Pir Azimut: Cosa Sono i Piani Individuali di Risparmio

I PIR sono il tema caldo del momento, grazie ai particolari sgravi fiscali che sono stati inseriti nella Legge di Stabilità e che rendono questo particolare strumento di investimento uno dei più convenienti, almeno a livello di imposta.

Vediamo insieme qual è l’offerta dei Pir Azimut, una delle società di gestione più attive nel nostro mercato e che di recente ha cominciato ad offrire anche i suoi PIR.

Sono convenienti? Come si pongono rispetto alle altre offerte di mercato? Che tipo di vantaggi possiamo trovare nell’offerta di Azimut?

Cosa sono i PIR?

Prima di addentrarci nello specifico del problema, dobbiamo spendere qualche parole sui PIR in quanto tali.

I piani individuali di risparmio sono dei contenitori fiscali all’interno del quale possono essere inseriti fondi comuni di investimento, assicurazioni, depositi titoli e altri tipi di strumenti finanziari, che però devono rispondere a caratteristiche ben precise.

Sono stati introdotti con la Legge di Stabilità 2017 e prevedono dei vantaggi fiscali per chi vi aderisce e mantenga l’investimento per almeno 5 anni.

Le regole che animano i PIR prevedono che:

  • almeno il 70% del portafoglio investito in strumenti finanziari emessi da imprese italiane, oppure da imprese estere che abbiano una stabile organizzazione in Italia;
  • di questo 70% almeno il 30% deve essere investito in strumenti emessi da imprese che non sono incluse nel FTSE Mib, ovvero in quelle imprese che rispondono o ai requisiti della piccola e media impresa, oppure sono quotate nei segmenti MidCap;
  • non più del 10% può essere destinato a strumenti emessi dalla stessa impresa.

Sono limitazioni importanti, che lasciano poi intendere il perché che ha animato le intenzioni del governo: portare liquidità nelle casse delle imprese di piccole e medie dimensioni, possibilmente a prezzi inferiori a quelli praticati sul mercato del credito.

Quali sono i vantaggi dei PIR?

I vantaggi dei PIR sono importanti, almeno sotto il profilo fiscale. A chiunque mantenga l’investimento per un periodo che supera i 5 anni viene garantita l’esenzione dalle imposte sulle rendite finanziarie.

Chi dovesse invece liberarsi del PIR prima del termine dei 5 anni si troverà a pagare, proprio come se si trattasse di un investimento normale, il 26% sui rendimenti ottenuti.

I PIR di Azimut

Azimut ha esordito recentemente sul mercato dei PIR, con due diversi prodotti a diverso coefficiente di rischio, pensati il primo per chi vuole godere dei vantaggi fiscali offerti dai Piani Individuali di Risparmio senza correre rischi eccessivi, il secondo invece concepito per chi oltre al risparmio fiscale vuole avventurarsi in mercati più rischiosi alla ricerca di rendimenti più alti.

Vediamo insieme quali sono le due offerte a tema PIR della società di gestione Azimut.

1. Excellence 3.0 Az Italian

Excellence 3.0 è il primo dei due prodotti offerti da Azimut sul mercato dei PIR. 3.0 fa riferimento al coefficiente di rischio incorporato dal PIR stesso, che in una scala da 1 a 7 si pone dunque sul mediamente rischioso.

Allo scopo di inquadrare in modo efficace questo primo strumento, è bene ricordare che la natura stessa dei PIR, ovvero l’obbligo di investire una quota dei capitali in società a bassa e media capitalizzazione, rende questa categoria di strumenti a rischio minimo 3.0, in quanto sarebbe praticamente impossibile rispettare i vincoli legislativi che riguardano i piani individuali di risparmio abbassando ulteriormente il rischio.

La prospettiva del PIR in questione è di medio-lungo termine e punta ad una scelta di asset con un massimo di equity del 30%.

Il prodotto è indicato per chi voglia assicurarsi gli importanti vantaggi fiscali dei PIR senza correre rischi eccessivi e dunque mettendo al riparo, per quanto possibile, i capitali versati da perdite di valore dovute alle fluttuazioni di mercato.

2. Excellence 7.0 Az Italian

In questo caso invece i rischi che si vanno a correre sono sicuramente più importanti e siamo davanti ad un prodotto che offre un investimento fino al 70% in equity, per un indice sintetico di rischio di 7, il più alto attualmente presente a livello di PIR sul mercato.

Il destinatario di questo specifico tipo di PIR è un investitore spregiudicato, che punta a rendimenti molto più alti di quelli di mercato, accettando di correre il rischio di perdere anche quote sostanziose del capitale.

Anche in questo caso, sia per natura dei PIR stessi, sia per la composizione specifica di Excellence 7.0, siamo davanti ad un investimento di medio-lungo periodo.

Chi è alla ricerca di rendimenti sul breve dovrebbe, pur rinunciando ai vantaggi innegabili del piano individuale di risparmio, cercare altrove e scegliere altri tipi di strumenti finanziari.

Azimut è una società di gestione sicura?

Azimut è una delle società di gestione dei risparmi comuni più attive sul mercato italiano. Gestisce capitali importanti ed è unanimemente riconosciuta come una delle regine del settore.

A prescindere poi da quelle che sono le solidità insite nel gruppo, c’è da ricordare il fatto che anche nel caso dei PIR i titoli che compongono il portafoglio sono depositati presso società terze e che dunque, anche nel caso di fallimento di Azimut e delle sue controllate, i nostri titoli saranno al sicuro e comunque a nostra disposizione per essere liquidati.

Inoltre i controlli sui PIR, dato anche l’importantissimo vantaggio fiscale integrato nello strumento, sono capillari e dettagliati e permettono una scrematura di quei soggetti che non sono in grado di offrire garanzie adeguate sul mercato.

Investire in PIR di Azimut è un’operazione piuttosto sicura, che presenta particolari criticità a livello di garanzie e di sicurezze offerte al cliente.

Chi è alla ricerca di un prodotto a medio rischio deve guardare altrove, anche se il mercato…

Il mercato dei PIR è ancora relativamente giovane e l’offerta è molto lontana dall’essere completa. Anche le grandi società di gestione, come nel caso di Azimut, non offrono una gamma ampia di prodotti tra i quali scegliere.

Chi volesse orientarsi verso profili di rischio 4, 5 e 6 dovrà necessariamente affidarsi ad altre società di gestione, anche se l’offerta di prodotti intermedi è, per il momento, ancora piuttosto scarna.

Ulteriori risorse utili

Su AffariMiei troverai una lista completa di tutti gli operatori che al momento offrono Piani Individuali di Risparmio, per consentirti di scegliere davvero quello che fa al caso tuo.

Intanto rimandiamo alla lettura di questi articoli di approfondimento:

Buona lettura!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Vuoi Investire con Consapevolezza?

Ricevi Subito 5 Consigli Gratuiti per Investire i Tuoi Soldi al Meglio.

5 Consigli Fondamentali per Investire

 


 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO