Fondi Eurizon AM SICAV: Guida alle Società di Investimento a Capitale Variabile del Gruppo Intesa San Paolo

Stai cercando informazioni sui fondi Eurizon AM SICAV? Prima di investire ci sono davvero tante cose di cui preoccuparsi e da considerare, per operare una scelta giusta e soprattutto consapevole.

Pramerica SGR è una società di gestione del risparmio del Gruppo Intesa San Paolo.

Il 1 luglio 2021 è avvenuta una fusione tra Pramerica Management Company SA ed Eurizon Capital SA.

In questo modo le soluzioni di investimento di Pramerica sono entrate a fare parte dell’offerta Eurizon.

I fondi prendono la denominazione da Pramerica ad Eurizon AM. Questa fusione mira a valorizzare le migliore competenze delle due società, ad offrire dei servizi innovativi e nuove opportunità di investimento rivolte a soddisfare le esigenze specifiche di ogni cliente.

Nello specifico, visto che ti sto per recensire proprio questi prodotti, alla data di efficacia dell’operazione le sicav assumono la nuova denominazione Eurizon AM SICAV.

Anche la denominazione della SGR muterà: da Pramerica SGR a Eurizon SGR.

In questo modo Eurzion non fa altro che consolidare il suo ruolo di leadership nei fondi comuni per patrimonio gestito sul mercato italiano, e ottiene anche un ruolo primario nel contesto europeo.

Eurizon offre tantissime soluzioni di investimento per la clientela sia privata che istituzionale: fondi comuni, sicav, fondi alternativi e gestioni patrimoniali, e l’offerta dei fondi è molto ampia, tanto che sul sito puoi trovare moltissimi prodotti.

Oggi andiamo a vedere cosa offre la società per quanto riguarda i comparti SICAV, e successivamente ti fornirò la recensione di alcuni di questi fondi.

In ultimo potrai anche leggere le mie opinioni personali sul risparmio gestito in generale e su questi prodotti.

Se sei pronto, possiamo cominciare.

Due parole su Eurizon SGR

Eurizon Capital SGR è la società a cui fa capo la Divisione Asset Management del Gruppo Intesa Sanpaolo.

In oltre 35 anni di storia Eurizon ha raggiunto una posizione di leadership nella gestione dei fondi comuni sul mercato italiano e un ruolo primario nel contesto europeo.

I suoi punti di forza sono una diffusa presenza internazionale e una particolare attenzione verso i temi ambientali, sociali e di governance.

I valori che li contraddistinguono sono eccellenza, passione ed integrità. L’offerta di investimento è molto ampia, come ti dicevo prima: possiedono oltre 1.000 soluzioni di investimento per i propri clienti, per rafforzarne la fiducia e promuovere allo stesso tempo una crescita sostenibile.

Con l’operazione di fusione per incorporazione di cui sopra, nuove competenze vengono ampliate ulteriormente e l’offerta è sempre più pensata per rispondere alle differenti esigenze della clientela.

Cosa sono le SICAV

Le SICAV sono società di investimento a capitale variabile.

Per spiegarti meglio, si tratta di una società per azioni a capitale avente per oggetto esclusivo l’investimento collettivo del patrimonio, che viene raccolto mediante l’offerta al pubblico di proprie azioni.

Se compri delle quote della SICAV allora stai comprando a tutti gli effetti delle quote societarie: la società in questione ha come obiettivo la gestione dei patrimoni che vengono conferiti dagli azionisti.

Se possiedi le quote, allora possiedi i diritti societari di voto e patrimoniali. Quindi se volessi potresti anche partecipare alle assemblee anche se essendo delle società particolari difficilmente capita.

Adesso ti fornisco anche qualche dato storico.

Esse sono state introdotte nell’ordinamento italiano nel 1992 successivamente ad una direttiva europea e attualmente le SICAV quotate italiane vengono regolamentate dal TUF (testo unico della finanza) considerato come principale fonte normativa in ambito finanziario.

Le SICAV solitamente vengono assimilate ad un fondo comune di investimento, dove però l’investitore assume la qualifica di socio della società gerente, e il capitale sociale coincide con il patrimonio amministrato.

La differenza principale che ti riguarda più da vicino però è questa: nei fondi comuni d’investimento la società di gestione è completamente separata dal fondo stesso, mentre nel caso della SICAV no, e quindi in caso di fallimento della società di gestione, il patrimonio potrebbe venire attaccato dai creditori.

Le SICAV inoltre sono organismi di tipo “aperto”: ciò vuol dire che un investitore può sempre sottoscrivere nuove azioni oppure chiedere il rimborso delle stesse.

I migliori fondi SICAV

Adesso passo ad analizzare alcuni dei fondi SICAV che la società Eurizon ha nella sua offerta per i clienti.

Eurizon AM SICAV – Absolute Return Moderate ESG D

Il Comparto è un comparto flessibile che mira a ottenere una crescita del capitale nel lungo termine. La strategia “absolute return” si fonda su criteri ESG.

Il Comparto investirà prevalentemente in strumenti obbligazionari e monetari a tasso fisso e variabile, emessi o garantiti da governi, società, agenzie regionali, enti sovranazionali o altre entità, prendendo in considerazione i criteri ESG.

La suddivisione degli investimenti è così definita:

  • Fino al 30% delle attività nette in obbligazioni a tasso fisso e variabile con rating “sub-investment grade” e obbligazioni prive di rating
  • Nessun investimento in titoli di società in crisi o in default;
  • Fino al 25% delle attività nette in titoli azionari su mercati regolamentati senza restrizioni in termini di area geografica, settore di attività dell’emittente e valuta;
  • Fino al 20% delle attività nette in depositi bancari e/o strumenti del mercato monetario.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato a febbraio del 2020.

A causa dello stile di investimento dinamico, il comparto non ha un benchmark.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 3 in una scala che va da 1 a 7, quindi siamo parlando di un rischio medio-basso.

Le spese di gestione ammontano al 2,19% annuo, e la spesa di sottoscrizione è di massimo il 4%.

Non abbiamo ancora dati sufficienti che forniscano informazioni sui rendimenti passati.

Eurizon AM SICAV – Absolute Return Moderate ESG F

Il Comparto è un comparto flessibile che mira a ottenere una crescita del capitale nel lungo termine. La strategia “absolute return” del Comparto si fonda su criteri ESG.

Il Comparto investirà prevalentemente in strumenti obbligazionari e monetari a tasso fisso e variabile, emessi o garantiti da governi, società, agenzie regionali, enti sovranazionali o altre entità, prendendo in considerazione i criteri ESG.

Il Comparto può investire fino al 30% delle attività nette in obbligazioni a tasso fisso e variabile con rating “sub-investment grade” e obbligazioni prive di rating, mentre non investe in titoli di società in crisi o in default. Esso inoltre può investire fino al 25% delle attività nette in titoli azionari su mercati regolamentati senza restrizioni geografiche, settoriali o di valuta, e fino al 20% delle attività nette in depositi bancari e/o strumenti del mercato monetario.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato a febbraio del 2020.

A causa dello stile di investimento dinamico, il comparto non ha un benchmark.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 3 in una scala che va da 1 a 7, quindi stiamo parlando di un rischio medio-basso.

Le spese di gestione ammontano al 2,25% annuo, e la spesa di sottoscrizione non è prevista.

Non abbiamo ancora dati sufficienti che forniscano informazioni sui rendimenti passati.

Eurizon AM SICAV – Clean Water D

Il Comparto è un comparto azionario globale che adotta uno stile di gestione attivo e persegue un obiettivo di crescita del capitale a lungo termine.

Il Comparto investirà in questo modo:

  • il 70% del suo patrimonio netto in titoli azionari di società che operano nel settore idrico senza limiti geografici o valutari (vengono favorite società che operano nella gestione di risorse idriche e che offrono prodotti, tecnologie, soluzioni e servizi volti a migliorare lo sfruttamento, l’efficienza e la qualità dell’acqua).
  • fino al 30% del suo patrimonio netto in titoli azionari senza limiti in termini di settore, valuta e area geografica.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato a novembre 2019.

Il benchmark del Comparto è così composto:

  • 90% S&P Global Water
  • 10% ICE BofAML Euro Treasury Bill Index.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 6 in una scala che va da 1 a 7, quindi stiamo parlando di un rischio molto elevato.

Le spese di gestione ammontano al 2,82% annuo, e la spesa di sottoscrizione è pari al massimo al 4%.

I dati sul rendimento passato ci dicono che la SICAV ha sottostimato il benchmark di riferimento, con un 4,1% contro un 6,4%.

Eurizon AM SICAV – Emerging Market Bond P

Il Comparto mira ad ottenere un rendimento combinando il reddito corrente con un apprezzamento del capitale.

Il Comparto investirà almeno l’80% del proprio patrimonio in valute e in titoli a reddito fisso denominati in valute locali di paesi in mercati emergenti. Il Comparto può investire in strumenti derivati quali contratti a termine, opzioni, futures o swap, denominati in qualsiasi valuta. I titoli a reddito fisso del Comparto possono comprendere obbligazioni, titoli di debito e altri strumenti simili emessi da diversi enti pubblici o privati statunitensi e non statunitensi.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato ad aprile 2011.

Il benchmark del Comparto è 100% JPM GBI-EM Global Diversified Index.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 4 in una scala che va da 1 a 7, quindi stiamo parlando di un rischio medio.

Le spese di gestione ammontano all’1,74% annuo, e la spesa di sottoscrizione non è prevista.

I dati sul rendimento passato ci dicono che la SICAV ha sottostimato il benchmark di riferimento.

Eurizon AM SICAV – Focus Italia R

L’obiettivo del Comparto è fornire un rendimento in Euro stabile e costante agli investitori con un orizzonte d’investimento a medio termine.

Il Comparto investirà prevalentemente in strumenti del mercato monetario, titoli di debito a tasso fisso e variabile emessi o garantiti da governi, enti locali, enti sovranazionali o altri enti o società prevalentemente da enti italiani. Il Comparto potrà investire in strumenti derivati, negoziati su mercati regolamentati o over-the-counter, senza alcun limite in termini di attività sottostante, area geografica o valuta. Il Comparto può investire nei suddetti strumenti finanziari emessi da enti di altri paesi dell’UE.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato nel mese di maggio 2012.

Il benchmark del Comparto è ICE BofAML 1-10 Year Italy Government Index”.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 3 in una scala che va da 1 a 7, quindi stiamo parlando di un rischio medio-basso.

Le spese di gestione ammontano all’1,29% annuo, e la spesa di sottoscrizione è di massimo il 4%.

I dati sul rendimento passato ci dicono che la SICAV nell’anno 2016 ha praticamente eguagliato il benchmark di riferimento, facendo lo 0,9% contro l’1% del benchmark.

Eurizon AM SICAV – Income Opportunities C

Il Comparto mira ad una crescita del capitale nel lungo termine, concentrandosi prevalentemente su investimenti e strategie in derivati in grado di generare reddito.

Il Comparto può investire fino al 100% del totale delle attività in strumenti finanziari obbligazionari e monetari a tasso fisso e variabile, emessi o garantiti da Governi, società, agenzie regionali, sovranazionali o altre entità con merito creditizio anche “sub-investment grade” .

La durata media finanziaria (duration) della componente obbligazionaria del fondo non supererà i 10 anni.

La SICAV è stata costituita a marzo 1991, mentre il comparto è stato lanciato nel mese di luglio 2015.

A causa dello stile di investimento dinamico, il Comparto non ha alcun benchmark.

Questo è inoltre un comparto a distribuzione.

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 4 in una scala che va da 1 a 7, quindi parliamo di un rischio medio.

Le spese di gestione ammontano all’1,99% annuo, e la spesa di sottoscrizione è di massimo il 4%.

I dati sul rendimento passato ci dicono che nel 2019 il fondo ha fatto un 5,6%, mentre nel 2020 un 2,9%.

I fondi SICAV sono rischiosi? 

Ora che abbiamo capito cosa sono, e ti ho illustrato diversi fondi del tipo, possiamo cercare di capire insieme se si tratta di un investimento rischioso.

Il profilo di rischio ci aiuta molto in questo: come abbiamo visto i fondi presi in esame presentavano dei profili di rischio differenti, quindi possiamo imbatterci in SICAV molto rischiose oppure in SICAV che presentano un rischio più basso tipico del rischio dei fondi obbligazionari.

Una cosa che devi tenere ben presente è che il capitale non è garantito, quindi potresti perderlo, e soprattutto leggi bene il KIID e tutta la relativa documentazione sul fondo che ti interessa.

Opinioni di Affari Miei

Come sempre siamo arrivati al momento delle conclusioni.

Le SICAV sono uno strumento di risparmio gestito, ed esso funziona grosso modo come un fondo comune di investimento.

Come hai potuto vedere però presentano dei costi molto elevati di gestione annua, e inoltre hanno commissioni di incentivo, e spesso anche commissioni una tantum per l’acquisto e la cessione dei titoli, senza dimenticare le spese di sottoscrizione.

Questi costi impattano sui rendimenti in modo molto pesante.

Personalmente non mi sento di consigliarti di investire in questi strumenti (posto che la decisione finale spetta naturalmente a te) però non penso che si possa trattare di uno strumento così buono.

Oltre i costi elevati, considera anche i vincoli e la poca possibilità di decidere sul tuo patrimonio e sul tuo investimento.

Se vuoi un consiglio, formati il più possibile e considera ad esempio gli ETF, fondi a gestione passiva che investono in moltissimi settori e soprattutto sono in grado di fornire delle commissioni molto più basse e di conseguenza i rendimenti saranno anche più elevati.

Se ti ho incuriosito su questo argomento e vuoi approfondire, allora puoi leggere queste guide:

Naturalmente, se vuoi investire in questi strumenti  la scelta giusta non esiste, ma “dipende”; dunque non fraintendere le mie parole, non sconsiglio la gestione attiva o quella passiva a priori.

Quello che voglio dire, quando prendi in considerazione dei fondi (che siano Eurizon o di qualsiasi altro gruppo), è che devi essere consapevole del modo in cui i tuoi risparmi saranno investiti e le gestioni attive a me non piacciono, motivo per il quale non vi ho mai investito, per le ragioni che ti ho illustrato in questo articolo e nelle altre pagine che ti invito a consultare.

Se hai qualche minuto da dedicarmi, poi, puoi scaricare gratis il video report sui Fondi Comuni di Investimento in cui ti spiego come funzionano nel dettaglio.

Conclusioni

Se ti senti confuso circa gli investimenti, sappi che questo articolo potrebbe rappresentare solo uno tra i tanti che puoi consultare.

Se sei all’inizio del tuo percorso, puoi iniziare dai seguenti contenuti:

Buon proseguimento su Affari Miei!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *