Aprire una Società di Servizi: Come Fare? Consigli per Partire alla Grande!

Come aprire una società di servizi (turistici, alle imprese finanziari…)? Quali requisiti occorrono? Quando si cerca di mettersi in gioco e di aprire un’attività è bene informarsi e trovare tutte le informazioni utili.

In questo articolo voglio aiutarti a capire se essere a capo di una società di servizi professionali è la strada che desideri davvero intraprendere e, se sì, come fare.

Innanzitutto, per avviare questo genere di società servono delle conoscenze di base e delle competenze professionali di un certo livello. Non è un’avventura accessibile a tutti ed occorre pianificare il tutto con estrema attenzione.

Se ti senti pronto e ritieni di essere in possesso di forte senso di sicurezza e imprenditoriale continua a leggere.

Quella di cui stiamo parlando è un’attività che deve essere considerata nel modo migliore, come tutte quelle che recensiamo nella sezione delle idee imprenditoriali.

Mai improvvisarsi senza avere un progetto chiaro e definito: è un mantra che non mi stanco mai di ripetere.

In questo articolo ti propongo sia alcune riflessioni preliminari all’inizio dell’attività sia idee e suggerimenti di carattere pratico: per ogni altra tua esigenza, ti invito a visitare anche le altre pagine di Affari Miei perché ho scritto migliaia di contenuti che trattano il tema business che sicuramente possono esserti utili.

Che tipo di servizi proporre?

Come accennato in apertura, i servizi da offrire sono molti e non possiamo dire che esista una guida univoca per avviare ognuna di tali attività comporti lo stesso sforzo.

Dunque inizia a considerare fin da subito il ramo in cui desideri investire risorse intellettuali ed economiche: ciò ti permetterà di definire prima il campo d’azione.

Per prima cosa devi considerare che aprire una società di servizi è quel genere di attività che si caratterizza proprio per la proposta di determinati servizi ai clienti. L’obiettivo è quello di mettere in campo qualcosa di diverso rispetto alle attività “tradizionali” perché non si vendono prodotti ma manodopera o comunque prestazioni intellettuali.

Dunque alcuni possono decidere di attivarsi nel settore dei servizi turistici, altri in quelli del ramo di pulizia o di colf (mercato particolarmente florido ad oggi) e così via.

Come scegliere il proprio settore

Ho già detto che possiamo trovare società di servizi energetici, turistici e via dicendo. Come scegliere quello che può garantire successo?

La risposta più elementare potrebbe essere quella di partire da ciò che si conosce davvero: l’impiego precedente, la propria specializzazione o le proprie passioni possono essere un valido punto di partenza.

Cerca, inoltre, di leggere le dinamiche locali del mercato in cui vuoi inserirti cercando di capire se a livello territoriale ci possono essere delle esigenze non soddisfatte.

...

Organizzati concretamente con un business plan adeguato

Come in altri casi serve preparare un business plandocumento fondamentale per l’organizzazione del piano di avviamento dell’impresa e dedicato alle peculiarità della società.

Tale programmazione ti  può supportare quindi nella pianificazione dell’utilità sociale e delle eventuali spese impreviste da tenere in conto.

Ovviamente bisogna considerare con attenzione tutte le prospettive, perché le possibilità che il tuo progetto sia respinto dal mercato sono elevate: analizza la concorrenza, la domanda e il target di riferimento, oltre alle risorse economiche di cui puoi avere bisogno.

Il mio consiglio è sempre quello di chiedere un aiuto ad un commercialista che ti aiuterà a preparare un piano corretto per il futuro societario.

Molte volte, infatti, il limite principale può essere dalla mancata conoscenza del settore in cui si intende operare oppure da un’analisi superficiale della domanda.

Quanto costa avviare una società di servizi?

Le società di servizi hanno costi variabili a seconda del settore: è chiaro che se stai pensando di avviare un’attività legata al mondo della consulenza, magari, è necessario solo avere una scrivania e pochi altri beni materiali. Diverso è il discorso di altri settori più complessi, come specificato in apertura il termine “società di servizi” è piuttosto generico.

Quando si avvia un’attività i costi da onorare sono molteplici: oltre alle spese di costituzione dell’azienda stessa (costi di iscrizione alla Camera di Commercio e ai vari Enti Previdenziali, costi legati al lavoro del Commercialista…) è necessario preventivare l’eventuale affitto di un locale (a meno che non abbia in mente un’impresa per cui è possibile lavorare da casa).

Affittare un locale a sua volta richiede delle spese: la caparra, l’affitto stesso, la provvigione all’agenzia immobiliare che ti sta supportando, senza contare l’arredamento e il materiale necessario a produrre.

Da un punto di vista puramente burocratico, potrebbe tornare utile questo articolo che ti spiega dettagliatamente come scegliere la migliore forma giuridica per la tua attività.

Aprire un’impresa di servizi in franchising

Ti sembra che l’investimento finanziario sia troppo grosso e rischioso paragonato alle vostre effettive sicurezze di farcela?

Una soluzione molto apprezzata da molti è quella di affidarsi ad un marchio in franchising, il quale segue i suoi affiliati in ogni passo della costituzione imprenditoriale: dalla scelta dell’ubicazione del locale, a quella dei materiali e dell’arredamento e , non ultimo, si occupa della formazione di coloro che si affiliano.

Naturalmente affiliarsi comporta prezzi più alti: bisogna infatti pagare le royalities e le spese utili al supporto del franchisor.

Il marchio, dal canto suo, dà il giusto supporto in ogni passaggio, garantendo forse una maggiore probabilità di riuscita, e quindi il gioco potrebbe valere la candela.

Non dimenticare che valutare i vari marchi attualmente disponibili in Italia potrebbe voler dire trovare anche qualche valida idea imprenditoriale che non avevi valutato e che potrebbe essere nelle tue corde.

Ho redatto, sul tema, una classifica con i migliori 100 franchising disponibili in Italia.

Idea di Società di Servizi: Poste Private in Franchising

Il settore delle Poste Private negli ultimi anni è cresciuto molto grazie alle liberalizzazioni che hanno tolto a Poste Italiane il monopolio su tantissimi servizi.

Con la diffusione del commercio elettronico il numero di pacchi spediti è aumentato considerevolmente e tanti servizi ulteriori possono affiancarsi a questa tipologia di attività.

Uno dei migliori marchi che offre una prospettiva imprenditoriale a costi accessibili è Posta Privata Nazionale, società con oltre 80 punti vendita attivi su tutto il territorio italiano.

L’investimento iniziale richiesto va da 3 mila euro a massimo 8 mila euro a seconda del progetto, i requisiti ulteriori sono:

  • Apertura della partita Iva;
  • Disponibilità di un locale di almeno 30 mq;
  • Apertura dell’attività in un comune con più di 8 mila abitanti.

Posta Privata Nazionale ha creato una serie di partnership che permettono di fornire ai clienti tanti servizi oltre quelli postali per aumentare il fatturato e incrementare i guadagni.

Tra questi ti segnalo:

  • Servizi finanziari (prestiti, assicurazioni);
  • Pagamenti di bollettini postali e utenze;
  • Money Transfer;
  • Sottoscrizione di contratti di luce, gas e telefonia;
  • Pagamento multe e atti giudiziari.

Allargando le opportunità, aumentano anche le possibilità di fatturare e quindi di guadagnare.

Se non hai mai gestito una tua attività e sei orientato ad operare nel campo dei servizi, Posta Privata Nazionale può essere una valida soluzione perché ti richiede un investimento limitato e ti offre il supporto di un network diffuso in tutta Italia.

Per maggiori dettagli ti invito a compilare il modulo di contatto sul sito ufficiale: lo staff dell’azienda ti chiamerà per fornirti tutte le informazioni necessari per valutare al meglio una collaborazione.

Conclusioni

Questo articolo è solo un punto di partenza. Se sei finito qui, con ogni probabilità, stai pensando di metterti in proprio ed avviare un business tutto tuo.

Per approfondire, quindi, e per aiutarti in questo processo ti segnalo una serie di risorse che ho preparato per te e che possono esserti di grande aiuto:

In bocca al lupo!

 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
Affari-Miei
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO