Come Investire da 500000 Euro a 1 Milione di Euro (e anche qualcosa in più!): Consigli Sensati per Gestire i Tuoi Soldi

Hai messo da parte una cifra tra 500 mila euro e 1 milione di euro dopo anni di carriera, sacrifici e sforzi oppure ti trovi a dover gestire un patrimonio così importante perché hai liquidato asset tuoi o di famiglia.

Capisco perfettamente come ti senti nel momento in cui ti stai chiedendo come investire i soldi e per questo motivo ho pensato di scrivere questo articolo con il quale ti indirizzerò nelle migliori risorse per te.

Nelle prossime righe scopriremo i passaggi mentali da fare per gestire una cifra così importante e ti illustrerò tutti i migliori contenuti da scoprire per una gestione efficace e redditizia del tuo patrimonio.

Cominciamo.

Un problema molto serio…

Se ti stai ponendo il problema di investire una cifra pari ad almeno 500 mila euro sei in una situazione decisamente positiva perché non ci sono molte altre persone nelle tue condizioni.

Considera che, secondo lo studio sulla ricchezza degli Italiani di Affari Miei, la media del saldo in banca nel nostro Paese è di 70 mila euro. Se il tuo gruzzolo si avvicina al milione di euro, poi, sei ancora più “solo” in quanto appena il 3% della popolazione dispone di un patrimonio di queste dimensioni.

Una persona dalla strada morirebbe d’invidia nei tuoi confronti ma, credimi, io la penso in maniera radicalmente opposta:

a grandi patrimoni corrispondono grandissime responsabilità.

Ho espresso questo concetto, tra le varie cose, anche nell’Episodio 86 del Podcast.

Se ti stai chiedendo come devi investire i tuoi soldi e disponi di cifre importanti vai incontro ad un compito tutt’altro che facile ed ho deciso di scrivere questa guida per esserti di aiuto.

Se stai soltanto supponendo di avere un milione in banca, invece, ti invito comunque a leggere perché i ragionamenti che vado ad esprimere ti sono didatticamente utili e possono essere applicati, con la dovuta accortezza, anche per patrimoni di dimensioni minori.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Vivere di rendita con 500.000 euro

Quanti soldi servono precisamente per vivere di rendita?

Cominciamo col dire che se hai più di 500 mila euro puoi cominciare a pensare di avere una rendita annua accettabile: ipotizzando un 4% netto, investendo bene (senza correre rischi enormi) puoi portare a casa 20 mila euro di rendita che possono diventare 30 mila nel caso in cui, rischiando di più, puntassi ad un 6%.

Se possiedi davvero questa cifra e non stai leggendo questo articolo per pura curiosità, però, è bene introdurre un concetto che questo proposito non è banale e richiede un minimo di impegno ed applicazione da parte tua.

Qui trovi tutti i dettagli.

Cosa fare nello specifico? Ecco i consigli top per investire

Se hai tempo per approfondire e preferisci il video alla lettura, puoi guardare questo episodio di SoSoldi! in cui abbiamo affrontato il tema:

Tornando al nostro articolo, se questa cifra l’hai guadagnata giorno dopo giorno, con ogni probabilità, ti sei posto il problema di dover investire già da un po’ di anni. Se è giunta all’improvviso – eredità, vincita, vendita di un asset (qui parlo approfonditamente dell’eredità) – devi cominciare a familiarizzare con l’idea che gli investimenti non sono un’attività spot come il gratta e vinci ma necessitano di tempo e, sopratutto, differenziazione.

Non puoi minimamente pensare di “puntare” tutti i tuoi soldi da una parte sola e dimenticartene.

Questo è un consiglio spassionato, là fuori le banche non attendono altro. Generalmente ti rassicurano dicendoti qualcosa del tipo: “Dai i tuoi soldi a noi, ci pensiamo noi a farti avere una rendita” ma, nel merito, si divertiranno nel venderti i loro prodotti costosi e poco efficienti.

Con un patrimonio di questo tipo, infatti, la banca con ogni probabilità ti ha proposto – o ti proporrà, se ancora devi andarci – di investire in fondi comuni.

Sul tema, ti consiglio di leggere questi articoli in cui esprimo il mio pensiero:

A differenza di tutti gli altri che scrivono blog sul web e spesso non ne capiscono nulla, io non parlo solo per sentito dire ma mi esprimo su cose che conosco: nel mentre in cui sto scrivendo questo articolo per la prima volta ti dico che non ho ancora raggiunto un patrimonio di 500 mila euro (dovrei entro qualche anno) ma ho fatto già tutta una serie di ragionamenti necessari per amministrarne uno importante con sei cifre (il mio) che ho costruito con il lavoro ed il risparmio.

Il mio percorso è pubblico ed è parte integrante del mio programma avanzato per investire disponibile sulla Academy di Affari Miei.

“Si ma è la prima volta che sto qui e già mi vuoi vendere qualcosa?”

Hai ragione se stai pensando ad una cosa del genere, con tutti i cialtroni che trovi là fuori è normale che possa pensare una cosa del genere. Se non ci conosciamo e questa è la tua prima volta su Affari Miei, scarica il video corso “Investi con Buon Senso” in cui ti spiego la mia filosofia sugli investimenti e ti mostro le principali criticità che devi affrontare e sconfiggere.

Immobili? Sì, ma con moderazione

Nell’immaginario comune, tanta ricchezza corrisponde al possesso di tanti beni immobili.

Non escludo che possa essere così o che, almeno in minima parte, non possa aver senso investire in immobili, anzi. Se possiedi le cifre in esame in questo articolo puoi investire in qualsiasi cosa e non vedo perché non debba pensare anche al mattone.

Al riguardo, se ti interessa approfondire, puoi leggere la mia guida completa agli investimenti in immobili.

Azioni, obbligazioni, fondi, ETF…da dove iniziare?

Credo che sia impossibile che non abbia sentito parlare di niente di tutto ciò, anzi, forse sei qui proprio perché stai cercando di chiarirti le idee.

Piuttosto che essere ripetitivo e scrivere sempre le stesse cose, ho pensato in questo paragrafo di indirizzarti verso le migliori risorse di ogni “categoria” di investimento mobiliare:

Tutto bello…ma quanto rendono 500.000€ in banca?

Permettimi di essere diretto e di dirti subito che la domanda che ti stai ponendo è sbagliata soprattutto se disponi davvero di questa cifra. Se lo stai facendo per curiosità, mi fa piacere che sia qui ma non sto parlando a te 😉

Il rendimento, infatti, è figlio dei rischi che desideri assumerti, non esistono pasti gratis.

In genere chi ha più soldi tende a rischiare di meno perché punta a consolidare quel che ha oppure punta a ricevere una rendita che deve essere il più possibile “certa”. Su quest’ultimo tema ti invito a leggere l’approfondimento specifico.

Più soldi…più problemi

Può sembrarti un paradosso ma il fatto di avere più soldi rispetto alla media non ti permette di accedere ad una partita diversa da quella degli altri.

Maggiore è il patrimonio e maggiori sono i danni che puoi fare gestendolo in maniera dissennata.

Avere più soldi ti carica di maggiori responsabilità che, se hai lavorato duro in passato, sei probabilmente già pronto a gestire mentre potresti soffrire di ansia se questa cifra l’hai ereditata.

In ogni caso, per la parte puramente pratica – per capirci, a quali soluzioni puoi accedere – ti consiglio di dare uno sguardo all’articolo su come investire 100 mila euro: le regole del gioco sono le stesse, non ho altro da aggiungere.

In alternativa, se hai voglia di dedicarmi qualche minuto, puoi guardare il video che segue in cui ho riassunto i punti chiave di una discussione che ho avuto con un mio cliente con un patrimonio di circa 600 mila euro:


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Come posso aiutarti io

Se hai già letto Affari Miei sei consapevole del fatto che questa faccenda non la smarchi in poco tempo ma, almeno un po’, ti ci devi focalizzare.

Con 500 mila euro a disposizione tutti (banche, promotori e consulenti) là fuori muoiono dalla voglia di saltarti addosso e farteli investire da loro: non te lo dicono esplicitamente ma è così.

Il mio consiglio è che, prima di affrontarli, la cosa migliore è formarti adeguatamente. La formazione è la vera arma del nostro tempo, se hai più informazioni hai minori possibilità di prendere decisioni di scarsa qualità.

Il consiglio più grosso che possa darti, dunque, è quello di leggere, studiare e comprare informazioni che ti aiutino ad orientarti prima di scegliere i prodotti da acquistare, i consulenti o gli strumenti finanziari.

Non ti sto dicendo di comprare per forza da me ma ti sto consigliando – almeno questo è gratis – di dedicare del tempo alla questione perché la soluzione al tuo problema di gestire i soldi non è di facile risoluzione.

I soggetti con cui ti interfacci parlano con te solo perché vogliono venderti qualcosa:

  • nel mio caso voglio proporti delle informazioni che ti servono per governare la complessità;
  • promotori e impiegati di banca vogliono venderti i loro prodotti inefficienti e costosi;
  • i consulenti spesso improvvisati che vogliono venderti la consulenza.

Se sei arrivato a questo punto devi metterti nello schema mentale per cui niente è gratis e, dovendo per forza acquistare qualcosa, la cosa più saggia è quella di cominciare dalle informazioni. Se non ti è chiaro questo concetto, l’ho approfondito nell’articolo in cui ti parlo della consulenza finanziaria: nell’articolo che ti ho linkato troverai una panoramica che ti chiarisce questo ultimo aspetto in maniera definitiva.

Se vuoi passare allo step successivo, quindi iniziare a capire qualcosa in più, puoi scaricare il mio video report gratuito “Investi con Buon Senso” in cui ti introduco nel mondo degli investimenti consapevoli.

Ma perché insisto così tanto sulla formazione?

Una volta non c’era internet, non c’erano i comparatori di prezzi, Amazon, eBay ed i vari e-commerce. Se ti si rompeva la lavatrice avevi 2-3 negozi a portata di mano e compravi al prezzo che ti proponevano loro.

Con l’arrivo di internet – e dell’informazione alla portata di tutti – il livello medio del consumatore si è innalzato ed oggi il negoziante di paese non può più venderti quello che vuole al prezzo che gli gira.

Anzi, la verità per cui molti di quei negozi sono chiusi è proprio perché i loro margini si sono assottigliati non potendo più giocare sul gap di informazioni che li metteva in una situazione di vantaggio rispetto al cliente.

La mia missione, per ciò che concerne la finanza, è proprio quella di annullare il gap informativo tra i venditori di prodotti e gli investitori.

La maggior parte dei siti che trovi online sono gestiti da persone che non hanno le competenze per capire veramente i soldi – e infatti ti propongono sciocchezze tipo le opzioni binarie, il trading a leva e schemi Ponzi di vario tipo – oppure sono in mano ad organizzazioni collegate alle banche che non hanno interesse a fare divulgazione ma, appunto, mirano a trasformarti in un cliente.

Affari Miei è un club di investitori consapevoli che, tramite i nostri programmi avanzati, hanno preso in mano la gestione del proprio patrimonio. Qui trovi le opinioni di alcuni miei clienti mentre qui puoi vedere i programmi dell’Academy ufficiale.

Conclusioni

Se hai una cifra che oscilla tra 500 mila euro e 1 milione di euro devi per forza di cose assumerti delle responsabilità e studiare per gestirli al meglio.

Non precipitarti a comprare immobili, azioni o fondi ma cerca di elaborare una strategia di lungo periodo che possa permetterti di puntare ad una rendita, se la stai cercando, o ad una crescita ulteriore se sei giovane e non ti serve disporre oggi del tuo denaro.

Mi auguro di esserti stato di ispirazione,

a presto.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.
Categorie: Investimenti

6 Commenti

Gilles · 27 Settembre 2022 alle 1:59

Buongiorno Davide, ho letto alcuni suoi articoli. Interessanti ma come ben puó capire, esiste anche chi non ha testa, tempo, voglia o capacità, di apprendere la “materia economica” per non presentarsi nudo alla battaglia.
Inoltre, nulla di personale, ma di persone come Lei il web brulica! Come dirimere i dubbi? Già quando leggo che con un capitale di 300/500mila euro si possa con poco rischio ottenere un bel 4%
(per iniziare a incassare qualcosa di decente) resto attonito.
Le banche oggi settembre 2022 faticano a darti il 2%LORDO!!!
Io per ottenere tra il 3 e il 4 lordi ho dovuto investire in
strumenti (“certificati” che paiono l’unico strumento amato dal mio pf) a rischio medio alto. Oltretutto in questo momento di inflazione alta nessuno sa come ovviare (dice bene chi ha commentato prima di me) ! Insomma avere in pancia 500 mila Euro o più e vedere come puoi distruggerli in un attimo ti fa paralizzare.
Credevo nella consulenza indipendente. Ca++ate. Un bluff. Ho cambiato 3 Istituti ma non vedo miglioramenti. Ok Mps me la son trovata e… bum! subito ci ho perso perché il mio parente si era fatto rifilare le subordinate: 50mila bruciati.
Per un attimo credetti (2016) mi sarebbe un minimo cambiata la vita. Assolutamente falso. Non c’è etica, non c’è morale e ahimè spesso zero professionalità! Insomma son qui con fin troppo sul cc (scelta mia) e con delle rese ridicole appoggiate a una polizza (2%) qualche fondo mantenuto ex ante e i famigerati (per me) certificati.

Altro che vivere di rendita… E ciò che ho è fondamentale per arrivare a 80 anni (ne ho 50). Perché il mio lavoro è discontinuo assai, pur se ben pagato, ma il futuro è a tinte fosche?

Sono totalmente sfiduciato. Ho tentato la via delle case in asta con amico avvocato e un suo amico titolare dib azienda edile. Ma l associazione in partecipazione non fa per me. C’era modo di rivendere subito al 60%/80% in più. Ma i genialoidi vogliono iper speculare…il 250% o più e infatti da 2 anni e mezzo non vendono. Ho cedduto la mia quota (50k) e ciao.

Bah io ho adottato uno stile vita mooolto easy dopo anni in cui spesi parecchio. Ma questa inflazione mi ha dato una mazzata… Difficile fidarsi.

Un cordiale saluto

Gilles S.

    Davide Marciano · 28 Settembre 2022 alle 11:24

    Buongiorno Gilles,

    grazie per il commento.

    Comprendo pienamente la diffidenza ma noi, a differenza dell’altra gente che trova online, siamo persone serie.

    Se non riusciamo a farlo percepire ne sono addolorato, io stesso provo imbarazzo nell’essere “confrontato” con altri individui che “spopolano” sul web.

    Come può vedere, per prima cosa, noi siamo in Italia, a Torino, e non in Paesi strani e irraggiungibili.

    Siamo una società di consulenza finanziaria indipendente iscritta ad un albo, non degli improvvisati che si divertono a scrivere il blog dalla cameretta della casa di mamma e papà.

    Esistiamo da otto anni (inizio attività 2014) e non abbiamo fregato mai nessuno altrimenti saremmo stati “espulsi” dal mercato serenamente, non avremmo migliaia di clienti soddisfatti.

    Ciò detto, la Sua storia è la classica di chi “non ha testa” e si è presentato “nudo” di fronte ad un mercato di persone che non vedono l’ora di vendere la qualunque.

    E, da quel che leggo, le hanno venduto la qualunque arrecandole danni enormi.

    Se, dopo aver perso decine di migliaia di euro, continua a rifiutare l’approccio consapevole che proponiamo noi…il problema non siamo noi ma è il suo atteggiamento e, glielo metto per iscritto, le costerà ancora tanto fino a che non cambierà.

    Ciò detto, se vuole convincersi che noi siamo gli ennesimi truffatori che trova davanti si accomodi: non possiamo piacere a tutti.

    E me ne dispiaccio perché se avesse fatto quel che diciamo oggi probabilmente avrebbe centinaia di migliaia di euro in più, di situazioni così il mio socio consulente finanziario ne analizza decine a settimana in consulenza privata.

    Se, invece, vuole darci una possibilità e vuole cambiare radicalmente modo di approccio al denaro, qui trova i nostri contatti: https://www.affarimiei.biz/contatti

    Noi siamo sempre gli stessi e siamo ancorati a determinati principi e valori, decida lei cosa vuole essere.

    Ha 50 anni, non 90, c’è tempo per cambiare.

    Un abbraccio e un grosso in bocca al lupo.
    Davide

Ermanni · 26 Luglio 2022 alle 15:34

Troppe parole nessun consiglio pratico

    Davide Marciano · 27 Luglio 2022 alle 15:21

    Ciao,

    questa storia dei “consigli pratici” mi fa ridere in tutta onestà: investire una cifra importante è un processo complesso, non si risolve con due dritte.

    Questo articolo è introduttivo e, a seconda del vissuto del lettore, ci sono approfondimenti verso altre risorse.

    Di solito, in base alla nostra esperienza, chi si trova a gestire un patrimonio del genere, ammesso che non lo abbia vinto alla lotteria, ha una situazione complessa: azioni, fondi, etf, immobili, partecipazioni aziendali.

    Non esistono “consigli pratici” validi per tutti ma esistono tante risorse approfondite a cui facciamo riferimento.

    Mi sembra che per un blog gratuito di carattere divulgativo sia già abbastanza per iniziare, o no? 🙂

    A presto,
    Davide

Nino · 29 Maggio 2022 alle 12:06

Il problema che tutti come dici tu come i promotori ti saltano addosso, ma quando ci sono dei problemi come in qs periodo non si fa altro che perdere dei soldi è non sanno darti delle risposte però il tuo capitale scende in un attimo è non sai mai quando li recupererai!…. sono tutti uguali però tu sei preoccupato perché sono i rispaermi di una vita.

    Davide Marciano · 30 Maggio 2022 alle 8:46

    Buongiorno Nino,

    grazie per l’intervento, capisco perfettamente il tuo stato d’animo.

    Il problema è la comunicazione prima che manca: loro puntano solo a vendere, non ad istruire il cliente.

    Noi il 28 maggio abbiamo fatto un evento dal vivo a cui hanno preso parte molti nostri clienti e nessuno voleva aggredirci o era disperato, anzi, erano tutti tranquillissimi perché sapevano che sarebbe successo e avevano tutte le informazioni per gestire la situazione.

    Se manca la parte di comunicazione ed educazione precedente, purtroppo, il cliente non sarà mai tranquillo: noi partiamo da questo, poi vengono gli strumenti finanziari.

    A presto.
    Davide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *