Come Risparmiare sul Riscaldamento a Casa: Consigli ed Idee per Tagliare la Bolletta

Sei curioso di scoprire come risparmiare sul riscaldamento? I periodi dell’anno più freddi sono quelli che fanno paura e che portano al rischio di ritrovarsi con bollette elevate per far fronte ai consumi della casa.

E’ possibile evitare batoste? Ovviamente sì, ecco alcuni piccoli accorgimenti che mi accingo a suggerirti.

Per approfondire il tema del consumo ponderato, ti invito a consultare la sezione di Affari Miei dedicata al risparmio: guide e idee pratiche ti aiuteranno a ridurre gli sprechi di denaro mensili. La nostra filosofia è: spendere meno, spendere meglio.

In tempi di crisi (ma anche se la crisi non ci fosse) è estremamente importante impiegare le proprie risorse finanziarie in maniera oculata, così da avere più soldi per soddisfare altri interessi e migliorare la qualità della propria vita.

Andiamo, dunque, a vedere come risparmiare sul riscaldamento domestico applicando una serie di piccoli suggerimenti.

Come risparmiare sul riscaldamento a casa: 8 consigli per iniziare subito

Ecco alcune idee da mettere in pratica per risparmiare sul riscaldamento della vostra abitazione:

La manutenzione

Una delle regole d’oro da mettere in atto per risparmiare sul riscaldamento è quella di effettuare una costante ed accurata manutenzione.

Esattamente come avviene per l’automobile e anche per la salute (in primis dei denti!), controllare, sostituire le parti usurate o curare una piccola carie possono essere operazioni fondamentali per evitare di dover fronteggiare problemi ben più grossi n futuro, quando il danno è peggiorato.

Dunque mettiti in testa che dovrai programmare interventi di controllo e manutenzione della caldaia oppure della stufa o del tuo impianto di riscaldamento, qualunque esso sia.

Si tratta di controlli poco costosi che puoi effettuare ogni due anni, magari prima dell’arrivo della stagione fredda: in questo modo se dovesse emergere qualche problem potrai correre ai ripari tempestivamente.

Evitare di alzare il timer oltre i 20 gradi

Considera che l’eccesso di calore è molto dannoso per la salute e per la diminuzione dei grandi, porta a dei consumi pari al 7%.

Conviene, sostanzialmente, mantenere la casa ad una temperatura costante piuttosto che alzarla all’improvviso perchè fa freddo.

Se sei fuori per lavoro e hai il riscaldamento autonomo, imposta un programma che permetta l’attivazione del getto di calore quando raggiungi una determinata temperatura.

La notte, poi, abbassa la temperatura del riscaldamento, ne trarrai anche giovamento: è consigliabile mantenere una temperatura compresa tra i 16° e i 19°. In questo modo risparmierai e starai meglio fisicamente, questo perchè studi recenti  dimostrano che la temperatura della stanza da letto influenza la qualità del riposo e la salute.

Il freddo induce sonnolenza, favorendo il sonno, e contrasta la comparsa di di disturbi metabolici quali il sovrappeso e il diabete.

Le valvole termostatiche, alleate del risparmio

Fondamentale per il risparmio è installare le valvole termostatiche, le quali permettono di regolare i consumi e di evitare uno spreco dell’accensione in alcuni orari.

Attenzione, un altro accorgimento è quello di non coprire i termosifoni con panni o copri termosifoni e mobiletti a incasso: anche le stesse tende sono un ostacolo e quando l’aria non circola in maniera libera, ne causano la dispersione verso l’esterno.

A tal riguardo, potresti anche isolare la parete del termosifone con appositi materiali, soprattutto se dà su una parete di esterna e non interna. Si tratta di piccoli trucchi per evitare la dispersione termica, la quale diventa pensante con conseguente aumento dei costi.

Sfiata l’aria nei termosifoni

Collegato a quest’ultimo consiglio c’è quello di sfiatare i termosifoni della propria abitazione, è possibile farlo grazie alla valvola apposita, si può fare da soli o chiedendo l’intervento di un professionista.

Considera che prima di avviare l’impianto è bene “spurgarlo”, poichè l’aria compromette l’efficacia del riscaldamento stesso.

Cambiare l’aria… Mettici la testa!

Il ricambio dell’aria può essere effettuato ma bastano 10 minuti e non oltre, meglio farlo alla mattina quando ci si alza dal letto, altrimenti si può parlare di consumi eccessivi.

Inoltre è consigliabile non aprire una sola finestra o porta per compiere tale operazione, ma è preferibile spalancare più porte e finestre per favorire un più rapido ricircolo d’aria senza che si raffreddino tutti gli ambienti.

In questo modo risparmierai e eviterai la formazione di muffe, oltre a avere un’aria più salubre per la salute.

Non utilizzare stufette alogene

Questo è un errore commesso da molta gente: l’idea di appoggiarsi ad una stufetta alogena per avere un supporto nel riscaldare la casa sembra una buona idea, ma così non è.

Ciò perchè queste stufe sono caratterizzate da consumi elevati: parliamo di circa il doppio a parità di calore prodotto.

Una spesa non indifferente, non trovi? Meglio optare per interventi di altro tipo mirati a risparmiare il calore, magari ottimizzando il proprio impianto.

Cambiare la caldaia

Nei casi in cui fosse necessario cambiare impianto di riscaldamento, cerca sempre di installare le caldaie a condensazione: permettono di riscaldare e risparmiare fino al 20% in bolletta. Interessante è anche la tecnologia del riscaldamento a pompa di calore.

Se risulta possibile, prova a installare pannelli solari: rimando all’articolo specifico di Affari Miei per approfondire il tema.

Per evitare le dispersioni di aria, cerca di cambiare le finestre a vetri singoli con vetri a doppia parete.  Infine, non dimenticarti mai di spurgare periodicamente l’aria dei radiatori per tenerli al massimo livello. I termosifoni presenti sono vecchi e non hanno una valvola di sfiato? Basta installarla per ottenere un risparmio maggiore.

Abbiamo visto in questo articolo alcuni consigli pratici per risparmiare sul riscaldamento.

Riducendo la nostra dipendenza dal gas non solo possiamo abbattere le bollette energetiche ma migliorare la nostra situazione finanziaria generale, così da ottenere denaro da investire nel miglioramento della nostra abitazione e nella riduzione del suo fabbisogno energetico.

Consumare meno gas è, inoltre, una scelta etica che rispetta maggiormente l’ambiente.

Cambiare fornitore 

Ecco l’ultimo consiglio: come nel campo della telefonia e delle assicurazioni auto, tenere sotto controllo le offerte dei vari gestori di energia è importante per poter eventualmente agganciare una tariffa più conveniente.

Nel mercato libero dell’energia puoi trovare infatti moltissimi profili tariffari che sono in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipo di famiglia.

Non sottovalutare questa opzione!

Alcune risorse utili per risparmiare davvero

Oltre ai consigli di massima, come mia abitudine, chiudo questo articolo fornendo altra risorse da consultare. Si tratta di articoli pubblicati sul blog che approfondiscono il tema del riscaldamento recensendo alcune delle soluzioni più note.

Ecco i riferimenti per approfondire:

Grazie a questa breve carrellata potrai informarti sulle soluzioni più usate in questo momento e pianificare al meglio il tuo inverno, mettendo insieme efficienza energetica e risparmio economico.

Buon riscaldamento!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO