Fideuram Vita Insieme, la polizza unit linked di Fideuram: come funziona e opinioni

Hai sentito parlare di Fideuram Vita Insieme? È un contratto di assicurazione sulla vita a premio unico a vita intera.

In poche parole si tratta di un contratto ibrido, poiché unisce la prestazione di tipo assicurativo con un investimento che avviene su fondi interni o su fondi esterni.

Se ti è stato proposto questo prodotto, o semplicemente se vuoi sapere di più sulle polizze unit linked, leggi questo articolo poiché andremo a vedere le caratteristiche della polizza, vantaggi e svantaggi, e andremo anche ad analizzare i costi.

Buona lettura!

Due parole su Fideuram

Fideuram è un istituto bancario italiano che appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo, ed è gestita con i principi del private banking. Acronimo di Fiduciaria Europea e Americana, nasce nell’aprile 1968 come filiale italiana della società finanziaria americana International Overseas Services.

Nel 1992 la banca entra alla Borsa di Milano.

La banca opera mediante private banker, e sono stati tra i primi a credere nella consulenza finanziaria sin dalle proprie origini, circa 50 anni fa.

Operano con una serie di valori che mettono al centro l’individuo, con un orientamento alla qualità del servizio, un approccio sistemico e mettono a disposizione l’eccellenza professionale.

L’istituto che distribuisce questa polizza è Fideuram Vita, la compagnia assicurativa specializzata nel ramo vita nata nel 2010 e che appartiene ad Intesa San Paolo e a Fideuram.

I rischi delle polizze unit linked

Prima di continuare nella trattazione del prodotto in questione, possiamo chiarire meglio che cosa sono le polizze unit linked.

Esse, al contrario delle polizze tradizionali, non garantiscono nessuna protezione sul capitale del cliente circa le performance future del mercato e non garantiscono nemmeno nessun rendimento minimo.

Ciò vuol dire in poche parole che potresti trovarti nella situazione spiacevole di poter perdere tutto o parte del tuo investimento.

Le polizze unit linked sono un particolare tipo di polizza che segue l’andamento dei mercati finanziari, e questo vuole dire sostanzialmente che se il mercato va male, anche il tuo investimento andrà male.

Abbiamo accennato al fatto che un prodotto come Fideuram Vita Insieme investa in fondi interni, ed essi sono parecchi, quindi questo complica ulteriormente le cose: potresti trovarti ad avere diversi fondi con diversi profili di rischio e quindi che potrebbero portarti a sottovalutare e a non capire bene quale rischio determinato tu stia correndo.

Quindi le polizze unit linked sono uno strumento molto rischioso.

Caratteristiche della polizza

Ora che abbiamo capito cosa sono le polizze unit linked, analizziamo nel dettaglio il contratto che propone Fideuram.

Il prodotto in questione consente di investire il premio unico ed eventuali versamenti aggiuntivi secondo le modalità previste dal contratto, in una delle opzioni di investimento, ovvero o nei fondi interni (fondi d’investimento costituiti all’interno della compagnia e gestiti separatamente dalle altre attività), oppure fondi esterni ovvero OICR nelle quali sono comprese le società di gestione dei fondi comuni d’investimento e le SICAV.

I premi che investi nei fondi interni e nei fondi esterni vengono convertiti in quote.

Fideuram Vita Insieme consente al cliente di effettuare un investimento personalizzando la composizione del portafoglio a seconda delle esigenze, della propensione al rischio e delle aspettative del rendimento: propone infatti di poter scegliere tra diverse soluzioni di investimento che si distinguono in linee non protette e linea protetta, che sono anche combinabili tra loro.

La prestazione assicurativa

La parte assicurativa del contratto consiste nel pagamento da parte della compagnia di una prestazione in denaro in caso di decesso dell’assicurato ai beneficiari da lui designati. Il capitale corrisposto sarà pari al controvalore delle quote dei fondi associate al contratto.

Vi sono delle maggiorazioni al capitale che verrà corrisposto ai beneficiari, che variano secondo l’età dell’assicurato:

  • Inferiore a 50 anni: 2,50%
  • Da 50 a 59 anni: 1,50%
  • Da 60 a 69 anni: 1%
  • Da 70 a 79 anni: 0,50%
  • Superiore a 79 anni: 0,10%.

Durata 

Il contratto ha durata vita intera, e si estingue con il decesso dell’assicurato, oppure se eserciti il diritto di revoca o di recesso.

A chi è rivolta la polizza

Come sottolineato nel set informativo del prodotto, esso è destinato ad investitori che hanno conoscenza ed esperienza sul funzionamento delle polizze unit linked, quindi ad investitori consapevoli.

Inoltre il contraente deve essere in grado di sopportare le oscillazioni del valore dell’investimento e di accettare le perdite di modesta o più considerevole entità a fronte di un rendimento più basso dello sperato. Non si tratta di un contratto di facile comprensione e quindi non è adatto a tutti.

In genere chi sottoscrive una polizza unit linked mira a rendimenti potenzialmente più alti rispetto ad una polizza classica, ed è quindi disposto ad accettare maggiori rischi. L’importante è esserne consapevoli e avere i mezzi finanziari per sostenere le eventuali perdite.

Il riscatto

Non deve necessariamente verificarsi il decesso dell’assicurato per richiedere il pagamento della prestazione assicurativa.

Il contraente può richiedere il pagamento della prestazione in qualsiasi momento, purché sia trascorso almeno un anno dalla decorrenza del contratto e l’assicurato sia in vita.

Il riscatto può essere:

  • totale: comporta l’estinzione del contratto alla data di effetto del riscatto, e l’importo liquidabile è pari alla somma dei controvalori delle quote dei fondi, al netto della commissione di gestione;
  • parziale: non comprate l’estinzione del contratto e deve essere trascorsa almeno un anno dalla data di decorrenza del contratto, e l’importo minimo richiesto deve essere di 1.000 euro.

Il regolamento che disciplina il riscatto parziale impone che si possano riscattare importi di almeno 2.500 euro e che il valore residuo del capitale ancora investito non sia inferiore alla stessa cifra. Il riscatto parziale mantiene in vigore la polizza per il capitale residuo, invece il riscatto totale estingue definitivamente il contratto.

Il ribilanciamento automatico

Abbiamo visto che si sono due linee tra cui poter scegliere per effettuare gli investimenti. È prevista un’attività di ribilanciamento automatico tra ciò che è investito nei fondi interni e ciò che è invertito invece nei fondi esterni, per ripristinare la ripartizione percentuale scelta dal contraente.

Il ribilanciamento comporta quindi lo switch tra fondi interni ed esterni.

I costi della polizza

Questa è la parte a cui devi porre maggiore attenzione, poichè prodotti di questo genere fanno dei costi il loro punto debole, per te!

Infatti solitamente ci sono molti costi, alcuni anche di difficile comprensione, ed essi vanno a ridurre o annullare i rendimenti realizzati, quindi devi fare molta attenzione ai costi del prodotto prima di sottoscriverlo.

Analizziamo il prospetto dei costi:

  • Costi di ingresso: non previsti;
  • Costi di uscita: non previsti;
  • Costi di transazione del portafoglio: da 0% e 1,60%;
  • Altri costi correnti quali per gestire l’investimento: da 1,87% a 4,17%;
  • Commissioni di performance: da 0% a 0,13%;
  • Commissioni di overperformance: non previste.

Le commissioni di gestione sono pari al 2% su base annuo per le linee non protette, mentre sono pari al 2,60% su base annua per la linea protetta.

Per ulteriori costi in base all’investimento da te scelto ti consiglio di consultare il KIID.

Diritto di revoca e di recesso

Un ultimo dettaglio del contratto che approfondiamo fa riferimento al diritto a richiedere la revoca della proposta contrattuale e il recesso dalla stessa.

Il diritto di revoca può essere esercitato entro la conclusione formale del contratto che coincide con l’investimento del primo premio che quindi verrà restituito al contraente.

Il recesso invece può essere esercitato entro 30 giorni dalla data di conclusione del contratto, e in questo modo si annulla la polizza.

Opinioni di Affari Miei

Arrivati alla fine della recensione della polizza, posso fornirti le mie opinioni a riguardo.

Se hai avuto modo di leggere altri articoli simili, allora saprai che non amo molto prodotto di questo genere.

Li ritengo infatti dei contratti di difficile comprensione, che tentano di unire due prodotti diversi: da una parte un prodotto assicurativo, e dell’altra un prodotto di investimento. Unire queste due funzioni non risulta quasi mai essere un buon affare. Il risultato che si ottiene è infatti quello di un prodotto di difficile comprensione, con moltissimi costi nascosti che erodono i rendimenti e soprattutto un prodotto che non offre in alcun modo delle garanzie sul capitale e sui rendimenti.

Quindi, se stai cercando un mio consiglio circa questo prodotto, la mia risposta è: non sottoscriverlo.

Poi ovviamente la scelta finale spetta te, anche perché io non conosco la tua situazione personale e finanziaria e non posso darti una risposta del tutto certa.

Ti posso però dire che se vuoi sottoscrivere un prodotto simile devi essere un investitore davvero consapevole e soprattutto anche un investitore in grado di sopportare delle perdite ingenti di capitale.

Ulteriori risorse da leggere

Se vuoi imparare ad investire, qui ho raccolto una serie di guide che ti torneranno molto utili:

    Io ti saluto e ti auguro di fare la scelta giusta per le tue tasche. A presto!


    Scopri che Investitore Sei

    Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

    >> Inizia Subito <<


    Davide Marciano
    Imprenditore e Investitore
    Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

    0 Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Vuoi Investire con Buon Senso?
    Le banche e i consulenti ti hanno raccontato tantissime bugie. Per investire serve buon senso, accedi subito al mio report!