Società in Accomandita Semplice (S.a.S.): Responsabilità dei Soci per i Debiti – Guida Completa

La società in accomandita semplice è caratterizzata dalla presenza di due diverse categorie di soci: soci accomandatari, la cui responsabilità è illimitata, ed i soci accomandanti, che sono responsabili soltanto limitatamente alla quota che hanno conferito.

societa in accomandita semplice

Come funziona, quindi, per i debiti che la società può accumulare lo abbiamo già intuito (per approfondire, leggi la guida sull’autonomia patrimoniale perfetta e imperfetta).

In questo articolo, quindi, faremo chiarezza cercando di esplorare tutto ciò che concerne la società in accomandita semplice per chi ha deciso di fare impresa nel 2017.

Se state pensando di mettervi in proprio utilizzando questa forma sociale, è bene che continuiate a leggere.

La disciplina la troviamo ovviamente nel codice civile: l’articolo 2318 precisa che i soci accomandatari hanno i diritti e gli obblighi che sono propri dei soci della società in nome collettivo.

Tradotto, quindi, essi sono illimitatamente e solidalmente responsabili dei debiti accumulati dal sodalizio sociale.

Rispondono con tutto il proprio patrimonio personale e, giacchè c’è solidarietà passiva, i creditori sociali possono rivolgersi indistintamente a qualsiasi socio illimitatamente responsabile chiedendogli l’adempimento dell’obbligazione assunta dalla società.

Letture correlate: Società a responsabilità limitata semplificata: come funziona?  – Guida completa alla S.r.l. tradizionale

La ragione sociale (cioè il nome) deve contenere accanto all’indicazione del rapporto sociale (s.a.s.), il nome di almeno uno dei soci accomandatari.

Solo questi ultimi possono avere incarichi di amministrazione della società mentre gli accomandatari non possono compiere affatto affari del genere se non dietro procura speciale che deve essere conferita per singoli e particolari affari specifici.

...

Attenzione però: se il socio accomandante consente di far comparire il proprio nome nella ragione sociale, pur non divenendo accomandatario, perde il beneficio della responsabilità limitata e risponde illimitatamente con tutto il proprio patrimonio dei debiti della società.

Se l’accomandante, a cui è fatto divieto di amministrare, compie un atto di questo tipo e contravviene a quanto prevede la legge, perde la responsabilità limitata e può essere anche escluso dalla società stessa.

Registrazione della società in accomandita semplice

Per la s.a.s., come per la s.n.c., l’iscrizione nel registro delle imprese non ha efficacia costitutiva ma dichiarativa: ciò vuol dire che la società, anche se non registrata, esiste e ciò che viene ad essere posto in essere determina conseguenze sul piano giuridico.

Per esempio, se i soci acquistano beni o servizi per conto di una società non registrata, ciò non vuol dire che il creditore non può chiedere il pagamento alla società (ancora non iscritta nel registro delle imprese), con le regole sulla responsabilità dei soci che abbiamo visto.

La società che non è stata registrata viene definita “irregolare”.

Quando conviene avviare una società in accomandita semplice?

Venendo al lato pratico che più ci interessa, la s.a.s. serve essenzialmente in quei casi in cui non si vuole costituire un’impresa individuale perchè ci sono più soci, alcuni dei quali magari vogliono solo contribuire economicamente alla nascita del sodalizio pattuendo, contrattualmente, una remunerazione magari inferiore rispetto a chi lavora e dedica più tempo.

Stesso può dirsi se un socio svolge un ruolo di finanziatore, magari perchè ha una piccola quota da investire, e decide di ritagliarsi un diritto agli utili aiutando un altro ad avviare un’attività per la quale, magari, non ha abbastanza soldi.

Trattandosi, in ogni caso, di una società di persone, i rapporti interpersonali sovente sono il collante che determina le decisioni appena esposte.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Usi Telegram? Iscriviti Gratis al Nostro Canale!

Affari-Miei-telegram

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO