Fondo Azimut Trading: Recensione e Opinioni, Conviene Investire?

Se sei un investitore e stai valutando la possibilità di sottoscrivere il Fondo Azimut Trading forse starai pensando di cercare un posto in cui ottenere informazioni sul fondo stesso e magari anche qualche opinione a riguardo.

Bene, qui sei nel posto giusto: oggi ti guiderò passo passo nell’analisi del fondo in questione, fornendoti una panoramica completa sull’analisi del fondo, sui costi e sui rendimenti, e infine al termine dell’articolo potrai trovare le mie opinioni sul Fondo Azimut Trading.

Esso è un fondo comune d’investimento di diritto italiano armonizzato alla direttivo 2009/65/CE, ed è stato istituito il 26 maggio 2011.

Il fondo viene proposto dalla società di gestione Azimut, che fornisce all’investitore soluzioni caratterizzate da uno stile di gestione in grado di adattarsi a tutte le condizioni di mercato attivamente. La società investe in strumenti del mercato obbligazionario ed in strumenti del mercato azionario.

Buona lettura.

Due parole su Azimut Holding

Vorrei spendere due parole su questa società, in modo da capire se è solida e affidabile. Penso sia molto importante capire se siamo davanti a una società in grado di offrirci stabilità e sicurezza. In questo caso, stiamo parlando di una società indipendente che si occupa di consulenza e gestione patrimoniale.

Fondata nel 1989, Azimut è l’unica multinazionale italiana del risparmio gestito presente in 17 Paesi del mondo, che opera in Italia secondo un modello di  piattaforma aperta di prodotti e servizi offrendo ai clienti le stesse possibilità di scelta di un multi-family office, ma a livello industriale.

La società è quotata in borsa nel 2004, e ad oggi vanta 223 mila clienti, 1800 consulenti e 73 miliardi di patrimonio di gestione.

Siamo davanti alla più grande SGR indipendente sul mercato italiano, indipendente da gruppi bancari, assicurativi e industriali. Da questo punto di vista, quindi, puoi fidarti e stare tranquillo.

Profilo del fondo

Veniamo a noi: Azimut Trading è un fondo di diritto italiano, la cui tipologia di gestione è market fund. Si tratta di un comparto bilanciato azionario, la cui valuta di base è l’euro.

Il fondo, come tutti i fondi comuni di investimento, presenta una gestione attiva: questo significa che il fondo non replica totalmente il benchmark di riferimento, ma il gestore può prendere si sua spontanea volontà delle iniziative sull’investimento, che possono riguardare la compravendita di titoli, e può investire anche in strumenti finanziari non presenti nell’indice.

Il grado di discrezionalità rispetto al benchmark risulta essere significativo.

Azimut Trading investe in strumenti finanziari di natura azionaria e lo fa tra il 50% e il 100% del patrimonio del fondo.

Inoltre esso investe anche in strumenti di natura monetaria ed obbligazionaria fino al 50% del patrimonio del fondo.

Gli strumenti finanziari nei quali investe il fondo sono denominati in qualsiasi valuta, ma sono principalmente di paese dell’area OCSE, e soltanto in modo contenuto di paesi emergenti.

Le azioni sono di società quotate, a bassa, media ed alta capitalizzazione.

L’obiettivo del fondo è quello di accrescere il valore del capitale investito.

Il benchmark

Il benchmark del fondo è così costituito:

  • 80% MSCI WORLD coperto da rischio di cambio contro euro e con dividendi netti
  • 20% Barclays Benchmark Overnight EUR Cash Index.

Il primo indice contiene al suo interno migliaia di titoli a livello globale.

Lo stile di gestione è attivo e sul sito di Bloomberg puoi reperire tutte le informazioni sugli indici utilizzati.

Modalità di sottoscrizione, uscita e utilizzo dei proventi

Come sottoscrivere il fondo? Puoi farlo sia mediante versamento in unica soluzione (ovvero tramite PIC) ovvero attraverso più versamenti (PAC). L’importo minimo di sottoscrizione del presente Fondo varia a seconda della modalità di sottoscrizione prescelta.

Il Depositario del Fondo è BNP Paribas Securities Services S.C.A.

Il rimborso delle quote può avvenire in ogni momento, basta che l’investitore ne faccia richiesta alla SGR e può ottenere l’uscita dall’investimento senza dover fornire alcun preavviso.

La politica di distribuzione dei proventi è ad accumulazione: questo vuol dire che essi vengono reinvestiti nel fondo stesso e non vengono quindi distribuiti agli investitori.

Profilo di rischio

Il profilo di rischio per questo fondo è pari a 5, nella scala che va da 1 a 7.

Questo significa che il rischio per questo fondo è medio-alto. Il profilo di rischio/rendimento è dovuto al fatto che il fondo può investire in azioni fino al 100%, trattandosi di un comparto bilanciato azionario.

Il fondo è soggetto ai rischi di credito, di controparte e di liquidità.

I costi

Arrivati a questo punto possiamo anche andare ad analizzare il prospetto dei costi, ovvero la parte delle spese poiché in questo frangente vogliamo capire se e in che modo i costi potrebbero erodere i nostri potenziali investimenti.

Ti elenco qui le spese che dovresti sostenere se decidessi di sottoscrivere questo fondo:

  • Spese di sottoscrizione: 3%
  • Spese di rimborso: 2,50%
  • Spese correnti prelevate dal fondo in un anno: 2,12%
  • Commissioni legate al rendimento: 20% dell’overperformance del fondo, maturata nell’anno solare rispetto al benchmark. Nell’ultimo esercizio per esempio la commissione legata al rendimento è stata pari all’1,54%.

Rendimenti storici

Possiamo adesso passare ad analizzare brevemente i rendimenti storici, ovverosia le performance passate.

Le performance passate non sono in alcun modo predittive di quelle future, infatti nel KIID questo aspetto ti viene sempre sottolineato.

Ci possono però essere utili per avere una panoramica sull’andamento dell’investimento.

Ti allego qui sotto il grafico che illustra i rendimenti degli ultimi 10 anni.

Dal grafico possiamo infatti vedere che il fondo ha superato il benchmark in poche occasioni, una di queste nell’anno 2020, quando il fondo ha ottenuto un 16,1% contro un 9,9% del benchmark di riferimento.

Opinioni di Affari Miei

Abbiamo terminato la recensione, quindi come promesso adesso passerò a fornirti le mie opinioni sul fondo.

Azimut Trading è un fondo comune a gestione attiva che investe seguendo un benchmark, ma esso non lo replica del tutto, poiché come ti accennavo prima c’è un gestore che può svolgere operazioni di compravendita titoli e quindi fare in modo che il fondo si discosti dal suo indice di riferimento. I titoli nei quali può investire successivamente il fondo possono anche non essere compresi all’interno del benchmark.

I fondi a gestione attiva non possono incontrare il mio consenso totale.

Li trovo degli strumenti che presentano una serie di criticità che soprattutto a volte non rendono l’investimento conveniente per il cliente, e tu non stai forse cercando uno strumento che ti permetta di ottenere dei rendimenti?

Personalmente per i miei portafogli utilizzo una strategia che si basa sugli ETF, ovvero i fondi a gestione passiva. Essi sono più trasparenti dei fondi a gestione attiva, presentano anche dei costi molto più bassi in quanto, essendo dei fondi che replicano completamente il benchmark di riferimento, nelle loro spese di gestione non comprendono gli emolumenti da destinare al gestore stesso, come succede invece per il fondo Azimut Trading e per tutti i fondi comuni di investimento che presentano una gestione attiva.

Non conoscendo per filo e per segno la tua situazione personale e finanziaria non posso dirti con certezza si o no ad un investimento del genere.

Posso però ribadirti che si tratta di strumenti che non mi fanno impazzire, e che presentano come ti ho detto prima delle alternative più che valide (gli ETF per esempio).

Considera inoltre il profilo di rischio del fondo: è pari a 5, quindi siamo comunque in un rischio medio-alto e inoltre i rendimenti ottenuti da questo fondo non sono stati al massimo esaltanti. A volte il fondo non è riuscito a battere il benchmark, cosa che tra l’altro capita di frequente con i fondi a gestione attiva.

Il mio consiglio quindi è quello di provare ad interessarti del mondo finanziario e di cominciare a studiare e a formarti, cosicché poi potrai decidere in piena autonomia e con consapevolezza quali strumenti sottoscrivere per far crescere il tuo patrimonio e soprattutto potrai avere sotto controllo l’investimento, senza dover pagare e delegare ad altri il tuo investimento.

Buon proseguimento su Affari Miei.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *