Azioni Monte dei Paschi di Siena: Previsioni 2023, Andamento Storico e Quotazioni. Conviene davvero investire?

Oggi ti mostrerò tutti gli aggiornamenti sull’andamento delle azioni di Monte dei Paschi di Siena, ponendo una particolare attenzione soprattutto sulle previsioni sul futuro dei titoli. Quali sono state quindi le performance nel 2022 e cosa dobbiamo aspettarci per il prossimo anno?

Ecco tutto quello che c’è da sapere!

Monte dei Paschi di Siena: di cosa si occupa

Forse non tutti sanno che il Monte dei Paschi di Siena è stato fondato nel lontano 1472. In origine il suo nome era però Monte di Pietà. Ad oggi rappresenta la più antica e longeva banca in attività nel mondo.

Una storia ricca di tradizione, di successi, ma anche di grandi scandali che non hanno però ostacolato il Monte dei Paschi di Siena nell’essere uno dei principali gruppi bancari in Italia.

La società è largamente attiva sia sul territorio nazionale che internazionale. Pone al centro della sua operatività i servizi tradizionali del retail e il commercial banking.

E’ da sempre caratterizzata da una notevole attenzione nei confronti di famiglie e piccole e medie imprese, mantenendo viva la ragione della propria istituzione: aiutare le classi più disagiate del paese in un momento economico locale particolarmente difficile per la popolazione.

Dal giugno del 1999 il titolo di Monte dei Paschi di Siena è quotato a Piazza Affari.

La capitalizzazione odierna è di 2,65 miliardi di euro.

Andamento azioni Monte dei Paschi e Prezzo

Avere delle informazioni che ti consentano di mettere a fuoco la storia della società è fondamentale anche per conoscere la sua stabilità nel corso del tempo e capire – con le dovute analisi – se conviene poi investire o meno.

Passando al lato pratico, ecco di seguito il grafico dell’andamento delle azioni:

Previsioni Azioni Monte dei Paschi 2023: cosa aspettarsi? Dividendi e target price

Soffermiamoci adesso su alcuni aspetti importanti per capire se convenga o meno investire in azioni Monte dei Paschi di Siena.

Le ultime notizie

Vediamo come è andato il 2021.

Nel 2020 le azioni aveva subito un calo, e una successiva ripresa, che è però durata poco dal momento che le azioni MPS sono sprofondate nuovamente già a febbraio 2021, quando il titolo è stato sospeso per eccesso di ribasso, per poi riprendere gli scambi registrando però un tonfo di -2,03%.

A luglio 2021 le azioni MPS hanno registrato un rialzo del +4%, grazie ai rumors inerenti ad alcune mosse del Governo che riguardavano un documento strategico per l’accordo su una potenziale aggregazione.

Arriviamo ora all’anno appena concluso.

A febbraio 2022 c’è da registrare una seduta brillante, dal momento che l’istituto senese ha guadagnato il 6,67%.

L’esercizio 2021 si è chiuso con un utile netto di 309,5 milioni di euro.

Sicuramente Monte dei Paschi è attualmente alle prese con un quadro grafico particolarmente complesso, tanto che il suo titolo sembrerebbe in procinto di nuovi ribassi.

Il grafico delle azioni MPS è caratterizzato da minimi toccati in quota 1€ nel 2020 e a fine gennaio 2021, ma anche da improvvise accelerazioni al rialzo.

A fine giugno il CEO di banca MPS stava pensando di fare un nuovo aumento di capitale, per spingere i ricavi dell’istituto a 3,29 miliardi di euro. Senza questo aumento di capitale infatti non si poteva sperare in un futuro roseo per l’istituto senese.

Durante il primo semestre 2022, il Gruppo Monte dei Paschi di Siena ha realizzato un margine di intermediazione primario pari a 1,39 miliardi di euro, in aumento del 3,6% rispetto agli 1,34 miliardi ottenuti nei primi sei mesi dell’esercizio precedente. 

Il margine di interesse è risultato pari a 660 milioni di euro, in crescita del 12,8% rispetto ai 585,2 milioni del 1° semestre del 2021.

Diversamente, i ricavi complessivi sono scesi a 1,52 miliardi di euro, in contrazione del 2,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, di base a causa della diminuzione degli altri ricavi della gestione finanziaria.

Al 30 giugno 2022 i finanziamenti verso la clientela dell’istituto si erano attestati a 78,6 miliardi di euro.

A ottobre 2022, invece, sono crollati in Borsa i diritti dell’aumento di capitale di Mps nel giorni dell’esordio a Piazza Affari

Riguardo alla proposta per la cessione, il 17 ottobre sono state avviate le pratiche di aumento del capitale per MPS. L’azionista principale, di maggioranza, ad oggi è lo Stato, tramite il ministero dell’Economia. L’aumento di capitale, tuttavia, si è reso necessario dopo che la banca ha visto, nel corso degli anni, diminuire sempre più il proprio valore sul mercato, passando dal 2017 con 5 miliardi ai 100 milioni di oggi.

Il 4 novembre 2022 Banca MPS ha comunicato che l’aumento di capitale avente ad oggetto 1.249.665.648 azioni di nuova emissione risulta integralmente sottoscritto, per il controvalore complessivo di circa 2,5 miliardi di euro.

Un’altra notizia interessante riguarda il miglioramento del rating della società: l’agenzia Fitch ha infatti migliorato il rating della banca postandolo da B a B+.

Il 2023 è cominciato bene: il 2 gennaio Banca MPS ha registrato una seduta brillante, con la migliore performance giornaliera al MidCap. Il titolo ha infatti guadagnato il 6,52% a 2,05 euro.

I dubbi sulla continuità aziendale sembrano essere quindi superati, proprio grazie all’aumento di capitale e alla realizzazione di parte del piano industriale al 2026.

L’AD ha anche confermato l’anticipo degli obiettivi del piano industriale, con la possibilità di distribuire il dividendo sulla base degli utili del 2024, invece che a partire dal 2025 come idea iniziale.

Il titolo dell’istituto senese ha guadagnato l’11,7% a 2,218 euro, dopo aver oscillato tra un minimo di 1,981 euro e un massimo di 2,2975 euro, il 9 gennaio 2023.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Monte dei Paschi di Siena: il Target Price

Secondo gli analisti il target price di Monte dei Paschi di Siena è stato individuato a quota 0,73 euro, con un prezzo massimo di 1,20 euro e un minimo di 0,40 euro.

L’analisi tecnica condotta dagli esperti rivela un potenziale andamento a rialzo nel breve periodo e ribassista nel medio e nel lungo periodo. Il giudizio degli analisti è pertanto hold e underperform.

Monte dei Paschi di Siena: dividendi

Un altro dato utile rappresenta i dividendi.

La cattiva notizia è che ad oggi non sono disponibili dati inerenti i dividendi, in quanto è stato confermato lo stop.

Le nuove notizie successive all’aumento di capitale sembrano essere indirizzate verso una nuova distribuzione dei dividendi a partire dal 2025, che potrebbe essere anticipate al 2024 come abbiamo visto poco fa.

Conviene investire sulle azioni di Monte dei Paschi di Siena? 

Ora che sei in possesso di tutte le informazioni necessarie per prendere una decisione, vediamo se ad oggi conviene investire in azioni MPS.

Il mio consiglio è quello di non comprare mai un’azione singola. Questa operazione ha un tasso di rischio molto alto se non viene inserita all’interno di una strategia diversificata.

Se invece non hai mai investito in azioni e sei all’inizio delle tue ricerche, dai pure uno sguardo alla guida per iniziare a investire in azioni.

Se, invece, investi da tempo oppure ritieni di avere le competenze per iniziare senza ulteriori approfondimenti, allora potresti essere interessato a scoprire l’offerta #IOPUNTOSULLITALIA.

Si tratta di una rassegna che propone le azioni del nostro Paese più profittevoli su cui investire. Il Centro Studi e Ricerche di Affari Miei esamina e monitora costantemente le azioni proposte, così da suggerire quelle più interessanti.

Se desideri investire con successo sul mercato azionario italiano e preferisci farlo con una guida che seleziona e analizza i titoli più interessanti, dai uno sguardo a#IOPUNTOSULLITALIA.

Dove comprare le azioni Monte dei Paschi di Siena?

Se desideri comprare azioni ma non sai praticamente come farlo, ti spiego quali sono i due canali che puoi utilizzare:

  • La banca tradizionale. Basandomi sulla mia esperienza, se desideri investire cifre superiori ai 3-4 mila euro, il tuo conto corrente dovrebbe in realtà andare bene. Le banche italiane più importanti mediamente ti permettono di avere un portafoglio titoli. Il problema è che spesso le operazioni hanno un costo online elevato, per cui devi valutare caso per caso se ti conviene;
  • Una piattaforma online. Ad oggi sono veramente tante le piattaforme specializzate nell’acquisto di azioni ed altri strumenti finanziari che sono native digitali e che ti permettono di accedere ai mercati in modo più intuitivo e spesso anche più economico. Ci sono piattaforme che ti permettono di acquistare le azioni anche con soli 50€! Soprattutto se stai pensando a piccoli investimenti, spesso queste piattaforme sono da preferire sul piano della user experience e soprattutto dei costi.

Se vuoi scoprire le piattaforme online migliori per investire in autonomia, leggi la guida dedicata.

Ulteriori risorse utili

Abbiamo visto in breve lo storico delle azioni Monte dei Paschi di Siena, e quelle che potrebbero essere le previsioni per il 2023.

Ricordati di investire sempre e soltanto le cifre che puoi permetterti di perdere, ma soprattutto che non superino mai il 2-3% del denaro che vuoi investire.

Ricorda inoltre che la diversificazione e la prudenza sono indispensabili in un settore che ha come costante quella del rischio. Sai che la mia posizione è irremovibile su questo aspetto: rischiare sì, ma con intelligenza.

Intanto, ecco alcune guide che potrebbero interessarti:

Infine, trovi anche alcune guide dedicate a chi ha bisogno di un ripasso, prima di iniziare ad investire:

A presto!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *