Quanto Costa Costruire una Casa in Italia: Guida Passo Passo verso la Tua Indipendenza

Comprare un terreno edificandovi un’abitazione pianificata totalmente da chi ci vuole andare ad abitare è il sogno di molti e spesso questa idea rappresenta l’alternativa all’acquisto di una casa già esistente.

Scegliere la disposizione e la grandezza di ogni stanza, il materiale con cui costruirla, la presenza o meno di un giardino, di un box, la sua forma e altezza: praticamente abitare in un luogo fatto con la propria mente e in parte con le proprie mani.

Ma quanto è facile o complesso tutto ciò? E soprattutto quanto verrebbe a costare? È un’idea ormai troppo bizzarra e faticosa da mettere in atto?

L’articolo di oggi ha uno scopo: rispondere a tutti questi quesiti e quindi fornire molte informazioni a coloro che stanno pensando di dare il via al progetto: quanto costa costruire una casa in Italia?

Conviene comprare o edificare da zero la propria abitazione? Si risparmia se si decide di fare da sé?


Vuoi Approfondire? Ascolta il Podcast


 

Una scelta fondamentale verso l’indipendenza

Questa guida è stata scritta attingendo alle preziose informazioni del post di Smettere di Lavorare, che tratta il medesimo argomento: chi scrive condivide tanti pensieri di Francesco Narmenni e la lettura del suo blog ha rappresentato e rappresenta una fonte di ispirazione verso una vita diversa, meno attaccata al denaro.Quanto costa costruire una casa

Se non lo conosci ti invito a visitarlo perché rappresenta a mio avviso uno dei migliori spazi della blogosfera italiana.

Adesso veniamo a noi e cerchiamo di capire perchè costruirsi una casa può rappresentare un passaggio importante verso la propria indipendenza economica.

Chi vuole essere libero veramente deve svincolarsi il prima possibile da affitti e mutui: meno spese mensili ci sono e più facile è governare la propria esistenza, riducendo magari il proprio fabbisogno dal denaro e la necessità, di conseguenza, di guadagnare tanto.

Nei paragrafi che seguono, in particolare, sottolineeremo le differenze economiche tra la costruzione di una casa e l’acquisto di una casa.

È noto che costruendo un’abitazione in autonomia la persona è libera di effettuare delle scelte che possono positivamente influenzare il suo futuro, ad esempio scegliendo prodotti che permettono il massimo risparmio energetico, oppure installando sistemi autonomi di produzione dell’energia elettrica o dell’acqua calda.

Sicuramente questi interventi hanno un costo maggiore al momento dell’installazione ma poi la loro convenienza si fa sentire sul lungo termine.

Come costruire una casa: le decisioni da prendere

Iniziamo quindi con tutti i passaggi da seguire per costruire una casa da zero e i relativi costi.

Prima di tutto vi è una scelta da effettuare: chiedere un preventivo “chiavi in mano”, ovvero dove la ditta prescelta costruisce la casa a seconda delle tue indicazioni; oppure scegliere ogni singolo professionista e dirigere tu stesso i lavori, magari diventando anche manovali.

La prima opzione è quella effettivamente più comoda, soprattutto per i non addetti al settore, ma è anche la più costosa e meno controllabile, poiché è un datodi fatto che non si può aver un pieno controllo sui materiali utilizzati e sui professionisti coinvolti.

Per avere dei preventivi, potresti avvalerti del comodo servizio fornito dal blog: basta compilarlo con alcuni dati che riguardano il tuo progetto e sarai contattati dalle aziende del posto con delle previsioni accurate.

Richiedi Gratis 3 Preventivi

La seconda strada è, invece, più faticosa ma anche la più sicura se hai  qualche conoscenza e abilità nel settore edile.

È anche un’opzione che provoca però una maggiore perdita di tempo, soprattutto a causa del fatto che devi scegliere ogni singolo partecipante all’opera.

Altro fattore che influenza la scelta è quindi il tempo: in quanto tempo vuoi avere il tuo appartamento pronto?

Una volta trovate le risposte a queste domande il progetto può veramente iniziare.

Nel paragrafo che segue parleremo della seconda opzione, poiché della prima, la cosiddetta “chiavi in mano”, non si ha molto da riferire, se non che è la ditta scelta a occuparsi di tutto e che devi comparare i vari preventivi che ti verranno recapitati.

...

Quanto costa costruire casa in Italia: tutti i passaggi e i procedimenti necessari

Ora che si è definito come si intende costruire la casa (se con le proprie forze o quelle degli altri) vediamo anche quali sono i passaggi concreti da dover mettere in pratica per aprire le danze.

La prima ricerca da effettuare è quella del terreno: senza di esso è infatti difficile pensare concretamente al da farsi.

Esso deve essere edificabile ed al momento dell’acquisto bisogna inserire nel contratto una clausola: vincolare la vendita alla concessione edilizia.

Perché questo? Semplicemente perché anche se un terreno è edificabile, non significa che sia accettata la costruzione di un’abitazione sopra di esso.

Per non ritrovarsi quindi a dover affrontare brutte sorprese è meglio risolvere il problema ancor prima che si presenti.

Occhio, perchè l’altro contraente potrebbe sapere queste cose e, di conseguenza, giocare sull’altrui ignoranza magari proprio per disfarsi di un terreno su cui non può costruire.

A questo punto è arrivato il momento di disegnare un primo progetto.

Se sei abbastanza abili puoi farlo tu stesso. In quest’ultimo caso munisciti allora di carta millimetrata e rispetta tutte le varie convenzioni, come ad esempio lo spessore delle pareti (1 centimetro= 1 metro).

Se sei bravi con il computer puoi allora usufruire di qualche software gratuito da scaricare online che permette di progettare in maniera più semplice ed efficace.

Una volta steso il progetto, deve obbligatoriamente essere presentato alla commissione edilizia presso il Comune, che si raduna più volte l’anno.

Per entrare in contatto con loro devi dirigerti nel comune di competenza e chiedere appunto quand’è il prossimo raduno, oltre a seguire la procedura che ti verrà eventualmente indicata.

Nel frattempo, o meglio, dopo l’approvazione puoi iniziare a richiedere i primi preventivi, così da non perdere tempo e trovare subito chi fa al caso tuo.

La scelta dei professionisti deve essere calibrata su due caratteristiche: la loro professionalità e ovviamente i prezzi che offrono.

Proviamo ora a fare un esempio.

L’esempio da me fornito oggi sulla base di quanto egregiamente elaborato da Smettere di Lavorare si ispira alla costruzione di una villetta di circa 150 metri quadri con giardino.

Il terreno necessario è di 1000 metri quadri con un prezzo che va dai 120 ai 150 euro al metro quadrato a seconda della zona chiaramente scelta.

Inizialmente è subito necessario uno scavo e questo dovrebbe venire a costare circa 15 mila-20 mila euro; tuttavia, se dopo i primi scavi i professionisti si accorgono che il terreno restando così non può reggere la casa, allora sono necessari altri 20 mila euro per permettere il consolidamento della base.

Per cemento e mattoni vengono spesi invece circa 90 mila euro; mentre per il tetto, compreso di tegole, legno e isolazione, servono 30 mila euro. Con cappotto esterno si aggiungono 10 mila euro.

Vediamo ora i costi dei principali impianti: l’impianto elettrico costa circa 13 mila euro; la caldaia ed un impianto di riscaldamento a pavimento costano invece 28 mila euro; infine gli allacciamenti dell’acqua, del gas e della luce vengono sui 3 mila euro.

A tutti questi materiali e manodopera va aggiunto il costo dell’architetto, che si occupa del progetto, del coordinamento dei lavori, delle certificazioni e dei collaudi, il tutto alla modica cifra di almeno 30 mila euro.

Ultimi costi sono quelli delle finiture, che dipendono però dai materiali scelti. In generale si può comunque dire che provocano una spesa di almeno 50 mila euro.

Questi costi e queste spese possono variare molto a seconda dell’intervento o meno del proprietario di casa.

Se sei tu stesso  a sistemare il giardino, a tinteggiare fuori e dentro la casa, e a fare alcuni semplici lavori da manovale, allora il prezzo totale può calare anche di un buon 30%. Per fare tutto questo, però, devi avere un po’ di capacità pratiche oppure la voglia ed il tempo di imparare e collaborare.

Ricevi Subito Preventivi Gratis per Costruire Casa

Un fatto che può sembrare scontato ma che, forse, non lo è: non fare debiti! Stai costruendo la tua casa per liberarti definitivamente delle spese fisse, fai in modo di effettuare questa scelta solo quando avrai le giuste risorse finanziarie.

Il mio parere sul tema l’ho già espresso qui.

Quanto costa in totale costruire una casa? Tirando le somme, edificare una casa di queste dimensione può costare dai 240 mila ai 270 mila euro, escluso il terreno.

Se invece quest’ultimo non è tuo ma devi anche acquistarlo, allora si arriva facilmente a sfiorare un tetto di 400 mila euro.

Ovviamente a tutto ciò vanno aggiunte le spese per l’arredo, che sono a discrezione di chi ci entra.

Per le giovani coppie, inoltre, è disponibile il bonus mobili.

Differenze di costi tra l’acquisto e la costruzione di una casa

Conviene costruire una casa da zero? Per scoprirlo dobbiamo analizzare e confrontare le somme appena tirate riguardo l’edificazione di un appartamento con le spese relative all’acquisto di una casa delle stesse dimensioni.

Il mercato immobiliare oscilla a causa di vari fattori a cui è difficile dar retta:su questa pagina è possibile seguire gli andamenti dei prezzi degli immobili in Italia.

A ciò possiamo aggiungere, per farci un idea, il servizio offerto dall’Agenzia delle Entrate grazie al quale è possibile calcolare il prezzo di un’abitazione in qualsiasi zona d’Italia.

In tal modo si ha la possibilità di verificare con molta esattezza se si spende più oppure meno acquistandola, rispetto alla costruzione.

Effettivamente, se hai bisogno di un mutuo, è più facile che questo ti venga concesso acquistando una casa piuttosto che costruendola, almeno in linea tendenziale.

Il mio parere lo conosci già,te ne ho fatto cenno: non ritengo bisogni aggiungere altro.

Altri consigli utili per non commettere errori

Quando ci si inoltra in un percorso così faticoso è molto facile fare errori, tuttavia possedendo le giuste conoscenze è possibile evitare di fare catastrofi e, di conseguenza, di non far lievitare il costo di costruzione.

Ecco allora degli utili consigli da tenere a mente durante la costruzione della tua casa, sempre se hai optato per questa scelta.

Prima di tutto ricorda di farti fare dei preventivi basati sull’opera finita e non dei preventivi sulla manodopera ad ore.

In tal modo non è possibile subire fregature provocate da ritardi e perdite di tempo da parte di chi svolge il lavoro.

Altra tecnica da utilizzare durante la richiesta dei preventivi è quella di chiedere sempre un preventivo scorporato.

Cosa vuol dire? E’ preferibile farsi fornire i dettagli del preventivo e non semplicemente quello totale.

Stai attenti a tutte le voci: ore di lavoro, materiali, utilizzo macchinari, eccetera. Una volta valutato questo hai ad esempio la possibilità di decidere se comprarti autonomamente i materiali oppure no. Scoprire cosa conviene così è abbastanza facile.

Ciò non significa però che dobbiate utilizzare del materiale scadente per risparmiare, altrimenti te ne pentirai sicuramente nel lungo termine.

Spendi su ciò che realmente conta e non sui dettagli che vengono ben presto dimenticati. Altro importante consiglio è quello di non arrivare mai “tirati” con le spese. Prevedi sempre un margine di rischio a cui poter attutire senza infrangersi.

Ad esempio metti via almeno 10.000 euro in più per gli imprevisti, che purtroppo capitano quasi sempre.

Tirando le somme quindi si può notare quanto costruire un’abitazione sia un progetto costoso e impegnativo.

Di conseguenza, un lavoro di questo tipo deve portarsi dietro una grande motivazione e anche una buona disponibilità economica: il fallimento è altrimenti dietro l’angolo.

Per avere dei preventivi gratuiti ti suggerisco di utilizzare questo comodo strumento: basta inserire pochi dati e riceverai gratuitamente tutte le informazioni che ti occorrono.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO