Requisiti per Aprire un Bed and Breakfast: Guida alle Qualità Necessarie

Negli ultimi anni la formula del bed and breakfast, tipicamente anglosassone, si è diffusa largamente anche in Italia, portando moltissime persone a chiedersi quali siano i requisiti per aprire un B&B di successo.

In questa guida ti parlerò proprio di questo, esaminando insieme a te le caratteristiche e le attitudini che un aspirante gestore di B&B deve possedere per poter avviare un’attività che sia apprezzata in ambito turistico.

Ovviamente prima di fare questo passo dovrai verificare che la tua abitazione sia adatta a ospitare questo genere di esercizio a carattere alberghiero, come ti ho spiegato in questa guida. I questo testo, invece, troverai tutte le risorse fondamentali per avviare un B&B di successo.

Ma ora concentriamoci sul focus che ti ha condotto qui, continua a leggere!

I requisiti di base

Questo paragrafo potrebbe riportare dati forse a primo impatto banali, ma che è fondamentale ricordare: spesso, presi dalla foga e dall’entusiasmo, si rischia di tralasciare proprio ciò che sembrerebbe più scontato.

E quindi, ecco una lista di caratteristiche imprescindibili:

  • maggiore età;
  • residenza italiana o regolare permesso di soggiorno;
  • soddisfacimento delle leggi di Pubblica Sicurezza;
  • soddisfacimento della normativa regionale.

Predisposizioni personali

Detto ciò vediamo quali devono essere le doti personali di chi di accinge a intraprendere questa strada: ovviamente, in primis è necessario essere naturalmente predisposti al contatto con il pubblico, essere socievoli. La timidezza va bene, purchè non diventi un ostacolo.

In secondo luogo, bisogna essere predisposti alla gestione manageriale di un’attività. Cerca di stilare una lista dei tuoi pregi e difetti, in modo eventualmente da delegare i compiti per i quali ti senti meno portato a un tuo familiare coinvolto nell’impresa.

Sapersi suddividere i compiti laddove senti che vi sono delle lacune è certamente un sintomo di una buona capacità organizzativa.

In ogni caso le proprie qualità non sono sufficienti a fare di te un gestore adeguato: servono anche altre conoscenze.

Competenze tecniche

Ebbene sì, è necessario anche avere delle competenze più tecniche, che insieme andremo a vagliare nei prossimi paragrafi.

Tali nozioni sono fondamentali: nonostante la normativa non preveda l’assimilazione del B&B ad una vera e propria impresa (non è necessario aprire la partita Iva, a differenza di quanto avviene con un affittacamere), tuttavia pur sempre di lavoro si tratta.

Questo fa di te un imprenditore, almeno nell’operatività, e in quanto tale non puoi improvvisare. Ecco cosa devi sapere.

Marketing

Con questo termine così adoperato ma talvolta sconosciuto, si fa riferimento alla strategia usata dalle aziende per porsi sul mercato e farsi scegliere dal consumatore.

Il marketing, ormai, viene adoperato in ogni ambito: non tutti lo sanno, ma anche il modo in cui la merce è esposta sugli scaffali nei supermercati è frutto di studi di marketing.

In realtà tale strategia punta non a qualunque consumatore, ma ad un target specifico: nel tuo caso dovrai rivolgerti a coloro che amano l’ambiente familiare e accogliente del B&B, e non a chi invece preferisce la suite di lusso di un hotel a 5 stelle, e nemmeno a coloro che amano dormire in una tenda in mezzo ad un bosco, fuori dalle apposite aree attrezzate.

Individuare la propria fascia di clientela di riferimento è importante, perché ti permette di fidelizzare il cliente, senza disperdere energie mentali ed economiche cercando di arrivare nelle orecchie e sulla bocca di tutti.

Per elaborare una buona strategia di marketing devi stilare un business plan, occupandoti di individuare i tuoi punti di forza e quelli di debolezza, oltre a circoscrivere la concorrenza (che non necessariamente sono altri B&B, ma anche gli affittacamere o altre strutture alberghiere ed extra alberghiere).

Individuare gli obiettivi e le possibilità è un’azione fondamentale. Fatto ciò, dovrai elencare le modalità per il raggiungimento degli stessi, compreso il budget che hai a disposizione.

Contatto con i turisti

Questa capacità implica le azioni legate alla gestione degli ospiti, a partire dalla prenotazione, al check in e check out, oltre a tutti i servizi e le informazioni garantiti durante la permanenza.

Per poter gestire questo aspetto, che nei periodi di alta stagione o alto interesse turistico (ad esempio a ridosso di una festa o una manifestazione) potrebbe servirti imparare a gestire un’agenda elettronica o anche affidarti alla cara vecchia agenda cartacea.

Il planning è incisivo e determinante per la riuscita del tuo progetto, per poter incastrare tutti gli eventi, inserendo e partenze, gli arrivi, possibilmente cercando di avere una sezione dedicata ad ogni stanza.

Per una miglior organizzazione, poi, potreste sì gestire la prenotazione al telefono, ma farvi anche inviare una richiesta di prenotazione per iscritto, a cui rispondere a tua volta per iscritto.

All’arrivo del cliente, i dati e le generalità sue e della sua famiglia vanno fatti pervenire entri 24 ore alla polizia di Stato tramite l’apposito portale online.

Infine, al momento del check out, dovrai emettere la ricevuta (non necessariamente la fattura, trattandosi di un’attività non considerato come imprenditoriale), e dovrai apporre la marca da bollo di 2 euro per quelle superiori ai 77 euro, a carico dell’ospite.

Contabilità

In questo settore, le pratiche contabili e amministrative sono piuttosto semplici, tuttavia se non te la senti puoi delegare ad un commercialista.

Certo è che dovrai imparare, almeno per comodità tua, il linguaggio basilare, perché dovrai capire ad esempio quali documenti vano semplicemente archiviati o vanno registrati, così come dovrai essere conscio delle scadenze.

Le lingue

Se vuoi lavorare in ambito turistico, dovrai conoscere almeno l’inglese. Infatti per ora sono soprattutto gli stranieri a utilizzare la formula del b&b, e questo fa sì che i gestori si trovino a dover parlare con gente che parla un altro idioma.

Almeno dovrai destreggiarti con le informazioni base, ma se te la senti potresti approfondire la conoscenza di una o più lingue in modo da poter instaurare un dialogo più approfondito.

L’inglese è fondamentale, se poi saprai parlare anche in tedesco o francese sarai certamente avvantaggiato.

La tecnologia

Il mondo tecnologico e virtuale è molto importante, è una risorsa a cui non puoi rinunciare. Tra i requisiti per avere successo, dunque, c’è anche quello di stare al passo con i tempi, aggiornare il proprio sito, essere attivi sui social network.

Un aiuto dall’esterno: i corsi di formazione

Se non ti senti all’altezza, ricordati che nulla ti vieta di iscriverti a corsi di formazione per aumentare la tua spendibilità: come sai, su Affari Miei incito i lettori a implementare e nutrire la propria crescita personale.

Ci sono anche corsi promossi dalle Regioni, e dall’UE per implementare le capacità legate a questo specifico settore, dunque pensati per chi ha o sogna di avere un B&B tutto suo.

Certamente, studiare e informarsi sono i passi più importanti per avere successo in qualunque attività in cui il tuo tempo e parte del tuo capitale sono in gioco!

Ulteriori risorse utili

Qui, infine, ti suggerisco alcune guide che potrebbero interessarti nel caso in cui stessi valutando di avviare questa attività:

Buona lettura!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Scarica Gratis "Mettersi in Proprio - Metodo Affari Miei"
La tua privacy è al sicuro
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei