Carta BCC Tasca: Costi e Opinioni sulla Carta Prepagata con IBAN. Conviene Attivarla?

Conviene fare la carta BCC Tasca prepagata? In tanti sono clienti di Banca di Credito Cooperativo oppure potrebbero esserlo vista la vicinanza di una filiale. In questo articolo cercheremo di valutare le varie soluzioni e comparare i costi, oltre a dare opinioni al riguardo.

Che cambia tra la carta BCC Tasca Conto, Tasca, Tasca Socio e Ateneum? Cerchiamo di scoprirlo insieme in questo post di approfondimento.

Negli ultimi anni le carte-conto stanno riscuotendo un grande successo tra i consumatori e le banche tendono a promuoverle: la loro comodità sta nel fatto che molto spesso consentono di sostituire il conto corrente, generalmente più costoso.

Se questa è la vostra prima volta su Affari Miei, vi consigliamo di leggere le recensioni delle altre carte prepagate che abbiamo presentato nell’apposita sezione dedicata a questo strumento di pagamento e gestione del denaro sempre più diffuso.

Passiamo ora a recensire più nel dettaglio la Carta Tasca di BCC.

>>Scopri le Alternative Gratuite alla Carta Tasca BCC <<

CartaBCC Tasca Conto: opinioni sulla carta prepagata ricaricabile con IBAN

Si tratta di una carta prepagata che permette di pagare, prelevare contante, effettuare e ricevere bonifici grazie appunto alla presenza del codice IBAN.

E’ inoltre disponibile il servizio che permette di domiciliare bollette, stipendio e altre utenze.

La carta, poi, è dotata della tecnologia contactless che permette di effettuare pagamenti di importo inferiore ai 25 euro avvicinando la carta ai POS abilitati, senza che sia necessario digitare il PIN: una funzione, questa, che abbiamo visto anche nella carta Superflash di Intesa San Paolo, concorrente naturale della Carta Tasca.

Per approfondire leggi anche: Migliore carta prepagata: come scegliere?

Alla carta prepagata BCC è associata la polizza assicurativa Acquisto Facile con cui è possibile acquistare online ed in caso di insoddisfazione la banca si impegna a rimborsare il 100% del valore del bene acquistato con TascaConto, se restituito entro 30 giorni dalla data di acquisto: non è richiesto un motivo specifico.

La polizza, inoltre, consente di prorogare da due a tre anni la garanzia sul bene che si compera.

Ricaricarla è molto semplice, diverse sono le modalità:

  • Bonifico bancario attraverso il codice IBAN di Tasca Conto;
  • Recandosi allo sportello di una qualsiasi Banca di Credito Cooperativo;
  • Con qualsiasi Bancomat da sportello automatico abilitato;
  • Da Home Banking per i clienti di BCC abilitati;
  • Dal portale ufficiale dell’istituto.

Passiamo ora agli aspetti più importanti della carta-conto di BCC: quello dei costi.

Il costo di emissione ci pare alto rispetto alla media: occorrono, infatti, 30 euro.

Il massimale (plafond) è di 14 mila euro ed il prelievo massimo giornaliero è di 500 euro.Il costo della ricarica da ATM di una banca collocatrice è pari a 1 euro e raddoppia nel caso in cui avviene da ATM di una banca che non colloca il prodotto.

La ricarica dallo sportello, invece, costa 4 euro. Gratuiti bonifici in entrata e in uscita.

Recensione CartaBCC Tasca

Questo tipo di prodotto non è una carta-conto: non è presente, infatti, l’IBAN e non si possono svolgere le operazioni elencate precedentemente.

E’ però presente una funzione denominata “salary” che consente comunque alle aziende di accreditare lo stipendio a dipendenti e collaboratori. Anche per questo prodotto è valida la polizza Acquisto Facile.

Conto o Carta Prepagata? Scarica Gratis la Guida Fondamentale!

Carta prepagata BCC Atenuem: la soluzione per gli studenti universitari

Anch’essa fa parte del circuito Master Card ed è pensata per gli studenti universitari: facile da gestire e ricaricare, è uno strumento valido per sostituire il denaro contante.

Chiaramente si intuisce che si tratta di uno strumento abbastanza semplificato, in qualche modo “concorrenziale” rispetto alla Postepay tradizionale.

Carta BCC Tasca Socio: chi può averla?

E’ un prodotto che la banca riserva ai soci dell’istituto: facile da identificare, permette di avere delle funzioni “premium”. Ha una diffusione sicuramente più limitata delle prime due.

Conviene attivare la Carta Tasca di BCC?

La carta conto è uno strumento che ormai ogni banca offre ai suoi clienti. Negli ultimi anni la diffusione è cresciuta grazie allo sviluppo, con un certo ritardo rispetto agli altri Paesi europei, dei pagamenti elettronici.

Siamo ancora indietro dal sostituire il denaro contante: lo si vede dalle code ai supermercati per pagare e ricevere il resto o dalle file che ci sono sempre in banca per effettuare operazioni che si possono svolgere comodamente da casa su internet ma, in ogni caso, ci si sta muovendo verso la direzione accennata.

BCC carta mette sul piatto diversi prodotti e la carta conto è sicuramente quello di punta in questo filone di mercato.

Come abbiamo detto nei paragrafi precedenti, il costo di emissione ci pare piuttosto alto rispetto alla media mentre il plafond è abbastanza consistente (14 mila euro) per gestire l’accredito dello stipendio e tutte le operazioni di base in genere effettuate con il conto corrente.

La diffusione delle banche BCC fa si che lo strumento sia piuttosto comodo da un punto di vista della presenza di bancomat o eventualmente filiali per l’assistenza, se vivete in un’area dove Banca di Credito Cooperativo è ben radicata la Carta Tasca potrebbe quindi essere estremamente facile da usare visto che non vi toccherà girare la città per trovare uno sportello da cui prelevare.

In definitiva, quindi, ci pare giusto poter dire che Carta Tasca di BCC è un prodotto in linea con ciò che offre oggi il mercato e può rappresentare, per chi non ha esigenze particolarmente complesse, un comodo strumento per gestire la propria quotidianità economica.

Se necessitate di strumenti più complessi, comunque, guardate altrove e cercate alla voce “Conti correnti“.

>>Scopri le Alternative Gratuite alla Carta Tasca BCC <<

Ulteriori risorse utili

Per finire, ecco una serie di articoli dedicati al mondo delle prepagate!

Buon proseguimento su Affari Miei!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO