ETF S&P 500: Conviene Investire sull’Economia USA? Migliori Fondi Passivi e Consigli per Comprare Bene

Oggi torno a parlarti di ETF su indici azionari e lo faccio con gli ETF S&P 500, un titolo gestito passivamente che cerca di replicare, nel modo più preciso possibile, l’andamento di uno degli indici di borsa più importanti a livello mondiale.

Se non mi conosci già, ti voglio dare il benvenuto su Affari Miei, il blog di finanza personale #1 in Italia. Parlo spesso di ETF perché ritengo che siano gli strumenti migliori per investire autonomamente e, anche per questo, ho creato una sezione del blog interamente dedicata al tema.

Nella guida di oggi cercherò di guidarti alla scoperta di questo titolo, uno dei più interessanti per chi vuole inserire in portafoglio ETF azionari.

Ci sono vantaggi e svantaggi collegati a questo specifico titolo? Quali sono quelli più convenienti? Ci sono rischi collegati a questa specifica operazione?

Vediamolo insieme nella guida che ho preparato per te.

Perché l’indice S&P 500

L’argomento di oggi è uno dei più interessanti per chi guarda al mercato degli ETF azionari. Il sottostante del titolo che sto analizzando oggi è infatti l’indice S&P 500, uno dei più importanti a livello mondiale.

Si tratta infatti di quello che è l’indice che raccoglie, soppesate per valore di mercato, tutte e 500 le principali aziende degli Stati Uniti d’America che son quotate in borsa.

L’indice è tanto importante da aver ormai soppiantato tutti gli altri indici della borsa di New York, quantomeno per quanto riguarda la completezza dell’indice e la sua capacità di replicare l’andamento dell’economia americana.

È un indice che è stato introdotto nel 1982 e che oggi è lo strumento più importante, per analisti e investitori, per avere un quadro per quanto possibile completo dell’andamento dell’economia americana.

Chi punta su un ETF S&P 500, sta puntando sull’andamento generale dell’economia statunitense, almeno a livello azionario e dunque si trova in possesso di un titolo che è altamente differenziato, pure presentando, come avremo modo di vedere più avanti, i rischi tipici degli ETF che sono basati su indici azionari.

L’economia statunitense continua ad essere la più importante al mondo e spesso riesce ancora a performare meglio delle economie che sembrerebbero, almeno sulla carta, avere più spinta propulsiva.

Video Corso Gratuito per Investire

I tuoi risparmi sono in pericolo, impara ad investirli senza farti fregare.

Acchiappa questo un bonus di benvenuto che ti aiuterà a salvare il tuo denaro!

 

Il rischio di cambio: sono titoli quotati in dollari

Sebbene EUR/USD sia una delle coppie più stabili del panorama valutario, se deciderai di investire nel titolo di cui ti sto parlando oggi dovrai per forza di cose tenere conto del rischio di cambio.

Ad una perdita di valore del dollaro statunitense verso l’Euro corrisponderà una perdita del tuo titolo. Al contrario, se il dollaro dovesse apprezzarsi nei confronti dell’Euro, ti troveresti con un titolo in portafoglio che vale di più.

I fattori più importanti per la scelta di un buon titolo ETF S&P 500

Trattandosi di un indice molto seguito dai mercati finanziari, ci sono molti ETF che utilizzano l’indice S&P 500 come sottostante.


Ti spiego gli ETF semplicemente: ascolta il Podcast!


Muoversi in questa giungla non è sempre facile, perché nonostante l’indice di riferimento sia lo stesso, dovrai necessariamente fare i conti con titoli che sono diversi per alcune caratteristiche fondamentali:

  • Liquidità: più è alta, più l’ETF è di buona qualità. Questo perché a parità di replica, avere un titolo facile da vendere vuol dire poter avere maggiore liquidità, di riflesso, in portafoglio. Comprare un ETF S&P 500 con bassa capitalizzazione e poco liquido può voler dire dover aspettare necessariamente per vendere ad un prezzo accettabile;
  • Leva: ci sono ETF che incorporano una certa leva; trattandosi di un indice azionario e dunque già sufficientemente volatile, il mo consiglio è quello di evitare di scegliere un titolo che abbia leva finanziaria associata.

Gli ETF S&P 500 sono rischiosi?

Sono rischiosi come tutti gli ETF che hanno come riferimento un indice azionario. Si tratta di titoli che tipicamente hanno un indice sintetico di rischio che va da 5 a 7, su una scala massima di 7 e che dunque non sono sicuramente adatti a chi vuole investire su titoli tranquilli.

Dovrai aspettarti le cosiddette “montagne russe”: il titolo perderà e acquisterà valore molto rapidamente e dovrai cercare di ragionare, per quanto possibile, sul medio e lungo periodo.

Quali sono i migliori ETF S&P 500?

Tenendo conto dei criteri che ho elencato poco sopra, ho scelto per te alcuni tra i migliori ETF S&P 500. Come sottolineo in più occasioni, anche questo articolo ha scopo solamente divulgativo: non ti sto dicendo di comprare questi ETF né ti sto fornendo una consulenza individuale perché non conosco la tua situazione di partenza e, soprattutto, non so qual è la tua strategia. L’importanza della strategia, tra l’altro, è il punto chiave di un video che ti consiglio di guardare.

iShares Core S&P UCITS ETF – ISIN IE00B5BMR087

Si tratta dell’ETF S&P 500 meglio capitalizzato a livello mondiale. È di diritto irlandese e ha una capitalizzazione di 26.426 milioni di euro.

Ha una replica totale, è quotato in dollari statunitensi ed è attivo dal 2010.

Per quanto riguarda i costi, questi sono estremamente bassi: parliamo infatti di uno 0,07% di costo totale di gestione su base annua, costi decisamente bassi anche a paragone di quanto viene offerto da altri ETF di questo tipo.

Vanguard S&P 500 UCITS ETF – ISIN IE00B3XXRP09

Si tratta di un altro ETF ben capitalizzato, 21.155 milioni di euro per una liquidità decisamente interessante. Stesse commissioni dell’altro ETF che ti ho consigliato, ovvero di 0,07% su base annua.

È quotato in USD ed è attivo dal 2012. Distribuisce dividendi ogni 3 mesi.

Vale la pena di ricordarti che, anche in questo caso, non hai a disposizione un titolo che ti permette di proteggerti dal rischio di cambio.

Conclusioni

Abbiamo dato insieme uno sguardo sommario agli ETF che replicano l’indice S&P 500: mi auguro che questo articolo ti abbia aiutato, prima ancora di prendere decisioni, a capire che la scelta della strategia viene prima dell’individuazione del titolo.

Per approfondire, ti consiglio le seguenti risorse:

Buon proseguimento!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:


mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei