Carta Libretto Postale: Come Funziona, IBAN e Consigli Fondamentali

Tutti i titolari di libretti postali possono ora avvalersi della carta libretto postale. Essa non è obbligatoria ma se non ritirata gli svantaggi per il titolare del libretto possono essere davvero molti.

Oggi vedremo dunque insieme come funziona, quali sono le caratteristiche principali di questa tessera, se ha un IBAN e cosa succede se si decide di farne a meno.

Innanzitutto la carta libretto postale non è una carta di debito, tant’è che con essa non è possibile acquistare nei vari esercizi pubblici pagando come se fosse un bancomat.

Essa rende superfluo il possesso della versione cartacea del libretto di risparmio e, soprattutto, rende più snelle le pratiche per prelevare e versare denaro.

Queste operazioni, attraverso la card, possono essere infatti effettuate o attraverso il pos o attraverso lo sportello ATM.

Lo stesso vale per il controllo del saldo e di tutti i movimenti effettuati. I prelievi possono però avvenire solo ed esclusivamente attraverso i circuiti POSTAMAT presenti quasi in ogni comune.

Passiamo ora all’analisi di vantaggi e svantaggi.

Tra i vantaggi di questa carta troviamo anche il costo annuo pari a zero euro e il costo a zero euro in caso di blocco o smarrimento della carta.

Tra gli svantaggi, invece, troviamo invece due nuove limitazioni riguardanti le somme possibili da prelevare: 600 euro al giorno da sportello ATM (solo circuito POSTAMAT) e 2.500 euro di prelievo massimo al mese, sempre attraverso sportello ATM POSTAMAT.

Se il prelievo invece avviene all’interno dell’ufficio postale e attraverso il pos, allora non esistono limiti.

Ricapitolando quindi, possedendo la carta libretto postale si possono effettuare le seguenti operazioni:

  • Effettuare versamenti sul libretto di risparmio presso tutti gli uffici postali e senza limitazioni.
  • Prelevare i soldi del libretto postale sia in tutti gli uffici postali sia in tutti gli sportelli automatici ATM del circuito POSTAMAT.
  • Controllare il saldo e i movimenti effettuati sia presso gli uffici postali sia presso gli sportelli automatici ATM.
  • Effettuare azioni di Girofondi da uffici postali o da sportelli ATM.

Carta libretto postale: alcuni limiti

Come accennato precedentemente la creazione di questa card non è obbligatoria, non richiedendola però i proprietari dei libretti di risparmio postale vedranno togliersi alcune possibilità.

Ad esempio, senza di essa verranno imposti dei limiti massimali nel caso in cui il soggetto provi a prelevare in un ufficio postale diverso da quello di emissione del libretto.

Non tutti i titolari di libretti postali possono inoltre far richiesta di questa card: chi possiede un libretto con co-titolarietà e quindi con firma congiunta non può farne richiesta.

Un vantaggio è invece l’attivazione di un’assicurazione sui furti di denaro prelevato per i pensionati in possesso della card. L’assicurazione coprirà fino ad un massimo di 700 euro.

Bonifico sul Libretto Postale Smart: come richiedere l’IBAN

I possessori della carta libretto, se hanno un Libretto Postale Smart, possono effettuare dei bonifici su di esso. Basta andare presso un ufficio postale e chiedere la comunicazione del proprio IBAN.

Il bonifico può essere effettuato o dal proprio conto corrente postale oppure da altri conti presso istituti bancari, purchè essi siano intestati al titolare del libretto e sia stata data comunicazione alla posta.

Stessa cosa vale in caso di bonifico postale da un conto acceso presso uno sportello di Poste Italiane.

Carta libretto postale: come richiederla

Tutti coloro che sono autorizzati all’utilizzo di questa card possono richiederla presso l’ufficio postale in cui è stato aperto il libretto di risparmio.

Qui potrete tornare dopo pochi giorni per il ritiro della card, mentre il codice PIN verrà inviato all’indirizzo da voi dichiarato.

In caso di smarrimento o furto della carta, chiamare immediatamente:

  • dall’Italia il numero: 800 652 653
  • dall’estero il numero: +39 091 657 3395.

Entrambi i numeri sono disponibili per essere contattati 24 ore su 24.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Non Sai Come Investire i Risparmi?

“5 Consigli Super per Investire Consapevolmente” è la guida che ti aiuta a capire veramente gli investimenti.

 

 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

3 COMMENTI

  1. Ho un conto corrente postale insieme a mia moglie siamo pensionati Inps poste entrambi. Volendo scindere il mio personale contratto dal conto corrente e aprire un libretto postale come accredito della mia pensione mensile operando le relative operazioni di deposito e rimborsi solo presso gli uffici postali,che bisogna fare ? Grazie

  2. ciao, volevo chiederti un’informazione. sono titolare di un libretto postale smart. posso effettuare un bonifico da tale libretto su un conto corrente on line (tipo n26)?
    grazie per la risposta

    • Ciao Giovanni,

      su due piedi non saprei perché credo che il libretto possa solo incassare i bonifici. Non hai un conto corrente da utilizzare per:
      – prelevare;
      – versare;
      – trasferire
      ?

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei