Comprare Casa in Croazia, Cosa Bisogna Sapere? Guida agli Investimenti Immobiliari

Se sei capitato su questa pagina probabilmente vuoi comprare casa in Croazia e stai cercando informazioni sul mercato immobiliare croato, magari perché ti sei innamorato di questo piccolo Stato dei Balcani bagnato dal Mare Adriatico e vuoi fare un investimento per il tuo futuro.

Ma forse il motivo reale è che hai semplicemente sentito dire che conviene comprare casa in Croazia, perché c’è turismo e perché i prezzi sono più bassi.

Quella che, nell’immaginario comune, è da sempre una meta ambita per le vacanze – mare azzurro, buon cibo e affitti a prezzi abbordabili – da tempo rappresenta per molti italiani una terra di ben altre opportunità: un paese dove investire, dove aprire attività commerciali, dove cercare lavoro e rifarsi una vita, dove godere appieno la pensione e dove comprare casa a prezzi modici.

Un abbaglio? Dipende. Avendo la Croazia un’economia giovane e in crescita, ed essendo molto turistica, è normale che offra delle opportunità a chi le sa cogliere – diversi italiani (imprenditori, famiglie, pensionati, giovani disoccupati) hanno trovato in questa terra una valida alternativa all’Italia in momenti in cui il nostro paese non aveva molto da offrire.

Non bisogna però generalizzare, l’acquisto di un immobile è un investimento che richiede denaro, tempo e pianificazione, soprattutto se ci troviamo in un paese estero con leggi proprie e un mercato con caratteristiche peculiari. Puoi affermare di sapere tutto quello che occorre per poter comprare casa in Croazia?

Ho scritto questa guida (che ti consiglio di leggere) per aiutare te e chiunque altro ad approcciare con la dovuta consapevolezza un investimento nel vicino Paese.

Non intendo sostituirmi ad un’agenzia immobiliare ma ti darò alcune informazioni importanti: costi delle case, tasse da pagare, dettagli burocratici e molti consigli su come valutare la convenienza dell’acquisto.

Cominciamo!

Perché comprare casa in Croazia

Quali sono le motivazioni e i vantaggi di fare un acquisto così importante (e spesso decisivo) proprio in Croazia?

I motivi che spingono gli italiani (e non solo loro) a cercare casa in questo bellissimo paese sono principalmente 3 o 4:

  • Per trascorrervi le vacanze o brevi periodi all’anno;
  • Per un trasferimento permanente, causa lavoro o per ragioni differenti;
  • Per avere una rendita affittando ai turisti e/o residenti del posto.

Un paese preso d’assalto dal turismo

La Croazia è notoriamente una meta turistica di pregio grazie alla sua bellezza e conformazione geografica molto varia: mare, spiagge e pinete, scogliere e numerose isole, montagne, laghi e foreste ecc.

Il clima è mite, il cibo è buono e il patrimonio artistico, storico e culturale è di grande importanza, tanto che molti siti e tradizioni locali sono protetti dall’Unesco.

Ma soprattutto, la Croazia è vicinissima all’Italia, alla nostra storia e cultura mediterranea. È facile da raggiungere via mare, in aereo e anche via terra con una spesa non eccessiva. Probabilmente tutti ci siamo stati in vacanza almeno una volta nella vita, quindi possiamo dire di conoscerla un pochino.

Del resto il turismo gioca un ruolo importantissimo nell’economia del Paese e rappresenta un’opportunità di lavoro stagionale e di investimento non da poco.

Alcune località più famose sulla costa e sulle isole principali sono ormai sature di hotel, case vacanze e ristoranti, e gli abitanti stanno patendo le conseguenze negative del turismo di massa… ma ci sono ancora molti posti meravigliosi da riscoprire e valorizzare, dove è possibile investire.

Un ulteriore aspetto vantaggioso è la lingua. Parlare il croato non è come parlare l’italiano ma, nelle località più turistiche, è semplice farsi capire dagli abitanti del luogo – i croati che hanno a che fare costantemente con gli stranieri per lavoro conoscono facilmente anche l’italiano e l’inglese. Inoltre, in alcune parti della Regione dell’Istria esistono situazioni di bilinguismo croato-italiano.

Costo della vita inferiore, è ancora così?

La Croazia è famosa per avere un costo della vita più basso rispetto all’Italia, e sono considerati mediamente più economici anche i prezzi degli affitti e delle case in vendita. Ma la situazione è ancora così?

Da quando la Repubblica di Croazia è diventata membro dell’Unione Europea nel 2013, i prezzi medi dei beni di consumo hanno iniziato ad allinearsi a quelli degli altri Stati membri. Nelle zone più gettonate è facile trovare gli stessi prezzi che troveresti in una qualsiasi località molto turistica italiana.

Occorre fare una distinzione tra i prezzi per i turisti nelle località di mare (dove ci marciano un po’) e le spese mensili di un normale abitante del luogo. In media i prezzi sono molto più bassi verso l’interno e in zone meno richieste: il centro di Zagabria è sicuramente più caro rispetto alla periferia della stessa città.

L’impressione complessiva è che la vita in Croazia continua a costare un po’ meno che non in Italia, ma per avere un quadro aggiornato dei prezzi è consigliabile fare un giro sul posto o magari chiedere un riscontro agli italiani che già vivono e lavorano lì, tramite siti e forum a tema.

Comunque, entro il 2023, la Croazia dovrebbe entrare nell’Euro (per ora la moneta ufficiale è la Kuna), questo porterà sicuramente molti benefici al turismo, che già domina il settore dei servizi, ma bisognerà vedere quali altri cambiamenti apporterà all’economia e ai consumi.

Paradiso fiscale?

Un altro vantaggio della Croazia è la minore pressione fiscale rispetto a quella a cui siamo abituati in Italia.

Difatti la Croazia sarebbe presa di mira da numerosi pensionati italiani (ma bisognerebbe avere i dati alla mano) interessati a beneficiare di una detassazione sull’assegno pensionistico che, essendo medio-basso, non permetterebbe loro di condurre una vita dignitosa in Italia.

In effetti la Croazia è un buon posto in cui trascorrere la vecchiaia: è un paese con una situazione interna piuttosto stabile e dove le cure mediche sono di buon livello e, in alcuni casi, costano meno (pensiamo al fenomeno del turismo delle cure dentali).

I vantaggi di un trasferimento ci sono anche per i giovani: si trovano più facilmente delle opportunità di lavoro, sia nel turismo che in molti settori dell’industria, perché il Paese sta attraversando la sua fase di crescita economica quindi ha una situazione interna meno statica e meno satura.

Diversi imprenditori e giovani lavoratori in cerca di stabilità economica hanno trovato proprio oltremare buone opportunità di investimento e di occupazione. Grazie alla minore pressione fiscale e a una serie di agevolazioni e incentivi sulle assunzioni la nascita e crescita delle piccole e medie imprese è fortemente avvantaggiata.

Detto ciò, non bisogna cadere nell’errore di credere che questo paese sia un paradiso fiscale dove tutto costa poco. In Croazia non ti arricchisci, gli stipendi medi sono proporzionati al costo più basso della vita, ma se apri il business giusto e lavori sodo puoi vivere bene e con meno difficoltà e meno tasse che non restando in Italia.

Trasferirsi in Croazia, meglio comprare o stare in affitto?

Nonostante tutti gli aspetti vantaggiosi che abbiamo appena visto e che motivano la scelta di fare un investimento immobiliare in Croazia, non significa che acquistare casa sia sempre la soluzione migliore o l’unica possibile…

Se nelle proprie intenzioni c’è solo il trasferimento stagionale o permanente, e non il guadagno, diciamo che l’acquisto dell’immobile non è per forza un passo necessario. Si può vivere in Croazia anche pagando un affitto.

Comprare un immobile, vista la situazione incerta del mercato, rimane sempre un passo azzardato. Bisogna valutare bene i pro e i contro del fare un grosso investimento e di mettersi a pagare un mutuo all’estero.

Ha davvero senso comprare? Quanto tempo intendi realmente fermarti nel Paese ospitante?

  1. Vuoi viverci saltuariamente?
  2. Vuoi fermarti solo per alcuni anni finché non hai raggiunto una certa stabilità o finché non sei troppo vecchio per poter stare lontano dalla tua famiglia?
  3. Vuoi stabilirti per sempre?

Cerca di rispondere a queste domande onestamente…

In genere chi si trasferisce in Croazia preferisce stare in affitto: è possibile trovare case a prezzi accessibili cercando di evitare le zone più care e quindi quelle maggiormente turistiche.

Puoi immaginare che la forbice di prezzi è molto ampia: l’affitto mensile medio per un appartamento è sotto i 400 euro.

I prezzi partono dai 200 euro al mese e superano anche i 500 euro in base al tipo di immobile (casa per le vacanze, appartamento in città, villa sul mare), alle sue caratteristiche (metratura, numero di stanze, parcheggio incluso), al luogo in cui si trova e alla sua posizione (in centro, in periferia, sul mare ecc.).

Fare una ricerca dei prezzi sul posto è fondamentale.

Comprare per mettere in locazione

Altro discorso: l’acquisto è “inevitabile” se invece l’intenzione è quella di mettere un appartamento o una casa in affitto per avere una rendita economica. Si può affittare ai turisti durante la stagione estiva oppure ai lavoratori e residenti tutto l’anno.

Sicuramente gli affari migliori si possono fare nel settore turistico sfruttando il forte richiamo che esercitano alcune zone costiere e molte isole della Croazia, senza dimenticare alcune località dell’entroterra e la capitale Zagabria. Si calcola che ogni anno arrivano nel Pase circa 10 milioni di turisti.

Ma per l’appunto, questa non è l’unica opzione. Si può affittare anche ai lavoratori che vivono stagionalmente o per tutto l’anno nel Paese, sia nelle zone costiere che nelle città principali, dove ci sono più servizi e opportunità di lavoro e studio. Sta a te capire su cosa vuoi puntare.

Situazione del mercato immobiliare

I prezzi di vendita degli immobili in Croazia sono leggermente più bassi rispetto ai prezzi Italiani, soprattutto se paragonati a certe città come Milano e Roma e alle principali località turistiche del nostro paese.

Dopo il calo drammatico a cui abbiamo assistito negli ultimi anni, anche in Croazia i prezzi hanno ricominciato a salire, sebbene non in modo vistoso. È ancora un buon momento per acquistare, perché siamo ben lontani dai prezzi pre-crisi, ma se la tendenza di crescita continuerà, in futuro il valore dell’immobile potrebbe essere molto maggiore.

Ma quanto costa mediamente comprare casa in Croazia? In generale è possibile acquistare un immobile in una fascia di prezzo che oscilla tra 1.000 e 2.500 euro al metro quadro, a seconda della regione, della vicinanza al mare o al centro di una città, e del livello dell’immobile.

Naturalmente è possibile trovare appartamenti a molto meno ma anche trovare prezzi decisamente superiori quando si tratta di case di qualità medio-alta: da 2.500 a 3.000 euro al metro quadro. Le ville, le case indipendenti e gli immobili di lusso, soprattutto se in zone molto gettonate, sfiorano e superano anche i 4.000 euro al metro quadro.

Quindi la fascia di prezzi è abbastanza “larga” e “flessibile”, ciò è un vantaggio perché è realistico immaginare di trovare la zona e il tipo di immobile in linea con il proprio budget.

Quale immobile acquistare?

Dipende, soprattutto dal tuo budget e dai tuoi progetti. Il tipo di casa più facile da affittare, un po’ ovunque, è sicuramente l’appartamento – monolocale, bilocale o trilocale; è comodo per le famiglie in vacanza, per i lavoratori e per i pensionati che si trasferiscono al mare.

Le condizioni generali dell’appartamento, la presenza di un terrazzo con vista mare, di un parcheggio privato, dell’ascensore e del sistema di climatizzazione aiutano ad aumentarne il valore.

In media, un appartamento in località turistica può essere affittato per 30, 40, 50 euro al giorno durante l’alta stagione, in modo che possa rendere alcune migliaia di euro all’anno.

Le case indipendenti, le ville e le abitazioni di lusso richiedono per forza di cose un investimento in denaro molto più consistente e anche lavori (eventuali) di restauro e di manutenzione più importanti. Una villa sul mare permette una rendita maggiore ma ci si può rivolgere solo ad un certo tipo di clientela benestante.

Sulla costa adriatica sono numerose anche le vecchie case in pietra da ristrutturare e che sono messe in vendita a prezzi ragionevolmente più bassi.

Questa categoria di immobili ha un fascino rustico e negli anni recenti è stata presa di mira dagli investitori stranieri con l’intenzione di ricavarci delle strutture ricettive. Anche questo rappresenta un investimento considerevole.

Oltre al tipo di immobile è molto importante la posizione: un appartamento in una località “calda”, con vista mare anche se non a ridosso della spiaggia, ha sicuramente un richiamo maggiore e può essere affittato ad un prezzo più alto.

La località incide moltissimo sul costo delle case, confrontando due immobili di stessa metratura e medesima qualità ma situati in due posti diversi è possibile che abbiamo una differenza di costo molto marcata.

Se cerchi un appartamento ad un costo davvero conveniente devi essere disposto ad allontanarti un po’ dalle zone più care e magari accettare di comprare una casa da rinnovare.

Dove è meglio comprare: un quadro generale dei prezzi zona per zona

La Croazia non è uno Stato eccessivamente grande ma visto sulla cartina potrebbe trarre in inganno e sembrare più piccolo di quel che è.

Nella realtà comprende una fascia di costa stretta e lunga svariati chilometri, più di mille isole e un’ampia area che si sviluppa nell’entroterra ma che è meno conosciuta.

Da un capo all’altro del Paese è possibile trovare immobili in vendita a prezzi molto diversi.

Le zone più costose, dove è possibile fare affari con gli affitti, sono: l’Istria, le isole più grandi e turistiche, la capitale Zagabria nella Croazia continentale, la Dalmazia e in particolare Dubrovnik (Ragusa), capoluogo della Regione raguseo-narentana, che è in assoluto la località con i prezzi più alti.

Di seguito ti propongo una carrellata di prezzi zona per zona. Sono da “prendere con le pinze” poiché si basano su stime approssimative, da verificare sul posto.

(Fonte per i prezzi: www.realestatecroatia.com)

Comprare casa in Croazia? Inizia dall’Istria

L’Istria croata è la Regione costiera più settentrionale del Paese, è vicinissima a Trieste e alla nostra costa, ed è anche la regione con l’industria turistica più sviluppata poiché molte località di richiamo si trovano proprio in questo piccolo triangolo di terra peninsulare.

Tra le destinazioni principali ci sono le città e comuni della costa occidentale: Umago, Cittanova, Parenzo, Orsera, Rovigno, Fasana, Pola, Premantura e Medolino. Ben servite dai trasporti, ricche di servizi, alloggi e attrazioni naturali e non.

La costa orientale, più frastagliata e meno assalita dai turisti, può rivelarsi una striscia di terra interessante, non ci sono grandi porti ma piccoli paesi poco distanti dal mare o sulla costa e immersi nella natura.

L’Istria centrale è collinare e caratterizzata da piccoli borghi medievali molto caratteristici.

I prezzi in Istria sono maggiori sulla costa occidentale, la località più cara è Rovigno, diventata negli anni una destinazione di lusso – la media per un appartamento è di 2.800 euro al metro quadro. Le altre località vicine hanno prezzi che oscillano tra i 2.000 e i 2.500 euro al metro quadro.

A Parenzo il costo medio per un appartamento in vendita è di 2.100 €/m², mentre a Pola, il principale centro culturale ed economico della Regione (servito da un vicino aeroporto), ha prezzi medi anche più bassi: 1.700 €/m².

Per prezzi ancora inferiori occorre spostarsi sull’altra costa o addentrarsi nell’entroterra, in questo modo si possono trovare immobili ad un prezzo per metro quadro sotto i 1.000 euro. Chiaramente più l’immobile è grande, e nuovo, e ben situato, più il prezzo tende a lievitare.

Quarnaro e le isole

Il Quarnaro è la Regione che si affaccia sul golfo omonimo e comprende il tratto di costa che va dalla città di Abbazia (Opatija) fino al canale del Velebit, e include la città di Fiume (la terza più grande della Croazia).

Della Regione del Quarnaro fanno parte alcune delle isole più belle della Croazia: Krk, Rab, Cres e Lussino, importanti località turistiche e tutte collegate alla terraferma da traghetti e anche da ponti. Le isole si popolano soprattutto d’estate mentre alcune sono parzialmente disabitate durante il resto dell’anno.

In questa regione i prezzi medi tendono ad essere più bassi rispetto all’Istria – indicativamente, 2.200 euro per metro quadro, parlando di appartamenti.

In realtà la forbice di prezzi è decisamente ampia: parte da un minimo di 600 €/m² nelle zone meno gettonate, per arrivare fino a 3.100 €/m² se la casa è situata nella città di Abbazia, la più cara del Quarnaro. La zona circostante, fatta di spiagge molto apprezzate, ha una variabilità di prezzi al di sopra dei 2.000 €/m².

Gli immobili nell’area urbana di Fiume hanno un costo più moderato, tra 1.100 e massimo 2.400 euro per metro quadro, in base alla posizione.

In genere Fiume non è la meta finale per chi transita da quelle parti, ma si tratta di un centro abitativo, culturale ed economico molto importante che può essere ideale per un investimento, anche vista la sua posizione strategica.

Le isole hanno prezzi medi che vanno dai 1.000 ai 2.800 euro per metro quadro, la più cara è quella di Krk. Sono isole abbastanza grandi perciò non aspettarti di trovare prezzi uguali in tutti i tratti di costa.

Regione di Zagabria e Capitale

Nella Croazia continentale le zone più interessanti per un investimento immobiliare sono la capitale Zagabria, che da sola rappresenta una Regione, e l’area urbana circostante, che costituisce la Regione di Zagabria.

Da qui è possibile raggiungere facilmente ogni punto del Paese, inclusi diversi Parchi Nazionali e altre bellezze naturali meno conosciute e interessate da un turismo di nicchia.

Zagabria è visitata tutto l’anno essendo una città ricca di storia e di cultura. È anche il principale centro politico, finanziario ed economico del Paese, punto favorevole per scambi commerciali e per il proliferare delle industrie, nonché sede di diverse università e musei. Le opportunità di lavoro e per fare affari non mancano.

Il prezzo degli appartamenti ha registrato una rapida crescita nell’ultimo anno: si aggira sui 2.100 euro per metro quadro. Trattandosi di una grande città è possibile trovare prezzi di tutti i livelli (dai 1.500 ai 2.500 €/m²).

Nell’area circostante i prezzi sono più bassi (una media di 1.300 €/m²) e tendono a scendere man mano che ci si allontana dalla capitale, ciò è dovuto al fatto che la Croazia continentale è meno colpita dal turismo e quindi offre meno opportunità di rendita nel settore immobiliare.

Costa centrale 

La costa centrale della Croazia è una popolare meta turistica, con spiagge bellissime e località molto famose, ad esempio la città di Zara; nell’entroterra troviamo diversi parchi naturali.

Davanti alla costa e a nord di Zara c’è l’isola di Pag (Pago), importante per il turismo grazie a Novaglia, capitale della movida giovanile. Più a Sud è invece situata l’Isola Lunga, bellissima e bagnata da un mare azzurrissimo.

Vediamo velocemente i prezzi di questo tratto di costa: a Zara e dintorni il prezzo medio richiesto per gli appartamenti è di 2.380 euro al metro quadro, prezzo a salire verso il centro e le zone costiere più gettonate.

Si possono trovare immobili sugli 800 €/m² nei paesi dell’interno.

I prezzi più alti si trovano sull’Isola Lunga: 4.000 €/m² a salire se si tratta di ville. Mentre sull’isola di Pag abbiamo costi più ragionevoli: da 1.700 a 2.900 €/m². Anche qui la forbice di prezzi è piuttosto ampia.

Dalmazia

La Dalmazia comprende una lingua di costa lunghissima che va da Zara fino a Dubrovnik, tanto che viene suddivisa in Dalmazia Settentrionale, Dalmazia Centrale e Dalmazia Meridionale.

Andando verso sud si trova terreno fertile per gli investimenti perché i turisti qui non mancano, ma è anche possibile trovare luoghi piacevoli e tranquilli in cui vivere, sia sul Continente che sulle numerose isole – le più grandi sono Brac e Hvar.

La città principale della Dalmazia è Spalato, centro amministrativo ed economico della regione e porto principale. Il prezzi medi degli immobili riprendono a salire, soprattutto man mano che ci si avvicina al centro e alle spiagge più frequentate, ad esempio quella di Znjan.

Un appartamento può costare 3.200 euro al metro quadro, ma è possibile trovare anche prezzi nettamente più bassi, sotto i 1.000 euro. Una forbice di prezzi molto simile la si trova anche sulle isole, anche se tendono ad essere mediamente più costose, è più difficile scendere sotto i 1.500 euro per metro quadro.

Dubrovnik

La Dalmazia Meridionale comprende una sottile striscia di terra che si assottiglia verso la fine e che è separata dal resto del Paese da un breve tratto costiero appartenente alla Bosnia ed Erzegovina.

Il maggior centro turistico della Dalmazia Meridionale è Dubrovnik (Ragusa), una delle città storiche più famose e belle al mondo, sito Patrimonio dell’Unesco.

Qui si trovano le case vacanza e le ville di lusso più costose, sia nel centro storico che affacciate sulla costa. I prezzi degli appartamenti si aggirano sui 3.300 – 3.500 euro al metro quadro; è certamente possibile trovare qualcosa a meno ma solo a patto di spostarsi.

A nord di Ragusa si trova la stretta penisola di Sabbioncello, caratterizzata da una serie di piccoli villaggi. La zona ha molto da offrire e i prezzi medi sono più bassi: 2.000 €/m². Fa parte della Dalmazia Meridionale anche l’isola di Korcula, una delle isole più densamente popolare dell’Adriatico, con prezzi medi tra 1.700 e 3.200 euro al metro quadro.

Riassumendo…

Se si vuole investire in luoghi che hanno potenziale economico bisogna puntare alla costa, alle isole o all’area intorno alla Capitale. La forbice di prezzi è ovunque molto ampia, quindi è possibile sfruttare al meglio il proprio capitale.

Il ragionamento è un po’ diverso se si cerca casa per abitarla. In quel caso si è vincolati alle opportunità di lavoro che si trovano o ai propri desideri (magari ti sei innamorato di un certo borgo sul mare e vuoi vivere proprio lì).

Anche in questo caso, scendendo a compromessi, è possibile trovare la sistemazione più adatta alle proprie esigenze e tasche – valutando se non sia meglio restare in affitto.

Cose da sapere sull’acquisto in Croazia

Dopo aver visto i prezzi medi delle case in vendita, passiamo alle questioni più burocratiche, nozioni che occorre sapere se si vuole comprare casa in Croazia.

Anzitutto, devi sapere che i cittadini stranieri dell’Unione Europea possono acquistare un immobile in Croazia ma con alcune limitazioni:

  • Noi non possiamo comprare casa in determinate zone di rilevante interesse artistico, paesaggistico o culturale, ad esempio non possiamo acquistare immobili situati nei parchi naturali;
  • Non possiamo acquistare terreni agricoli;
  • Non possiamo comprare in zone “calde” ai fini militari e di difesa del Paese.

Da dove iniziare per comprare Casa in Croazia

La procedura per acquistare una casa in Croazia è abbastanza simile a quella in Italia, con alcune eccezioni.

Bisogna innanzitutto fare un’accurata ricerca su Internet e poi sul posto per trovare le zone più idonee all’acquisto. Un modo semplice per trovare gli immobili, visionarli e confrontarli è quello di chiedere l’assistenza di un’agenzia immobiliare specializzata.

In genere si tende ad evitare un aiuto esterno perché facendo da soli si risparmia sulle commissioni, ma a meno che tu non abbia una conoscenza del posto adeguata o delle amicizie che possono farti da guida… diciamo che è sconsigliabile fare tutto da soli.

Servirsi di un’agenzia comporta un costo in più ma può toglierti un sacco di seccature burocratiche, tra cui il dover condurre le trattative personalmente, trovare un avvocato e un notaio; inoltre l’agenzia ti aiuta a superare l’ostacolo della lingua e ad evitare un acquisto sbagliato.

Dopo aver scelto l’immobile da acquistare, dovrai ovviamente fare un’offerta al proprietario. Se ti servi di un’agenzia si occuperà lei di intermediare tra le parti e di preparare tutte le documentazioni necessarie e portare a conclusione la trattativa.

L’acquisto comprende un iter burocratico specifico per i cittadini stranieri. Occorre infatti presentare una domanda al Ministero della Giustizia a Zagabria, allegando il contratto di compravendita e la documentazione necessaria, che verranno preparati dall’agenzia. L’inoltro della richiesta ha un costo complessivo di circa 20€.

A compravendita conclusa, bisogna denunciare l’avvenuto passaggio di proprietà all’Agenzia delle Entrate, la quale richiederà il pagamento della tassa, entro 15 giorni, pari al 5% del valore dell’immobile.

Come vedi, c’è un sacco di materia burocratica da studiare, tasse da pagare allo Stato croato e a quello italiano (ad esempio l’IVIE), capire come chiedere un mutuo all’estero, come dichiarare le rendite da locazione ecc. Per quello dico che comprare casa è impegnativo ed è meglio avvalersi di professionisti che forniscano un’adeguata consulenza.

Per concludere: le mie opinioni

Abbiamo appena visto cosa comporta un acquisto di tipo immobiliare in Croazia: quali zone sono più convenienti per fare affari e quali sono le fasce di prezzo da Nord a Sud.

Ti ho anche fornito alcune indicazioni approssimative su come affrontare tutto il processo di progettazione, ricerca e acquisto dell’immobile.

Ora, è il momento di condividere con te i miei pensieri e raccomandazioni circa gli investimenti immobiliari in generale…

Per la maggior parte delle persone l’acquisto di un appartamento comporta il più grande investimento della vita, e in molti si ritroveranno a pagare materialmente l’immobile per lunghi anni.

Ma si pagano soprattutto le conseguenze di una decisione sbagliata e affrettata.

Come ti ho spiegato nella Bibbia degli Investimenti Immobiliari, non è affatto semplice avere dei rendimenti positivi dagli immobili. Affittare una casa è un’attività imprenditoriale vera e propria e, come tale, necessita di studio, preparazione, tempo e pianificazione che potresti dover acquisire sul campo, commettendo anche diversi errori.

Al di là delle informazioni generali che hai potuto acquisire tramite questo articolo, il mio consiglio di base è quello di analizzare attentamente le motivazioni che ti spingono ad intraprendere l’impresa.

Dopodiché, studia attentamente la regione/località/città in cui vuoi agire, sonda il terreno facendoti il giro delle agenzie immobiliari e dedica del tempo allo studio della burocrazia e delle leggi: soltanto acquisendo le necessarie informazioni potrai ridurre i rischi potenziali.

Se cerchi un investimento tranquillo, per far fruttare i capitali che hai messo da parte, allora devi lasciar perdere il settore immobiliare, non è roba per te!

Investire è un’altra cosa, ne parlo nel video corso gratuito “Investi con Buon Senso”.

Chi acquista un immobile e pensa di affittarlo senza troppo sforzo e di fare soldi facili, si sbaglia e dovrebbe pensarci due volte. La Croazia non è una gallina dalle uova d’oro, come non lo è nessun luogo, puoi crearti una fonte di rendita solo se sei in grado di portare avanti il progetto e hai i mezzi per realizzarlo.

Approfondimenti utili

Ho preparato una serie di percorsi tematici che possono esserti di aiuto nel chiarirti le idee…

Alcuni consigli per fare business, poiché l’immobiliare è un business:

Vuoi metterti in proprio e non sai da dove iniziare? Scarica Subito il Video Corso Gratuito “Business con Metodo”

Consigli per investire se non hai ancora capito la differenza tra investimento e operazioni immobiliari:

Sai che le banche non vedono l’ora di rifilarti i peggiori prodotti pieni di commissioni nascoste e di rischi?

Ecco la ricetta per investire in maniera furba senza regalare decine di migliaia di euro alle banche!

Conclusioni

Spero che questa guida sia stata per te una lettura utile e illuminante, e spero di averti portato a riflettere sui pro e i contro che un acquisto immobiliare comporta. Non mi resta che augurarti buona fortuna!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Davide Marciano
Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, ha sviluppato nel tempo la passione per la finanza personale e lo sviluppo individuale. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei

Vuoi Investire con Buon Senso?
Le banche e i consulenti ti hanno raccontato tantissime bugie. Per investire serve buon senso, accedi subito al mio report!