Mettersi in Proprio a 40 o 50 Anni: 10 Idee per Cambiare Vita

Cambiare vita e mettersi in proprio a 40 anni, o a 50 anni, è possibile? Se lo chiedi a chiunque, storcerà il naso, immaginando la fatica di ripartire da zero in una fase in cui la maggior parte della gente si immagina adagiato nelle sue sicurezze.

Eppure no, non è vero che a 40 o 50 anni non si può cambiare vita lavorativa, mettersi in proprio e rivoluzionare radicalmente il proprio modo di approcciarsi al lavoro e al reddito.

Ne sono convinto e ho visto in molti, prima di te, riuscirci. Certo, sono necessari sacrifici che forse ti sarebbero sembrati meno duri a 20 o 30 anni, ma hai dalla tua un bagaglio di esperienza, anche se hai sempre lavorato come dipendente.

Oggi voglio proporti 10 idee per lasciare tutto, aprire un’attività commerciale e metterti in proprio, idee che sono solide e che, con la giusta applicazione nostra personale, possono davvero cambiare la nostra vita.

Vediamo insieme quali sono quelle più interessanti che oggi ci offre il mercato.

1. Posta Privata: perché la logistica non potrà mai essere delocalizzata

La liberalizzazione dei servizi postali e di spedizione ha portato, nel nostro Paese, alla nascita di diversi gruppi che si occupano della spedizione di lettere e pacchi e più in generale di servizi di tipo logistico.

Tra le offerte più interessanti c’è quella di Posta Privata Nazionale, di cui ho già parlato in modo approfondito su un post dedicato.

Gli investimenti non sono ingenti, la cifra per partire va da 3 mila a 8 mila euro a seconda del contesto. In più viene offerta preparazione prima e dopo l’apertura, si può lavorare con un buon margine e non c’è pericolo di delocalizzazione: la logistica, per forza di cose, dovrà rimanere sul territorio!

Con un buon franchising, come quello che viene offerto da Posta Privata Nazionale, puoi:

  • occuparti di spedizioni di pacchi sia nazionali che internazionali;
  • aprire all’interno della stessa attività un servizio di pagamento dei bollettini, con ottime commissioni sul pagamento;
  • promuovere la sottoscrizione di contratti luce, gas e telefonia;
  • promuovere servizi finanziari come assicurazioni e finanziamenti.
  • offrire anche servizi di trasferimento di denaro nazionali e internazionali.

Puoi fare, a grandi linee, tutto quello che fa un ufficio postale tradizionale con altri servizi che ti permettono di aumentare il fatturato e quindi i guadagni.

Per approfondire, puoi compilare il modulo contatti sul sito ufficiale: lo staff dell’azienda ti fornirà successivamente tutti i dettagli telefonicamente.

2. Diventa venditore online in una particolare nicchia di mercato

Aprire un “grande magazzino” online non è al momento possibile. Certo, potresti farlo, ma dovresti fronteggiare giganti come Amazon (e anche realtà nazionali molto strutturate e che hanno dietro investimenti milionari). Questo vuol dire che non c’è modo di diventare venditori e commercianti online? Niente affatto.

Scegli una nicchia e specializzati (Canne da pesca? Utensili per la cucina? Tappeti? Le possibilità sono praticamente infinite).

Potresti portare a casa margini da paura e comunque svolgere un’attività flessibile e che non necessità di un negozio tradizionale, molto costoso da mandare avanti.

Se vuoi saperne di più, puoi leggere la mia guida sull’apertura dei negozi online. Ricordati però di scegliere una nicchia che sia nelle tue corde: vendere merce che non si conosce o che non ci piace non è mai facile, e molto raramente redditizio.

3. Sai fare qualcosa? Puoi diventare Freelance

Magari hai esercitato la tua arte o la tua professione sempre sotto padrone. Potresti saperne di scrittura, di traduzioni, di revisione contabile, di gestione pubblicitaria, di creazione di messaggi per la vendita.

Qualunque sia la tua arte, se c’è un mercato puoi organizzarti anche da solo, diventando freelance. Oggi puoi avere accesso a portali che ti mettono, anche gratuitamente, in contatto con un parco clienti potenzialmente infinito, con i quali puoi esercitare la tua arte diventando padrone di te stesso.

Se puoi offrire servizi qualificati al mercato, diventare freelance è una concreta possibilità.

4. Diventa agente immobiliare: non è mai troppo tardi

Ho già parlato in diverse occasioni delle possibilità offerte dal mercato immobiliare. Il mercato è però interessante anche per chi non può acquistare e vendere, ma per chi vuole offrire servizi per i soggetti coinvolti in questo tipo di settore.

Puoi scegliere di aprire per conto tuo, oppure di affiliarti ad uno dei grandi marchi franchising che operano sul territorio. In entrambi i casi hai davanti a te possibilità molto, molto interessanti. Segui una delle mie guide per cominciare a muovere i primi passi.

5. Avvia un franchising nel settore che preferisci

Vuoi avviare un’attività affidandoti a quelli che sono marchi già riconosciuti e presenti sul territorio? Il franchising offre enormi possibilità in questo senso. Non è certo la soluzione che offre la maggiore autonomia ai soggetti coinvolti, ma consente non solo di risparmiare sui costi di apertura, ma anche di integrarsi in realtà commerciali già affermate.

Su Affari Miei puoi trovare tutto quello di cui hai bisogno per cominciare a individuare le opportunità che ti vengono offerte da questo specifico settore.

Ci sono franchising per tutti i gusti e per tutte le tasche: fatti orientare dalle guide che trovi sul mio blog e discutine con me, se ne dovessi sentire il bisogno, anche attraverso il gruppo di Affari Miei Facebook.


Come Aprire un'Attività Redditizia e Lasciare il Posto Fisso - Ascolta il Podcast!


6. Photo Boot – per scattare foto e guadagnare

I Photo Boot sono una presenza costante in centri commerciali, uffici comunali e più in generale nei luoghi dove una fototessera è di fondamentale importanza. Costano relativamente poco e con accordi con attività commerciali si possono piazzare in diverse aree della città.

In aggiunta, oggi ci sono servizi che ti permettono di noleggiarle, con costi iniziali dunque abbattuti e con la possibilità di cominciare a macinare utili da subito.

In pochi mesi, con un po’ di fiuto, potresti diventare un autentico imprenditore delle foto, con ottimi ritorni e con la possibilità di allargarti magari anche a province limitrofe.

7. Bakery – la caffetteria in stile americano

È la moda del momento, anche se, al contrario dei fenomeni passeggeri, sembrerebbe destinata a rimanere. Le Bakery in stile americano, che vendono ciambelle, torte americane e muffin, vanno forte.

L’investimento iniziale è importante, ma può fornire ritorni praticamente da subito. È forse una delle idee più difficili da mettere in pratica tra quelle che ti ho indicato in questa lista.

Prepara un business plan (qui la mia guida) e comincia a fare sul serio: valuta attentamente tutte le variabili e nel caso in cui dovesse esserci margine per aprire davvero, comincia ad organizzarti.

8. Distribuzione Automatica: è semplice e ci sono ottimi margini

Un settore in cui potresti lanciarti, anche con investimenti piuttosto bassi, è quello della distribuzione automatica. Non solo l’investimento, rispetto a tante altre idee imprenditoriali, è contenuto, ma anche l’impegno in termini di orari è davvero flessibile e comodo, poiché sono sufficienti poche ore settimanali.

Non dimentichiamo poi che anche la scelta dei prodotti da inserire nei tuoi distributori è davvero ampia, perchè è possibile vendere, oltre alle solite merendine e caffè (che vanno per la maggiore), anche sex toys, libri, profumi, pizze appena sfornate e lingotti d’oro.

Le catene in franchising a cui affiliarsi peer l’apertura di una realtà di vending machine, come vengono chiamate dagli addetti ai lavori, sono in crescita costante e possono fornire le basi per i successo, come ti ho spiegato in questa guida.

Un’idea interessante anche se non ti aveva mai sfiorato la mente prima di oggi.

9. Coltivare, coltivare, coltivare: oggi può farti anche guadagnare

Siamo abituati, sbagliando, ad associare la terra ad una esistenza di povertà economica e di ricchezza mentale e spirituale. Le cose non stanno più affatto così. Con il rilancio delle colture a km 0, anche piccoli appezzamenti di terra, se opportunamente gestiti, possono essere fonte di reddito.

Se sei stanco di ufficio e città, se fare la fila nel traffico è diventato un incubo, un ritorno alla campagna potrebbe essere l’opportunità che fa per te.

Di colture particolarmente interessanti ce ne sono tante. Dallo zafferano ai prodotti tipici e magari scomparsi dai mercati, passando per le varietà più tradizionali.

Se vuoi conoscere le coltivazioni più redditizie del momento, ti consiglio di leggere questo mio articolo di approfondimento.

10. Apicoltura: per chi preferisce il miele ai prodotti vegetali

Sempre sulla stessa linea d’onda della proposta precedente, possiamo orientarci verso l’apicoltura, ovvero l’allevamento di api al fine di trarne i prodotti straordinari che questi insetti producono, su tutti miele e pappa reale.

Il miele è una delle eccellenze italiane e ha molto mercato, soprattutto se di qualità e a chilometro zero. L’apicoltura riallaccia i nostri rapporti con la natura e permette di lavorare a ritmi decisamente più… umani. Una buona idea per chi è stanco davvero della “modernità” che asfissia. Te ne ho parlato qui.

Conclusioni

Mettersi in proprio a 50 anni o a 40 anni non è a considerarsi una follia da evitare, nel caso in cui tu avessi un impiego fisso, oppure una sfortuna impensabile, qualora tu invece avessi perso il posto di lavoro e non avessi molte altre chance.

Certo, è necessario essere oculati, ponderare come investire i propri soldi, sia che tu abbia un capitale da investire, sia che tu debba fare un finanziamento: si tratta pur sempre di un’operazione delicata, in cui si mettono in gioco molto tempo, denaro e sogni.

Se vuoi avere qualche consiglio in più per ricominciare con più fiducia ed energia questa nuova fase, o prepararti a farlo, ti saluto lasciandoti la mia guida dedicata a chi vuole cambiare vita a 50 anni.

Aspetto di conoscere la tua esperienza. Buona lettura e buna fortuna!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

2 COMMENTI

  1. Bravo Davide! Guardando un pò in alto troviamo anche esempi come Harland Sanders ha creato KFC a 65 anni, John Pemberton ha inventato Coca Cola a 55 oppure Mc Donald’s che è stato creato da Ray Kroc a 52 anni….. non è mai troppo tardi!!

    • Bravissimo, hai perfettamente ragione.

      Ci sono tantissime storie anche meno famose che confermano questo trend, cerchiamo ogni tanto di trasmettere anche un po’ di ottimismo!

LASCIA UN COMMENTO