Prestiamoci: Scopri Come Funziona la Piattaforma Italiana di Peer to Peer Lending

Prestiamoci è una piattaforma online che permette prestiti tra privati – ne esistono diverse nel mondo, in particolare nei Paesi baltici, ma questa è nostrana. Ho già trattato del fenomeno chiamano Social Lending (prestito sociale) in questo articolo e ho recensito diversi Portali che puoi trovare nella sezione di Affari Miei dedicata alle Piattaforme di Crowdfunding.

Il principio di Prestiamoci è quello di un mercato completamente digitale che mette in contatto la domanda, rappresentata dai Richiedenti che hanno bisogno di un prestito e l’offerta, rappresentata dai Prestatori interessati a finanziare con il proprio denaro, senza che lo scambio sia intermediato da un istituto di credito.

Prestare denaro tramite Prestiamoci è un vero e proprio investimento: cedi i tuoi soldi a degli sconosciuti come farebbe una banca e poi incassi la somma restituita con gli interessi a tassi molto vantaggiosi. Le opportunità di rendita sono allettanti ma l’investimento non è privo di rischi, anzi!

Nell’articolo vedremo come si fa a diventare investitori su Prestiamoci, se c’è una vera convenienza nell’utilizzare questo servizio, quanto ti costa e quali sono i rischi di cui parlavo poco prima; alla fine ti darò anche la mia opinione di esperto in materia di investimenti. Se sei interessato a guadagnare con il social lending “all’italiana” allora prosegui…

Cosa fa Prestiamoci?

Prestiamoci S.p.A. con sede a Milano è il gestore della piattaforma virtuale che, abbiamo detto, offre un duplice servizio:

  • Permette ai privati di ottenere prestiti da altri privati e non da banche a costi che sono, almeno in media, più bassi di quelli attualmente di mercato nelle piazze creditizie ordinarie; infatti i costi di gestione vengono ridotti al minimo grazie all’operatività online e alla disintermediazione della banca;
  • Permette ai privati, come puoi essere tu, di prestare i propri soldi e guadagnare dagli interessi – ed è quello che interessa a noi siccome sul mio blog mi occupo di modi per crescere economicamente e non di modi per indebitarsi.

Le due sezioni, per richiedere un prestito e per prestare, sono tenute separate.

La piattaforma cerca ovviamente di promuovere il più possibile lo scambio di denaro, ma non ammette indiscriminatamente qualsiasi richiesta di prestito: i debitori sono selezionati in base alla loro storia creditizia in modo che possano offrire delle garanzie sulla restituzione del capitale.

Prestiamoci non è solo una vetrina, governa tutti i flussi di denaro fra Richiedenti e Prestatori, si occupa della gestione delle attività di recupero crediti e mette a disposizione di tutti i Prestatori informazioni dettagliate sul loro investimento. Prestiamoci, infine, partecipa al finanziamento di ogni progetto con una sua quota.

Banca Sella è la banca d’appoggio di Prestiamoci che si occupa dell’apertura del conto deposito per custodire i capitali dei Prestatori, e dei servizi di pagamento tramite addebito diretto SEPA.

Come funziona il prestito?

Tutti i maggiorenni titolari di un conto corrente bancario o postale e residenti in Italia possono prestare denaro su Prestiamoci. Il primo paletto significativo è che si può investire solo a partire da un minimo di 1.500 euro.

I Richiedenti si impegneranno a rimborsare in rate mensili il capitale prestato più gli interessi maturati per quel periodo. Un piano di rimborso può durare dai 12 mesi ai 6 anni.

I Prestatori investono singole quote del loro capitale nei prestiti presenti sul portale e compongono un portafoglio diversificato. Le quote sono sempre da 50 euro per permettere ad ogni investitore una partecipazione ridotta – nel caso un debitore fosse inadempiente gli investitori non perderebbero così una grande somma.

L’attuale composizione del Portafoglio di Prestiamoci prevede rendimenti attesi dal 3,62% al 6,60%. Il tasso di interesse varia in base alla classe di rischio a cui appartiene il prestito, alla classe di rischio più alta viene associato un tasso di interesse più alto.

Video Corso Gratuito - "Investi con Buon Senso"

Investire è un percorso di responsabilità e di buon senso.

Ho realizzato un video corso gratuito con oltre 72 minuti di contenuti incredibili che ti aiuteranno a capire i pericoli e le opportunità dei principali investimenti di cui hai sentito parlare fino ad oggi.

Acchiappa subito il Video Corso Gratis!

 

Quali tipi di prestiti trovi sulla piattaforma?

Scorrendo tra i progetti attualmente aperti è possibile individuare diverse tipologie di prestiti a privati:

  • Per ristrutturazioni e sostituire gli arredamenti;
  • Per l’acquisto di automobili;
  • Per finanziare spese varie personali;
  • Per pagare cure mediche e dentistiche;
  • Per finanziare studi professionali;
  • Per sostenere matrimoni o altri eventi e cerimonie;
  • Per l’acquisto di nuovi elettrodomestici.

Non ci sono comunque limiti per la motivazione che sta dietro ad un prestito.

Modalità di investimento: Manuale e/o Automatica

Esistono due modalità per compiere l’investimento che possono essere usate contestualmente l’una all’altra:

  • Il Prestatore può attivare l’investimento Automatico, basterà decidere il rendimento atteso, il proprio profilo di rischio e su quale mercato si vuole prestare, il sistema investirà automaticamente nei prestiti disponibili in modo da ottenere il rendimento atteso. La modalità automatica prevede 3 profili di rischio/rendimento: profilo base, profilo medio e profilo alto;
  • Il Prestatore può decidere di gestire una parte del capitale con l’investimento manuale, cioè selezionando manualmente i prestiti sul marketplace e quindi personalizzando il proprio portafoglio.

Il portale consiglia, ad ogni modo, l’investimento automatico perché permette un pieno controllo dei criteri di investimento e dà accesso immediato ai nuovi prestiti caricati sul portale che corrispondono ai requisiti di selezione, senza la necessità di continuo monitoraggio manuale. Si risparmia in tempo e facilità. È comunque possibile disattivare il sistema e procedere esclusivamente in manuale.

Come diventare prestatore e iniziare ad investire

Per diventare prestatori è necessario:

  1. Iscriversi sul sito compilando il form e seguendo le indicazioni;
  2. Successivamente, durante la fase di registrazione, sarà necessario stampare il contratto, firmarlo e poi inviarlo a Prestiamoci, per email;
  3. Terzo step, potrai effettuare un bonifico SEPA verso il sistema Prestiamoci con la somma che vuoi investire;
  4. Una volta versata la somma sarà possibile iniziare a prestare. Per poter effettuare l’investimento, verrà aperto un conto deposito presso Banca Sella senza costi aggiuntivi.

Ecco un esempio della schermata di registrazione.

Potrai rientrare in possesso della liquidità rimborsata dai Richiedenti accedendo alla tua area personale e cliccando sulla voce “Disinvesti”, ti verrà fatto un bonifico sul tuo conto corrente entro 5 giorni lavorativi. Invece, per quanto riguarda il capitale ancora impegnato in prestiti attivi, non potrai recuperarlo fino al momento dell’effettivo rimborso.

Costi

Molte piattaforme di social lending prevedono zero costi a carico dei Prestatori, (da non considerare le tasse normalmente applicate), ed offrono quindi un servizio completamente gratuito.

Diversamente, Prestiamoci si remunera anche tramite gli investitori applicando una commissione d’iscrizione annuale pari all’1% del capitale investito.

Mercato secondario

Il Mercato Secondario dei prestiti è un servizio rivolto a tutti i Prestatori che consente di cedere ad altri investitori le quote dei propri prestiti nel caso si voglia uscire dal prestito prima della scadenza.

Ma non solo, con il mercato secondario il Prestatore ha anche l’opportunità opposta, cioè di acquistare a sua volta quote di prestiti già erogati e puntualmente pagati così da costruire un portafoglio diversificato anche sul piano temporale.

Rischi

Prestiamoci è un sistema autorizzato da Banca d’Italia, quindi è affidabile e sicuro, anche nell’ipotesi in cui Prestiamoci dovesse fallire i capitali investiti sarebbero tutelati perché tenuti separati dal patrimonio della Società.

Tuttavia gli investimenti in social lending sono tra i più rischiosi in circolazione, indipendentemente dall’affidabilità e trasparenza della piattaforma. Infatti i prestiti al consumo non garantiti sono quella tipologia di finanziamenti che non è supportata da nessuna garanzia di protezione del capitale contro il rischio di fallimento del debitore (rischio di default) e che si basano unicamente sulla fiducia data al debitore in base al suo profilo creditizio.

In generale, investire in prestiti al consumo non garantiti implica un alto rischio, non vi sono garanzie di ottenere un ritorno sull’investimento e che le somme investite verranno restituite per tempo.

La presenza del mercato secondario, la strategia di diversificazione dell’investimento automatico, l’attenta selezione dei Richiedenti e il processo di recupero crediti predisposto da Prestiamoci, attivato sin dal primo ritardo nel pagamento delle rate, servono a rassicurare il Prestatore ma non garantiscono comunque il ritorno del capitale investito.

Tassazione del reddito

I guadagni derivati dalle attività di social lending sono sottoposti a tassazione. Dal 2018 in Italia le piattaforme di Social Lending italiane autorizzate sono tenute a comportarsi come sostituto d’imposta e ad applicare sulla rendita percepita dall’investitore una ritenuta fissa del 26%, uguale a quella applicata ai conti correnti bancari e postali, ai conti deposito, alle obbligazioni e titoli similari.  

Video Corso Gratuito - "Investi con Buon Senso"

Investire è un percorso di responsabilità e di buon senso.

Ho realizzato un video corso gratuito con oltre 72 minuti di contenuti incredibili che ti aiuteranno a capire i pericoli e le opportunità dei principali investimenti di cui hai sentito parlare fino ad oggi.

Acchiappa subito il Video Corso Gratis!

 

Perché scegliere di investire con Prestiamoci?

Ogni marketplace di P2P lending ha le sue caratteristiche individuali, più o meno vantaggiose che gli permettono di essere competitivo. Vediamo quali sono i pregi della piattaforma Prestiamoci rispetto alla concorrenza:

  • Affidabilità e Trasparenza;
  • Sito semplice e chiaro, facile da navigare;
  • Rimborso del capitale + interessi in rate mensili;
  • Possibilità di investire in modalità automatica e volendo di combinarla con la modalità manuale;
  • Diversificazione per ridurre i rischi e migliorare le prestazioni di investimento a lungo termine;
  • Presenza di un Mercato secondario per rivendere l’investimento o acquistarne di nuovi.
  • Grande disponibilità di prestiti;
  • Le finanze di Prestiamoci sono separate da quelle degli investitori.

Aspetti negativi

Abbiamo anche visto che ci sono dei punti a sfavore. Io ho individuato questi:

  • Rendimenti attesi decisamente bassi rispetto alla media delle piattaforme di social lending;
  • Prevista una commissione d’iscrizione per l’investitore;
  • Non puoi investire con meno di 1.500 €;
  • Sono tutti prestiti a lungo termine che non durano meno di un anno;
  • Attesa fino a 5 giorni lavorativi per poter riavere i tuoi soldi sul conto bancario.

Opinioni di Affari Miei

Non ho opinioni contrarie all’uso della piattaforma Prestiamoci, si tratta di un marketplace professionale e affidabile.

È scarsamente competitivo sul piano del ritorno medio per l’investitore, che va dal 3,62% al 6,60% contro piattaforme che promettono anche tassi ben sopra il 10% e più (a parità di rischi); inoltre è presente una commissione pari all’1% del capitale investito quando la maggior parte dei portali è gratuita.

A parte queste considerazioni, la scelta dipende da quello che un investitore cerca, più profitti e maggiori rischi o semplicemente la comodità di investire da casa, in modo automatizzato, facile e veloce e senza troppi pensieri.

In ogni caso, il consiglio che ti do e di investire con queste piattaforme in modo responsabile perché si tratta pur sempre di investimenti non garantiti. La soluzione non è solo di diversificare il più possibile il portafoglio, ma di investire soltanto una piccola percentuale dei tuoi risparmi che non sia di vitale importanza; Prestiamoci non permette molta scelta perché obbliga a investire almeno 1.500 euro, se per te corrispondono già ad una grande fetta del tuo capitale allora è meglio lasciar perdere e destinare i tuoi soldi a strumenti migliori.

Nel mio corso-metodo per investire “100 Mila Euro sul Conto” ho voluto condividere con te proprio la mia esperienza circa il modo di distribuire i soldi in maniera strategica, scegliendo gli strumenti di investimento più adatti: ho messo a disposizione la mia esperienza ed i miei errori per permetterti di evitarli e lavorare subito al meglio.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo trattato tutto quello che riguarda la piattaforma di Peer to peer lending Prestiamoci.

Ti ricordo, prima di salutarti che sul mio blog trovi tantissimi contenuti informativi, guide, recensioni e articoli interessanti sul mondo vastissimo e in continua evoluzione degli investimenti e del risparmio. È sempre utile cominciare leggendo mie guide percorso per investire, scegli quella più adatta al tuo profilo:

Buon proseguimento su Affari Miei!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:


mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei