Nuovi Business Emergenti: 42 Idee per Nuove Attività Emergenti da Avviare

Oggi sono andato a caccia di nuovi trend e di nuove idee che saranno senz’altro utili a tutti coloro che desiderano aprire un’attività in proprio.

Se sei stufo di lavorare come dipendente e vuoi finalmente aprire qualcosa di completamente tuo, dovresti allora leggere questo articolo, poiché ti svelerò alcuni dei nuovi business emergenti e soprattutto vincenti.

Come sempre ti ricordo che non basta solo avere denaro da investire in un’idea nuova oppure in un franchising ma anche molta creatività, spirito d’iniziativa e soprattutto le capacità giuste. Per iniziare una nuova carriera devi informarti, studiare e farti aiutare da tutti coloro che lavorano nel campo da te scelto.

Se questa è la prima visita su Affari Miei, ti invito a leggere la sezione Idee Imprenditoriali: troverai consigli ed idee per metterti in proprio ed aprire un’attività o avviare una professione in questa fase di transizione economica per il nostro Paese.

Per ripartire c’è bisogno di idee di business innovative e sul mio blog, nei limiti del possibile, cerco di trasferirle ai chi mi legge.

Fatte le dovute premesse introduttive, vediamo allora quali sono i nuovi business emergenti venuti fuori nel 2017 e con prospettive anche per il 2019.

Spunti Pratici per Nuovi Business

1. Impara a Validare la Tua Idea per Spiccare il Volo

Al primo posto metto una regola a mio avviso fondamentale che vuole essere un consiglio per te che stai cercando nuovi business in cui cimentarti: per valutare un’idea devi saperla “pesare”.

L’unico modo per pesarla è imparare a leggere i numeri: se fai già business con successo sai di cosa parlo, se ti stai approcciando ora lascia che ti spieghi.

Gli imprenditori che nel giro di pochi anni mollano la propria attività hanno in comune un errore fondamentale: sbagliano la pianificazione.

Il vero problema che affossa in partenza qualsiasi progetto imprenditoriale è l’ASSENZA DI METODO.

Dopo oltre 5 anni di esperienza e diversi progetti avviati, ho creato il corso “Da Zero a Imprenditore”, il primo percorso in Italia che ti insegna a fare business partendo da zero. Puoi accedere al video corso gratuito di presentazione “Business con Metodo” in cui ti mostro specificamente di cosa mi occupo e perché il mio metodo ti può letteralmente svoltare se ti stai approcciando al business per la prima volta o se hai poca esperienza.

Grazie al mio sistema, infatti, puoi imparare da solo a:

  • Capire se la tua idea ha un fondamento oppure no: con i “secondo me funziona” non si fanno i soldi, l’unico driver del successo è quello numerico. Il mio corso ti insegna a mettere in fila i numeri per analizzare la tua idea;
  • Quanti soldi ti servono per partire: molti pensano che si possa fare tutto con quattro spicci, altri invece credono siano necessari milioni. La verità, spesso, sta nel mezzo oppure è molto lontana dalle proprie convinzioni: il mio corso ti insegna a mettere in fila i numeri per capire se puoi oppure no senza bagni di sangue;
  • Come costruire un business plan efficace: è la naturale conseguenza dei due punti precedenti, se impari a fare quelli il business plan viene fuori facilmente senza che debba regalare decine di migliaia di euro ad esperti e consulenti.

A scanso di equivoci, mi preme spiegare con chiarezza che il corso non è adatto a te se:

  • Non hai soldi da investire: no soldi, no business. Se stai cercando business low cost o senza investimento, lascia perdere il corso perché non fa per te;
  • Non sei disposto a studiare: ho semplificato anni di esperienza reale maturata sul campo ma, con tutta la buona volontà, non posso offrirti la pappa pronta o la ricetta magica per diventare ricco. Se non sei disposto a metterci un minimo di impegno ti invito a lasciar perdere.

Se ti interessa approfondire il mio metodo per fare business testato sul campo,  ti invito a scaricare gratuitamente il video corso introduttivo “Business con Metodo” in cui ti spiego i punti chiave del percorso formativo che ho creato per te.

>> Mandami il Video Corso Gratuito Adesso <<

2. Crowdfunding Immobiliare: gli investimenti nel mattone alla portata di tutti

Internet ha rivoluzionato il mondo ed anche un settore come l’immobiliare si sta adeguando.

Investire in immobili senza uscire di casa e con cifre piccole oggi è realtà e le opportunità del mattone si aprono incredibilmente a tutti.

Mentre prima, infatti, la soglia d’ingresso al settore immobiliare era molto alta, oggi con poche centinaia di euro puoi partecipare ad operazioni nelle principali città italiane, europee e mondiali.

Questo grazie alle piattaforme di crowdfunding che stanno cambiando per sempre questo mercato aprendolo praticamente a tutti i risparmiatori ed agli aspiranti imprenditori.

La prospettiva sta spopolando sia in Europa che negli Stati Uniti e nel 2019 potrebbe crescere esponenzialmente anche in Italia visto che, nel nostro Paese, la passione per il mattone è sempre stata molto forte.

Perché non cogliere al volo questa opportunità? Continua a leggere perché te la spiego nel dettaglio.

Investi in Immobili con piccole somme e ricevi gli interessi mensilmente

Re-Lender è una piattaforma di crowdfunding immobiliare specializzata in investimenti ad alta redditività su progetti di riconversione e riqualificazione urbana nelle principali città europee.

Tra i principali vantaggi ti segnalo:

  • Registrazione online in 1 minuto;
  • Riceverai gli interessi mensilmente fino al 9% sul tuo conto gratuito;
  • Non pagherai mai commissioni sull'investimento che sono azzerate per sempre;
  • Possibilità di accedere a progetti ad altissima redditività nel campo del reconversion crowdfunding che sono spesso più efficaci e redditizi di quelli tradizionali perché basati sulla riqualificazione di aree già importanti e sviluppate.

Re-Lender è una piattaforma giovane ma avanzata ed autorevoli quotidiani come Wall Street Italia, Finanza Online e Start-up Italia ne hanno parlato positivamente.

Per partecipare ai migliori progetti europei di riconversione immobiliare, non ti resta che iscriverti sul sito ufficiale.

>> Iscriviti a Re-Lender Adesso! <<

3. Servizi alle Piccole e Medie Imprese ed ai Professionisti

Il nostro Paese pullula di PMI e di liberi professionisti che, proprio in ragione delle loro piccole dimensioni, non sono dotati di reparti di graficamarketing logistica. Tale “mancanza”può diventare per gli aspiranti imprenditori una buona strada da seguire per avviare un proprio business, e ora ti spiego come.

Tutti sappiamo che l’Italia esporta ogni anno moltissimi prodotti e merce di alta qualità, apprezzata in tutto il mondo. Tale esportazione comporta introiti di miliardi di euro all’anno, grazie alla richiesta mondiale, e tutto questo è agevolato ed incrementato dalla velocità con cui il commercio elettronico sta prendendo piede.

Proprio perché molte PMI non possono permettersi un ufficio che gestisca tutto questo, spesso devono esternalizzare il lavoro a terze aziende, ed è qui che un nuovo imprenditore può inserirsi.

Con un investimento iniziale che si aggira sui 25 mila euro puoi valutare di intraprendere questa strada, offrendo servizi a queste piccole imprese e ai liberi professionisti.

4. Leggi, Leggi, Leggi…

Sempre più persone si buttano online sperando di trovare l’idea del secolo che gli farà fare definitivamente un sacco di soldi.

Purtroppo, però, non sempre è così perché il problema di fondo è un altro:

Non devi capire COSA devi fare ma COME devi farlo bene.

Potrebbe sembrarti strano ed in controtendenza rispetto a quello che trovi in giro online ma, fidati, quello che manca alla stragrande maggioranza degli aspiranti imprenditori è la giusta formazione.

Se hai tempo e voglia, ti consiglio di dare uno sguardo a questi articoli:

5. Nuovi Franchising da Aprire

Per quanto riguarda l’aspetto dell’affiliazione commerciale, sono davvero tante le opportunità per gli aspiranti imprenditori.

Ti consiglio la lettura della lista 100 Franchising Migliori all’interno della quale troverai tantissime informazioni e recensioni di dettaglio sulle varie alternative a cui affiliarsi. La guida sui franchising di successo, inoltre, ti può aiutare a scegliere con il giusto criterio.

6. Il Mercato azionario ti può favorire?

Oggi grazie ad internet è possibile investire in azioni anche con piccole cifre. Il mondo del trading è cresciuto esponenzialmente ed ha aperto a tantissime opportunità che, di contro, vedono però l’esposizione a rischi elevati se non c’è una solida base formativa alle spalle.

Se ti stai già interessando di questa materia ed hai già letto qualcosa in merito, ti consiglio di leggere la mia guida per investire in azioni a zero commissioni.

7. Guadagnare con le App è possibile

Ad oggi esistono applicazioni che permettono di fare qualsiasi cosa.

Se stai cercando nuove opportunità per guadagnare e non sai da dove iniziare, puoi dare uno sguardo alla lista con le migliori app per guadagnare in cui trovi consigli per incrementare le tue entrate da casa.

8. Il food crea nuovi business

Infine, uno dei nuovi business emergenti di cui si parla molto e che può risultare interessante è l’apertura di una cioccolateria. Il cioccolato unisce tutti ed è amato da chiunque, e questo è un motivo già sufficiente per convincerti che questa attività potrebbe avere un serio successo.

In questo campo è di vitale importanza la formazione: il personale deve essere super efficiente e competente. Essendo uno dei nuovi trend del momento sono già nate anche numerose catene di franchising, alle quali potresti affidarti.

In ogni caso, se vuoi  avviare un business da capo, sarà estremamente importante per te acquisire quante più informazioni possibili.

Il fallimento di molte attività, purtroppo, è molto spesso legato alla mancata conoscenza di alcuni aspetti essenziali: i migliori investimenti da fare nella fase della pianificazione sono quelli in tempo, per conoscere quante più cose possibile, ed in risorse utili, gratuite ed a pagamento, da studiare attentamente.

Per approfondire, puoi leggere l’articolo dedicato ai franchising del settore della ristorazione.

9. Diventa un Digital Coach

Quella del Digital Coach è una professione emergente in Italia ma già diffusissima in altri paesi da quando l’economia mondiale si è spostata su Internet. Il web è una tecnologia relativamente giovane e non tutti gli imprenditori, soprattutto a capo di piccole e medie imprese di vecchia generazione, hanno compreso l’importanza dello strumento.

Oggi, un’impresa che non ha una corretta identità digitale e non è presente attivamente sulla rete è come se non esistesse e viene fortemente penalizzata.

Il Digital Coach si occupa di ovviare al problema, è un libero professionista che accompagna le aziende nella formulazione e attuazione di corrette strategie digitali al fine di rafforzare l’identità di brand e la presenza online in modo da incrementare il fatturato.

Il Digital Coach deve avere un’adeguata preparazione, per le nuove generazioni nate con uno schermo in mano è tutto più semplice: il professionista deve conoscere le piattaforme più adatte per un e-commerce, quali social prediligere per promuovere l’attività dell’impresa, quali contenuti non devono assolutamente mancare su un sito web di successo ecc.

Master, corsi di formazione e di aggiornamento, sia in aula che online, non mancano. I vantaggi di questa professione è che può essere svolta ovunque, anche da casa, e permette di interfacciare più clienti contemporaneamente, certo, i guadagni sono variabili.


Mettersi in Proprio è una Necessità: Ascolta il Podcast!


10. Fotografia per l’e-commerce

Una buona immagine vale più di mille parole. Tutti sappiamo che delle foto accattivanti hanno il potere di convincere l’utente ad acquistare un prodotto o un servizio; diversamente, se un e-commerce o un sito non presentano delle adeguate immagini rischiano di comunicare un’informazione sbagliata e insufficiente.

Ma non si tratta semplicemente di mettere un paio di scarpe o una borsa davanti all’obiettivo e farne una foto, spesso dietro alle immagini delle schede prodotto di un e-commerce si nasconde una vera strategia di comunicazione, fatta da professionisti.

La nuova frontiera del mestiere del fotografo come libero professionista o collaboratore di uno studio di comunicazione è sicuramente la fotografia pubblicitaria e commerciale applicata all’era di internet – siti web, blog, e-commerce, pagine Facebook e Instagram.

Tutti i marchi e le aziende, grandi o piccole, fanno uso massiccio delle immagini per promuovere e pubblicizzare al meglio i loro prodotti o servizi, se il tuo talento è proprio la fotografia e possiedi un minimo di attrezzatura per cominciare allora lanciati! Ricorda che la fotografia professionale in certi contesti non potrà essere rimpiazzata da quella amatoriale.

11. Diffondi il tuo sapere grazie ad un Corso Online

Se possiedi la conoscenza approfondita di un argomento oppure hai delle competenze qualificate in qualche ambito, perché non guadagnare mettendole a disposizione degli altri?

Puoi sfruttare le tue capacità trasformandole in un corso e-learning di formazione. Il contenuto può essere veicolato sottoforma di video, articolo, audio oppure ebook, ma le lezioni video sono quelle che creano maggiore audience e facilitano la fruizione stessa dei contenuti.

Per prima cosa occorre scegliere una piattaforma su cui sviluppare il proprio corso, ovvero un Learning Management System (LMS), se ne trovano diversi su internet e bisogna scegliere quello più adatta alle proprie esigenze, anche economiche. A ciò va unita la scelta del cloud storage cui affidarsi per il salvataggio dei contenuti audiovisivi (Google Drive, Dropbox e Box).

Per pubblicizzare il corso e così massimizzare i guadagni è necessario guidare il potenziale cliente verso il prodotto, partendo col condividere gratuitamente delle risorse di valore in modo da fargli comprendere i reali benefici del corso.

Una buona strategia consiste nel pubblicare una piccola percentuale dei video sul proprio canale YouTube mettendoli a disposizione di tutti gli utenti, oppure è utile riadattare una parte dei contenuti in un blog per aumentare la propria visibilità; anche la creazione i Podcast è un ottimo modo per sponsorizzare il corso e finanziare questa idea imprenditoriale.

LEGGI ANCHE: LE 3 LEGGI FONDAMENTALI PER AVVIARE UN BUSINESS DI SUCCESSO

12. Guadagnare con gli eBook

I tuoi talenti e conoscenze possono anche essere condivisi con gli utenti del web attraverso la vendita di eBook. Grazie ad Amazon Kindle Store ognuno di noi ha l’effettiva possibilità di pubblicare il suo testo e guadagnare, tramite un’applicazione reperibile su ogni dispositivo.

La scrittura può comprendere diversi ambiti, da quello creativo a quello tecnico e divulgativo. Si tratta di costruire un elaborato di valore mirato ad un target specifico e accompagnata da una corretta strategia di business perché i guadagni non sono automatici anche se le strategie di Amazon aiutano la vendita.

Il mio consiglio è di offrire prodotti nuovi, non banali, magari legati agli argomenti più di interesse in questo momento, per quello è importante fare prima una corretta ricerca, senza trascurare gli aspetti grafici, come la copertina e il titolo.

13. Buttati sull’Event Management

Organizzare eventi non è certo un mestiere di ultima generazione, tuttavia in Italia sta diventando solo adesso un business di rilevanza, e non parlo di organizzare feste di compleanno o di addio al nubilato, ma mi riferisco all’organizzazione di importanti eventi aziendali, meeting, convention, seminari, congressi, conferenze, workshop, competizioni sportive, fiere ed eventi culturali.

Questa professione sta assumendo una grande importanza nel mondo della comunicazione e lo dimostrano i molteplici corsi e master dedicatigli anche da scuole riconosciute, come l’Istituto Europeo di Design

Questo lavoro lo si può svolgere da freelance oppure presso un’agenzia che organizza eventi, mentre alcune aziende hanno all’interno del loro organico uno o più dipendenti che si occupano di questo.

14. Conviene ancora investire sull’artigianato

Il prodotto di eccellenza made in Italy non ha ancora perso la sua attrattiva, soprattutto per i compratori stranieri; non solo, l’apertura a nuovi mercati grazie alla visibilità offerta da Internet sta dando un nuovo slancio all’artigianato artistico italiano. Sempre più giovani creativi decidono di portare avanti piccoli business manifatturieri.

Grande passione, eccellenti abilità manuali, inventiva e intraprendenza unite ad una corretta auto-promozione online sono i requisiti di partenza, più un piccolo investimento iniziale per acquistare i macchinari e lo spazio, se non si è eredi di un’attività di famiglia.

Il segreto è proporre oggetti ricercati, di nicchia e di qualità, che possono riguardare la produzione artigianale di gioielli, la realizzazione di mobili di pregio, il confezionamento di scarpe cucite a mano con materiali non convenzionali, ma anche alcune bizzarrie come la realizzazione e vendita di sex toys di lusso in legno o in ceramica!

15. Vendere oggetti handmade su Etsy

Non hai aspirazioni artistiche particolari ma un certo talento per creare oggetti con le tue mani non ti manca.

Dalla bigiotteria alle decorazioni per la casa ai vestiti cuciti a mano, Etsy è un sito dedicato all’e-commerce, perfetto per chiunque sia creativo e disposto a vendere le proprie creazioni oppure a sbarazzarsi di oggetti vintage, il tutto con un investimento iniziale molto limitato. Se raggiungi visibilità su Etsy e riesci ad affiliare un certo pubblico, nulla ti vieta poi di avviare un tuo e-commerce personale.

16. La Gig Economy

Fare piccoli lavoretti in cambio di piccoli compensi è sempre un ottimo modo di arrotondare, anche perché le opportunità sono molteplici a seconda delle competenze di ciascuno: si possono fare soldi portando i vestiti in lavanderia per una persona che non ha tempo di farlo, oppure facendo la spesa per un anziano, pulirgli la casa o svolgere per conto di terzi piccoli lavori di manutenzione, ma anche solo lavare la macchina, portare a spasso il cane e cose così.

Si tratta di un trend consolidato in America ma purtroppo molto meno in Italia dove bisognerebbe sviluppare diverse piattaforme che mettano in contatto molte persone con esigenze diverse.

17. Business di personalizzazione degli oggetti

Nonostante l’enorme vastità di merce che circola nei negozi, supermercati, e-commerce, alla fine acquistiamo pur sempre prodotti che sono la copia e la ripetizione di tanti altri uguali.

Personalizzare un oggetto con una decorazione o una foto, anche solo cambiandone il colore e leggermente la forma, è un’idea che può rivelarsi redditizia.

I business che possono scaturirne sono molteplici, dalla personalizzazione di capi di vestiario e accessori – stampa serigrafica su borse e t-shirt – alla decorazione di apparecchi elettronici come laptop e smartphone.

Questo servizio di personalizzazione può essere sfruttato per attribuire un’immagine coordinata a più elementi magari effettuando piccole modifiche ai prodotti preesistenti oppure riparando a richiesta capi e accessori vecchi. Il tutto andrebbe integrato con l’ideazione di un proprio maschio di fabbrica e una linea di oggetti personale.

18. Creare un negozio in DropShip

Il dropshipping è un modello aziendale in cui il venditore vende un prodotto ad un utente finale senza possederlo materialmente nel proprio magazzino, l’ordine viene infatti trasmesso al fornitore il quale spedisce il prodotto direttamente al compratore.

Il vantaggio è che il venditore si preoccupa esclusivamente della pubblicizzazione dei prodotti e della relazione con i clienti senza le relative incombenze legate ai processi di imballaggio e spedizione.

È possibile selezionare e vendere nel proprio negozio online prodotti di diversi fornitori, locali ed esteri, accomunati da un unico tema e appartenenti a una nicchia specifica. Dal momento che molti dei prodotti vendibili in dropshipping sono privi di un proprio marchio la competizione con le altre attività consiste nell’essere più bravi nella vendita.

19. Fare Garden Sharing

La novità del momento è una piattaforma per gli affitti di giardini e spazi verdi all’aperto che funziona proprio come Airbnb. Privati, agriturismi e fattorie affittano a pagamento i loro spazi per il pernottamento o la sosta dei viaggiatori che possono arrivare in camper o montare una tenda.

Il Gardensharer ha la possibilità di guadagnare mettendo a reddito le proprie aree verdi altrimenti inutilizzate senza pagare l’inserzione degli annunci e senza subire commissioni aggiuntive.

20. Puntare sull’Eco design

L’utilizzo di materiali sostenibili, riciclati o riciclabili, realizzati secondo processi produttivi che utilizzano risorse alternative è un business in ascesa che abbraccia diversi settori.

Affacciarsi a questo mercato emergente, se si è designer, creativi, progettisti, ma anche coltivatori e artigiani, significa tutelare le risorse e sensibilizzare il mercato su temi quanto mai urgenti. Inoltre è sempre più crescente la domanda da parte dei consumatori di alternative naturali e di design accattivante da preferire ai consueti e noiosi prodotti industriali di plastica.

Le fibre vegetali biodegradabili sono già ampiamente usate nella realizzazione di oggetti usa e getta, come piatti e bicchieri, pannolini e assorbenti. Un esempio è la fibra di bamboo, materiale che si presta per la realizzazione non solo di piccoli oggetti, per la casa e non, ma anche di mobili ed elementi architettonici e di arredo. Diverse aziende in Italia ne hanno fatto un brand.

Allo stesso tempo, con la canapa si possono realizzare moltissime cose, produrre la carta in modo non inquinante e senza sacrificare gli alberi, ottenere vari tipi di tessuti, ottimi per vestiti e scarpe, si possono fabbricare carburanti, materie plastiche e vernici non inquinanti.

21. Diventa un Data Analyst

La gestione dei dati è il futuro. Un analista dei dati si occupa infatti di sintetizzare informazioni utili a chi poi prende le decisioni in ambito aziendale. È fondamentale, per un’azienda, disporre di una figura specializzata che sappia orientare le informazioni raccolte e visualizzarle in grafici così da poterle “leggere” e interpretare.

Intorno alla Data Science è possibile tirare su un’idea di business redditizia, se si hanno le giuste credenziali ed esperienza. Piattaforme come Upwork e Digiserved, ad esempio, sono ideali per i freelancer alla ricerca di lavoro extra.

Purtroppo in Italia l’offerta formativa in fatto di Data Science non è ancora adeguata alla richiesta di queste figure specializzate, la cosa più utile è sicuramente fare esperienza sul campo.

22. Investire sui droni per selfie

I droni sono una tendenza in crescita, vengono usati per le consegne, vengono impiegati in agricoltura, per fare riprese video aeree, per effettuare analisi del territorio e, pare, saranno la nuova frontiera della fotografia di sé stessi che soppianterà i bastoni da selfie con inquadrature dalle angolazioni improbabili.

23. Software Training

Conoscere approfonditamente uno o più software è una grande risorsa, non solo per la richiesta di personale competente da parte delle aziende, ma anche per la possibilità di rigirare le proprie conoscenze agli altri conducendo corsi altamente specializzati per i dipendenti aziendali o aspiranti professionisti.

Si tratta di un modo semplice e abbastanza sicuro per mettersi in proprio. I guadagni possono essere variabili in base al costo dei corsi, ma quando si tratta di insegnare programmi sappiamo che questi possono tranquillamente lievitare. Non è detto che questo debba essere l’unico lavoro, anzi può rappresentare un supposto ad altre attività. L’aggiornamento deve essere continuo.

24. Aprire una scuola di Coding

Il coding è il linguaggio della programmazione informatica che ha come base il pensiero computazionale. Il Ministero dell’Istruzione ha più volte sottolineato l’importanza di insegnare il coding a scuola, grazie al quale gli studenti svilupperebbero l’attitudine a risolvere problemi più o meno complessi, e imparerebbero precocemente a programmare.

L’insegnamento della programmazione a bambini avviene tramite l’utilizzo di giochi interattivi, come i robot che obbediscono a comandi in codice, oppure, tramite apposite applicazioni, come Scratch. Il business che si presenta in questo caso è di aprire una scuola di coding o dei corsi inerenti, contando sulla lentezza di aggiornamento della Scuola italiana.

25. Comprare e vendere siti Web

Anche i siti internet possono essere venduti e comprati, puoi aprirne uno nuovo oppure acquistarne uno esistente con la differenza che nel primo caso devi cominciare tutto da zero mentre nel secondo si tratta di un’attività già avviata.

Comprare un sito esistente che genera dei guadagni è una scorciatoia che permette di risparmiare il tempo e gli sforzi.

I principali canali per l’acquisto di siti internet sono i marketplace, piattaforme che mettono in contatto venditori e compratori. Alternativamente esistono i broker, agenti specializzati nella vendita che fanno da intermediari tra compratore e venditore.

I prezzi sono molto variabili e nella scelta del sito da acquistare bisogna tenere conto di più fattori. Si tratta comunque di una forma di investimento che richiede lavoro e tempo se si vuole che i guadagni del sito fruttino i soldi spesi per l’acquisto.

26. Copywriting freelance e creazione di contenuti

I contenuti sono tutto per un sito, un blog, una qualsiasi pagina social. Devono essere interessanti e di qualità, possibilmente originali e aggiornati. Chi offre i contenuti migliori riceve i riscontri migliori sul web.

Perciò le figure del copywriter e del content creator sono sempre richieste, mai escluderle a priori se si mastica di scrittura e si è alla ricerca di un business.

27. App Development

Lo stesso discorso vale per la creazione di App. Non è un compito facile, ma non ci sono mai state più risorse a disposizione per iniziare, ci sono grandi mercati disponibili, si va dai giochi agli strumenti di apprendimento, ai percorsi di crescita personale all’aiuto nell’organizzazione e molto altro. Lo sviluppo di app è un’eccellente idea di startup.

28. Sviluppatori web

La richiesta degli sviluppatori è destinata a cresce, in particolare ci sarà bisogno di professionisti in grado di realizzare applicativi e di presentarli ai clienti, con buone competenze rispetto al mercato di riferimento.

Non è un’idea imprenditoriale innovativa ma ad oggi è uno dei campi dove si aprono più possibilità, quindi non ha senso escluderlo dalla lista. Il lavoro dello sviluppatore è anche versatile perché può essere svolto anche in veste di collaboratore esterno e libero professionista.

29. Aprire uno spazio coworking

Il coworking è ormai abbastanza diffuso ma può ancora dare grandi opportunità. Si tratta di una specifica modalità di lavoro basata sulla condivisione di spazi comuni da parte di liberi professionisti di vario genere.

Ma un centro coworking non è un semplice luogo di condivisione, può portare anche a forme di collaborazione interdisciplinari. Certo, la prima incombenza è amministrare lo spazio che verrà condiviso, ma oltre a ciò è anche importante favorire la formazione di una community di creativi.

30. Unire un’idea di business con un Bar

Si tratta di un piccolo fenomeno che già presenta diversi casi in Italia, è deve la sua originalità alla combinazione di un’attività commerciale con il piacere di prendere un caffè e pasteggiare.

Un esempio diffuso in tutto il paese è quello dei Bike café, delle ciclo-officine specializzate in riparazioni affiancate da un’attività di ristoro, come un bar o un bistrot.

Altro caso è quello del servizio di riparazioni sartoriali rapide, rivolto a tutti coloro che sappiano usare una macchina da cucire, si chiamano “café couture” e arrivano dalla Francia, permettono l’affitto delle attrezzature, l’assistenza, e contemporaneamente svolgono i normali servizi di un bar.

Altro caso interessante è la lavanderia a gettoni che per colmare i tempi di attesa si trasforma in un caffè-pasticceria. L’idea permette di unire competenze e progetti imprenditoriali diversi in un unico prodotto che risponde a diverse necessità così da raccogliere una clientela più vasta. Non dimentichiamo che il bar è anche un luogo di aggregazione che facilita la fidelizzazione dell’utenza.

31. Aprire una scuola di cucina per le minoranze alimentari

Cresce il numero di diete e abitudini alimenti non convenzionali, pensiamo al veganesimo e al vegetarianesimo, ma anche al filone crudista e a tutte le tipologie di intolleranze alimentari come i celiaci.

I corsi di cucina spopolano e in questo panorama non c’è molto spazio per l’originalità, perciò bisogna puntare alle minoranze, coloro che vengono esclusi dalle offerte tradizionali. L’idea di aprire una scuola o un corso dedicato alla realizzazione di piatti 100% vegetali oppure all’arte della pasticceria crudista può rivelarsi un grande successo.

32. Investire sulla coltivazione idroponica

Le coltivazioni idroponiche, altrimenti dette “senza suolo”, sono colture tecnologiche attuate in assenza del terreno agrario, l’apparato radicale è infatti immerso in una soluzione nutritiva senza che via sia un substrato sottostante.

Questa nuova frontiera dell’agricoltura può anche essere high tech, attuata in serre di ultima generazione e con sistemi altamente automatizzati ed efficienti, oppure può essere praticata con strumenti molto semplici adoperando materiale di riciclo a costi molto bassi.

È intuitivo che questo tipo di coltivazione ha preso piede soprattutto dove non c’è terreno disponibile e un clima non ideale. Si può realizzare una coltivazione idroponica anche in uno scantinato o sul tetto di un palazzo riducendo i costi economici e ambientali dovuti al trasporto dal campo al negozio, e permettendo una riduzione del consumo idrico, soprattutto con i sistemi chiusi che recuperano la soluzione nutritiva non utilizzata dalle piante e la riciclano.

Perché puntare sulle coltivazioni fuori suolo? Le quantità di prodotto ottenute fuori suolo sono maggiori rispetto alle coltivazioni tradizionali e a quelle biologiche, certo bisogna considerare l’elevato uso di energia per produrre/costruire/gestire le serre, considerando tutte le attrezzature necessarie.

Non si tratta propriamente di un business con guadagni assicurati ma più che altro di una sfida, l’ho inserito nella lista perché le nuove idee imprenditoriali spesso cominciano così.

Se però ti interessano altri tipi di coltivazioni più tradizionali e dai guadagni sicuri puoi consultare questa pagina che ho scritto in precedenza.

33. Diventare un tutor

La figura del tutor di accompagnamento allo studio non è mai stata molto sfruttata in Italia. In genere si pensa alle ripetizioni come strumento per racimolare qualche soldo quando si frequenta l’università.

Invece, affiancare altri studenti durante il percorso universitario, magari lo stesso che hai frequentato tu in passato, potrebbe diventare un vero business, che ti permetterebbe una certa libertà oraria e la possibilità di stabilire delle tariffe, inoltre ti darebbe sicuramente molte soddisfazioni.

34. Diventare un avvocato virtuale

Se quello dell’avvocato è un lavoro tradizionale, ciò non significa che possa evolvere e dare nuovi sbocchi e opportunità per il futuro. La novità è portata, come puoi immaginare, da internet.

Non tutti possono permettersi una consulenza legale “standard”, né magari tutte le situazioni richiedono tale tipo d intervento a tutto tondo: spesso potrebbe bastare una veloce consulenza, che può essere anche data tramite Skype e altri strumenti di comunicazione digitale.

Ciò significa poter avere clienti in tutto il mondo… Ma non toglie il fatto che la strada da percorre sia solo una, ossia quella dell’università! Qui trovi tutte le informazioni.

35. Responsabile per lo smaltimento dei dati personali

Il web comporta la cessione di una grande molte di dati personali, non sempre gradita o utile se non ai fini di marketing.

La rapida evoluzione del web potrebbe portare alla nascita di un professionista in grado di fornire agli utenti il modo per non essere rintracciate, offrendo quindi un servizio di smaltimento ed eliminazione dei dati personali che sono stati registrati su diversi database, siano essi elettronici o fisici.

36. Plant manager

Questo professionista si occupa del controllo fisico degli ambienti lavorativi e aziendali. Dirige e coordina le funzioni aziendali e le relative risorse impegnate, analizzando i processi produttivi per individuare eventuali problemi di varia natura e proporre di miglioramento.

Lo scopo è quello di aumentare la produttività sia economica che dei lavoratori, creando le condizioni per un ambiente di lavoro sereno e stimolante, caratteristiche basilari per raggiungere ottimi livelli di efficienza e soddisfazione.

37. Aeronautica spaziale 

Anche in questo caso si tratta di un lavoro che ha già un suo percorso di studio: molti sognano di fare l’astronauta sin da piccoli, ma la repentina crescita dell’ingegneria aerospaziale e le nuove scoperte nel settore hanno permesso ad un nuovo lavoro di iniziare a prendere forma.

Si tratta dell’ambito del turismo spaziale, la nuova frontiera del turismo!

38. Virtual personal shopper

Gli e-commerce portano necessariamente ad un problema, ossia quello di non poter provare capi di abbigliamento o semplicemente avere un esperto a cui chiedere informazioni sui prodotti.

Certo, esiste il reso, ma avere qualcuno a cui affidarsi in fase di acquisto non sarebbe decisamente più rassicurante?

Quindi via libera ai personal shopper virtuali, che possono consigliare sulla scelta di abiti e cosmetici, prodotti per la casa o per qualsiasi altro tipo di acquisto!

39. Cuoco a domicilio

Quante volte ci siamo affidati a servizi di consegne del cibo a casa? La fretta al giorno d’oggi è sempre tantissima, e il tempo per cucinare manca spesso e volentieri. Per questo capita, soprattutto a chi vive nelle grandi città, di dover ripiegare su cibi da asporto.

E se si volesse puntare sulla qualità? In questo caso l’idea di “affittare un cuoco” ci permetterebbe sia di avere qualcuno che cucina per noi a casa nostra, sia di mangiare ciò che decidiamo noi, inteso come ingredienti che adoperiamo (perché potremmo far trovare gli ingredienti già nel frigo).

Insomma, una bella alternativa per poter mangiare sano senza dover cucinare noi stessi!

40. Stampatori 3D

Quella della stampa 3D è una realtà in continua espansione: ciò che si può creare in questo modo è impressionante. Persino le automobili sono state create in questo modo, dando forma a veicoli leggeri e sicuri, creati in un batter di ciglia grazie al lavoro dei professionisti del settore.

Le opportunità sono sempre di più, dunque questa strada va tenuta in considerazione!

41. Life Coach

Questa figura professionale ha molte chance lavorative per il futuro: egli si occupa di migliorare e aumentare le potenzialità delle persone, con l’obiettivo di aiutarlo a raggiungere gli obiettivi professionali e personali in modo efficace e ottimale.

Nella frenesia e nella competizione odierne, avere qualcuno che ci guidi può essere un modo per evitare inutili ondate di stress, raggiungendo prima e meglio i risultati sperati.

42. Email Marketing Manager

Questa figura professionale avrà il ruolo di individuare e fidelizzare i clienti attraverso l’uso di mail studiate ad hoc, con un linguaggio persuasivo in grado di tenersi stretto il lettore.

Si tratta di un ruolo molto importante per le aziende, poiché fidelizzare un utente su un canale privato come quello dell’indirizzo mail è molto importante!

Ulteriori risorse utili

Una sola pagina non può mai rispondere a tutte le tue domande, specie se hai tanti dubbi e non hai ancora deciso bene cosa fare.

Per questo motivo, dunque, ti invito a consultare altri articoli presenti sul blog che potrebbero rispondere meglio alle tue aspettative:

Buon Proseguimento su Affari Miei.


Scopri che Imprenditore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di imprenditore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


 

 

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 


Scopri che Imprenditore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di imprenditore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


 

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO