Fondi BNL in Perdita, Conviene Disinvestire? Ecco Come Fare

Come disinvestire da un fondo BNL in perdita? Ma soprattutto, conviene disinvestire o è meglio tenere l’investimento e portarlo a scadenza?

Se hai investito in un fondo comune d’investimento sotto consiglio del tuo consulente bancario, però ora hai capito di aver sbagliato o stai vedendo che il tuo investimento non è fruttuoso com speravi, allora potresti desiderare scoprire come uscire da questa situazione spiacevole.

Proviamo a capire insieme come fare a disinvestire dai fondi BNL in perdita.

Buona lettura!

Perché vuoi disinvestire?

Partiamo dal presupposto che investire non è semplice. Trovare uno strumento adatto alle proprie esigenze che possa farci ottenere dei rendimenti buoni, ma che al contempo sia anche in grado di avere dei costi contenuti per non erodere tutto il nostro guadagno non è facile, specie per chi non ha molta esperienza.

Come risolvere questo problema? Il mio principale suggerimento è quello di scegliere la formazione, ma di questo parleremo alla fine. Intanto, sappi che se investire non è semplice, tanto meno lo è disinvestire.

Facciamo un esempio: ti trovi ad aver bisogno di una somma di liquidità per gestire un’emergenza, ma non hai fondi a cui attingere, e per questo  hai pensato al tuo investimento per recuperare la cifra. La soluzione, con queste premesse, sarebbe quella di disinvestire…

Ma siccome non si tratta di un’operazione semplice, è bene cercare di capire come agire al meglio per non subire ingenti perdite!

Prima di spiegarti quali strade puoi seguire, ti lascio qui la recensione dei fondi BNL.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Fondi BNL in perdita: Conviene disinvestire?

Un altro caso non è la necessità di avere liquidità, ma la consapevolezza che il tuo investimento è in perdita. La notizia ti ha gettato nel panico.

È abbastanza normale che la prima soluzione sia proprio quella di disinvestire, anche se devi stare molto attento perché – come dicevamo prima – non è semplice: questa operazione dovrebbe essere la nostra ultima scelta, quando proprio non abbiamo alternative!

Questa decisione, infatti, comporta un primo dato certo: la capitalizzazione definitiva della perdita. Se sei in rosso, per capirci, disinvestendo certifichi definitivamente la tua perdita. Questo vuol dire che non riavrai mai più indietro il denaro perduto a causa della svalutazione del valore delle tue quote.

Disinvestire, in più, comporta il pagamento di penali di uscita anticipata, dunque, prima di tutto, ti suggerisco di leggere il prospetto informativo del tuo fondo per capire nel dettaglio a quanto ammontano tali penali.

Ti conviene fare i conti: se il tuo investimento è in perdita e devi pagare la penale per l’uscita anticipata potresti perderci davvero tanto!

Proprio per questo motivo, se la perdita dovesse diventare davvero troppo esosa, ti posso consigliare di valutare la possibilità di non disinvestire e mantenere il tuo investimento per gli anni di durata consigliata, in quanto a volte potrebbe essere più favorevole rispetto allo scappare a gambe levate dal fondo.

Tenere l’investimento

Valuta di mantenere l’investimento fino a scadenza e di aspettare tempi migliori per poi uscire dall’investimento in seguito, oppure aspetta per capire se nel frattempo le cose vanno meglio e il tuo investimento migliora.

Si tratta di due opzioni da considerare se non intendi disinvestire subito, magari proprio perché ti sei accorto che andresti a perderci troppo. Quindi, mantieni l’investimento con lo scopo di disinvestire in un momento più favorevole, oppure in attesa di andare a scadenza con il tuo fondo e di ottenere quindi poi i tuoi rendimenti.

Uscire dall’investimento: tempi di rimborso dei fondi BNL

Nonostante quanto detto finora, tu trovi costretto a disinvestire per recuperare liquidità? Allora quello che devi fare è vedere quanto ti costerà effettivamente disinvestire.

Ogni fondo è diverso, dunque dovrai leggere attentamente il KIID del tuo fondo o dei tuoi fondi per capire a quanto ammontano le penali di uscita: in questo modo potrai capire se disinvestire subito è davvero la soluzione migliore per te e per le tue tasche.

Se vuoi disinvestire dal tuo fondo ti basterà contattare la tua banca o SGR di riferimento e comunicare la tua intenzione di disinvestire, così potrai ottenere il rimborso anticipato, e successivamente potrai compilare i moduli e i contatti per comunicare con l’ufficio preposto che si occupa di queste cose.

Di solito, dopo che avrai svolto tutte le pratiche per ottenere il rimborso, ti serviranno dai 3 ai 7 giorni lavorativi perché tutto si concluda e vada alla fine.

Ricordati anche di indicare il mezzo di pagamento che preferisci per ottenere il tuo rimborso.

La vendita di un fondo di investimento implica precise date di valute, ovvero la data in cui l’operazione è avvenuta. Se decidi di vendere un fondo di investimento, il giorno della data di valuta in cui viene venduto è il giorno lavorativo successivo.

Il giorno della data di valuta in cui un fondo di investimento viene venduto è il giorno stesso in cui si dà mandato per la vendita alla banca e il giorno dopo il mandato se la vendita del fondo avviene online.

Se possiedi il controllo del tuo deposito titoli e i fondi che hai comprato sono quotati sui mercati, allora  puoi inserire sul tuo conto l’ordine di vendita per uscire dall’investimento in tempi veloci, e non ti occorrerà nemmeno contattare l’ente di riferimento.

Vuoi un supporto immediato?

Se i tuoi investimenti sono in rosso e vuoi essere supportato,  sappi che noi, in quanto società di consulenza finanziaria indipendente (ossia non vincolati a banche o SGR) possiamo darti un aiuto attraverso un’analisi dei tuoi investimenti.

Se vuoi entrare in contatto con noi e vuoi un aiuto reale, qui trovi i dettagli per prenotare una prima sessione gratuita con il nostro staff al fine di capire come possiamo supportarti.

Un appunto…

Se dovessi decidere di non disinvestire e di rimanere nel fondo fino alla scadenza, allora ti suggerisco ancora una volta di controllare attentamente il KIID o il prospetto informativo del tuo fondo, in quanto alcuni di questi alla scadenza vengono reinvestiti in automatico. Meglio essere preparati.

Opinioni generali di Affari Miei

Conosco perfettamente le motivazioni che ti hanno spinto a visitare questo articolo e so che non hanno niente a che fare con l’azienda di cui possiedi i fondi, il tuo consulente o i mercati in genere.

Stai leggendo questa guida perché la paura di perdere soldi ti ha portato ad informarti e a mettere in dubbio le scelte fatte in passato.

Spesso le persone sottoscrivono prodotti finanziari che non conoscono o capiscono e verso i quali nutrono aspettative diverse dalla realtà. Ciò che è più grave è che lo si fa in maniera seriale, per tutta la vita, precludendosi  la possibilità di far crescere il proprio patrimonio.

Per questo motivo mi permetto di darti un consiglio: fermati un attimo e riorganizza le tue idee. Sei ancora in tempo e ci sono ampi margini di manovra!

Però preferisco parlarti in maniera sincera. C’è una sola cosa che può aiutarti in maniera sana, redditizia e definitiva nella gestione corretta del tuo patrimonio: l’educazione finanziaria.

Su Affari Miei troverai tante risorse informative valide per orientarti nel complesso mondo della gestione finanziaria: per esempio puoi iniziare da questo report di approfondimento sui fondi comuni in cui tocchiamo con mano rischi, vantaggi e opportunità.

Se desideri un supporto immediato, invece, puoi:

Prenotare un Appuntamento Gratuito

Ti lascio, infine, una serie di guide che potrebbero esserti utili per cominciare un percorso di investimento adatto alle tue esigenze:

A presto!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *