Ivesco ETF: Quali Scegliere per il Proprio Portafoglio?

Se ti stai informando per scoprire come investire in ETF e vuoi capire quali è meglio scegliere, e se sei arrivato qui, è perchè hai sentito parlare degli ETF Invesco. Non tutti siamo esperti di economia e finanza, e quindi scoprire che nel panorama esistono più tipologie di ETF potrebbe mandarci in confusione.

In questa recensione  inizieremo a sciogliere i nodi:  troverai le informazioni che ti servono sugli ETF Invesco, mentre sul blog Affari Miei potrai trovare altri spunti per investire i soldi in maniera consapevole.

Buona lettura!

L’identità e la storia del Gruppo

Invesco è stata fondata ad Atlanta nel 1978, dopo che la Citizens & Southern National Bank ha ceduto le sue attività di gestione di capitali.

Dieci anni dopo la società è stata comprata dalla Britannia Arrow, con sede a Londra, che in seguito ha preso il nome di Invesco. Nel 1997 è avvenuta la fusione tra Invesco PLC e AIM Investments, con cui la società ha assunto il nome di Amvescap.

Nel corso degli anni Invesco è cresciuta ed  ha acquisito altre società ampliando l’offerta dei prodotti e dell’estensione geografica, includendo anche gli ETF e il settore private equity.

La sua storia è piuttosto articolata, ti riassumo solo alcuni dei passaggi fondamentali.

Nel 2007 la società ha assunto il nome di Invesco PCL, ha trasferito la sua quotazione primaria dalla borsa di Londra a quella di New York  e ha preso sede nelle isole Bermuda. Per questo, le azioni della società sono state ritirate dall’indice FTSE 100 e aggiunte all’ indice Russell 1000 index.

Invesco è presente in Italia a Milano dal 1997 facente capo al ramo investimenti Invesco Asset Management e a partire dal 2014 apre l’ufficio di gestione immobiliare, Invesco Real Estate.

Invesco ha fatto il salto da operatore di nicchia a grande player del mercato degli Etf con l’acquisizione di Source nell’aprile 2017. Nello stesso anno ha annunciato l’accordo per l’acquisizione del business ETF di Guggenheim Investments.

Al 31 dicembre 2017 il patrimonio gestito da Invesco era di 937,6 miliardi di dollari

L’offerta ETF

Invesco propone una vasta gamma di indici famosi, ETF settoriali ed ETF altamente specializzati in altre classi di attività.

Ne troviamo più di 100, i quali coprono i maggiori asset e in prevalenza utilizzano una replica sintetica. In ogni caso, Invesco propone anche strumenti a replica fisica ed ETF gestiti attivamente.

La gestione giornaliera di tutti gli ETF sintetici è in mano ad Assenagon Asset Management, ovvero una società specializzata in soluzioni di investimento passive e strutturate.

Per quanto riguarda invece gli Etf equity, i gestori usano una replica completa, se possibile e qualora il costo lo giustifichi.

Per gli Etf sul reddito fisso si usa  lo stratified sampling (ovvero l’acquisto di un campione di titoli scelto così da creare un portafoglio abbastanza somigliante a quello del benchmark, ma con un numero di componenti più basso, che ottimizza quindi i costi di transazione, il tutto per assicurare una replica affidabile e a basso costo.

Come trovare gli ETF Invesco?

Per consultare la lista completa dei prodotti Invesco, Puoi visitare il sito ufficiale italiano. Qui trovera l’elenco di tutti gli ETF commercializzati.

Cliccando su ogni singola voce troverai la descrizione dettagliata dei vari strumenti.

In questo momento puoi trovare:

  • 88 ETF azionari;
  • 31 ETF obbligazionari;
  • 9 ETF Materie prime.

E’ possibile selezionare le caratteristiche che più si preferiscono, come il Mercato (emergente o sviluppato), la Regione, il focus, la strategia e così via.

La ricerca è molto intuitiva e semplice.

Dove comprare gli ETF?

Puoi acquistare gli ETF tramite un intermediario abilitato, come Degiro per fare un esempio. Questi ETF sono negoziati sui mercati regolamentati, durante l’orario di negoziazione.

Invesco è quotato sulla Borsa di New York. Ricorda sempre di leggere prima il KIID o il prospetto informativo dell’ETF che stai valutando!

Opinioni di Affari Miei 

Gli ETF Invesco hanno puntato sinora sulla replica sintetica. Gli ETF a replica sintetica non comprano i titoli che compongono l’indice, come avviene per quelli a replica fisica.

Per seguire l’indice si fa ricorso ad un contratto derivato (SWAP) stipulato con una banca d’affari.

Rispetto agli equivalenti fisici, gli ETF sintetici offrono la possibilità di generare una sovraperformance con un basso tracking error anche in condizioni di mercato più difficili.

Non è detto che sia uno svantaggio, anche Lyxor predilige questa modalità di replica. Non possiamo dire che un modello di replica sia più efficace dell’altro, per sapere ciò bisogna conoscere la propria strategia di investimento.

Penso che Invesco stia cercando di ampliare la sua offerta: ho una buona opinione sugli ETF Invesco, e per questo sono stati inseriti nei portafogli di Fast Investments Planner, il servizio di informazione finanziaria avanzata che ti aiuta ad investire in autonomia grazie ai consigli del Centro Studi di Affari Miei.

Ovviamente Invesco rappresenta uno dei gruppi che offre ETF agli investitori, ma si tratta pur sempre di strumenti che non vanno comprati con leggerezza e che vanno esaminati.

Prima di investire devi assicurarti che l’ETF selezionato corrisponda alle tue esigenze e sia in linea con la tua strategia e il tuo profilo di rischio.

Oltre a considerare i costi, la liquidità e altri parametri, devi considerare anche i rischi associati agli strumenti finanziari. Ogni investimento comporta un certo grado di rischio, dunque, devi approcciarti con la dovuta consapevolezza.

Proprio per questo che molti investitori hanno deciso di affidarsi alla formazione del Centro Studi di Affari Miei: Grazie a Fast Investments Planner è possibile mettere a punto il tuo portafoglio ispirandoti a tre diversi portafogli modello elaborati per te, in base al profilo di rischio e agli obiettivi che ti caratterizzano.

si tratta di un’opportunità che ha già permesso a molti studenti di iniziare ad investire proficuamente, confrontandosi con altri studenti Premium e godendo dei privilegi delle video pillole e dei report dettagliati che ti mettiamo a disposizione!

Conclusioni

Se sei all’inizio del tuo percorso di investimento potresti pensare che, per operare sui mercati aggiungendo al tuo portafoglio un ETF, non servano grandi strategie e conoscenze, ma questo è un errore!

Non esiste uno strumento che ti libera dalle tue responsabilità: purtroppo, se non sai cosa stai facendo potrai solo investire male, indipendentemente dal mezzo che adoperi.

Se non possiedi le basi, fermati e riparti con la lettura delle guide per investire:

Inoltre, ecco un percorso di guide che ho messo a punto per te per approfondire in maniera ampia la realtà finanziaria e degli investimenti:

Per ora ti saluto e ti auguro un buon proseguimento!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Davide Marciano
Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: ETF

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi Investire con Buon Senso?
Le banche e i consulenti ti hanno raccontato tantissime bugie. Per investire serve buon senso, accedi subito al mio report!