stesso. Ciò significa che, negoziando CDF sul gas naturale, il prezzo sarà legato e dipendente da quello dei futures a scadenza più vicina (con l’aggiunta dello spread).

ETF Gas Naturale

Un altro modo possibile per guadagnare sul gas naturale è quello di avvalersi degli ETF, magari adoperando il meccanismo della leva, il quale consente di poter ottenere un grande guadagno da un investimento relativamente piccolo, anche se questo significa aumentare in maniera direttamente proporzionale anche il rischio.

Gli Exchange Traded Funds sono fondi comuni d’investimenti, i quali vengono negoziati all’interno dei mercati finanziari: essi hanno come caratteristica principale una gestione di tipo passivo, dal momento che seguono l’andamento dell’indice sottostante. Tramite questi strumenti è possibile fare trading online a costi estremamente ridotti in moltissimi settori dell’economia mondiale.

Conviene investire in gas? Trend e previsioni

Si tratta di una materia prima la cui volatilità impedisce di poter fare previsioni precise ed affidabili. Inoltre la scelta stessa dello strumento finanziario di cui si decide di avvalersi va ponderata con cura, operazione che su Affari Miei consiglio di effettuare sempre, poichè investire a scatola chiusa, senza conoscere i prodotti e l’andamento del mercato può costarti molto caro!

Ovviamente questo bene può offrire ottimi margini di guadagno (ricorda che in questo settore maggiore è il rischio e maggiore è il margine di remunerazione ed interesse, valuta sempre se ne vale la pena): cerca di essere formato e consapevole di ciò che stai facendo e soprattutto tieni d’occhio il mercato e anche i cambiamenti politico-economici che, come ti ho spiegato, influenzano l’andamento di questo genere di materie prime.

Ulteriori risorse utili

Prima di salutarti ti consiglio di leggere anche queste altre guide dedicate agli investimenti in materie prime:

Buona lettura e buoni investimenti!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Vuoi Investire con Consapevolezza?

Ricevi Subito 5 Consigli Gratuiti per Investire i Tuoi Soldi al Meglio.

5 Consigli Fondamentali per Investire

 


 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO