Aprire un Fablab: Fai della Stampante 3D un Business Vincente

I Fablab, laboratori di stampa in 3D, sono una realtà che ormai comincia a diffondersi anche in Italia e magari potrebbe essere proprio la tua prossima opportunità imprenditoriale.

Cosa bisogna fare e quali requisiti dobbiamo possedere per aprire un fablab in piena regola? Qual è il locale ideale per aprire un’impresa di questo tipo? Ci sono delle opportunità per aprire questo tipo di locale in franchising?

In questo articolo ti fornirò una guida dettagliata su tutti i procedimenti da seguire per aprire un laboratorio 3D,  occupandomi anche degli eventuali franchising a cui potresti aderire per avviare un’attività di successo in questo settore in continua espansione.

Che cos’è un fablab? In che cosa consiste questa attività?

Come ho accennato nella breve introduzione, quando parliamo di fablab ci riferiamo ad un locale in cui si effettua la stampa 3D, si tratta di un vero e proprio laboratorio in cui, partendo da un file digitale, vengono fabbricati gli oggetti.

Ciò è reso possibile dalla combinazione di appositi macchinari che vengono mossi in modo automatico dal computer il quale descrive esattamente la forma e le dimensioni dell’oggetto che dobbiamo realizzare.

In pratica, i clienti del fablab avranno la possibilità di sfruttare la nuova tecnologia per poter realizzare la maggior parte dei progetti che hanno in mente, approfittando dell’innovazione dei nuovi software e dei nuovi computer, combinata con la preparazione dell’esperto che li maneggia.

Purtroppo si tratta di laboratori ancora poco diffusi in quanto per saper usare al meglio le stampanti 3D è necessaria una serie di competenze tecniche e grafiche di cui parlerò meglio più avanti.

Uno dei principali vantaggi relativi ai fablab e alla possibilità di stampare in 3D riguarda il fatto che non ci sono dei limiti per l’applicazione di questa tecnologia così avanzata. Si può realizzare qualsiasi cosa, a patto che si parte da un progetto ben definito nei minimi dettagli.

In questo modo, il concetto della stampa in 3D ha aperto un nuovo mondo nel business o meglio, ha dato il via ad una vera e propria era tecnologica in  qualsiasi tipo di settore, lavorativo e non solo.

Per questo motivo credo fermamente che questo ambito lavorativo andrà via via crescendo nel giro di qualche anno e ritengo che, se pensi di aprire un’attività del genere, avrai solo da guadagnarci, a patto che lo farai in modo rigoroso e professionale.

Andiamo quindi a vedere nel corso di questo articolo come dovresti muoverti per dare il via al tuo laboratorio di stampa 3D, sia dal punto di vista burocratico, sia dal punto di vista professionale.

Quali sono i requisiti professionali necessari per aprire un fablab?

A primo impatto, quando pensiamo di aprire un fablab, potrebbe sembrare un’ardua impresa che solo chi possiede le caratteristiche giuste può intraprendere. In realtà non è affatto così, per aprire un fablab, prima di tutto, devi avere una passione per questo settore e per la tecnologia in generale.

La passione, però, non è sufficiente, serve anche la giusta dose di impegno e devi possedere alcune nozioni di base, soprattutto per quanto riguarda le capacità relazionali e gestionali.

Per aprire un fablab valido, che sia in grado di andare a portare i suoi benefici in qualsiasi settore, devi avvalerti anche di collaboratori validi, che si occupano dell’aspetto tecnico degli strumenti o, se sei predisposto, puoi essere tu quel collaboratore esperto.

Un fablab deve essere dotato di attrezzature valide, che ti permettano di realizzare in 3D qualsiasi progetto. Oltre all’attrezzatura di alta qualità, però, devi anche procurarti tutto ciò che ti serve per la stessa fase di progettazione, ossia gli hardware e i software.

In linea di massima, tutta la strumentazione di cui hai bisogno per aprire un piccolo laboratorio di stampa in 3D è riassunta nei seguenti punti:

  • alcune stampanti 3D;
  • i materiali che occorrono per stampare gli oggetti in 3D;
  • hardware e Software per la progettazione degli oggetti che verranno poi stampati in 3D;
  • laser Cutter.

Per procurarti tutta questa attrezzatura, e il locale in cui aprirai la tua attività, dovrai affrontare un investimento di circa 20.000 euro, ma, se pensi al fatto che si tratta di un campo non ancora esplorato in cui c’è pochissima concorrenza, si stima che recupererai tutte le spese nel giro di qualche anno.

Qual è l’iter burocratico da seguire per l’avvio dell’attività?

Così come accade per l’avvio di qualsiasi altro tipo di attività, anche per aprire un laboratorio di stampa 3D, dovrai seguire un iter burocratico ben preciso e, se non hai dimestichezza in questo settore, probabilmente è il caso di affidarsi ad un bravo commercialista.

Come prima cosa, ricordo che, per aprire un negozio di questo tipo, ossia un fablab, non sono necessari dei requisiti particolari che l’imprenditore deve possedere.

E’ sufficiente avere delle ottime capacità imprenditoriali, insieme a quelle relazionali e gestionali che ti permetteranno di muoverti con facilità in questo settore non ancora del tutto esplorato.

Non appena avrai trovato il locale che fa al caso tuo e il personale qualificato di cui avrai bisogno per portare avanti l’attività, allora è arrivato il momento di dedicarsi alle scartoffie.

Uno dei primi passi da fare per portare a termine l’iter burocratico per l’avvio del fablab, è sicuramente quello di aprire la Partita Iva presso l’Agenzia delle Entrate, successivamente dovrai:

Come puoi vedere, si tratta di un percorso piuttosto breve e semplice, ma ricorda di rivolgerti ad un esperto del settore se pensi di poter fare degli errori che prolungherebbero i tempi di attesa per l’apertura del fablab.

Una valida alternativa al Fablab indipendente, sarebbe quella di aderire a delle grandi case madre per il Franchising. Andiamo a vedere più avanti come funziona e quali sono i marchi più famosi.

Franchising Stampanti 3D: i migliori marchi

La diffusione dei negozi che stampano in 3D, anche se non è ancora arrivata a livelli esorbitanti, ha comportato anche la nascita di una rete di franchising che si occupano proprio del fablab.

I vantaggi che trovi se decidi di aderire ad un franchising sono diversi, il primo riguarda sicuramente l’investimento economico che dovrai sostenere, il quale sarà nettamente inferiore rispetto a quanto accadrebbe con un negozio indipendente.

Inoltre, non dimenticare che, se aderisci ad un franchising avrai tutti i vantaggi di iniziare a lavorare con un brand che si è già affermato prima ancora del tuo arrivo.

Tra i marchi più famosi che ti danno la possibilità di entrare in questo settore con un franchising ricordiamo soprattutto i seguenti:

1) EcoJet Shop

EcoJet, più che essere un fablab vero e proprio, si occupa di mettere a disposizione dei validi corsi di formazione per questo settore in via di sviluppo, di vendere le cartucce e qualsiasi servizio che possa servire sia alle aziende sia ai lavoratori privati.

Se decidi di far parte di questo franchising ti verrà data la possibilità di andare ad erogare direttamente i corsi di formazione nel tuo negozio, in pratica diventerai in un certo senso un insegnante di stampa 3D, ovviamente dopo aver frequentato tu stesso i corsi di stampa in 3D presso la EcoJet.

Per aderire a questo franchising è necessario un investimento minimo di circa 8000 euro. 

2) 3Dsubito

Ecco è un altro marchio molto famoso nel settore dei fablab che ha, come tale, lo scopo di produrre oggetti su commissione, con l’ausilio delle stampanti in 3D.

Più precisamente, 3Dsubito ti da la possibilità di allestire il tuo brand come meglio desideri, utilizzando le famose stampanti realizzate da questa azienda e mettendo a tua disposizione un vero e proprio sistema di stampa, con tanto di Hardware e Software aggiornati.

La cifra minima prevista per aderire a questo franchising è di 10.000 euro circa. 

3) 3Ditaly

Ti presento il primo negozio che si occupa di stampe in 3D che è stato aperto sul territorio italiano e che si è affermato praticamente subito grazie all’elevata qualità dei suoi lavori.

Se decidi di aderire a questo franchising, che in realtà è un Social Franchising, la 3Ditaly ti garantirà un affiancamento costante, la possibilità di partecipare a dei corsi di formazione e di approfittare di una fitta campagna di comunicazione.

4) 3D Art Revolution

Infine, ecco un marchio che ha l’obiettivo di creare una fitta rete di servizi per la stampa in 3D, con lo scopo di mettere a tua disposizione una strumentazione eccellente per soddisfare tutte le richieste dei tuoi clienti, dandoti la possibilità di tirare su la tua piccola fabbrica locale.

Per aderire a questo franchising, gli investimenti minimi partono da 22.000 euro circa.

Questi sono solo alcuni dei più famosi negozi di franchising che operano nel settore della stampa in 3D. Non ti resta altro che trovare quello che fa più al caso tuo e approfittare di tutti i vantaggi del franchising stesso.

Caratteristiche del locale adatto ad un fablab

Andiamo adesso ad occuparci, in un certo senso, dell’aspetto più ricreativo della questione: la scelta del locale ideale per aprire un fablab. Si tratta di un passo molto importante che farà la differenza per il nostro successo. Per questo il locale va scelto secondo alcuni criteri.

Infatti, mentre l’arredamento, i prodotti da vendere, l’attrezzatura e tutto il resto, possono essere modificati da un momento all’altro, il locale rimarrà sempre lo stesso, almeno fino al punto in cui non decidiamo di spostarci o di aprire un altro negozio.

Il locale va scelto facendo attenzione ad alcune caratteristiche in particolare, ad esempio quelle citate in seguito:

  • se c’è bisogno di fare dei lavori di ristrutturazione oppure no;
  • se il locale è visibile;
  • se si trova in una zona particolarmente trafficata;
  • se si trova in una zona centrale, di passaggio per chiunque;
  • il costo dell’affitto o dell’acquisto;
  • la presenza di altri negozi simili nei paraggi, o meglio, la concorrenza;
  • la grandezza del locale.

Nel caso in cui ti affidi ad un franchising puoi anche godere del vantaggio di aprire il tuo locale in una zona esclusiva che la casa madre si impegnerà attivamente per trovare, anche se non è sempre così.

Inoltre, nel momento in cui hai scelto il locale in cui aprire il tuo fablab, è il momento di pensare alle avvincenti mosse di marketing che puoi mettere in pratica per farlo conoscere alla tua futura clientela.

Si tratta di un momento molto importante che qualsiasi commerciante deve attraversare. Infatti, pubblicizzare il locale, soprattutto all’inizio, facendo conoscere a tutti i servizi che metterai a disposizione è di fondamentale importanza affinché non passi inosservato.

Per questo motivo, il nostro consiglio è quello di offrire ai tuoi futuri clienti dei prodotti a prezzi allettanti, soprattutto nei primi mesi che succedono l’apertura del fablab.

In questo modo, i vantaggi saranno bidirezionali: tu, come imprenditore, avrai modo di creare la tua clientela, la quale vorrà approfittare delle tue offerte e, allo stesso tempo, verrà a conoscenza dei tuoi prodotti.

Se i prodotti sono di alta qualità puoi essere certo che torneranno anche quando questi non saranno più in offerta!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Scarica Gratis "Mettersi in Proprio - Metodo Affari Miei"
La tua privacy è al sicuro
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO