Euclidea VS MoneyFarm: Confronto tra le Due Piattaforme di Investimento

Oggi torno a parlare di SIM, ovvero delle aziende di gestione risparmio che offrono profili più o meno automatici, più o meno soggetti all’intervento di noi risparmiatori e che promettono, grazie anche all’arrivo delle novità fintech, di proporci portafogli e piani di investimento più in linea con le nostre necessità.

Torno a parlarne confrontando due delle proposte più popolari in Italia: Euclidea da un lato e Moneyfarm dall’altro, mettendone in risalto modalità operative, strumenti proposti, modalità di apertura e di gestione del conto e ritorni sull’investimento che vengono proposti.

Se vuoi saperne di più su queste interessantissime realtà, sei davvero nel posto giusto, perché ho preparato per te una guida-confronto che non lascerà davvero nulla al caso.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere, partendo dalla disamina di Euclidea.

Che cos’è Euclidea?

Euclidea è un nuovo servizio di gestione patrimoniale personalizzata che permette di costruire un proprio portafoglio con l’aiuto degli specialisti (e degli algoritmi) di Euclidea partendo da una scelta relativamente ampia di ETF e fondi comuni di investimento.

La politica perseguita da Euclidea è quella del conflitto di interesse zero: i fondi e gli ETF che vengono proposti non prevedono alcun accordo tra i promotori di Euclidea e le società di gestione dei fondi e degli ETF stessi.

Questo al fine di tutelare il risparmiatore, che in una situazione con questo grado di trasparenza può essere ragionevolmente certo di avere a disposizione soltanto quegli investimenti che sono davvero convenienti e che presentano comunque un profilo di costo/opportunità particolarmente vantaggioso.

Chi crea i portafogli standard di Euclidea?

Euclidea è un’azienda fintech, nel senso che opera nel nuovo settore di intersezione tra informatica per l’analisi dei dati e finanza.

Oltre agli specialisti di investimenti di Euclidea, ad operare ci sono sofisticati algoritmi che selezionano sui mercati le migliori opportunità.

Si tratta di un principio di funzionamento che, come vedremo più avanti nel caso di MoneyFarm, è quello più diffuso tra le aziende che offrono una gestione del risparmio personalizzata.

Nulla di nuovo dunque, anche se Euclidea promette rendimenti anche superiori rispetto a quanto già offerto dal mercato.

Come funziona la proposta di portafoglio

Euclidea offre 4 step per arrivare all’acquisizione del portafoglio:

  1. si risponde ad un questionario relativamente dettagliato, che viene poi elaborato dagli algoritmi di Euclidea per inquadrare il potenziale cliente (cioè noi) nel comparto di riferimento;
  2. viene effettuata una proposta di investimento, che può essere accettata o rifiutata;
  3. si procede con una ulteriore personalizzazione da parte dell’utente;
  4. si trasferisce l’importo che si vuole investire.

Servono poco più di 5 minuti per avere una proposta personalizzata che può o meno fare al caso nostro. Rimane il fatto che durante il rapporto con l’azienda è sempre possibile correggere il proprio portafoglio e orientarsi, volendo, verso strumenti più o meno rischiosi.

Non Sai Come Investire i Risparmi?

"5 Consigli Super per Investire Consapevolmente" è la guida che ti aiuta a capire veramente gli investimenti.

 

Che tipo di strumenti vengono offerti da Euclidea?

Gli strumenti offerti da Euclidea sono principalmente due:

  • ETF: quei fondi a gestione automatica che rappresentano l’andamento di un determinato indice; hanno il vantaggio di offrire una discreta differenziazione a costi estremamente ridotti rispetto a quanto viene proposto dai fondi a gestione attiva
  • Fondi comuni di investimento: il risparmio gestito più classico, che ha però costi di gestione decisamente più alti

In generale vengono offerti prodotti nei comparti obbligazionario di breve termine, obbligazionario classico, mercato del credito, mercato azionario e anche in investimenti alternativi più ad alto rischio.

I costi collegati all’utilizzo di Euclidea

Euclidea offre un prospetto dei costi piuttosto chiaro:

  • c’è lo 0,55% generale come commissione di gestione;
  • va aggiunto poi il costo degli strumenti finanziari scelti dal portafoglio, che non superano mai comunque lo 0,5%;
  • non ci sono commissioni di entrata;
  • non ci sono commissioni di uscita;
  • non ci sono commissioni di performance;
  • non ci sono costi di deposito.

I costi possono lievemente discostarsi da quelli riportati e sono calcolati, in relazione alla tabella di cui sopra, su un investimento da 100.000 euro.

Qui puoi trovare una recensione approfondita su questa piattaforma.

Che cos’è Moneyfarm?

Moneyfarm è una piattaforma fintech che propone investimenti in portafogli misti ETF/Fondi, proprio come nel caso di Euclidea. L’azienda – di cui ti ho parlato in un’apposita guida – è di gran lunga la più popolare tra quelle che operano in Italia e la prima società di gestione per numero di clienti sul nostro territorio nazionale.

MoneyFarm offre dei piani ibridi di investimento, ai quali si sono recentemente aggiunti anche i PAC, i piani di accumulo individuale che possono essere oggetto di conferimenti periodici.

Moneyfarm opera secondo un mix di algoritmi automatici in grado di ricavare informazioni e portafogli per gli investitori che aderiscono alla piattaforma, con la possibilità di farsi assistere da un analista “in carne ed ossa” durante tutta la durata del rapporto.

Quali sono gli strumenti offerti da Moneyfarm?

Come anticipato, Moneyfarm offre la possibilità di investire principalmente tramite ETF, ovvero i fondi a gestione automatica che offrono un profilo di costi nettamente inferiore rispetto alle gestioni attive, pur non riportando rendimenti inferiori.

Gli ETF scelti riguardano un po’ tutti i comparti: obbligazioni statali a breve termine, classiche, obbligazioni societarie di grado alto, obbligazioni paesi emergenti, indici azionari paesi sviluppati e paesi emergenti, nonché una piccola dotazione di fondi ETF che si occupano principalmente di materie prime e di settore immobiliare.

Quali sono i costi associati con MoneyFarm?

Moneyfarm offre un piano di commissioni decrescente rispetto al capitale conferito; per intenderci, più sarà alta la somma che conferiremo in Moneyfarm, più saranno basse le commissioni che andremo a pagare, seguendo il prospetto che ti riporto:

  • 1,00% per chi investe fino a 14.900 euro;
  • 0,60% per chi investe tra 15.000 e 199.999 euro;
  • 0,40% per chi investe da 200.000 a 499.999 euro;
  • 0,30% per chi investe più di 500.000 euro.

A questi costi vanno sommati i costi degli ETF, che hanno una media dello 0,3% sul capitale investito.

Non Sai Come Investire i Risparmi?

"5 Consigli Super per Investire Consapevolmente" è la guida che ti aiuta a capire veramente gli investimenti.

 

Conviene investire in Euclidea o in MoneyFarm?

Euclidea e MoneyFarm condividono un principio di funzionamento molto simile, con un’offerta di servizi combinati fintech e analista in carne ed ossa. Anche i fondi offerti sono simili, con la differenza che Euclidea continua ad offrire anche Fondi a gestione attiva, che hanno tipicamente un costo più alto.

Il costo medio dei prodotti offerti è più basso nel caso di MoneyFarm, principalmente per il fatto che la compagnia in questione ha deciso di affidarsi principalmente agli ETF.

Per quanto riguarda le commissioni applicate dalla piattaforma, queste sono più basse da Euclidea fino a somme inferiori ai 200.000 euro. Chi avesse invece somme superiori da investire troverà più convenienti le commissioni offerte da Moneyfarm.

Siamo davanti a due piattaforme equivalenti che offrono prodotti simili e rendimenti storici grosso modo in linea. La scelta dipende dunque dalla quantità di capitale che sei disposto ad investire!

…Ma convengono davvero?

Opinioni di Affari Miei

In realtà, come sai se mi segui, io sono contrario a tutte le forme di risparmio gestito. Penso che possano esserci modi molto più attivi e redditizi per far fruttare i nostri risparmi, modi che ci vedano attivi in prima persona, senza delegare il compito a nessuno!

Avere il controllo diretto è a mio avviso indispensabile per il successo. Inoltre, il risparmio gestito ha dei costi che sono spesso altissimi. Non ho nulla contro il fatto di dover pagare i professionisti che fanno il proprio lavoro, ma non pensi anche tu che erodere i guadagni con i costi di gestione sia un paradosso?

Ecco perchè ho messo a punto il mio Corso “100 mila euro sul conto“, e ho elaborato un percorso adatto a chiunque voglia afferrare le redini del proprio piano di investimenti:

Ulteriori Risorse Utili

Se sei interessato al tema degli investimenti, ecco altri articoli che potrebbero interessarti:

Buoni Investimenti!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:


mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei