Come Diventare Interior Designer: Guida ai Corsi per Diventare Arredatore d’Interni

Il mestiere dell’interior designer sta diventando sempre più diffuso, soprattutto perché si tratta di una figura professionale che, se competente, ci permette di migliorare l’aspetto delle abitazioni, giocando con i diversi stili, con i colori e con l’arredamento stesso.

Ma come diventare interior designer? Qual è il percorso da seguire per diventare un bravo professionista?

Se stai cercando una risposta a queste domande allora sei nel posto giusto perché oggi ci occuperemo proprio di questo argomento!

Che cos’è esattamente l’interior designer?

Spesso la figura dell’interior designer viene confusa con quella dell’architetto. Tale confusione è giustificata dal fatto che, per quanto diverse, queste professioni sono molto simili tra loro.

Nello specifico, l’interior designer si occupa dello sviluppo, ma soprattutto della progettazione, degli spazi e dei design interni, spinto dal desiderio di creare uno spazio personalizzato che rispecchi le esigenze dei suoi clienti.

Infatti, tra le principali competenze personali di un bravo interior designer troviamo soprattutto la sua capacità di anticipare le esigenze dei clienti, stupendoli ed emozionandoli.

Un interior designer che si rispetti deve quindi essere in grado di valutare le potenzialità dello spazio a disposizione a 360°, combinando il gusto estetico con la praticità e, allo stesso tempo, con le necessità dei suoi clienti.

Andiamo quindi a vedere meglio quali sono le competenze da possedere.

Quali sono le competenze personali necessarie?

Così come accade per tante altre professioni, soprattutto quelle in cui il soggetto deve creare il perfetto connubio tra la sua creatività e le esigenze delle persone, anche nel caso dell’interior designer sarebbe necessario possedere delle competenze personali ben precise.

Per definirsi un bravo interior designer, un individuo deve infatti possedere le seguenti caratteristiche:

  • saper sfruttare al meglio gli spazi che ha a disposizione;
  • saper anticipare le esigenze dei clienti;
  • saper ascoltare le esigenze delle persone;
  • sapersi relazionare con gli altri;
  • saper interpretare i bisogni dei clienti mettendo in pratica un’esperienza unica.

Inoltre, visto che un interior designer può anche occuparsi della progettazione di un’intera casa (o di un ufficio, o di qualsiasi altro spazio), un bravo professionista deve essere in grado di occuparsi anche dei lavori strutturali, applicando delle valide soluzioni creative.

In pratica, l’interior designer deve essere in grado di fare, in primo luogo, un’accurata valutazione degli spazi a disposizione, e, in secondo luogo, deve saper sfruttare al meglio la metratura che ha a disposizione, sfruttando nel miglior modo possibile anche gli spazi più piccoli e difficili da gestire.

Serve una laurea per diventare interior designer?

Le competenze personali, però, non sono le uniche caratteristiche che un individuo deve possedere per essere un bravo interior designer. Servono, infatti, anche dei titoli di studio ma, purtroppo, non esiste un corso di laurea specifico per questo lavoro.

Il percorso che viene generalmente seguito e consigliato dagli esperti del settore per diventare un bravo interior designer, prevede generalmente di laurearsi in architettura, per poi intraprendere dei corsi di arredatore d’interni.

I corsi specializzati per questo sbocco professionale sono sufficienti per trovare lavoro in questo settore pieno di creatività. Infatti, la laurea in architettura non è indispensabile per raggiungere il nostro scopo ma ci darà sicuramente una marcia in più.

Qual è il percorso da seguire?

Andiamo adesso a rispondere alla domanda che si pongono tutti coloro che vogliono diventare degli interior designer, ossia: se la laurea non è indispensabile, allora, qual è il percorso migliore da seguire?

Il nostro consiglio è quello di intraprendere dei corsi (pubblici o privati), subito dopo le scuole superiori. Spesso alcuni di questi corsi vengono offerti direttamente dal comune di residenza, ma ti assicuro che ce ne sono tantissimi anche online.

Tra i corsi che ti consiglio di valutare per raggiungere il tuo obiettivo ed entrare nel mondo di questa professione, ti consiglio soprattutto i seguenti:

  • i corsi di inglese, fondamentali non solo per chi ha intenzione di uscire dal territorio italiano, ma anche per apprendere la terminologia del settore;
  • corsi di disegno, per avere una base solida da cui partire;
  • i corsi di interior design, specifici del settore;
  • corsi per imparare ad utilizzare programmi specifici del computer, ad esempio quelli grafici.

Tutti questi corsi di formazione, non solo sono utili per amplificare le conoscenze e dirigerle verso il settore dell’interior design, ma sono fondamentali anche per aiutarci a capire il modo in cui dobbiamo porci, e le strategie da adoperare per entrare in questo fantastico mondo.

Tra i migliori sistemi formativi che abbiamo a disposizione e che ci offrono dei validi corsi per specializzarci in questo settore, troviamo sicuramente lo IED, ossia l’Istituto Europeo di Design, moda e arti visive.

Andiamo a vedere più avanti di cosa si tratta nello specifico.

I corsi IED, a che cosa servono? Come funzionano?

Come ho già detto nel paragrafo precedente, quando parliamo dello IED ci riferiamo ad un istituto che si occupa della formazione delle persone proprio nel settore del design, della moda e delle arti visive.

È quindi intuibile che lo IED è l’istituto più adatto se vogliamo valutare la possibilità di seguire dei corsi di formazione specifici per diventare dei bravi interior designers.

A rendere lo IED un valido istituto è il modo in cui organizza e gestisce questi corsi, avendo come obiettivo quello di proporre un metodo di lavoro in cui le persone si confrontano continuamente tra loro, crescendo insieme, soprattutto durante lo sviluppo di un progetto.

Per quanto riguarda il settore specifico dell’interior design, lo IED mette a disposizione degli utenti ben 54 corsi di formazione tra cui troveremo dei corsi semestrali, o triennali, o, addirittura, anche in lingua inglese.

Se vuoi iniziare a studiare l’inglese, ti consiglio di leggere la mia guida dedicata: potrai iniziare a rinfrescarti la memoria e magari scoprire che ricordi di questa lingua più di ciò che pensi.

Qui, poi, puoi trovare tutto ciò che ti serve per curiosare nel mondo delle professioni: chissà che tu non possa trovare un’attività alternativa che davvero fa al caso tuo!

In bocca al lupo!

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO