Seconda Pensione Amundi: Recensione Completa

Seconda Pensione Amundi è uno dei prodotti finanziari di cui si è parlato con la maggior insistenza per molto tempo, sia online che fuori dal mondo di Internet. Si tratta infatti di prodotti finanziari, perché è, sì, un programma per la pensione integrativa, ma che è gestito tramite fondi pensione, configurandosi a tutti gli effetti come investimento.

Si tratta di un fondo pensione che ha però caratteristiche particolarmente interessanti e che andremo ad analizzare, passo per passo, fondo per fondo, nella guida che ti propongo oggi.

Continua a leggere e scopri una nuova guida dedicato al mondo del risparmio e degli investimenti.

Chi è Amundi?

Prima di mettere i nostri in mano a chicchessia sarebbe sicuramente una buona idea cercare di capire quanto meno con chi stiamo avendo a che fare.

Amundi è un’azienda di gestione dei patrimoni e di investimenti che è stata creata dal Crédit Agricole (che ne detiene ad oggi l’80% delle quote) e da Société Générale (che ne detiene il restante 20%). Si tratta dunque di una società di investimenti e di gestione fondi che ha comunque alle sue spalle dei gruppi solidi, autorizzati ad operare in Europa e in Italia.

Sotto il profilo della solidità del gruppo, almeno nel momento in cui leggi, non sembra ci siano preoccupazioni di sorta.

Che cos’è Seconda Pensione di Amundi? Caratteristiche del prodotto

Si tratta in realtà di un piano di contratti per la pensione integrativa molto complessi, con diversi fondi che possono essere addirittura integrati. Il contratto è tanto complesso (e potenzialmente sicuramente redditizio) dal meritare sicuramente una discussione approfondita.

Tra le particolarità di Amundi Seconda Pensione troviamo:

  • la possibilità di scegliere tra 6 diversi comparti / fondi. Sono costruiti tenendo conto delle esigenze di ogni singolo investitore e organizzati secondo redditività potenziale e propensione al rischio dell’investitore;
  • una certa flessibilità, che permette sia di scegliere liberamente tra i comparti che vengono messi a disposizione, sia modificare le proprie posizioni;
  • una buona programmabilità: possiamo anche muovere i nostri fondi a seconda degli anni rimasti fino al pensionamento;
  • è possibile cambiare comparto e investimento a costo zero, a patto che si rimanga nello stesso comparto per almeno un anno.

Si tratta dunque di un prodotto relativamente completo (dei comparti avremo modo di parlare più avanti) con commissioni tra le più basse del mercato, buone possibilità di investimento e di modulazione del proprio fondo pensione.

La trasparenza dell’investimento

Interessante anche il fatto che, come i principali fondi che operano sulle piazze europee, anche per Amundi Seconda Pensione le quotazioni saranno presenti, quindicinalmente, su Il Sole 24 Ore.

I comparti messi a disposizione da Amundi Seconda Pensione

Come abbiamo detto poco sopra, Amundi offre 6 diversi comparti, che possono essere scelti sia in soluzione unica, sia invece in combinazione.

Secondapensione Bilanciata

Si utilizzano invece in questo fondo strumenti di natura monetaria, obbligazionaria e azionaria con la finalità di rivalutare nel medio periodo il capitale investito.

Per quanto riguarda gli obiettivi:

  • gli strumenti obbligazionari e monetari denominati in euro e valute diverse dall’euro: in misura non inferiore al 60% del patrimonio;
  • Quelli azionari denominati in euro e valute diverse dall’euro comprese tra il 20% ed il 40% del patrimonio;
  • Gli OICR in misura al più contenuta;
  • I titoli strutturati in misura residuale (massimo 10%).

Attenzione, è previsto il ricorso a derivati.

Secondapensione Garantita

La composizione di questo fondo ha l’obiettivo di realizzare con elevata probabilità dei rendimenti che siano almeno pari a quelli del TFR in un orizzonte temporale di breve periodo. Il comparto è adatto per chi ha una bassa propensione al rischio.

Nello specifico, puoi investire in modo flessibile in strumenti finanziari di natura monetaria, obbligazionaria e azionaria. LO scopo è quello di realizzare con elevata probabilità rendimenti che siano almeno pari a quelli del TFR in un orizzonte temporale pluriennale.

Secondapensione Sviluppo

Seconda pensione sicurezza utilizza invece almeno il 35% di obbligazioni in euro o altra valuta e il restante 65% in azioni. Possono essere presenti titoli strutturati (al massimo il 10%) nonché di titoli derivati.

E’ adatto a chi vuole investire nel medio lungo periodo.

Secondapensione Prudente

Nel comparto in questione si ricorre a strumenti di natura monetaria, nonché ad obbligazioni in euro o in altra valuta.

Lo scopo è quello di investire in strumenti finanziari di natura monetaria ed obbligazionaria con la finalità di perseguire nel breve periodo una forte stabilità dei rendimenti.

Anche in questo caso si fa ricorso ai derivati nella costruzione del portafoglio, mentre i titoli strutturati ci sono in misura residuale (massimo 10%).

Secondapensione Espansione

Mira alla rivalutazione del capitale in un orizzonte temporale di lungo periodo. Il comparto è adatto per chi ha davanti a sé ancora molti anni di attività.

Permette di investire prevalentemente in strumenti finanziari di natura azionaria con la finalità di rivalutare nel lungo periodo il capitale investito.

L’obiettivo d’investimento comporta la seguente suddivisione del portafoglio:

  • gli strumenti finanziari di natura azionaria denominati in euro e valute diverse dall’euro: in misura superiore al 50% delle attività del comparto;
  • strumenti finanziari di natura monetaria, obbligazionaria denominati in euro e valute diverse dalleuro in misura non superiore al 50% delle attività del comparto;
  • OICR in misura contenuta;
  • titoli strutturati in misura residuale (massimo 10%);
  • è previsto il ricorso a derivati.

Riassumendo…

Ecco la tabella più precisa di tutti i fondi.

Come si effettuano i versamenti?

Per quanto riguarda gli iscritti, i versamenti possono essere fatti via bonifico bancario, oppure tramite versamento SSD periodico.

L’entità del versamento, se periodica o meno, dovrà essere concordata comunque preventivamente con Amundi, e soltanto dopo aver preparato il piano.

Come aderire al fondo?

L’adesione al fondo può essere di due tipi:

  • Individuale: questa adesione è aperta a tutti quanti, ossia lavoratori dipendenti, autonomi e liberi professionisti, o con altre tipologie di contratto. E’ aperta anche a soggetti non titolari di reddito da lavoro e da impresa, pensionati (purché  iscritti entro un anno prima della maturazione dell’età prevista per il pensionamento di vecchiaia), soggetti fiscalmente a carico anche se minorenni. L’adesione individuale può avvenire in maniera semplice e veloce direttamente on line oppure contattando i nostri collocatori distribuiti su tutto il territorio italiano.
  • Collettiva: riguarda i lavoratori (dipendenti, autonomi e liberi professionisti, soci di cooperative  e altri soggetti indicati dalla legge) che aderiscono sulla base di un accordo che definisce i destinatari e le modalità di finanziamento del fondo pensione.Nello specifico, gli accordi collettivi aziendali disciplinano tipicamente le modalità di conferimento del TFR, la misura del contributo a carico dell’azienda e del lavoratore nonché la decorrenza e la periodicità dei versamenti al fondo.

Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


I programmi LifeStyle Cycle

Quello che forse è più interessante dell’intera offerta Amundi Seconda Pensione è la presenza del programma LifeStyle. Si tratta di un programma che prevede il passaggio progressivo ed automatico della posizione individuale dell’iscritto dai Comparti di gestione con profilo di rischio più elevato verso i Comparti di gestione con profilo di rischio progressivamente decrescente in funzione del tempo mancante rispetto alla data corrispondente al compimento del 65° anno di età dell’iscritto, secondo le modalità previste nella tabella seguente.

Sono presenti anche in questo caso diversi programmi in base al comparto scelto, come vedi nella tabella:

Si tratta di buoni programmi che, tenendo conto comunque di quelle che possono essere le propensioni al guadagno e al rischio di ognuno, possono offrire dei piani e dei percorsi sia a tutela del patrimonio sia a tutela del guadagno che potremo andare a realizzare.

L’opzione Switch Salvadanaio

Per gli aderenti che optino per il Programma LifeCycle è inoltre possibile attivare l’opzione “Switch Salvadanaio” che prevede il trasferimento automatico dal Comparto “SecondaPensione Espansione” al Comparto “SecondaPensione Prudente” di un importo calcolato secondo i seguenti criteri di calcolo:

Per Overperformance del semestre solare di riferimento rispetto all’indice FOI si intende il differenziale (se positivo) tra la performance maturata dal comparto nel semestre solare di riferimento e il rendimento registrato dall’indice FOI.

Invece, con posizione individuale dell’aderente all’ultimo giorno di quotazione del semestre solare precedente ci si riferisce al numero quote del comparto possedute dall’aderente all’ultimo giorno di quotazione del semestre solare precedente.

Tale valore va moltiplicato per il valore della quota stessa e considerato al netto degli importi eventualmente trasferiti sulla base dello Switch Salvadanaio intervenuti nel periodo di riferimento.

L’operazione di passaggio tra comparti avviene sulla base del secondo valore quota successivo al termine del semestre solare di riferimento. L’opzione è attiva a partire dal primo semestre solare successivo all’adesione alla stessa.

L’opzione Switch Salvadanaio non opera in caso di disinvestimenti effettuati nel corso del semestre solare di riferimento.

L’iscritto, anche successivamente all’adesione nel rispetto del periodo minimo di un anno dall’iscrizione ovvero dall’ultima riallocazione, avrà facoltà di variare liberamente l’opzione di adesione al Comparto prescelta (dall’investimento in singoli Comparti del Fondo all’adesione al Programma LifeCycle e viceversa).

Il tutto controllabile da un App

Lo stato del nostro investimento, la ripartizione in titoli azionari e in titoli obbligazionari, i rendimenti e tutto quello che può interessarci su Seconda Pensione di Amundi può essere controllato attraverso l’App che il gruppo mette a disposizione, in modo completamente gratuito.

L’App funziona con le principali piattaforme, ovvero con iOS e Android e supporta modelli anche relativamente datati, senza la necessità di aggiornare il vostro dispositivo soltanto allo scopo di controllare lo stato del vostro investimento.

Risorse Utili

Per approfondire, se questa è la prima volta su Affari Miei, puoi iniziare dai seguenti percorsi tematici:

Buon proseguimento.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


 

mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO