Quanto Rendono gli ETF? Consigli per Investire in ETF Efficacemente

Se ti stai chiedendo quanto rendono gli ETF ti stai ponendo una domanda sbagliata o, lasciami qualche minuto per spiegarmi meglio, stai partendo da un interrogativo non corretto.

In questo articolo cercheremo di chiarirci un attimo le idee sugli ETF e proveremo a capire a quali guadagni possiamo effettivamente puntare investendo con questi strumenti.

Cominciamo.

Perché parliamo di ETF

Se sei qui è probabile stia iniziando ad informarti su questa categoria di strumenti finanziari. Senza troppi giri di parole, su Affari Miei trovi tanto materiale consultando le seguenti risorse:

Rendimento degli ETF

Veniamo alla nostra domanda iniziale e cerchiamo di capire perché è posta male.

Il motivo è molto semplice: la risposta corretta è DIPENDE.

Quando parliamo di ETF facciamo riferimento ad una categoria, non ad un singolo strumento: ci sono migliaia di ETF liberamente acquistabili al mondo, sarebbe come cercare di rispondere alla domanda “quanto rendono le azioni?”.

Per provare ad avere le idee più chiare, bisogna partire da questo presupposto: gli ETF permettono all’investitore di accedere in diversi mercati (azionario o obbligazionario), diversi settori (tech, auto, finanziario, etc.) o aree geografiche (Europa, Stati Uniti, Asia, Cina etc.).

Quanto alle possibilità di ottenere rendimenti, dunque, ci dobbiamo attenere alle solite regole di base per investire:

Maggiori rendimenti arrivano a fronte di maggiori rischi.

Non esiste una diversa strada e, per questo motivo, più che interrogarci sui rendimenti dobbiamo chiederci qual è la nostra strategia di investimento e come intendiamo procedere.

Solo dopo aver definito la strategia, alla luce dei nostri obiettivi, viene il rendimento dei singoli strumenti.

Questo è quello che insegno qui su Affari Miei, quindi se sei in questa fase continua a leggere 😉

Come costruire un portafoglio in ETF

Il portafoglio deve rispecchiare i nostri obiettivi, la strategia che vogliamo adottare e, soprattutto, il nostro profilo di rischio inquadrato su un orizzonte temporale ben definito.

Per fare tutto questo, ti consiglio di consultare le seguenti risorse:

Esistono soluzioni “semplificate”

Se non vuoi costruire il portafoglio da solo esistono diverse soluzioni che ti permettono di risparmiare tempo e, soprattutto, di evitare tutta una serie di errori.

Affari Miei con il suo Centro Studi ha elaborato “Fast Investments Planner” che è pensato proprio per fare tutto questo.

Se la prospettiva di risparmiare tempo ed avere una strategia efficiente ti alletta, ti consiglio di dare uno sguardo alla recensione.

Conclusioni

Prima di interrogarci circa il rendimento degli ETF dobbiamo prima capire se e come possono esserci utili per la nostra strategia di investimento.

Non esiste un “rendimento standard” o un “rendimento minimo garantito” perché parliamo di una categoria ampia e variegata di strumenti molto diversi tra loro.

Se sei all’inizio del tuo percorso informativo sugli investimenti, ti consiglio di partire dalle seguenti guide tematiche che ho preparato per te:

Buon proseguimento.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Davide Marciano
Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, ha sviluppato nel tempo la passione per la finanza personale e lo sviluppo individuale. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: ETF

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei