Riscatto Polizza Vita Anticipato: Come Chiudere un Contratto Assicurativo Definitivamente

Credo di aver manifestato decine di volte la mia contrarietà agli investimenti assicurativi, soprattutto quando si parla di polizze miste che comprendono di tutto al loro interno e non fanno altro che riempire le tasche delle compagnie di assicurazioni e delle banche.

Ciò nonostante, purtroppo, non sono ancora riuscito a convincere i milioni di italiani che hanno sottoscritto un contratto di questo tipo e cercano ora informazioni sul riscatto anticipato della polizza vita perché vogliono chiudere il rapporto instaurato prima della scadenza.

Riscatto Polizza Vita Anticipato: Forse Puoi Limitare i danni

Voglio essere chiaro con te: non puoi pensare di aver sottoscritto un contratto pieno di vincoli come può essere una polizza vita magari trentennale e poi pensare di uscirtene facilmente, in poco tempo e senza costi / rotture di scatole.

No, non è un tuo diritto a prescindere: esci dalla logica da pollo per cui puoi fare qualsiasi cosa e poi te la fanno passare sempre liscia, non siamo a scuola dove pure se non studiavi alla fine il 6 te lo tiravano dietro davvero.

Siamo nella vita reale ed ogni scelta ha delle conseguenze, belle o brutte che siano.

Fatta la tirata di orecchie, veniamo a noi e cerchiamo di capire come puoi fare per uscirtene prima possibile dal contratto che desideri cessare.

Le penali ammazzano il tuo capitale: puoi perdere tutto!

Chiudere in anticipo una polizza vita non conviene quasi mai: la maggior parte dei prodotti, infatti, prevede penali del 100% nei primi due o tre anni dalla sottoscrizione.

Questa è una forma anche di tutela per la compagnia che cerca di concentrare, nei primi mesi, gran parte dei costi che servono soprattutto per pagare i consulenti e tutta la struttura di vendita.

La prima notizia, dunque, è che se sei nei primi due anni non ti conviene per nessuna ragione al mondo chiudere tutto, ammesso che non sia disposto a perdere tutti i tuoi soldi.

Anche andando su scadenze più lunghe, il problema si pone comunque per due ragioni:

  • Penali: i contratti tendono a prevedere penali fino a 5-10 anni dopo la sottoscrizione, in genere più tempo passa e meno significative sono le penali. In parole povere, se hai versato 10 mila euro e ti viene applicata una penale del 10%, devi tagliare subito 1000€ dal tuo capitale. Sei disposto a sopportare una perdita così consistente?;
  • Valore della polizza inferiore al capitale: questo concetto tecnico è ancora più difficile da spiegare, seguimi bene. Oltre alle penali, infatti, la polizza ha una serie di costi (tecnicamente sul contratto si parla di caricamenti) che soprattutto nei primi anni sono pesanti ed in certi casi arrivano anche al 10%.
    Ciò vuol dire che, per esempio, se al primo anno verso 1000€ in realtà solo 900€ vengono investiti mentre il resto va a ripagare la struttura che ti ha venduto il prodotto. Il valore della tua polizza, dunque, è di 900€.
    Su una durata contrattuale di 30 anni, possono servire anche 10 anni per permettere al valore della polizza di raggiungere il valore del capitale versato grazie all’interesse composto. 10 anni, hai capito bene! Io 10 anni fa stavo facendo la maturità, tu dov’eri? Probabilmente non avevi nemmeno lo smartphone con cui mi stai leggendo adesso…

Finita qui? Macché! Non ho considerato l’ipotesi in cui gli investimenti da te scelti non siano andati bene e ti spiego perché: la maggior parte delle persone sceglie polizze con garanzia del capitale (sic!) alla scadenza che si limitano ad investire in titoli statali o obbligazioni con grado di esposizione bassa. In questa ipotesi, il capitale pesantemente decurtato dai costi di cui ti ho parlato si rivaluterebbe lentamente dell’1-2% annuo e difficilmente in pochi anni riusciresti a compensare le perdite.

Nel caso in cui, ascoltando il consiglio del consulente, tu avessi deciso di investire sul mercato azionario potrebbe andarti ancora peggio: se, per esempio, il ciclo economico tende al ribasso ed il tuo capitale nei primi anni ha subito delle perdite, può essere tendenzialmente ancora più basso il tuo valore di riscatto.

Insomma, chiedere il riscatto anticipato della polizza assicurativa è nella stragrande maggioranza dei casi un bagno di sangue.

Come sbrogliare la matassa senza perdere una barca di soldi?

La soluzione tecnicamente si chiama riduzione e ti consiglio caldamente di non pronunciare questa parola in banca o davanti al tuo assicuratore perché potrebbe avere l’effetto della criptonite su Clark Kent.

La riduzione, che altro non è che lo stop ai pagamenti, è l’unico modo che ti permette di preservare i tuoi soldi perché non va ad interrompere il rapporto ma taglia solo l’afflusso di nuovo capitale.

In pratica non devi più tirar fuori un euro fino al termine del contratto e puoi concentrarti su investimenti più controllabili, con meno vincoli e, soprattutto, con meno costi e vincoli per te.

Ovviamente prima di prendere una decisione del genere è necessario che tu faccia due cose:

  • Acquisire le informazioni per uscirne: ti prego, non inviarmi e-mail con richieste di aiuto come fanno centinaia di utenti ogni mese, non sono un’associazione a difesa dei consumatori. Mi dispiace, non posso rispondere a tutti perché non ho tempo, né posso dirti cosa dovrebbe fare tuo figlio / coniuge / cugino / amico: anche per questo, nel mio corso “100 Mila Euro sul Conto”, ho previsto un documento apposito in cui spiego come uscire rapidamente da un investimento assicurativo limitando i danni al minimo o, in certi casi, escludendoli del tutto. Ho scritto tutto lì, non faccio assistenza individuale;
  • Imparare ad investire seriamente senza delegare agli squali che stanno là fuori: si, se non vuoi più subire scottature del genere devi imparare a curare gli affari tuoi in prima persona. Non serve a niente chiudere una polizza vita per aprirne una con un’altra banca o società di assicurazioni, al 99% finirai in una situazione simile se non peggiore senza risolvere il problema principale, quello della crescita del tuo capitale.

Studia prima di schiantare i tuoi soldi

Il corso “100 Mila Euro sul Conto” è pensato appositamente per te che ti trovi in una situazione di questo tipo: l’ho preparato per evitare di farti finire nelle trappole di banche, assicurazioni e promotori finanziari.

Il mio scopo non è quello di venderti prodotti (anche perché non ne ho, non sono mica una banca?) ma quello di fornirti le giuste armi per combattere la battaglia degli investimenti senza farti affondare dai carri armati delle grandi corporate della finanza che, con lo sportellista amico o il postino che vende polizze, cercano ogni giorno di affondare il tuo futuro.

Con “100 Mila Euro sul Conto” puoi impari a:

  • Gestire i tuoi soldi e risparmiare: ho dedicato il primo capitolo al risparmio perché credo sia lo step più importante della crescita finanziaria;
  • Capire i principali prodotti: se non capisci cosa compri, non puoi decidere consapevolmente. Il secondo capitolo è una carrellata dei prodotti più diffusi che vengono sviscerati in tutte le loro fregature e nei loro pro;
  • Investire come un fuoriclasse: nel terzo capitolo ti spiego il mio METODO per investire e ti fornisco le giuste istruzioni per decidere, da solo, ciò che è meglio per te.

Il corso costa appena 97€, una polizza riscattata malamente ti può far perdere migliaia di euro in 5 minuti: pensaci bene prima di agire senza sapere.

>> Acquista il Corso Subito <<

Conclusioni

Riscattare una polizza vita in anticipo è un’operazione complessa e pericolosa se non si hanno le giuste informazioni.

Io ti consiglio prima di tutto di capire esattamente cosa vuoi fare e perché vuoi farlo perché il rischio più grosso è quello di perdere tantissimi soldi senza risolvere nulla: senza la giusta formazione, infatti, finiresti per commettere gli stessi errori che ti hanno portato a sottoscrivere il contratto dal quale vuoi fuggire.

Io ti ho indicato la strada, sta a te decidere. Auguri!


Segui i miei consigli per investire come un fuoriclasse

>> Acquista il Corso in Offerta <<


mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO