ETF Finanza, ecco i Migliori: Investi nel Settore Bancario e Finanziario

Quali sono i miglioriETF sulla finanza? Iniziamo subito con una premessa: con settore finanziario si fa riferimento a quelle attività che sono connesse alle operazioni finanziarie, ovvero pianificazione e gestione degli investimenti (anche assicurativi), gestione dei soldi, accesso al credito, transazioni su mercati finanziari, servizi di consulenza finanziaria, controllo delle finanze di una società, controllo delle finanze pubbliche.

Le principali entità che si occupano del settore finanziario, della gestione dei soldi e di tutti i servizi ad essi correlati sono le banche.

Gli ETF del settore finanziario forse sono diventati un pò meno “di moda”, visto che negli ultimi anni abbiamo assistito ad una forte richiesta in settori che possiamo racchiudere nei megatrend quali settore digitale, informatico, o Green economy.

Tuttavia il settore resta comunque interessante, e potrebbe rappresentare una buona opportunità.

Vediamo insieme quali sono i migliori ETF finanziari!

Finanza: di cosa parliamo?

Il settore della finanza, come tutti del resto, ha attraversato e sta attraversando un periodo di forte cambiamento.

Focalizzandoci sulle banche abbiamo assistito ad un cambiamento radicale, passando da una digitalizzazione dei servizi bancari sempre più marcata (vedi la chiusura di alcune filiali fisiche, la digitalizzazione di moltissime operazioni, il lancio di siti web ed applicazioni native delle banche per rendere l’esperienza dell’utente migliore e immediata).

Altri fattori che hanno portato al cambiamento sono stati senza dubbio i fattori macroeconomici, e le evoluzioni sociali.

Le banche stanno quindi cambiando e modificando il loro modello di business, che sembra sfociare verso due trend: da una parte un’attenzione particolare ai servizi di advisory a elevato valore aggiunto destinati ad una clientela private e corporate di maggior livello, e dall’altra parte la digitalizzazione dei processi come già accennato in precedente per la clientela small business.

Addentrandoci nell’analisi del settore finanziario, vediamo che i numeri sono incoraggianti: nel 2021 il settore preso in esame è aumentato di circa il 20% e ha battuto lo S&P500. In quanto a crescita ha battuto diversi settori, facendo meno bene soltanto di quello energetico.

La molla che ha fatto scattare gli investitori è stata la fiducia di un’economia in ripresa, quindi le azioni avevano delle basse valutazioni con però all’orizzonte delle buone possibilità di crescita previste.

Un fattore positivo per il mercato finanziario è quando le banche centrali decidono di innalzare i tassi di interesse.

E ora entriamo nel dettaglio ed esaminiamo  i migliori ETF del settore.

I tre migliori ETF presenti su Borsa Italiana

Vediamo uno per uno i tre ETF azionari.

Lyxor EURO STOXX Banks (DR) UCITS ETF

Questo ETF ha come benchmark l’indice EURO STOXX Banks che replica il settore bancario dell’Eurozona, ed è stato lanciato nel 2013.

L’ETF ha una dimensione grande, ovvero 1.000 milioni di euro, ed è caratterizzato da un metodo di replica fisico.

Gli ETF di Lyxor costituiscono efficaci veicoli d’investimento quotati in borsa che offrono un’esposizione trasparente, liquida e a basso costo all’indice di riferimento sottostante.

Concentrandoci sull’allocazione geografica, il fondo fornisce un’esposizione geografica nei confronti di Austria, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo e Spagna.

I costi di gestione annui ammontano allo 0,30%, la politica sui dividendi è ad accumulazione, mentre il profilo di rischio è il più alto possibile nella scala di riferimento, pari a 7.

Xtrackers MSCI World Financials UCITS ETF

Il secondo ETF che vi presentiamo è stato quotato nel 2016, ed anche esso ha una dimensione grande pari a 920 milioni di euro.

L’indice MSCI World Financials replica il settore finanziario dei mercati sviluppati di tutto il mondo.

È meno rischioso del precedente (valore pari a 6 sulla scala di riferimento), è caratterizzato da un metodo di replica fisica e da una politica sui dividendi ad accumulazione, ovvero essi vengono reinvestiti nel fondo stesso.

Il domicilio del fondo è l’Irlanda; i costi di gestione annui ammontano allo 0,25% annuo.

La maggior parte delle aziende sono americane (50,30%), seguite da quelle canadesi (8,76%) e dalle inglesi (6,50%).

SPDR MSCI Europe Financials UCITS ETF

L’ultimo ETF che vi presentiamo replica il settore finanziario europeo.

Anche in questo caso la dimensione del fondo è grande pari a 568 milioni di euro, e la data di lancio è il 2013, quindi è un ETF maturo, come i precedenti presentati.

I costi di gestione annui sono dello 0,23%, e il fondo ha una politica di accumulazione, ovvero i dividendi non vengono distribuiti ma reinvestiti nel fondo stesso, andando quindi a sfruttare l’effetto dell’interesse composto.

Il metodo di replica è fisico, e il profilo di rischio è alto (pari a 7).

Se ci concentriamo sulla ripartizione per settore, possiamo notare come le banche siano il settore più rappresentato (44,04%), seguite dalle assicurazioni (32,47%), dai mercati di capitale (17,63%) e infine dai servizi finanziari diversificati (5,87%).

Conviene investire in ETF nel settore della finanza?

Veniamo a noi: abbiamo visto quali sono i migliori ETF del settore, e abbiamo cercato di collocare il settore stesso, trovando dei punti a favore per quanto riguarda le sue potenzialità (ma anche alcuni scogli da non sottovalutare).

Come abbiamo visto nei tre ETF presi in esame, il profilo di rischio è elevato per tutti; questo perchè il settore è di base rischioso. Certamente è in grado di garantire dei rendimenti elevati, però facendoti correre dei rischi da non sottovalutare.

Investire in un settore così potrebbe non essere il tuo caso se ti approcci per le prime volte agli investimenti, o se non sei avvezzo a vedere il tuo investimento subire delle oscillazioni pesanti che potrebbero farti tentennare e farti mettere in discussione il tuo operato.

Viceversa, potrebbe portare un pò di movimento al portafoglio di un investitore più esperto, disposto a far correre qualche rischio in più al proprio capitale.

Ovviamente non dimenticare di diversificare all’interno del tuo portafoglio, e quindi se vuoi inserire un ETF del settore finanza ricorda di mantenere nella tua strategia di investimento anche dei settori in grado di poterti bilanciare e “coprire”; punta quindi anche su settori più sicuri.

Ulteriori Risorse 

Se non sai da dove iniziare a investire, allora qui puoi trovare alcune risorse gratuite da consultare:

Buon proseguimento!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: ETF

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *