Portafoglio Investimenti: Come Creare la propria strategia nel 2021

Come costruire un portafoglio di investimenti efficace? Sono sicuro che se stai leggendo questo articolo ti sia posto una domanda di questo tipo e, per questo motivo, nel tempo che passeremo insieme cercherò di fornirti le informazioni necessarie per capire qual è la strategia più adatta a te.

Cominciamo.

Quale strada seguire per il portafoglio ideale

Per costruire la tua strategia hai di fronte diverse possibilità:

  • Deleghi completamente alla banca;
  • Ti affidi ad una qualche forma di consulenza;
  • Fai al 100% da solo.

Tutte e tre le possibilità hanno vantaggi e svantaggi, approfondisco il concetto nell’articolo sulla consulenza finanziaria che trovi qui. In questa sede posso limitarmi a dire che, a mio parere, affidarsi ad una forma di gestione bancaria da un lato ti libera del “peso” di dover pensare e agire, dall’altro riduce esponenzialmente il tuo controllo.

L’altro opposto, cioè fare al 100% da soli, è la soluzione con maggiore controllo e più economica però è anche la più rischiosa perché, brutalmente, devi saperlo fare.

Noi, come Affari Miei, ci collochiamo nel mezzo: forniamo informazioni a chi vuole mantenere il controllo ma necessita di una guida.

Portafoglio investimenti bilanciato

Investire a lungo termine è quasi sempre un percorso bilanciato nel senso che bisogna contemperare la necessità di avere dei rendimenti con la stabilità necessaria per poter riuscire a “sopravvivere” a tutte le stagioni sui mercati finanziari.

Per quanto il concetto sia corretto, nella pratica capita spesso che viene distorto o utilizzato in maniera non sempre chiaro: parlare di portafoglio bilanciato in banca, per esempio, vuol dire quasi sempre tutto e niente.

Molti gestori, infatti, tendono semplicemente ad intendere il concetto di “bilanciato” come una specie di delega in bianco.

L’esempio classico sono i fondi comuni di investimento che hanno la denominazione “bilanciato”: sovente si fa fatica a capire la strategia d’investimento, si firma una delega in bianco senza possibilità di controllo alcuna.

Per chi desidera investire in autonomia, il bilancio deve essere fatto tra settori (es: healthcare, tech, automotive, finanziario, etc.), tra aree geografiche (Stati Uniti, Europa, Asia, etc.), tra capitalizzazione delle aziende (blue chip, small cap, etc.) e, soprattutto, tra le asset class (azioni, obbligazioni, materie prime, liquidità).

Per costruire un buon portafoglio, in questo caso, bisogna sia diversificare, cioè distribuire il proprio patrimonio su più settori, aree geografiche e aziende, che, soprattutto, saper decorrelare il proprio investimento facendo in modo che si crei un equilibrio tra pesi e contrappesi in grado di passare indenni o con danni limitati a tutte le crisi di mercato.

L’esempio “classico” di decorrelazione è l’oro che viene spesso inserito nei portafogli perché decorrelato rispetto al mercato azionario.

Portafoglio investimenti in azioni

Un portafoglio di investimenti in azioni è spesso scelto dagli investitori per quanto, da un punto di vista tecnico, sia la strada più complessa a livello di gestione.

I portafogli in azioni spesso sono tematici nel senso che abbracciano un determinato settore, tema o area geografica.

Per esempio, i nostri portafogli modello azionari sono:

  • #IOPUNTOSULLITALIA, che, come potrai immaginare, si concentra sulle migliori aziende del nostro Paese;
  • Smart Real Estate, ovvero una rassegna delle migliori azioni REITs su cui investire, dunque incentrata sul modo degli investimenti immobiliari;
  • Green4Future, ovvero una rassegna delle migliori azioni della green economy.

In tali situazioni ci concentriamo a livello geografico o settoriale e puntiamo ad una diversificazione sia a livello di capitalizzazione delle aziende che di sotto-settore.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Portafoglio investimenti in ETF

Investire in ETF è a mio parere la strategia più semplice ed efficace per investire a lungo termine, se non conosci gli ETF puoi leggere la guida introduttiva.

La costruzione di un portafoglio in ETF deve rispondere ai medesimi criteri di cui sopra, quindi bisogna bilanciare tra:

  • settori;
  • aree geografiche;
  • capitalizzazione delle aziende;
  • diverse asset class tra loro decorrelate.

Qui in genere le soluzioni sono due: o si procede autonomamente oppure è possibile affidarsi a soluzioni in qualche modo preimpostate come i portafogli modello.

Noi come Affari Miei abbiamo creato Fast Investments Planner, il nostro club di investitori con cui proponiamo principalmente portafogli modello in ETF.

Nello specifico abbiamo impostato le seguenti strategie:

  • Portafoglio rischio basso;
  • Portafoglio rischio medio;
  • Portafoglio rischio alto.

In più, a seconda della versione scelta, abbiamo anche dei portafogli tematici quali:

  • Megatrend;
  • ESG;
  • All Weather;
  • Figli e Nipoti.

Portafoglio investimenti in fondi

I medesimi criteri di costruzione di un portafoglio azionario si possono applicare ai fondi comuni di investimento ed è quello che, di solito, viene proposto in banca.

Questa soluzione è a mio parere la peggiore perché:

  • Non abbiamo il controllo sui fondi scelti che, 9 volte su 10, sono creati dalla stessa banca;
  • I costi per la gestione arrivano anche al 4% annuo che, per esempio, su 100 mila euro investiti producono un costo annuo di 4 mila euro fissi per l’investitore;
  • I rendimenti spesso sono deludenti perché gravati dai costi di cui sopra e dal conflitto d’interessi della banca stessa.

Per approfondire questi concetti, se ti sono nuovi, ti invito a leggere questo approfondimento.

Qual è il miglior portafoglio per i propri investimenti?

Non esiste un portafoglio ideale, per quanto la letteratura finanziaria si sforzi di proporre delle “ricette” valide per tutti.

Molto dipende dalla propria situazione personale, dai propri obiettivi e dal proprio patrimonio.

Per chi inizia da zero ed ha pochi capitali la soluzione potrebbe essere semplicemente quella di utilizzare la strategia del piano di accumulo capitale per costruire una base un po’ più solida.

Per chi, invece, dispone già di capitali è necessaria una pianificazione finanziaria individuale in base alla quale elaborare poi la strategia da adottare sui mercati. Al riguardo, ho scritto un approfondimento qui in cui chiarisco dettagliatamente questo concetto nel caso in cui non ti fosse noto.

In questa sede posso sicuramente dirti quale non può essere il miglior portafoglio: quello che vogliono venderti a tutti i costi, soprattutto in banca, in nome di una pretesa “validità per tutti”.

La finanza è personale proprio perché le scelte di investimento variano a seconda della persona.

Analisi del portafoglio

Moltissime aziende propongono il servizio di analisi del portafoglio, soprattutto le banche spesso lo fanno gratuitamente perché rappresenta per loro un meccanismo per “squalificare” il portafoglio esistente e vendere i propri fondi comuni.

Noi come società possiamo effettuare questo servizio in maniera indipendente in quanto non legati al mondo del risparmio gestito tradizionale.

Se hai interesse ad approfondire, visita la pagina dei contatti in cui trovi i dettagli per poterti avvalere dei nostri servizi.

Conclusioni

In questo articolo ho cercato di introdurti ai principi di base da considerare per la costruzione di un portafoglio.

Mi auguro che gli approfondimenti linkati possano completare il ragionamento fornendoti il supporto necessario per orientarti nel mondo della costruzione del tuo portafoglio di investimenti.

Se sei nuovo sul blog, ti lascio una serie di risorse preliminari per iniziare:

Ti auguro un buon proseguimento su Affari Miei.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: Investimenti

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *