Fondi Comuni di Investimento Mediolanum: Tutte le Proposte della Banca

Passiamo in rassegna l’offerta dei fondi comuni di investimento di Banca Mediolanum. Se sei cliente del Gruppo, un giorno potresti voler investire i tuoi risparmi affidandoti alla consulenza e ai prodotti della Banca.

Far gestire il proprio risparmio dalla Banca è forse la soluzione più comoda e semplice per il cliente medio, ma non è detto che sia anche la più conveniente.

Prima di muoverti in qualche direzione devi conoscere nel dettaglio come si articola l’offerta di Mediolanum. Hai a disposizione tanti fondi diversi, di seguito vediamo i principali.

Prosegui con la lettura.

Come investire con Banca Mediolanum

Le soluzione di gestione del risparmio proposte dalle banche non sono poi molte. Girano sempre intorno a: fondi comuni, polizze assicurative, contratti di previdenza complementare e piani di gestione patrimoniale. È molto raro che una banca non preveda una serie di prodotti riferibili a queste categorie.

In effetti, Mediolanum ha tutto quello che un cliente può cercare, tra cui numerosi fondi comuni a gestione attiva, suddivisi in “famiglie” con caratteristiche specifiche.

In complesso, l’offerta permette di soddisfare qualsiasi cliente interessato a questa tipologia di investimento. Vediamo in sintesi di cosa si tratta.

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia è una famiglia di fondi flessibili (più uno obbligazionario), gestiti da Mediolanum Gestione Fondi SGR.

Questa famiglia è nata per offrire un investimento dinamico e flessibile, grazie a una gestione attiva altamente professionale. I fondi selezionati sono caratterizzati da diversi profili d’investimento che rispondono a esigenze specifiche.

Trovi principalmente portafogli globali, a prevalenza azionari oppure a prevalenza obbligazionari, con profili di rischio che vanno da alto a moderato, e orizzonti temporali tra il breve-medio periodo e il lungo termine.

L’adesione può avvenire con PIC (versamento in unica soluzione) e conPAC (Piano di Accumulo). Puoi sottoscrivere sia quote ad accumulazione che a distribuzione dei proventi.

I fondi “Mediolanum Flessibile Sviluppo Italia” e “Mediolanum Flessibile Futuro Italia” offrono, inoltre, la possibilità di destinare la sottoscrizione dell’importo alla costituzione di un PIR, il Piano Individuale di Risparmio, una forma di investimento che favorisce la crescita dell’economia reale italiana ed è agevolata fiscalmente.

Ma cosa sono i fondi flessibili?

È più facile spiegarti cos’è una gestione flessibile se hai ben chiaro come funzionano i fondi a gestione attiva.

Una gestione attiva del portafoglio sta a significare che esiste un gestore che compra e vende asset seguendo una strategia d’investimento non statica o passiva.

Essa è finalizzata, di volta in volta, a realizzare performance migliori rispetto al mercato di riferimento, rappresentato da un benchmark

Il benchmark è un parametro oggettivo, composto da uno o più indici, con il quale è possibile confrontare la composizione del portafoglio del fondo, i rischi assunti e i risultati realizzati.

Flessibilità = niente benchmark

Uno stile di gestione flessibile indica invece che l’investimento è gestito liberamente, senza riferimento ad un benchmark. La politica d’investimento, l’asset allocation delle risorse e le scelte del gestore sono quasi prive di vincoli, per cui possono variare frequentemente.

In genere, i fondi flessibili includono strumenti finanziari di varia natura – azioni, obbligazioni, liquidità, strumenti derivati ecc. –, e non pongono limiti alla scelta degli emittenti, che quindi possono essere sia organismi governativi che società con varia capitalizzazione e diverso rating, provenienti sia dai Paesi Sviluppati che Emergenti.

In pratica, il fondo può investire in questo e quello con estrema variabilità, in base alle condizioni del mercato.

Non è esagerato affermare che l’investitore è privo di un punto di riferimento con il quale confrontare l’andamento delle sue quote. Perciò si affida completamente e ciecamente alla bravura del gestore.

Va precisato, però, che il fine della gestione è pur sempre quello di raggiungere gli obiettivi dichiarati nel Regolamento. L’esposizione a certi strumenti finanziari, in genere, non può superare una percentuale prestabilita, inoltre, strategia e allocazione devono rispettare il budget di rischio.

I vantaggi della gestione flessibile sono la maggiore dinamicità e le performance più interessanti, poiché aumenta la libertà d’azione del gestore.

Di contro, il risparmiatore non ha alcun metro di paragone e, avendo conoscenze finanziarie nulle o modeste, potrebbe capirci ben poco di come sono gestiti i suoi capitali. Io sconsiglio di sottoscrivere un fondo di cui si fatica a comprendere il funzionamento.

Passiamo al prossimo prodotto.

Mediolanum Best Brands

Mediolanum Best Brands è un fondo di diritto irlandese a multi-comparto, cioè racchiude al suo interno molteplici portafogli d’investimento che presentano strategie e profili di rischio eterogenei.

È gestito da Mediolanum International Funds Ltd in partnership con alcuni rinomati brand del panorama finanziario mondiale – rinomate case d’investimento internazionali e professionisti del settore tra gestori e analisti.

I comparti offrono un’ampia scelta di investimenti ed è possibile scegliere fra diverse classi di quote sottoscrivibili. Ogni comparto è una realtà a sé stante, volendo è possibile convertire le proprie quote in quelle di un’altra linea.

L’adesione può avvenire con PIC (versamento in unica soluzione) e con PAC (Piano di Accumulo). Alcuni fondi sono ad accumulazione dei proventi, altri a distribuzione, altri ancora prevedono entrambe le modalità in base alla classe di quote sottoscritta.

Cosa c’è dentro al fondo Mediolanum Best Brands?

Mi è impossibile elencare tutti i comparti all’interno del fondo perché sono tanti, però ci aiuta il fatto che vengono raggruppati in 3 linee tematiche:

  • Fondi Multibrand: linea Collection. Rientrano in questa categoria dei fondi proprietà di diverse e prestigiose società d’investimento, gestiti secondo specifiche strategie geografiche, settoriali e allocative;
  • Fondi Singlebrand: linea Selection. Sono fondi azionari selezionati prevalentemente all’interno dell’offerta di Morgan Stanley Investment Management Ltd. Trovi investimenti globali senza limiti settoriali oppure legati ai megatrend;
  • Fondi Multimanager. Sono fondi di tutte le tipologie e con portafogli diversificati; hanno la peculiarità di essere gestiti secondo un approccio “multimanager”, cioè la gestione è affidata a vari specialisti, selezionati per la loro esperienza e competenza nei vari segmenti dell’investimento.

Challenge Funds

Anche questo è un fondo di diritto irlandese a multi-comparto, sempre gestito da Mediolanum International Funds Ltd. Conta un’ampia scelta di portafogli che permettono di diversificare l’investimento tra tipologie di titoli, aree geografiche e settori economici.

Ci sono 20 comparti a disposizione: azionari, flessibili, obbligazionari e monetari. I cosiddetti “Comparti Tradizionali” investono unicamente in titoli azionari, obbligazionari o monetari. I “Comparti Evoluzione” rispondono alla continua evoluzione dei mercati con soluzioni d’investimento innovative che aggiornano costantemente l’offerta.

Gamax Funds FCP

Arriviamo all’ultimo prodotto: Gamax Funds FCP è composto da 3 comparti gestiti da Gamax Management AG, una società lussemburghese di gestione di fondi, istituita nel 1992 e parte del Gruppo Mediolanum dal 2001.

I 3 comparti sono caratterizzati da una strategia attiva, incentrata sull’analisi dei fondamentali delle singole società.

La selezione dei titoli e il controllo del rischio permettono di beneficiare dei rialzi dei mercati e di mitigare gli impatti dei ribassi, ottenendo così dei profili di rischio/rendimento adatti ad investitori con una sopportazione della volatilità mediamente inferiore.

Focus sui comparti

Il comparto “Junior” investe in azioni di società rinomate i cui prodotti, servizi o marchi sono destinati ad un target giovanile. Lo scopo è di sfruttare la tendenziale crescita demografica globale e l’aumento dei redditi disponibili.

Il comparto “Maxi-Fonds Asien International” investe prevalentemente in azioni della regione Asia-Pacifico, per sfruttare le dinamiche di crescita e profitto che interessano le economie orientali emergenti e sviluppate.

Infine, il comparto “Maxi Bond” investe prevalentemente in titoli di Stato italiani con l’obiettivo di conseguire la crescita del capitale a breve-medio termine, ma limitando al contempo le fluttuazioni di capitale. È adatto ad investitori maggiormente avversi al rischio e orientati al reddito.

Opinioni finali di Affari Miei sull’offerta Mediolanum

Ho concluso la rassegna dei fondi comuni di Banca Mediolanum. Conviene investire in questi prodotti o è meglio rivolgersi ad un altro istituto?

A dire il vero, la scelta della compagnia non fa molta differenza, se non per la fascia di prezzi che applica ai suoi prodotti.

Effettivamente, alcuni fondi hanno un regime commissionale più basso rispetto alla concorrenza; occorre perciò confrontare i fondi Mediolanum con i prodotti (della stessa tipologia) collocati da altre banche o società di investimento.

A parità di portafoglio, profilo di rischio e rendimento, conviene scegliere il fondo che costa di meno!

Detto questo, l’offerta Mediolanum non è necessariamente più conveniente o più svantaggiosa di quella di tante altre compagnie. La riflessione che farò adesso riguarda la categoria dei fondi comuni di investimento in generale.

Sei sicuro che è la modalità d’investimento più adatta alle tue esigenze?

I pro e i contro dei fondi comuni a gestione attiva

I fondi comuni a gestione attiva favoriscono il risparmiatore che ha poche conoscenze in materia di investimenti, e che desidera delegare la gestione dei propri soldi ad un team di professionisti in grado di cogliere le opportunità offerte dai mercati.

I fondi sono panieri di titoli diversificati, e in quanto tale permettono una migliore gestione del rischio, aprendo le porte a mercati che il singolo investitore non potrebbe raggiungere.

Inoltre, l’ampia scelta di panieri e stili gestionali permette di fare un investimento quasi su misura.

Nonostante i numerosi vantaggi, i fondi a gestione attiva hanno anche una serie di punti critici che, se non opportunamente compresi, tendono poi a penalizzare l’investitore, in un modo o nell’altro.

Parlo di:

  • Costi di gestione spesso troppo alti, uniti ad altri caricamenti che servono a remunerare tutta la baracca e che nel complesso riducono i tuoi rendimenti;
  • Una gestione poco trasparente perché, di fatto, non sai nel dettaglio come e dove sono investiti i tuoi soldi, e perché. In altri termini, non sai quando gli interessi del gestore sono in conflitto con quelli degli investitori;
  • Eccessiva complessità. Spesso i fondi sono strumenti complessi, più è articolata la composizione del portafoglio e più è dinamico lo stile di gestione, più diventa difficile capirci qualcosa;
  • Raramente la gestione attiva è davvero efficiente, raramente riesce a realizzare rendimenti sopra la media.

Queste sono alcune delle criticità che ho sempre evidenziato e che ti illustro, più chiaramente, in questo approfondimento dedicato agli 8 Motivi per Non Investire in Fondi Comuni.

Per concludere

Quello che voglio farti capire è che non devi buttarti con gli occhi bendati nell’investimento, che sia con Banca Mediolanum o un’altra compagnia. Ma devi sapere cosa stai facendo.

Senza un’adeguata pianificazione e senza un minimo di formazione non andrai lontano, anzi, rischierai di fare molti errori inutili.

Studiare e informarti è un investimento che fai per te stesso, che ti renderà libero di gestire i tuoi soldi nella maniera più idonea, senza lasciarti ammaliare da soluzioni facili, senza che siano gli altri a decidere per te.

Se non sai da dove iniziare può esserti di aiuto appoggiarti a queste risorse:

    Ti saluto e a presto.


    Scopri che Investitore Sei

    Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

    >> Inizia Subito <<


     

    Davide Marciano
    Imprenditore e Investitore
    Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, ha sviluppato nel tempo la passione per la finanza personale e lo sviluppo individuale. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

    0 Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei

    Vuoi Investire con Buon Senso?
    Le banche e i consulenti ti hanno raccontato tantissime bugie. Per investire serve buon senso, accedi subito al mio report!