Quanti Soldi Hanno gli Italiani? Tutti i dati su base provinciale, Scopri la Classifica 2018 di Affari Miei

Ho deciso di inaugurare, con questo articolo, un report annuale che pubblicherò sempre a dicembre e che mette insieme una serie di dati utili per capire alcuni aspetti essenziali che riguardano la finanza personale.

Questo studio è rivolto sia ai lettori di Affari Miei che, in questo modo, potranno capire come si posizionano individualmente sia a livello locale che nazionale, sia ai portali informativi di settore o generalisti che sono interessati a divulgare informazioni di qualità.

Criteri su cui si basa lo studio

Basandomi sui dati ISTAT e FABI relativi al 2017, ho messo insieme:

  • Reddito pro capite a livello provinciale;
  • Ricchezza depositata in banca a livello nazionale;
  • Propensione al risparmio delle famiglie.

I calcoli che seguono sono stati effettuati sulla base di questo principio: ho rapportato il reddito pro capite locale su quello nazionale e, in base ad esso, ho “ottimizzato” la ricchezza depositata pro capite – ottenuta dalla divisione del totale del risparmio privato sulla popolazione complessiva – in base al benessere del luogo di residenza.

Con questi dati ho voluto fornire una panoramica geolocalizzata di:

  • Quanto guadagnano gli Italiani;
  • Quanti soldi hanno in banca;
  • Quanto risparmiano annualmente gli Italiani.

Commento generale sui dati

Quello che viene fuori è che, a differenza di quanto affermano i media da anni, gli Italiani sono tutt’altro che poveri dato che posseggono risparmi pari quasi a 4 volte il reddito annuo percepito e, con un 8,1% di propensione al risparmio, si confermano tra i più virtuosi in Europa.

Sono dati che già conoscevo in parte e che mi hanno portato a fondare Affari Miei proprio per dare una guida alla gestione dei soldi perché, se da un lato siamo mediamente benestanti anche confrontandoci ad altre realtà Europee notoriamente superiori su altri fronti, dall’altro gestiamo molto male i nostri soldi.

L’alfabetizzazione finanziaria nel nostro Paese è molto bassa ed anche per questo, quotidianamente, fornisco consigli su come amministrare al meglio il proprio patrimonio.

Tutti i dati che seguono sono ovviamente una media e, quindi, potrebbero non rispecchiare la tua situazione individuale o quella che percepisci dato che i circa 70 mila euro in banca che ognuno di noi dovrebbe avere sono appunto una via di mezzo tra chi possiede patrimoni milionari e chi non riesce ad arrivare a fine mese.

Di seguito le tabelle elaborate da Affari Miei.

Fonti: ISTAT e FABI – Elaborazione a cura di Affarimiei.biz

Analisi territoriale dei dati

Quello che emerge è che, nelle grandi aree urbane, mediamente reddito e ricchezza tendono ad essere superiori rispetto alla provincia.

Milano svetta superando di 2,23 volte la media nazionale reddituale: un cittadino di Milano città o provincia ha, virtualmente, un patrimonio di circa 158 mila euro che è circa 3,4 volte il patrimonio di cui dispone, sempre in media ed in maniera del tutto virtuale, chi risiede in provincia di Agrigento e si ferma a circa 46 mila euro.

Sul podio, poi, troviamo Bolzano, dove il reddito è 1,81 volte la media nazionale con circa 128 mila euro di denaro in banca, e Bologna che tocca quota 1,72 e 122 mila euro di denaro depositato in banca.

Guardando le altre grandi città, leggiamo Firenze al quinto posto (1,58) e Roma al settimo (1,52) in coabitazione con Trento ed Aosta e Genova, 11esima, appena fuori dalla top ten con 1,46.

Scorrendo la classifica, poi, Torino si “accontenta” del 21esimo posto (1,35) mentre Venezia tocca la 26esima piazza. Bari è al 72esimo posto (0,89) e precede Palermo che si piazza all’81esimo posto (0,80) davanti a Napoli, 84esima con un punteggio di 0,79.

Per quanto riguarda le province non capoluogo di regione, si segnala il brillante quarto posto di Modena (1,62) e la performance di Pescara (1,10) che, con la 55esima piazza, è la prima provincia del Centro-Sud.

Conclusioni

Ho voluto produrre questo studio di fine anno per fare il quadro della situazione sia a livello generale che a livello locale.

Ovviamente parliamo pur sempre di stime messe in piedi con i criteri che ho esposto e, di conseguenza, il margine di errore può essere anche evidente a livello individuale.

Tuttavia ciò dovrebbe essere utile sia ai lettori del blog che agli addetti ai lavori per contestualizzare meglio sia le posizioni delle singole persone che quelle dei territori.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Video Corso Gratuito – “Investi con Buon Senso”

Investire è un percorso di responsabilità e di buon senso.

Ho realizzato un video corso gratuito con oltre 72 minuti di contenuti incredibili che ti aiuteranno a capire i pericoli e le opportunità dei principali investimenti di cui hai sentito parlare fino ad oggi.

Acchiappa subito il Video Corso Gratis!

 

 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei