Quotazione Alluminio: Investire in Metalli Preziosi Conviene?

Le quotazioni dell’alluminio sono tra le più seguite sulle piazze dedicate al commercio di commodities non energetiche.

Si tratta infatti di una delle materie che non solo ha un numero enorme di impieghi industriali ed edilizi, ma anche di materia di investimento e speculazione da parte degli investitori di tutto il mondo che vogliono fare affari nel campo dei metalli preziosi o delle materie prime.

Se siete finiti su questa guida, con ogni probabilità anche voi starete cercando di capirne qualcosa di più per quanto riguarda la possibilità di investire in alluminio e magari di farvi un’idea su quelle che possono essere le quotazioni del metallo.

Vediamo insieme quello che c’è da sapere, consci del fatto che si tratta di un mercato relativamente complicato (e più complicato, a scanso di equivoci, dell’oro).

L’alluminio e i suoi usi industriali

Senza che si trasformi in una lezione di educazione tecnica, siamo costretti a sottolineare quali siano gli utilizzi industriali dell’alluminio, dato che come avremo modo di vedere più avanti, contribuiscono a determinarne il prezzo.

L’alluminio ha un gran numero di applicazioni industriali e viene utilizzato per oggettistica, strutture leggere, parti di macchine, telai, infissi e molti altri tipi di prodotti. Si tratta di un materiale inoltre molto utilizzato in edilizia e che dunque ha degli impieghi quantitativamente e qualitativamente rilevanti.

Questo vuol dire che, al contrario di quanto avviene con l’oro, il prezzo deve anche tenere conto delle applicazioni industriali e della domanda di questo materiale da parte dell’edilizia non italiana e neanche europea, ma mondiale.

I fattori determinanti

L’alluminio che interessa a noi investitori è quello che viene scambiato sulle grandi piazze finanziarie e non quello che viene venduto come semilavorato o come materia prima all’industria.

Questo perché, a meno che non volessimo mettere in piedi un’organizzazione particolarmente complessa, che stocca la merce per poi rivenderla nel momento propizio, il metallo che viene fisicamente scambiato non dovrebbe interessarci.

Ad interessarci sono i titoli che hanno come sottostante appunto l’alluminio. Nello specifico si può trattare di:

  • titoli di proprietà: si tratta di titoli che garantiscono la proprietà di un tot di alluminio e che possono essere scambiati sui mercati secondari. Si tratta di titoli che per sottostante hanno alluminio nel preciso istante a cui facciamo riferimento e che dunque si riferiscono anche al prezzo attuale dell’alluminio sui mercati;
  • titoli futures e opzioni: si tratta di titoli che garantiscono l’opzione a comprare ad un determinato prezzo una determinata quantità di alluminio in una data futura precisa. Nel caso in cui si tratti di opzioni, si tratta di un acquisto potenziale, nel senso che potremo decidere se comprare o meno l’alluminio alla scadenza. Nel caso in cui si tratti invece di futures, si tratta di contratti che ci obbligano a comprare il tot di alluminio riportato dal contratto alla scadenza. Si tratta di titoli i cui prezzi variano grandemente in relazione a quelle che sono le previsioni del mercato in un determinato momento, e che servono a cercare di stabilizzare il prezzo della materia prima per il futuro prossimo venturo.

Se i primi titoli sono tendenzialmente dedicati agli investitori a basso profilo di rischio, i secondi, grazie anche al ricorso a quella che è la leva finanziaria, possono essere estremamente volatili, soprattutto se abbinati ad una buona leva finanziaria.

Entrambi i titoli possono essere però organizzati in modo da andare a costituire una parte del nostro portafoglio, con una leva appropriata, per proteggerci da eventuali movimenti del mercato (se dovessimo avere titoli che ad esempio tendono a scendere con il crescere dell’edilizia, quelli sull’alluminio sarebbero un ottimo contraltare).

I prodotti finanziari che hanno come sottostante l’alluminio sono particolarmente complessi e di sicuro non adatti all’investitore alle prime armi.

Inoltre anche lo speculatore puro che volesse avvicinarsi all’alluminio, dovrebbe fare i conti con una commodity il cui prezzo non è mosso soltanto dalla speculazione, ma nella cui equazione rientrano, come vedremo tra pochissimo, anche movimenti dell’industria che sono particolarmente imprevedibili.

...

Il problema di chi specula sull’alluminio: le richieste dell’industria

Il problema enorme per chi si vuole avvicinare con intento speculativo o comunque di investimento al mondo dell’allumino è quello che il prezzo è determinato in larghissima parte da quello che l’industria fa della materia prima in questione.

Nei momenti di economia che tira, dove il consumo di alluminio si alza, i prezzi non possono che alzarsi di conseguenza, dato che l’offerta di alluminio, per limiti strutturali dell’industria estrattiva non può che essere estremamente poco elastica. Al contrario, nei momenti in cui l’industria non riesce ad assorbire l’output dell’industria estrattiva, dati anche i costi coinvolti nello stoccaggio di questa categoria merceologica, i prezzi si muovono in modo rapido verso il basso.

Si tratta dunque di dinamiche che sono molto al di fuori delle logiche prettamente speculative e che possono costituire difficoltà insormontabili per chi non conosce per filo e per segno i movimenti dell’industria.

Come investire in alluminio?

Quasi tutte le banche italiane che offrono depositi titoli offrono anche strumenti finanziari che abbiano come sottostante proprio l’alluminio. Si può scegliere sia da fondi che hanno in portafoglio una varietà di titoli basati su materie prime, sia su titoli che invece abbiano come sottostante esclusivo l’alluminio.

Si tratta comunque in generale di titoli che sono facilmente commerciabili sui mercati secondari e che dunque hanno anche un buon livello di liquidità.

Previsioni Prezzo Alluminio da qui al 2025

Le previsioni per i prossimi 10 anni, attestate dal valore dei titoli futures al momento, sono tutte al rialzo, in un momento economico nel quale le economie emergenti continuano comunque a tirare abbastanza da mantenere il prezzo delle materie prime alto, incluso quello dell’alluminio e delle commodities non energetiche.

A fare la differenza tuttavia, in un lasso di tempo ampio come quello che vi abbiamo proposto poco sopra, possono essere diversi fattori: una battuta d’arresto della Cina, del Brasile e dell’India, che sono al momento i paesi che più investono e consumano in alluminio, potrebbe essere fatale per l’investimento.

Si tratta di un mercato decisamente volatile, che deve essere approcciato con la giusta prudenza, pena il rimetterci l’investimento in tempi anche relativamente brevi, soprattutto di fronte a leve finanziarie molto elevate.

La valuta degli investimenti in alluminio

Quando si investe in alluminio si investe in genere in titoli che hanno valore nominale in EUR o USD. Si tratta di valute piuttosto stabili, anche se si dovrebbe tenere conto anche di possibili variazioni in questo senso. Un Euro o un Dollaro più deboli nel corso dell’investimento, potrebbero facilmente mangiarsi tutto quello che è il guadagno che abbiamo accumulato grazie all’investimento.

Investire in alluminio dunque si può e ci sono potenzialmente anche possibilità di guadagno. Quello che è però necessario considerare prima di prendere decisioni in tal senso è che si tratta di strumenti finanziari molto complessi, nonostante siano legati a merce realmente esistente, come appunto l’alluminio.

Non si tratta di investimenti sicuri né tantomeno stabili: si tratta di capitale di rischio puro, per profili di investitori che sono lontani da chi si diletta con BTP, titoli di stato e mercato azionario dei mercato sviluppati.

Ulteriori risorse utili

Se vi interessa investire sui mercati delle materie prime o dei metalli preziosi, vi suggeriamo di leggere una serie di guide presenti sul blog:

Buon proseguimento su Affari Miei!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Non Sai Come Investire i Risparmi?

“5 Consigli Super per Investire Consapevolmente” è la guida che ti aiuta a capire veramente gli investimenti.

 

 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei