Libretto Postale Smart: Conviene? Opinioni, Vantaggi, Rischi e Svantaggi

Quante volte hai visto in tv lo spot del Libretto Postale Smart? Se sei alla ricerca di opinioni circa i vantaggi e gli svantaggi di questo strumento di risparmio di Poste Italiane.

Gli interessi sono soddisfacenti? Mi conviene? A quali rischi mi devo sottoporre se deposito il mio denaro sul libretto? Come funziona la carta? C’è un IBAN per inviare bonifici sul libretto?

Andiamo a chiarire insieme tutti questi dubbi analizzando l’opportunità per i risparmiatori.

Cominciamo subito con il dire che, prima di scegliere qualunque strumento di risparmio, devi chiederti quello che è il tuo profilo di rischio: il mio articolo ne analizza uno a rischio basso, garantito dallo Stato Italiano e collocato in esclusiva dalle Poste.

Se vuoi sottoscriverlo, in poche parole, puoi farlo soltanto recandoti presso un ufficio postale o comunque accedendo ai servizi online della Posta: diffida da eventuali consulenti esterni!

Il Libretto Smart è una delle opzioni: per avere un quadro generale, suggerisco di leggere la mia guida generale al Libretto Postale.

Libretto Postale Smart 2018: vantaggi e interessi. Conviene?

Partiamo subito dagli interessi: quanto guadagno depositando i miei soldi sul libretto della posta? Il tasso annuo lordo è solo dello 0,05% annuo, quindi praticamente pari a zero. Al libretto postale si applica la tassazione al 26% sugli interessi.

I rischi sono davvero bassi, se non nulli, in quanto c’è la garanzia dello Stato Italiano: ok, il nostro Paese non è che se la passi molto bene, ma in caso di default dell’Italia i problemi saranno ben altri!

Come specifica l’azienda, il Libretto Postale Smart è totalmente gratuito: non c’è nessun costo di gestione, le operazioni sono gratuite e gratuita è anche la carta per effettuare le operazioni di versamento e prelievo attraverso il circuito ufficiale Postamat. A disposizione dei clienti le Poste mettono un’app per dispositivi mobili ed il servizio online dedicato al risparmio postale.

I vantaggi non finiscono qui: gli intestatari possono essere fino a quattro e tramite il libretto si possono sottoscrivere buoni fruttiferi postali.

Attenzione: il tasso premiale sugli interessi è scomparso nel 2016.

In pratica chi oggi decide di aprire il Libretto Smart non può ottenere la remunerazione prevista per i vecchi clienti. Ricordo che la tassazione sui libretti postali è del 20% da applicare al tasso lordo.

Come inviare denaro sul Libretto Smart: procedura richiesta IBAN e girofondo gratuito

Dal 10 luglio del 2014 è tutto molto semplice. E’ possibile versare denaro tramite bonifico bancario: per farlo è necessario recarsi al più vicino ufficio postale e comunicare i propri dati bancari: si riceverà l’IBAN del proprio Libretto Smart sul quale versare denaro.

E’ necessario fare questo passaggio perchè è possibile il bonifico solo da conto comunicato alle Poste: si può fare sia fisicamente dalla banca che tramite l’home banking.

Se il titolare del libretto possiede anche un conto corrente postale oppure un altro libretto, può effettuare il girofondo utilizzando la carta associata al libretto oppure la Carta Postmat. Le operazioni effettuate allo sportello postale sono gratuite.

Offerta SuperSmart

A partire dal primo luglio 2015 Poste Italiane ha messo in campo per i nuovi clienti  che decidono di versare i risparmi sul Libretto Smart e per coloro che lo hanno aperto entro il 31 marzo 2015 l’offerta SuperSmart.

Essa consente maggiori guadagni per le somme depositate sul proprio libretto postale attraverso un tasso di interesse più elevato rispetto al tasso base. In questo caso è necessario scegliere tra le durate previste nelle condizioni di contratto e portando a scadenza l’accantonamento.

In pratica si tratta di un meccanismo molto simile a quello del deposito vincolato.

L’importo minimo da accantonare è pari a 1.000 euro e successivamente si procede per multipli di 500 euro fino ad un massimo di 3 milioni di euro. Al massimo è possibile effettuare 5 accantonamenti al giorno e massimo 30 per singola offerta. Cambiando offerta si azzera il “contatore” che fissa i limiti massimi, fermo restando che non si possono comunque superare i 3 milioni.

La durata degli accantonamenti è di 90 giorni o di 180 giorni. Il tasso d’interesse corrisposto per l’offerta Super Smart è dello 0,40 per cento annuo lordo per gli accantonamenti di 360 giorni.

Se si versano somme che non riguardano l’accantonamento (cioè somme libere), viene comunque riconosciuto un interesse annuo lordo dello 0,05%.

Come richiedere il Libretto Postale Smart?

E’ tutto molto semplice: basta recarsi, muniti di documenti d’identità validi, presso un ufficio postale.

Se vuoi una soluzione sicura per mettere al riparo i tuoi risparmi, questa può essere una valida alternativa ai depositi vincolati.

Aggiornamento 2018: tutte le novità

La recente crisi che ha riguardato molti istituti di credito italiani ha riacceso l’attenzione sugli investimenti sicuri o pseudo tali. Visti i tempi di incertezza, infatti, tantissimi risparmiatori si stanno chiedendo se la Posta può garantire maggiore sicurezza rispetto alle banche tradizionali.

Quello che posso dire è che Poste Italiane agisce come un normale istituto di credito nella collocazione dei suoi prodotti.

Ciò non vale solo per i Buoni Fruttiferi Postali che sono emessi da Cassa Depositi e Prestiti e collocati dalle Poste: in questo caso, infatti, c’è la garanzia dello Stato Italiano che, in linea tendenziale, dovrebbe valere molto di più di quella di di quella di una singola banca. (Leggi anche: Elenco banche a rischio)

Al momento, vista anche la collocazione in borsa che ha riscosso un certo successo, le Poste non sembrano navigare in cattive acque, anzi: la fiducia che ispirano nei consumatori ha consentito di raccogliere denaro in maniera abbastanza semplice e niente lascia pensare che possano succedere catastrofi.

Ovviamente, prima di presentarsi con i propri risparmi presso un ufficio postale, vale la pena di analizzare attentamente ciò che viene proposto per capire se conviene oppure no. Su questo blog trovi diverse recensioni che ho suggerito anche in seguito.

Conviene portare il denaro sul Libretto Postale Smart?

La risposta secca è no: dal 2017 non c’è più il tasso premiale che vale solo per i vecchi clienti. Se devi investire la liquidità ti conviene guardare ai conti deposito o ad alcuni conti correnti, fermo restando che il trend ormai consolidato vede una sostanziale riduzione dei tassi che non sembra destinata a venir meno nel breve periodo.

Concludo dicendo che, visti i tempi, la lettura della mia guida sugli investimenti sicuri può aiutarti ancora di più ad orientarti: scritta in tempi non ancora “sospetti”, ti fornisce un quadro d’insieme sulla complessa gestione del proprio portafoglio mettendo insieme aspetti inerenti la finanza ed aspetti più propriamente elementari che caratterizzano la vita di tutti i giorni.

Ulteriori risorse utili

Un articolo non può mai, da solo, risolvere tutti i dubbi. Per questo motivo, dunque, rinvio ad altri post presenti sul blog che potrebbero completare il discorso iniziato su questa pagina:

Buon proseguimento su Affari Miei!

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

.

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

3 COMMENTI

  1. Non mettete i vostri soldi nel libretto postale perché danno interessi ridicoli tipo 0,20 cent e di conseguenza perdete soldi perché non coprono neanche l’imposta di bollo di 34 euro.
    Chi ha soldi depositati nel libretto postale li tolga subito prima che perda altri soldi.

  2. Oggi sono andato in posta per accreditare gli interessi del mio libretto “Smart”. Volete sapere il tasso? 0,001, quindi con 40.000 € ho preso 40 centesimi…..in pratica ho perso i soldi del Bollo, come dice l’amico giù……Domani vado a togliere i miei soldi e li porto in banca (almeno ho lo 0,5 %). A buon intenditor poche parole…..

  3. In realtà con l’offerta supersmart si ha un rendimento annuo lordo dello 0,40% a 360 giorni o 0,55% a 540 giorni. Non è molto ma può bastare per compensare l’imposta del ladrone Monti.

LASCIA UN COMMENTO