Obbligazioni Intesa SanPaolo: Dove Comprarle? Sono Sicure? Ecco la Guida!

Se sei un investitore certamente ti starai chiedendo se le obbligazioni Intesa SanPaolo convengono.

Su Affari Miei mi occupo di recensire tutti gli strumenti di investimento e di guidare gli investitori nella costruzione di un un portafoglio sicuro e remunerativo. In questa guida mi occuperò proprio delle obbligazioni SanPaolo: vedremo se convengono, dove comprarle, quanto rendono e, infine, troverai anche le opinioni per capire se si tratta di uno strumento efficace.

Buona lettura.

Chi è Intesa Sanpaolo

Prima di iniziare, come sempre, voglio spendere due parole sul Gruppo che abbiamo in esame, in questo caso Intesa Sanpaolo. Penso sia indispensabile mettere sempre a fuoco la società con cui ci stiamo interfacciando, in modo da non avere brutte sorprese in futuro.

In questo caso non c’è bisogno di grandi presentazioni: si tratta di uno dei più noti istituti bancari italiani, il quale annovera all’interno del gruppo anche altre grandi realtà come il Banco di Napoli. La sua presenza è fortemente radicata in Italia con oltre 4.500 filiali e 11,9 milioni di clienti.

La banca è nata dalla fusione di Banca Intesa e Sanpaolo IMI, due realtà caratterizzate da valori comuni che si sono unite per meglio rispondere alle esigenze delle famiglie e dei risparmiatori, e per contribuire ulteriormente allo sviluppo delle imprese e alla crescita del Paese in diversi settori di attività come il retali, corporate e wealth management.

A chi si rivolgono le obbligazioni Intesa? 

Vediamo ora a chi è dedicato questo prodotto: esso si rivolge a investitori che presentano un orizzonte temporale coerente con la durata del prodotto esaminato.

Inoltre, l’investitore ideale non è completamente a digiuno del mondo della finanza, ma vanta una discreta conoscenza dei mercati e dei prodotti finanziari ed è disposto a investire solo su strumenti che prevedono il rimborso del nominale a scadenza.

Dove si comprano?

Ma come acquistare le obbligazioni Intesa SanPaolo? Le Obbligazioni sono quotate sul MOT e su EuroTLX di Borsa Italiana.

Si possono comprare e rivendere tramite la propria banca o avvalendosi al proprio intermediario di fiducia.

L’acquisto, il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale avvengono nella valuta di emissione.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Quali obbligazioni offre Intesa?

Di seguito voglio riportare brevemente le caratteristiche dei vari strumenti, utilizzando come riferimento il codice ISIN.

ISIN XS2351324947 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Inflazione USA

Vediamo subito le caratteristiche di questo primo strumento, catalogato nella voce “obbligazioni collezione”.

La data di emissione risale al 15 giugno 2021, la scadenza è nel 2028 e la valuta di riferimento è USD.

Qual è la tipologia di cedola? Siamo davanti a una cedola a tasso misto strutturato: ​​il tasso fisso è al 2% primi 3 anni. Successivamente, si considera il tasso variabile legato alla performance dell’Inflazione USA – Cap 2% Floor 1%.L’obiettivo di questo prodotto è quello di offrire il pagamento di interessi fissi e interessi il cui ammontare è legato alla performance di un tasso di inflazione, e rimborsare a scadenza il 100% del Valore Nominale delle obbligazioni.

Il rimborso del capitale a scadenza viene  rimborsato al 100% del Valore Nominale, ma non è prevista la facoltà di rimborso anticipato delle Obbligazioni.

Per quanto riguarda gli interessi, queste Obbligazioni corrispondono interessi a tasso fisso pagabili alle date di pagamento degli Interessi a tasso fisso; corrispondono anche interessi legati alla performance del tasso di inflazione.

Il profilo di rischio, importantissimo da considerare, è 3 su 7, mentre per gli scenari di performance di allego una schermata presa direttamente dal KID.

Qui, invece, puoi vedere la tabella dei costi.

Il periodo di detenzione raccomandato corrisponde alla durata residua massima del prodotto, considerando che, comunque, potrebbe non essere possibile vendere il prodotto prima della Data di Scadenza. Ma se ciò fosse possibile, bisognerebbe comunque prestare attenzione  ai costi e alle perdite di parte o tutto il capitale, anche nel caso in cui il valore dell’attività sottostante fosse cresciuto.

Tieni a mente che l’Emittente non ha l’obbligo di garantire un mercato secondario per il prodotto ma potrebbe decidere, caso per caso, di riacquistare il prodotto.

ISIN XS2351324517 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Tasso Fisso Dollaro USA

Come nel caso precedente, siamo davanti a un’obbligazione Collezione in valuta USD. La data di emissione e di scadenza sono le medesime, ovvero giugno 2021 e giugno 2028.

Il tasso della cedola è fisso, la periodicità annuale e il valore della cedola è di 1,35%.

Purtroppo non è possibile accedere al KID, ma soltanto a una scheda informativa post emissione. Non viene segnalato un livello di rischio da 1 a 7, tuttavia voglio allegarti alcune schermate che potrebbero aiutarti a inquadrare il prodotto.

Iniziamo da un focus sull’andamento dei prezzi dell’obbligazione.

Mentre qui puoi consultare il grafico circa l’andamento della valuta.

ISIN XS2322452553 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Tasso Fisso Dollaro USA

Cambia la data di emissione e di scadenza: la prima è al 29.03.2021, mentre la scadenza è lo stesso giorno ma nel 2031.

La cedola è a tasso fisso con periodicità annuale, e il valore di riferimento è 2.70%. Più precisamente, il rendimento è del 2,698 per cento annuo alla scadenza, calcolato come rendimento annuo atteso alla data di emissione sulla base del prezzo di emissione, ma attenzione, perché questo non è rappresentativo del tasso di rendimento futuro.

Gli interessi saranno pagati in USD, in via posticipata, il 29 marzo di ciascun anno fino al 29 marzo 2031. Il primo pagamento di interessi verrà effettuato al 29 marzo 2022.

Ad esclusione di eventuali acquisto e cancellazione o rimborso anticipato, le Obbligazioni saranno rimborsate il 29 marzo 2031 alla pari. Le Obbligazioni saranno rimborsate in USD.

Ecco il grafico sull’andamento dei prezzi:

ISIN XS2322452637 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Tasso Fisso Dollaro Australiano

E continuiamo con l’analisi delle obbligazioni della voce “collezione” di Intesa. Anche in questo caso, come nei precedenti ad esclusione del primo descritto, non vi è un KID sul sito, ma una scheda informativa post emissione.

La data di emissione di questa obbligazione è 29.03.2021, quella di scadenza è il 29.03.2031.

La cedola è a tasso fisso con periodicità annuale (2.25%). Più precisamente, il rendimento è del 2,248% annuo alla scadenza, calcolato come rendimento annuo atteso alla data di emissione sulla base del prezzo di emissione, ma tale valore non  è rappresentativo del tasso di rendimento futuro.

Gli interessi saranno pagati in AUD, in via posticipata, il 29 marzo di ciascun anno fino al 29 marzo 2028. Il primo pagamento di interessi verrà effettuato al 29 marzo 2022.

Ecco il grafico dell’andamento dell’obbligazione:

Ed ecco l’andamento della valuta:

ISIN XS2294840363 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Tasso Fisso Sterlina Inglese

Come nei casi precedenti, la cedola è a tasso fisso con periodicità annuale. Il rendimento è dell’1,399% annuo alla scadenza, calcolato come rendimento annuo atteso alla data di emissione sulla base del prezzo di emissione, ma tale valore non  è rappresentativo del tasso di rendimento futuro.

Gli interessi saranno pagati in GBP, in via posticipata, l’8 febbraio di ciascun anno fino all’8 febbraio 2031. Il primo pagamento di interessi verrà effettuato l’8 febbraio 2022. Il rimborso, ad esclusione di eventuali acquisto e cancellazione o rimborso anticipato, avverrà l’8 febbraio 2031 alla pari.

Le Obbligazioni saranno rimborsate in GBP.

Ecco il grafico dell’andamento dell’obbligazione:

E qui l’andamento della Valuta:

ISIN XS2294835017 – Intesa Sanpaolo S.p.A. Tasso Fisso Dollaro USA

Concludiamo con l’ultima obbligazione della Collezione, emessa il 08.02.2021 e che scadrà il 08.02.2031.

Si tratta di un’obbligazione con cedola a tasso fisso e scadenza annuale. Il rendimento è dell’1,899 per cento all’anno alla scadenza, calcolato come rendimento annuo atteso alla data di emissione sulla base del prezzo di emissione, ma  non è rappresentativo del tasso di rendimento futuro.

Gli interessi saranno pagati in USD, in via posticipata, l’8 febbraio di ciascun anno fino all’8 febbraio 2029. Il primo pagamento di interessi viene effettuato l’8 febbraio 2022.

Fatto salvo ogni acquisto e cancellazione o rimborso anticipato, le Obbligazioni saranno rimborsate l’8 febbraio 2029 alla pari. Le Obbligazioni saranno rimborsate in USD.

Ecco il grafico dell’andamento dell’obbligazione.

E qui quello della valuta.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Obbligazioni Banca Intesa: i rischi

Abbiamo esaminato rapidamente tutte le obbligazioni Intesa SanPaolo, sfruttando la documentazione ufficiale reperibile sulla home page.

Ma conviene investire in questi strumenti? Quali sono i rischi? Possiamo dire che le obbligazioni presentano i seguenti rischi:

  • rischio emittente: le obbligazioni sono emesse da imprese, comuni, stati e governi sovrani con l’obiettivo di raccogliere fondi, con lo scopo di finanziare una serie di progetti. Acquistando un’obbligazione, acquisti il debito dell’emittente in cambio di un interesse. Cosa succede se la società non è in grado di rimborsare il debito? Il rischio è, ovviamente, quello dell’insolvenza;
  • rischio di mercato: ovvero l’oscillazione del prezzo. I tassi di interesse e i prezzi delle obbligazioni hanno una relazione inversa, dunque, nel momento in cui si verifica un aumento dei tassi di interesse, i prezzi delle obbligazioni decrescono. Viceversa, quando i tassi di interesse diminuiscono, il prezzo delle obbligazioni tende ad aumentare;
  • rischio liquidità: questo rischio fa riferimento alla possibilità che chi detiene l’obbligazione non riesca a vendere sul mercato secondario ad altri investitori prima della scadenza dell’obbligazione stessa. Il basso interesse d’acquisto per una determinata emissione può portare a una volatilità dei prezzi e potrebbe quindi impattare negativamente sul rendimento totale. Proprio come le azioni che sono negoziate in un mercato ridotto, si potrebbe essere costretti ad accettare un prezzo decisamente meno interessante e più basso del previsto per chiudere la posizione;
  • rischio tasso d’interesse: si verifica quando cambiano i tassi e la tua obbligazione diventa meno conveniente. Infatti, i tassi d’interesse e i prezzi delle obbligazioni vantano un rapporto inversamente proporzionale; quindi, se i tassi d’interesse scendono, il prezzo delle obbligazioni sul mercato sale. Al contrario, se i tassi d’interesse salgono, allora il prezzo delle obbligazioni tende a crollare. Ciò succede perché quando i tassi d’interesse sono in declino, gli investitori cercano di fissare i tassi più alti il più a lungo possibile. Per farlo però  prendono le obbligazioni esistenti che pagano un tasso d’interesse maggiore rispetto all’attuale tasso di mercato. Tale aumento della domanda si riflette in un aumento del prezzo delle obbligazioni;
  • rischio cambio: questo è strettamente legato alla valuta in cui sono emesse ed eventualmente scambiate, in particolare  quindi se si investe in titoli denominati in valuta diversa. tale rischio è legato alla variabilità del rapporto di cambio tra le due valute.

Obbligazioni Intesa SanPaolo: Opinioni di Affari Miei

Come abbiamo appena visto, investire in obbligazioni è tutt’altro che semplice perché il livello di complessità sottostante l’acquisto di un singolo titolo è estremamente alto: paradossalmente, investire in azioni è più “semplice” perché ci sono meno variabili da tenere in considerazione. Inoltre, si tratta di un’operazione rischiosa, nonostante in molti pensino di fare cosa saggia a optare per questo strumento.

Proprio per i rischi che si corrono, unitamente agli interessi non proprio interessanti ed al livello di complessità tecnica connesso all’acquisto di singole obbligazioni, personalmente preferisco percorrere altre strade. Qui ti lascio una guida di approfondimento che vuole aiutarti ad esaminare a fondo gli investimenti obbligazionari e entrare nel vivo dell’argomento, spiegando in modo più completo come funzionano e perché non sono così convenienti.

In questa sede voglio solo sottolineare che la mia strategia è un’altra: credo che un investitore privato non abbia valide ragioni per possedere direttamente obbligazioni come queste.

Dal canto mio, preferisco altri strumenti più semplici da comprendere e gestire come gli ETF: sono strumenti decisamente più performanti, come puoi vedere in questa guida, e che meritano di essere inserite nella tua strategia. Strategia, esatto: nessuno dovrebbe investire i risparmi sudati in maniera avventata, senza riflettere e studiare il modo migliore per valorizzare davvero il proprio capitale.

La mia non è una presa di posizione negativa nei confronti di questa società, ma nei confronti di questi strumenti che per un risparmiatore privato anche milionario sono troppo complessi e poco efficienti.

Altre risorse da consultare in attesa della prossima emissione

Forse ora ti senti confuso: qui ti lascio alcune recensioni e consigli da leggere.

Buon proseguimento su Affari Miei.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: Obbligazioni

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *