Certificati Maxi Cedola 2022: Cosa Sono e Come Funzionano?

Se ti stai interessando di certificati forse ti sarà capitato di leggere o qualcuno ti avrà parlato dei certificati maxi cedola.

Si tratta di prodotti venduti sul mercato secondario che a breve, ovvero tra circa un mese, staccheranno una maxi cedola iniziale.

Ma cosa sono del dettaglio questi certificati? E soprattutto come funzionano?

Oggi cercherò proprio di spiegarti il mondo dei certificati in generale, e poi ti spiegherò nel dettaglio come funzionano i certificati maxi cedola.

Cominciamo!

Due parole sui certificati 

Come promesso, prima di addentrarci nell’analisi dei certificati maxi cedola, vediamo in generale cosa sono i certificati.

I certificati sono degli strumenti finanziari derivati, il cui valore deriva dall’andamento di un’attività sottostante, che può essere sia un’azione, che un indice azionario, ma anche una valuta, una materia prima oppure ancora un tasso di interesse o anche un paniere di titoli.

Già da questo potrai capire che si tratta comunque di uno strumento complicato, al quale occorre prestare attenzione.

I certificati vengono negoziati in Borsa, sul mercato SeDeX e, proprio come qualsiasi strumento finanziario, possiedono diverse caratteristiche e si adattano a diversi profili di rischio e rendimento degli investitori.

Possiamo quindi dire nel complesso che ogni certificato possiede delle sue caratteristiche ed è in grado di adattarsi a obiettivi d’investimento differenti.

Se vuoi saperne di più sull’argomento, puoi leggere questo approfondimento sui certificates.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Caratteristiche e funzionamento

Come ti ho accennato, questi prodotti staccheranno tra circa un mese una maxi cedola iniziale.

Si tratta in questo caso delle ultime emissioni di BNP Paribas sul mercato secondario.

La cedola viene ottenuta come prima cedola, e solitamente è più elevata, ecco perchè viene definita “maxi”.

La prima cedola inoltre è variabile, tra il 12% e un massimo del 18% ed è incondizionata, ovvero viene pagata indipendentemente dall’andamento dei sottostanti dei certificates.

Le altre cedole, ovvero quelle successive, sono invece condizionate al rispetto di una soglia barriera.

Questa barriera cedolare inoltre è posta tra il 50% e il 70% dei prezzi di osservazione iniziale.

Questi certificati pagano il coupon il 23 agosto, quindi tra un mese circa, ma sono già acquistabili sul SeDeX di Borsa Italiana.

Inoltre la scadenza è fissata per il 13 maggio 2025.

La maxi cedola verrà pagata sicuramente, dal momento che è garantita e che non vi è alcuna condizione che si deve verificare affinché essa venga pagata.

Successivamente inoltre, dal 14 novembre 2023, sono previste 11 date di osservazione trimestrale, nelle quali l’investitore potrà incassare le cedole (che in questo caso saranno comprese tra l’1% e il 3,50%) purché i sottostanti siano sopra le rispettive barriere.

Compensare le minusvalenze

Tra i prodotti che permettono la compensazione delle minusvalenze abbiamo proprio i certificates.

È da notare infatti che sia la maxicedola che anche le successive distribuzioni di cedole possano permettere appunto la compensazione di precedenti minusvalenze.

Questi certificati sono infatti consigliati anche in caso di minusvalenze a scadenza a fine anno, in quando offrono la possibilità di spostare o anche di recuperarle nel caso in cui i sottostanti, a scadenza, siano sopra le barriere.

Elenco dei certificati maxi cedola

Questi certificati permettono di ottenere un’esposizione su numerosi settori, oltre a offrire una diversa scelta per quanto concerne la propensione al rischio degli investitori.

Vediamo ora alcuni settori tra i quali è possibile scegliere.

Certificato sul settore bancario

Questo certificato ha come sottostanti Banco BPM, Banca Intesa SanPaolo e Unicredit Bank.

Ha una maxicedola garantita pari al 12%, mentre le successive cedole trimestrali hanno un ammontare dell’1,10%.

Potrebbe trattarsi di uno strumento interessante dal momento che il settore delle banche potrebbe trarre beneficio da inflazione e tassi in ripresa.

Certificato sul settore automobilistico

Questo possiede una maxi cedola iniziale incondizionata del 14%, con coupon trimestrali pari all’1,20%.

Esso inoltre possiede come sottostanti le azioni di Ford, Ferrari e Stellantis. Potrebbe essere un investimento interessante, soprattutto perchè possiede una barriera ampia, posizionata al 50% dei prezzi di osservazione iniziale.

Certificato sul settore del lusso

Menzioniamo adesso invece un altro settore decisamente ciclico, ovvero che potrebbe risentire in maniera forte della fase del ciclo economico che sta vivendo.

Questo certificato paga una cedola incondizionata del 12%, il 23 agosto 2022, e ha come sottostante le azioni di Kering, Moncler e Hermes.

Dopodiché i coupon sono pari all’1%, a fronte di barriere del 70%. 

Il certificato maxicedola di UBS

Merita anche una menzione il certificato maxi cedola di UBS con ISIN DE000UW4MR73.

Esso è uno strumento legato al mondo tecnologico, dal memento che i suoi sottostanti sono titoli azionari che appartengono al settore tech.

Abbiamo infatti Meta Platforms, Nvidia, PayPal e QUALCOMM.

Questo strumento prevede il pagamento della maxicedola condizionata pari a 18 euro, a patto però che nessuno dei quattro titoli che fanno parte del sottostante abbia perso oltre il 50% dai prezzi di osservazione iniziale.

Le cedole successive invece vengono corrisposte in un valore pari all’1,25% su base trimestrale, con un ulteriore rendimento potenziale del 5% su base annua.

In questo caso i quattro titoli, per permettere all’investitore di incassare le successive cedole, non devono perdere più del 30% dai prezzi di osservazione iniziale.

La scadenza di questi certificati è a giugno 2027, quindi si tratta di una lunga scadenza.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


A chi si rivolgono i certificati maxicedola

I certificati maxi cedola sono degli strumenti rivolti a investitori che abbiano delle aspettative di mercato stabili, ma soprattutto a investitori consapevoli dei rischi.

Come hai potuto vedere la protezione del capitale è legata all’evento barriera, quindi prima di decidere di investire in questi strumenti ti invito senza dubbio a leggere attentamente il KIID, per farti un’idea sul livello di rischio del prodotto e per capire se potrai essere in grado di sopportare eventuali perdite.

Il fatto che siano strumenti utili per compensare le minusvalenze potrebbero “ingolosire” molti investitori, anche se ti invito a prestare davvero attenzione a questi certificati, dal momento che dovrei sceglierli soltanto con attente consapevolezza e dopo una lunga riflessione.

Ulteriori risorse utili

Abbiamo analizzato i certificati maxicedola, abbiamo visto le loro caratteristiche e come si comportano per quanto riguarda la distribuzione delle cedole.

Posso dirti che essi possono rivelarsi dei buoni strumenti se ci sono determinate condizioni soggettive dell’investitore, e soprattutto se vengono inserititi in una strategia ben definita.

Si tratta infatti, come avrai bene capito, di prodotti davvero complessi che non dovresti prendere in considerazione se sei alle prime armi o se non possiedi determinate informazioni che ti permettano di investire con consapevolezza.

Inoltre sono anche prodotti rischiosi, quindi penso che tu debba pensare ai certificati soltanto dopo aver studiato bene e aver preso coscienza della tua strategia d’investimento.

Prima di salutarti inoltre ti lascio queste guide che potrebbero esserti molto utili se sei appunto un investitore alle prime armi, dal momento che è sempre meglio partire dalle basi:

Buon proseguimento!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.
Categorie: Certificati

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *