5 Consigli Fondamentali per Investire in Borsa nel 2022

Come investire in Borsa e ottenere buoni rendimenti? Se sei arrivato qui è perché la Borsa attira anche te. Sono in molti ad approcciarsi agli investimenti e ad Affari Miei perché sperano di investire in Borsa e ottenere profitti elevati.

Ma la Borsa è adatta solo agli investitori esperti o anche a quelli principianti? Come investire senza commettere errori, senza pagare commissioni e senza rischi?

lo vedremo questa guida, ma sappi che ci occuperemo prevalentemente di azioni, obbligazioni ed ETF. Un po’ perché alcuni degli altri strumenti sono troppo complessi e difficili da utilizzare, e altri sono meno conosciuti da chi è agli inizi.

Continua a leggere per saperne di più!

Un’introduzione: cos’è la Borsa Valori? Cosa sono gli indici e le quotazioni?

Molte persone parlano di “investire in Borsa da casa”, e questo le porta a pensare che si tratti di un’operazione semplice. In realtà non è così: si tratta di un’attività seria, a cui non ci si può approcciare con leggerezza.

Bisogna essere forniti delle giuste competenze e degli strumenti giusti, agendo con serietà: come in ogni cosa, imparare da zero è possibile, ma bisogna metterci la giusta dose di consapevolezza.

Iniziamo dalle basi: la Borsa valori è un vero e proprio mercato regolamentato dove acquistare valute e strumenti finanziari (ovvero azioni e obbligazioni). Troviamo inoltre i derivati, ovvero i cosiddetti futures, o opzioni o covered warrant. Infine troviamo anche gli ETF (quote di fondi che si possono scambiare come azioni). Intanto, qui puoi leggere cosa si compra e cosa si vende in Borsa.

In linea di massima possiamo dire che si tratta di un sistema elettronico la cui funzione principale è quella di mettere in contatto i risparmiatori con coloro che hanno bisogno di denaro per investire in attività economiche.

Gli indici di Borsa sono delle medie ponderate di un determinato paniere di titoli, e rappresentano l’andamento di un mercato o di parte di esso, permettendo di tenere sotto controllo la situazione e di valutare la bontà e l’efficacia di una strategia di investimento (in questo caso si parla di benchmark).

La quotazione, invece, consiste nell’offerta del pubblico degli investitori dei titoli di una società che, appunto, vuole quotarsi in borsa. Tale operazione può avvenire tramite una nuova emissione (OPS), la quotazione di titoli già esistenti (OPV) o mista (OPVS).

Qui puoi leggere un approfondimento sulla Borsa valori.

Quali sono i tuoi obiettivi?

Ora che abbiamo fatto una panoramica introduttiva, possiamo passare a un secondo punto molto importante, perché non basta la teoria quando si parla di investimenti. Infatti, c’è una secondo componente che non va assolutamente trascurata, sebbene caratterizzata da aspetti molto più intimi personali.

Sto parlando delle motivazioni che spingono ogni investitore ad investire e interrogarsi sulla Borsa: perchè lo faccio? Qual è il mio obiettivo? È coerente con le mie reali possibilità?

Iniziamo con il dire che ci sono tre motivi per investire:

  • Far crescere il capitale;
  • Ottenere una rendita periodica;
  • proteggere il capitale dall’inflazione, mantenendo il potere d’acquisto costante nel tempo.

Qual è il tuo scopo? Ne hai più di uno? Se sì, considera che ogni scopo deve avere la sua asset allocation, con diversi orizzonti temporali.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


I rischi

Ovviamente non possiamo non tenere conto dei rischi: ogni investimento può andar male, anche se ovviamente una strategia può proteggerci e tutelarci.

I rischi possono essere di vario tipo:

  • specifico: esso è legato all’andamento del singolo strumento comprato;
  • sistematico: questo rischio è collegato all’oscillazione del mercato;
  • valutario: se si acquista in valuta estera il rendimento è legato anche dal rapporto tra la valuta stessa e l’euro;
  • di liquidità: si potrebbe dover vendere un titolo che ha poco mercato;
  • del gestore: legato alle competenze di chi gestisce il patrimonio;
  • di marketing timing: errare il momento in cui si entra o si esce dal mercato.

Il tuo profilo di rischio

Ovviamente, a questo punto è necessario conoscere il proprio profilo di rischio.

Come già sai, ogni strumento ha la sua rischiosità, che deve essere adeguata a quella che vuoi sobbarcarti.

Il tuo portafoglio, come anticipato, può perseguire diversi obiettivi ed essere composto anche da diversi strumenti, anche di rischio diverso.

La capacità dell’investitore deve essere quella di riuscire a bilanciare l’equilibrio del portafoglio stesso.

Ma dunque, quali strade puoi percorrere?

Ci sono diverse strategie…

Generalizzando, possiamo dire che potresti perseguire due grandi obiettivi: il primo è quello di ottenere una rendita periodica, il secondo è il guadagno in conto capitale.

Ovviamente puoi anche mixare, in base alle tue possibilità, diversificando non solo negli strumenti, ma anche negli obiettivi stessi.

L’importante è che tu abbia, appunto, una strategia, ed è auspicabile che essa tenga conto del fattore “imprevisto”.

Non si tratta solo di una carta del Monopoli, ma di un elemento imprescindibile per poter investire abbassando il rischio il più possibile.

Come fare? Inizia a valutare la cifra che vuoi investire, e il lasso di tempo durante il quale la vuoi impegnare: sei sicuro che non ti serviranno quei soldi in quel periodo?

Se pensi che un imprevisto (come la caldaia rotta, la manutenzione dell’auto o il dentista) possa metterti in difficoltà, forse devi riscrivere il tuo piano di investimento in modo più adeguato.

Passiamo ai consigli pratici. Come scegliere dove investire?

Ora che sei sicuro di quello che stai facendo per quanto riguarda il lato più personale, cerchiamo di capire come scegliere come investire.

Ovviamente anche in questo caso accenno un paio di consigli, perché il tema è molto ampio.

Per prima cosa devi svolgere un’analisi tecnica in cui concentrarsi sull’analisi dell’andamento dei prezzi, e quindi bisogna svolgere l’analisi fondamentale cercando di raccogliere le informazioni sull’azienda e sul mercato in cui opera.

Ma praticamente, come investo? 

Arriviamo al lato pratico: come investire in Borsa praticamente?  Per farlo, è necessario passare attraverso un intermediario, che può essere sia la banca che una piattaforma online.

I titoli acquistati vengono accumulati nel nuovo conto titoli a te intestato.

Ovviamente bisogna considerare i costi del conto, in modo da scegliere quello più consono alle proprie esigenze.

Migliori piattaforme per investire in Borsa

Riassumiamo brevemente alle piattaforme per investire. Ce ne sono moltissime, tra queste ricordiamo:

  • eToro, piattaforma internazionale strutturata come un Social Network (qui la recensione), si caratterizza per il servizio di copy trading che ti permette di replicare le strategie di altri investitori. Il deposito minimo è di 200 dollari mentre a tua disposizione c’è un conto demo con 100.000 dollari virtuali;
  • XTB: piattaforma internazionale che ti permette di operare su più mercati con il supporto di un account manager che ti aiuta in Italiano e la trading academy gratuita con corsi per tutti i livelli e mercati. L’azienda ha le autorizzazioni FCA, CySEC e KNF per operare regolarmente in Europa e ti mette a disposizione un conto demo con 100mila dollari virtuali;
  • iBroker: Si avvale di un sistema di commissioni fisse basse soprattutto per chi ha un’operatività più alta e vuole vivere un’esperienza di trading di alta qualità. La piattaforma non prevede un deposito minimo per iniziare, puoi cominciare anche con pochi euro e puoi inoltre provare anche con il conto demo. Maggiori dettagli sono sulla mia recensione completa.
  • Directa: Con Directa è possibile sia fare trading che investire per il lungo periodo con accesso ad azioni, obbligazioni, etf, opzioni e commodities. Questa piattaforma propone diversi profili a seconda delle esigenze del cliente, ovvero la Commissione Fissa, variabile e Degressiva. Qui trovi la mia recensione se ti interessa approfondire;
  • Interactive Brokers: questa è una piattaforma internazionale molto famosa e completa, è adatta per investire cifre importanti dal momento che il deposito minimo è di 10 mila dollari. La piattaforma è comunque decisamente di alto livello, vanta 42 anni di storia e permette l’accesso a 135 mercati con sistema DMA, quindi accesso diretto e non sempre market maker. I profili commissionali variano, è possibile scegliere sia una commissione digressiva che si abbassa con maggiori volumi che una commissione fissa in cui si paga la singola operazione. Trattandosi di un broker straniero, IB non fa da sostituto d’imposta e per operare in Italia è necessario aderire al regime dichiarativo. Per approfondire, puoi leggere qui la mia recensione;
  • Freedom24 by Freedom Finance: Freedom24 è una piattaforma un po’ particolare in quanto è leggermente diversa dalle altre. Offre infatti la possibilità di partecipare a una IPO, e inoltre offre l’accesso a moltissimi strumenti di investimento. La piattaforma è sicura in quanto fornita da Freedom Finance, una società trasparente e affidabile, pienamente conforme alla MiFID II. Essa serve anche per fare trading: puoi scegliere uno tra i diversi piani di servizio che si adattano maggiormente al tuo stile di trading e ai tuoi obiettivi. Qui puoi leggere la mia recensione.

Da quando è possibile investire in Borsa online bisogna stare attenti a scegliere solo piattaforme come queste: gratuite, sicure e affidabili perché regolamentate da CONSOB.

È facile investire in borsa?

Qualche anno fa poteva essere più semplice. Oggi, con l’avvento di strumenti derivati, con la nascita di numerose piattaforme e in generale con la complessizzazione dello scenario, accedere a questo mercato richiede molta più consapevolezza, anche perché, paradossalmente, accedervi è molto più facile che un tempo.

Per evitare scottature, una buona mossa potrebbe essere quella di sfruttare le versioni demo, così da investire soldi virtuali sui mercati.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


La psicologia di chi gioca in Borsa: l’emotività

Ovviamente, quando inizierai ad investire senza sfruttare la demo, subentreranno degli aspetti legati alla tua emotività, che potrebbero essere elemento di disturbo: potresti provare paura, o agire d’impulso cercando di guadagnare di più.

Queste emozioni possono avere effetti negativi sulla tua strategia: i migliori investitori sono proprio quelli che riescono a gestire le loro emozioni. capirai bene che si tratta di una capacità che non si può acquisire solo con la demo, ma si tratta di un processo lungo e su cui lavorare sempre.

Quanto costa investire in Borsa?

Quanto costa davvero investire in Borsa? In realtà dipende: come accennato ci sono piattaforme che non comportano costi, mentre in banca dovrai pagare delle commissioni più alte o imposta di bollo.

Quanto investire in Borsa?

In realtà, per investire in Borsa non servono grandi capitali: in linea teorica è possibile cominciare a investire con un capitale di poche centinaia di euro.

Ovviamente i guadagni sono strettamente legati al capitale inizialmente investito. Ciò significa che chi vuole ottenere risultati più in fretta dovrebbe investire una somma maggiore.

Investire in Borsa conviene?

E veniamo a noi: si tratta di un’operazione conveniente. Ci tengo a dire che se il tuo scopo è preservare e accrescere il capitale, allora può essere conveniente, mentre se stai cercando di arricchirti o trovare un’alternativa al lavoro sei sulla strada sbagliata.

Se sei consapevole di ciò, allora sappi che per trarre dei vantaggi dai tuoi investimenti devi:

  1. Investire solo con piattaforme affidabili e sicure che non applicano commissioni;
  2. Ricordarti che in Borsa si deve guadagnare sia quando il mercato sale sia quando il mercato scende, ma senza lasciarsi spaventare e prendere dall’emotività nei momenti leggermente più critici.

Qui puoi leggere come iniziare ad investire in Borsa. 

Riassumendo…

Se utilizzi gli strumenti giusti e hai la giusta preparazione, allora investire in Borsa può essere conveniente, soprattutto se si considera che le azioni rappresentano uno degli investimenti più redditizi: qui ti spiego come guadagnare con le azioni.

Ma uno degli errori che puoi fare è pensare che guadagnare in Borsa sia facile e non richieda sforzo. Prima di salutarti ti lascio un riassunto e alcuni consigli di quanto detto.


5 Consigli per Giocare in Borsa con successo


Ecco cosa vorrei che questa guida ti lasciasse…

1 – Il guadagno facile è come Babbo Natale: non esiste!

Chi promette di quintuplicare il tuo patrimonio senza sudare altro non è che un venditore di fumo: investire in borsa non è uno scherzo e per raggiungere gli obiettivi di investimento che ti sei prefissato occorre evitare i titoli rischiosi, puntando su qualcosa di più stabile, duraturo e redditizio.

Nella ricetta per il successo, oltre ad una conoscenza seria dei mercati azionari, c’è anche la componente sentimentale (per chi investe non c’è spazio per il panico ma tanta pazienza) e anche un briciolo di fortuna.

Ho scritto il migliore contenuto in lingua italiana dedicato al trading online: in quella pagina trovi tutte le risposte alle domande più comuni sull’argomento. Se stai visitando questa pagina perché attratto da quel mondo, ti consiglio di leggerlo attentamente.

2 – Con la borsa non si vive di rendita

Se ti hanno raccontato che premendo qualche bottone senza troppo impegno puoi diventare ricco, mi sa che mi tocca svegliarti da un sogno.

Guarda attentamente il video che segue in cui ti spiego un principio chiave: la rendita automatica non esiste, specie se non hai soldi.

Se, invece, hai già fatto lo scatto di capire che non puoi arricchirti con gli investimenti ma al massimo puoi consolidare il tuo capitale puoi andare avanti e, magari, leggere l’articolo in cui ti spiego come investo io.

3 – La strategia viene prima dello strumento

L’errore più comune di fronte al quale mi sono trovato dopo anni di esperienza di divulgatore finanziario è quello secondo cui le persone tendono a considerare gli strumenti e non hanno una strategia.

Lo scopo di questo mio consiglio molto semplice è uno: metterti in guardia sul fatto che prima di iniziare devi sapere dove vuoi arrivare.

Non puoi entrare in guerra senza conoscere il campo di battaglia, senza avere presente il nemico e senza il giusto equipaggiamento.

Prima di pensare alle azioni, al forex o a qualsiasi altra cosa, devi avere ben chiaro il tuo obiettivo.

4 – Scegli la piattaforma giusta

I siti per investire non sono tutti uguali: a seconda del capitale di cui disponi, del mercato su cui vuoi operare e delle tue aspettative cambia decisamente lo strumento da usare.

Per chiarirti le idee leggi subito l’articolo sulle migliori piattaforme per investire sui mercati finanziari.

5 – Non avere fretta

Se hai fatto qualche ricerca online ti sarai sicuramente reso conto che è molto complesso investire in borsa.

Le nostre aspettative, certe volte, ci portano ad essere precipitosi mentre sui mercati finanziari la prudenza è d’obbligo.

Anche per queste ragioni ti invito ad avere calma, fare tutti i tuoi test operando in demo e a non essere precipitosi.

La fretta non è mai una buona consigliera!


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Come Investire in Borsa? Consigli e Guide pratiche

Ho scritto molto sul tema, non voglio essere ripetitivo perché le tue domande potrebbero essere svariate. Per cominciare, potresti partire da questa lista di risorse:

A chi rivolgersi per investire in borsa?

Fondamentalmente hai bisogno di due ingredienti per procedere:

Investire in Borsa Conviene?

La domanda dovrebbe essere: conviene a chi?

Mettiti bene in testa una cosa: non ci sono cose che sono convenienti per tutti.

Posto che mangiare salutare e fare attività fisica sono cose che fanno bene a tutti o che comunque non ti fanno male, quando parliamo di soldi, business o investimenti la convenienza è altamente relativa.

Quello che va bene per te potrebbe non andar bene per me.

Più che guardare, quindi, alla possibilità di guadagnare cerca di capire cosa stai cercando sui mercati finanziari.

Vuoi fare più soldi?

Vuoi far crescere il tuo capitale nel lungo periodo?

Vuoi un’alternativa pulita alla slot machine?

La risposta, ovviamente, cambia a seconda di quello che è il punto di vista.

Perché Investire in Borsa Conviene Sempre

La borsa è il luogo in cui girano i soldi a livello mondiale, in particolare il mercato azionario più di tutti riflette l’andamento delle aziende e dell’economia. Se le aziende vanno bene, l’economia tira e, di conseguenza, gli investitori hanno un ritorno.

Ci sono oscillazioni anche negative di breve periodo ma, alla lunga, i mercati azionari salgono sempre.

Se così non fosse, oggi saremmo ancora ad accendere il fuoco sfregando le pietre e non staresti leggendo questo articolo da uno smartphone da 1000€.

Ovviamente non tutte le azioni vanno bene, non tutte le aziende sono da scegliere e non tutti i Paesi sono da preferire: sono abbastanza sicuro quando parlo di Europa e Stati Uniti, non ti so dire francamente se l’Argentina o il Venezuela saranno ancora in piedi tra 30 anni.

La risposta alla domanda, secca, è facile: investire in borsa conviene sempre perché è lì che si fanno i soldi, è lì che girano ed è lì che si capisce come sta andando il mondo.

Da qui si apre un mondo

Detto questo, è inutile che scrivo un pippone da 2 mila chilometri: la risposta alla domanda te l’ho data ed hai capito abbastanza agevolmente che quello che viene dopo non è scontato.

Se vuoi imparare ad investire i tuoi soldi ti devi dare da fare perché nel 99% dei casi quelli che trovi in giro sono più interessati a fregarti che ad aiutarti.

Se il tuo interesse è crescere nel medio termine ed hai un capitale di almeno 10 mila euro, ti consiglio di scaricare il mio video corso gratuito che ti mette nelle condizioni di cominciare a ragionare in maniera strutturata.

Puoi anche scoprire i migliori corsi per investire in Borsa, oppure i libri migliori per investire in Borsa.

Se, invece, hai obiettivi diversi dalla crescita di lungo periodo del capitale o vuoi comunque studiare, ecco una serie di risorse utili per te:

Questo articolo può esserti di grande aiuto perché ti spiego esattamente quali domande devi porti prima di investire.

Considerazioni finali

Se ti stai avvicinando a questo mondo per ragioni diverse dal trading e ti stai chiedendo come imparare a giocare in borsa, allora puoi dare uno sguardo a questi contenuti che sono diversi dalla lista precedente perché parlano agli investitori di lungo termine:

Mi auguro possa trovare molti spunti pratici utili su Affari Miei!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.
Categorie: Borsa

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria.
Il 67% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Prima di investire assicurati di comprendere come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.