Investimenti Alternativi, Quali Sono? Convengono?

Stai cercando delle informazioni sugli investimenti alternativi? Vuoi sapere come investire in modo alternativo rispetto alle classiche obbligazioni o azioni?

Oggi cercherò di introdurti nel mondo degli strumenti alternativi: prima di tutto cercheremo di capire quali sono, poi vedremo in quali casi potrebbe essere interessante valutare un investimento alternativo, ma cercheremo anche di vedere quali sono le insidie che si nascondo al loro interno.

Infine troverai anche le mie opinioni sull’argomento.

Se sei pronto, possiamo cominciare!

Cos’è un investimento alternativo?

Si tratta di un investimento che non rientra nelle categorie tradizionali di investimento, quali le azioni, le obbligazioni e gli strumenti del mercato monetario.

È cresciuto nel corso degli ultimi anni l’interesse verso questi strumenti, ed essi interessano soprattutto gli investitori che hanno un patrimonio rilevante o gli investitori istituzionali.

Essi possono essere utili per ottenere una buona diversificazione del portafoglio.

Vediamo nel dettaglio quali sono.

Private Equity

Si tratta di investimenti in aziende non quotate che si trovano in una fase di forte sviluppo.

Solitamente un investitore istituzionale apporta nuovi capitali, ovvero finanzia una società acquistando le sue azioni oppure sottoscrivendone di nuove emissione, e in questo modo apporta nuovi capitali. 

Per valutare poi la performance del private equity viene utilizzato l’IRR (tasso interno di rendimento).

Hedge Funds

Possiamo dire che sono “parenti” dei fondi comuni d’investimento.

Si tratta di veicoli di investimenti che usano molte strategie e tecniche non tradizionali nella gestione, tra cui lo short selling, ovvero le vendite allo scoperto, per massimizzare il rendimento.

Il loro obiettivo è quello di generare dei rendimenti coerenti e di preservare il capitale.

Essi inoltre vengono scelti dagli investitori per diversificare il portafoglio ma anche per ridurre la volatilità.

Cosa li differenzia dai fondi comuni?

Prima di tutto non sono regolati come fondi comuni, e possono investire in una gamma molto più ampia di titoli, nonché in asset e derivati più rischiosi.

Essi utilizzano strumenti e strategie di investimento complesse e sofisticate come ad esempio la compravendita di azioni e di obbligazioni, le vendite allo scoperto, la compravendita di derivati e l’utilizzo della leva finanziaria grazie alla capacità di indebitarsi.

Venture Capital

Sono investimenti in aziende non quotate che si trovano in una fase iniziale e che si stanno sviluppando.

Possiamo dire che il venture capital sia simile al private equity, solo che mentre il private equity ci concentra su società mature, il venture capital investe capitale azionario nelle start-up, ovvero nelle imprese che si trovano in fase embrionale.

Si tratta di un investimento rischioso, che però è in grado di offrire dei tassi di rendimento elevati.

L’investimento in venture capital solitamente investe in idee imprenditoriali che siano particolarmente promettenti, o in aree con alto contenuto di innovazione, o ancora in società caratterizzate dalla presenza di un rischio elevato, poiché non è dato sapere se la società avrà un mercato per i proprio prodotti oppure se l’investitore potrà poi effettivamente recuperare il capitale che investirà.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Asset Reali Alternativi

In questo caso ci riferiamo sia a metalli e pietre preziose, che alle risorse naturali, ma anche agli investimenti nel settore immobiliare.

L’investimento in oro è una pratica molto antica, ed è anche definita la migliore per assicurarsi uno scudo contro l’inflazione e contro le fluttuazioni del mercato.

Si può investire in oro sia acquistando monete d’oro, ma anche in modo indiretto tramite dei fondi settoriali o degli ETF.

Oltre a questi asset, anche l’investimento nel settore immobiliare è uno di quelli che è sempre stato nel cuore degli investitori.

Un modo è sicuramente quello classico di acquistare delle case o dei terreni per poi raccogliere il rendimento tramite la loro locazione o rivendita.

Ci sono poi però anche gli investimenti immobiliari indiretti, ovvero il crowdfunding immobiliare e i fondi di investimento immobiliare.

Oggetti da Collezione

Come ultima opzione ti segnalo anche la possibilità di investire in oggetti da collezione come opere d’arte, orologi, monete, vini rari e auto d’epoca.

Si tratta di asset che si distinguono dalle modalità più classiche di investimento. 

Quali sono i rischi di un investimento alternativo?

Gli investimenti alternativi sono comunque ancora in una fase di evoluzione e, come ti dicevo prima, sono considerati una prerogativa di investitori ben patrimonializzati o istituzionali.

Un primo problema è che si tratta di un mercato di nicchia, quindi ci sono dei volumi di scambi minori rispetto a quelli che possono esserci sui mercati tradizionali, e questo è da identificarsi come un problema di liquidità.

Infatti spesso ci sono periodi di lock-up, ovvero di tempo minimo di investimento, per effettuare degli investimenti in attività illiquide e non facilmente smobilizzabili.

E la sicurezza?

Sappiamo che gli investimenti alternativi sono controllati, però non rientrano nell’ambito di regolazione e sorveglianza della Consob, quindi non esiste un’istituzione che abbia definito delle specifiche norme di settore.

Possiamo quindi dire che si, è un mercato controllato, ma non del tutto regolamentato.

Nel complesso si tratta anche di un mercato più difficile di quello classico, poiché spesso i profili di rischio dei prodotti alternativi sono unici e quindi, prima di investire, occorre davvero capirli bene.

Perché investire in questi strumenti?

Ora che abbiamo analizzato i rischi, cerchiamo di capire i vantaggi di un investimento in questi strumenti alternativi.

Il principale motivo per scegliere questo investimento è quello di diversificare: essi offrono infatti dei vantaggi di diversificazione migliore, e anche dei rendimenti migliori. 

Si tratta di asset in grado di completare gli investimenti tradizionali, poiché quando magari un’azione sottoperforma, un hedge fund può attenuare le perdite di lungo termine.

Non abbiamo ancora parlato della gestione di questi investimenti: essi richiedono naturalmente una gestione attiva dei fondi, in quanto si tratta di attività complesse caratterizzate da elevato rischio e anche da elevata volatilità. 

Proprio per questo motivo una gestione attiva è in grado di offrire maggior controllo e un monitoraggio costante, seguita anche da una ricalibrazione della strategia se ce ne fosse il bisogno.

Per gli investitori ad alto reddito non si tratta di un problema, anzi: in questo modo possono contare su delle competenze di alto livello e su una gestione migliore dei propri investimenti alternativi.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Opinioni di Affari Miei

Ora abbiamo finito di analizzare gli investimenti alternativi nel dettaglio, e che abbiamo visto anche i loro rischi e soprattutto le motivazioni che possono portare un investitore a sceglierli, cercherò di fornirti le mie opinioni a riguardo.

Come abbiamo detto ci sono tanti differenti modi con cui si può investire il denaro, e gli investimenti alternativi sono sicuramente uno strumento ideale per completare il portafoglio e per ottenere un’ulteriore diversificazione.

Essi sono ideali soprattutto in momenti turbolenti del mercato, quando magari un’azione o un’obbligazione sottoperformano, e investimenti di questo genere aiutano il rendimento complessivo del portafoglio.

Si tratta in altre parole di attività de-correlate in grado di offrire ampia esposizione ai mercati.

Non posso dirti se gli investimenti alternativi fanno al caso tuo oppure no, visto che non conosco la tua situazione personale e finanziaria, però posso darti qualche consiglio a riguardo.

Prima di tutto vorrei invitarti, qualora tu decidessi di optare per degli investimenti alternativi, ad affidarti a dei professionisti dell’investimento, poiché si tratta di investimenti davvero complessi e talmente peculiari che non puoi pensare di addentrarti in questo mondo da solo.

Seconda cosa, lo ho già detto ma lo ribadisco: si tratta di investimenti che richiedono un capitale minimo molto corposo, quindi se ti ritrovi per esempio con 50.000 euro, non cercare di andare a diversificare su strumenti alternativi. Essi si rivolgono davvero a clienti molto patrimonializzati, e che hanno anche un orizzonte temporale lungo, visto che sia la volatilità che le perdite risultano essere più alte rispetto alle altre tipologie di investimento.

Terza cosa, metti in conto anche degli elevati costi di gestione, dal momento che ti interfaccerai con professionisti dell’investimento che devono avere delle competenze adeguate per cominciare un percorso di investimento in questi strumenti (certo che se si hanno grandissimi patrimoni, il costo di gestione viene ammortizzato).

Spero di aver chiarito tutti i tuoi dubbi sugli investimenti alternativi, sui loro rischi e sul perchè alcuni investitori li considerano per diversificare il proprio portafoglio.

Prima di salutarti ci tengo a lasciarti alcune risorse che potrebbero esserti utili se vuoi cominciare il tuo percorso di investimento in autonomia:

Buon proseguimento


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.
Categorie: Investimenti

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *