Genertel Sicuramente Protetto: Recensione della Polizza Vita

Gli investimenti ibridi che incorporano un contratto assicurativo caso vita o caso morte sono tra i più popolari in Italia ed oggi ho deciso di parlarti proprio di uno di quelli di cui più si parla in relazione a questa specifica categoria.

Nella guida di oggi analizzeremo infatti insieme il funzionamento di Sicuramente Protetto di Genertellife, assicurazione a premio unico integrabile, che offre ai sottoscrittori una gestione separata a basso rischio, dal profilo flessibile sia per quanto riguarda il versamento di premi ulteriori, sia invece per quanto riguarda la possibilità, successiva comunque al decimo anno come avremo modo di vedere più avanti, di ritirare anticipatamente i premi versati.

Se vuoi saperne di più su Genertellife Sicuramente Protetto, continua a leggere.

Video Corso Gratuito per Investire

I tuoi risparmi sono in pericolo, impara ad investirli senza farti fregare.

Acchiappa questo un bonus di benvenuto che ti aiuterà a salvare il tuo denaro!

 

Che cos’è Sicuramente Protetto di Genertellife?

È un’assicurazione caso morte che prevede l’investimento dei premi versati nella gestione separata di Glife Premium.

Il contratto prevede un versamento unico, del quale avremo modo di parlare in modo dettagliato più avanti, con il capitale che viene rivalutato al termine di ogni anno solare, seguendo quelli che sono i rendimenti della gestione separata sopracitata.

Il contratto prevede inoltre la possibilità di rivalutazione ulteriore del 10% e del 20% del premio versato in caso di morte per infortunio o di morte per incidente stradale.

Come funziona Sicuramente Protetto?

Si parta con un versamento in soluzione unica di almeno 5.000 euro e di massimo 100.000 euro, con la somma che può essere integrata con versamenti aggiuntivi di almeno 2.000 euro (e sempre senza superare cumulativamente il limite dei 100.000 euro ) quando si preferisce.

I capitali così conferiti vengono investiti nella gestione separata Premium di GLife, che include in portafoglio principalmente titoli obbligazionari.

I premi versati a Sicuramente Protetto possono essere liquidati in ogni momento, a patto che siano passati almeno 10 anni dal versamento delle somme stesse, e fatti salvi i casi in cui si attivano ovviamente le tutele previste dal caso morte incluso nel contratto assicurativo.

Piccola nota: se non hai chiari i concetti di caso morte, caso vita e, in generale, il funzionamento dell’assicurazione sulla vita, ti consiglio di leggere questa guida in cui ti spiego tutto nel dettaglio.

Le maggiorazioni per i casi particolari

Sono previsti dei casi particolari nei quali si attivano clausole speciali con maggiorazioni del capitale versato.

  • è previsto un +10% sul capitale versato nel caso in cui l’assicurato dovesse morire in seguito ad infortunio;
  • è previsto invece un +20% sul capitale versato nel caso di incidente stradale.

Le garanzie sul capitale offerte da Sicuramente Protetto

Per il contratto è inoltre operativa una garanzia, che si attiva dal decimo anno successivo al primo versamento e che garantisce al 100% il capitale che abbiamo versato.

Tale tutela è inoltre operativa già dal primo anno nel caso in cui si presentino i casi particolari sotto-elencati:

  • nel caso in cui l’assicurato dovesse acquistare la prima casa per se stesso o per i suoi figli;
  • nel caso in cui si dovesse perdere l’impiego;
  • nel caso di interventi chirurgici di tipo straordinario;
  • nel caso di decesso dell’assicurato.

In tutti questi casi, oltre dunque che per il periodo successivo al decimo anno, il capitale che è stato conferito è garantito al netto delle commissioni di gestione.

Non ci sono costi di sottoscrizione e di mediazione, presenti quelli di gestione

Genertel offre per questo tipo di prodotto una politica di zero commissioni di sottoscrizione e di intermediazione, applicando alle somme versate soltanto le commissioni di gestione.

Quanto rende l’assicurazione?

L’assicurazione vita di cui ti sto parlando ha un rendimento variabile, che è legato a quello della gestione separata che fa capo allo stesso gruppo. I rendimenti attesi sono moderati, in linea con il profilo di rischio basso che viene offerto dal prodotto.

Nel 2016 il rendimento dichiarato è stato del 2,15%, nel 2017 è stato dell’1,96%: tuttavia i rendimenti passati non sono indicativi per il futuro.

Il rendimento, che rivaluta il capitale su base annuale, è indicato al netto della commissione di gestione pari all’1,60% su base annua. Per i primi 3 anni il costo di gestione è ridotto, in promozione, all’1,4%.

Se viene riconosciuto agli assicurati, per esempio, il 2% in realtà il rendimento della gestione separata è stato del 3,6%. Al rendimento corrisposto agli assicurati del 2% devi sottrarre la tassazione sulle rendite finanziarie pari al 26%, quindi il tuo rendimento netto ipotetico è dell’1,48%.

Ho provato a fare una simulazione dell’investimento servendomi del preventivatore presente sul sito.

La simulazione si basa su un rendimento annuo del 2% a cui è stato già sottratto il costo di gestione pari all’1,6%.

Non c’è alcuna garanzia sul fatto che questo rendimento possa essere costante: questa polizza non garantisce un interesse minimo.

Trattandosi di un contratto assicurativo, è prevista l’ipotesi di rivalutazione in caso di morte per infortunio o per incidente stradale: anche qui, come tutte le polizze miste, la protezione è veramente irrisoria.

Dobbiamo immaginare di schiantarci in un muro per guadagnare circa 3 mila euro in più: non mi sembra un buon affare, considerando che esistono polizze (c.d. temporanea caso morte) che permettono di assicurarsi un capitale superiore a 100 mila euro con una spesa annua di qualche centinaio di euro.

Il contratto, in questo momento, non mi sembra assolutamente conveniente per un risparmiatore normale: sul mercato ci sono conti deposito che, con un vincolo di massimo 3 anni, pagano almeno il triplo di quello che offre questa polizza.

Ho espresso il mio parere più volte su prodotti di questo tipo, nello specifico puoi leggere:

Possibilità di riscatto totale o parziale

Sicuramente Protetto ti offre due possibilità di riscatto: una totale, che prevede il ritiro totale dei capitali versati e rivalutati, e quella parziale, nel cui caso in cui si ritirino capitali lasciando comunque un monte di almeno 5.000 euro.

Nel secondo caso il contratto continua ad essere operativo alle condizioni che sono state sottoscritte.

La composizione della gestione separata

Il profilo di investimento collegato a questo contratto assicurativo è a basso rischio e prevede:

  • un investimento massimo in obbligazioni del 100%;
  • un investimento in immobili massimo del 40%;
  • un investimento in titoli azionari massimo del 35%;
  • un investimento in altri titoli finanziari del 10%.

I versamenti aggiuntivi

Oltre al premio versato inizialmente, è possibile effettuare in regime di assoluta libertà versamenti aggiuntivi, con il solo limite di un minimo di 2.000 euro, e con un massimo cumulativo di 100.000 euro.

Come sottoscrivere Sicuramente Protetto

Sicuramente Protetto può essere sottoscritto direttamente online, senza la necessità di recarsi in filiale o dal promotore finanziario.

Anche questo rende il prodotto meno costoso degli altri prodotti assicurativi che, generalmente, vengono distribuiti da pesanti reti di vendita composte da tantissimi agenti.

Quello che manca, a mi avviso, è la convenienza: per investimenti più redditizi guarda altrove!

Su Affari Miei c’è una sezione intera dedicata al tema: inizia da qui!

In bocca al lupo!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

2 COMMENTI

  1. Mi è stato detto che con sicuramente protetto posso ritirare la somma versata alla scadenza di un anno ricevendo comunque l’interesse realizzato .
    Mi è stato detto che il capitale che si versa non si rischia di perderlo mai anche prima dei dieci anni.
    Mi è stato detto che in caso che non ci sia nessun rendimento alla fine dell’anno mio capitale
    ( € 50.000 ) diminuisce del costo di gestione del 1,6% o 1,4% ma non ho capito su che somma.
    Grazie per le risposte

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei