Come Risparmiare sul Passaggio di Proprietà di Auto e Moto

Come risparmiare sul passaggio di proprietà dell’auto? Fare il passaggio di proprietà di un’auto o di una moto può essere un compito complesso e anche molto costoso.

A volte può capitare che il costo del passaggio possa persino superare quello del mezzo in vendita, soprattutto quando si parla di auto molto vecchie. In questo periodo di crisi nessuno ha intenzione di spendere soldi inutilmente e cercare di risparmiare sulla spesa per il passaggio dell’auto è di certo un aiuto per il bilancio famigliare.

Come fare quindi per risparmiare in questa operazione? È possibile? Nella guida di oggi vedremo insieme come fare per risparmiare sul passaggio senza fare errori e senza tralasciare tappe fondamentali.

Qui di seguito troverai tutte le indicazioni utili per effettuare il passaggio senza spendere cifre astronomiche. Sei pronto a scoprire tutto quello che c’è da sapere? Buona lettura.

In Questo Articolo Si Parla di:

Il passaggio di proprietà

Acquistare un’auto o una moto usata da un privato può essere un’impresa difficoltosa proprio a causa del passaggio di proprietà.

Se si acquista il veicolo direttamente da un concessionario o rivenditore autorizzato la questione diventa molto più semplice, visto che qualcun altro si occuperà di procedere con il cambio di proprietà seguendo la legge e tutte le necessità burocratiche.

Affidarsi ad un professionista, però, significa anche far lievitare in maniera consistente i prezzi, quindi se desideri risparmiare non conviene delegare, ma è consigliabile il fai da te.

Una compravendita tra soggetti privati deve comunque essere fatta a norma di legge ed è bene conoscere tutti i passaggi da seguire. Vediamolo nel dettaglio.

Conclusa una trattativa si dovrà apporre la firma sul contratto di vendita, passaggio necessario per poter proseguire con il procedimento. Dopo aver sottoscritto il contratto avrai un periodo di tempo di massimo 60 giorni entro i quali provvedere alla modifica del libretto di circolazione, dove dovranno essere riportati i dati del proprietario che subentra.

Per il passaggio di proprietà sono necessarie la carta di identità dell’acquirente o un altro documento valido di riconoscimento, un certificato di residenza e una marca da bollo da 16 euro.

Una volta in possesso di questi documenti e della marca da bollo si può andare nell’ufficio della motorizzazione civile oppure recarsi al PRA (il pubblico registro automobilistico), è indifferente.

Negli uffici si dovranno compilare altri due moduli, ovvero uno per il passaggio di proprietà effettivo e l’altro per aggiornare i dati riportati riportati sul libretto di circolazione. Le firme sui documenti devono essere apposte da entrambe le parti coinvolte quindi sia quella del venditore che dell’acquirente.

La cosa che ti consiglio di fare per risolvere senza perdere tempo è prendere un appuntamento e andare agli uffici entrambi per evitare problemi, ma il compratore può anche semplicemente procurarsi una firma autenticata del venditore, ma in questo caso per autenticare la firma servirà una ulteriore marca da bollo da 16 euro.

Una volta consegnata agli uffici tutta la documentazione necessaria sarà quasi fatta. Il passaggio di proprietà avviene in qualche giorno lavorativo, quindi in meno di una settimana.

Chi vende un’automobile con il Certificato di Proprietà Digitale deve recarsi obbligatoriamente al PRA e quindi non alla motorizzazione civile.

Al PRA il venditore sarà chiamato a firmare una delega, che permetterà all’operatore addetto dell’ufficio di accedere all’Atto Digitale che sarà stampato ed quindi pronto per procedere con l’autenticazione della firma.

Anche chi vende una vettura con il Certificato di Proprietà Digitale deve seguire attentamente la procedura per il cambio di proprietà e può recarsi al Comune oppure al PRA.

Anche in questo caso per autenticare la firma apposta sul documento sarà necessario dotarsi di una marca da bollo da 16 euro. Il resto del procedimento è lo stesso che per il passaggio di proprietà con il normale certificato cartaceo.

Una volta completato il passaggio della vettura, al proprietario saranno rilasciati i dati utili per entrare nell’archivio digitale del PRA dove si possono trovare il CDP e la fustella che va allegata alla carta di circolazione del mezzo.

Come risparmiare

Come anticipato i costi del passaggio sono piuttosto alti se non si provvede a gestire da soli la proceduta.

I costi del passaggio fai da te ammontano a circa 230 euro, ma si tratta di una cifra media quindi il costo può variare. Oltre al fai da te non ci sono altri modi per risparmiare soldi per il passaggio di proprietà.

Le agenzie di consulenza automobilistica prendono sempre una percentuale sul lavoro svolto e il servizio reso quindi solo il fai da te ti consentirà di risparmiare denaro.

Acquistare un’auto oppure una moto usata significa spendere anche per il passaggio di proprietà, una spesa fastidiosa che spesso può pesare significativamente sulla spesa finale. Come ho detto, risparmiare è possibile e nemmeno troppo difficile, basta amarsi di un po’ di pazienza e provvedere da soli.

Procedere in maniera del tutto autonoma senza ricorrere all’intermediazione dell’agenzia di pratiche auto, consente di risparmiare cifre consistenti. Il fai da te, in questo caso, è il modo migliore per risparmiare e anche l’unico.

Diffida da chi ti propone strani metodi alternativi perché potrebbero essere illegali ed esporti a notevoli rischi. Ricorda di seguire il procedimento rispettando i tempi per evitare sanzioni e multe, anche piuttosto salate.

Se dopo dopo l’atto di vendita l’acquirente, che per obbligo deve formalizzare il passaggio di proprietà, non sbriga la pratica per tempo potrebbero esserci dei problemi. Se il compratore non fa il passaggio, il venditore rimane l’intestatario dell’auto o della moto al PRA e quindi continua a rispondere delle conseguenze che saranno collegate al veicolo.

Quindi gli spetteranno ancora il pagamento del bollo e quello delle eventuali infrazioni. Dunque attenzione.

Il compratore che non segue correttamente la pratica o che non procede con il passaggio rischia serie sanzioni pecuniarie che vanno da 705 fino a oltre 3.500 euro, inoltre si espone al rischio del ritiro del libretto di circolazione del mezzo.

Segui correttamente le procedure e rispetta i tempi e vedrai che tutto andrà per il verso giusto. Spero di esserti stati utile con la mia guida su come fare per risparmiare con il passaggio di proprietà auto o moto. Continua a seguirmi e a leggere i miei preziosi consigli.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO