BancoPosta Focus Ambiente Marzo 2028: Opinioni sul Fondo Bilanciato di Poste Italiane

Stai cercando delle informazioni su BancoPosta Focus Ambiente Marzo 2028?

Il tuo consulente te lo ha proposto oppure ti interessa saperne di più sugli investimenti postali in generale?

Allora sei capitato nel posto giusto perchè oggi in questo articolo vedremo le caratteristiche di questo prodotto, i suoi costi, i vantaggi e gli svantaggi, e infine ti fornirò le mie opinioni a riguardo, così potrai capire se ti conviene investire nel fondo oppure no.

Buona lettura!

Due parole su Banco Posta SGR

Prima di cominciare, come sono solito fare, comincio a fornirti alcune informazioni sulla società che fornisce il prodotto.

Stiamo parlando di BancoPosta Fondi S.p.A. SGR, ovvero la società di gestione del risparmio che appartiene al gruppo Poste Italiane.

La società è operativa dal 2001 e si occupa dell’attività di gestione collettiva del risparmio, con la creazione e la gestione di fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano.

Si occupa anche di gestione di portafogli individuali relativi e mandati istituzionali riferibili al gruppo.

Si tratta di una società sicura e solida?

Direi di si, in quanto essa è iscritta all’Albo delle società di gestione del risparmio tenuto dalla Banca d’Italia (Sezione Gestori di OICVM, n.23) ed è autorizzata a svolgere l’attività di gestione collettiva del risparmio, di gestione di portafogli e di consulenza in materia di investimenti. 

Inoltre il distributore dei fondi comuni di investimento è Poste Italiane S.p.A., che non necessita certo di presentazioni.

Passiamo adesso invece all’analisi vera e propria del prodotto.

Che cos’è BancoPosta Focus Ambiente Marzo 2028

Se sei indeciso tra un investimento in obbligazioni e un investimento in azioni, allora scegliere un fondo come questo potrebbe rappresentare la soluzione migliore, in quanto si tratta di un fondo bilanciato che permette di investire in entrambi gli strumenti.

Inoltre esso unisce all’investimento il focus sui temi della sostenibilità ambientale.

Si tratta nel dettaglio di un fondo bilanciato con focus azionario su 5 settori collegati alla tutela dell’ambiente:

  • La lotta al cambiamento climatico;
  • L’energia pulita;
  • L’economia circolare;
  • L’acqua e la gestione sostenibile delle risorse idriche;
  • La salvaguardia degli oceani.

Come ripartisce gli investimenti il fondo?

Il fondo combina una parte di investimenti obbligazionari, che devono essere pari almeno al 50% del portafoglio, con una parte di investimenti azionari o in strumenti flessibili. 

Per quanto riguarda la parte azionaria, l’esposizione è focalizzata verso aziende che contribuiscono alla costruzione di una società più sostenibile sotto il punto di vista ambientale. 


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


Profilo di rischio e rendimento

Passiamo adesso all’analisi dei rischi che si porta con sé questo fondo, in quanto, come ben sai, nessun investimento è esente da rischi.

Il fondo è stato classificato nella categoria 4, in una scala che va da 1 a 7 e indica rispettivamente il rischio minore e maggiore di un investimento.

Sono stati utilizzati dei dati storici per calcolare l’indicatore di rischio, quindi questi dati potrebbero non costituire un’indicazione per il futuro profilo di rischio.

Il profilo di rischio del fondo potrebbe infatti cambiare nel tempo.

Se dobbiamo considerare attualmente, un profilo di rischio pari a 4 sta a indicare un investimento con un rischio medio. 

Per quanto riguarda le performance non ci sono ancora dati disponibili, in quanto il fondo è stato lanciato a dicembre 2021.

La composizione del fondo

Nel dettaglio, la politica di investimento prevede fino al 100% del valore complessivo netto di emittenti governativi, enti locali o organismi sovranazionali e corporate, anche tramite OICVM, mentre la componente azionaria dovrà restare nel limite del 50% del valore complessivo netto. 

Per quanto riguarda l’area geografica di riferimento, l’investimento può avvenire in qualsiasi mercato.

Per quanto concerne invece la selezione degli strumenti di investimento, essa avviene tenendo conto dei criteri di finanza sostenibile, in quanto il fondo promuove caratteristiche ambientali, sociali e di governance (ESG).

Il benchmark

Il fondo viene gestito attivamente, quindi non è possibile individuare un parametro di riferimento, ovvero un benchmark, che possa essere rappresentativo della politica di investimento del fondo. 

Possiamo individuare una misura di volatilità annualizzata, indicativamente pari a 7,5%.

Lo stile di gestione è rivolto infatti alla costruzione di un portafoglio iniziale di tipo bilanciato, e l’investimento in strumenti finanziari di natura azionaria avviene in modo graduale entro 18 mesi dal termine del periodo di collocamento.

Destinazione dei proventi

Il fondo prevede la distribuzione dei proventi secondo le modalità stabilite dal regolamento di gestione, ovvero vi è una distribuzione annuale dei proventi.

L’ammontare distribuito potrebbe essere superiore al risultato effettivo della gestione del fondo rappresentando un rimborso laziale del valore delle quote e, quindi, una diminuzione del loro valore.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te.

>> INIZIA ORA! <<


I costi

Una delle parti più importanti circa un articolo riguarda la parte dei costi. 

Essi sono quelli che vanno a impattare sui rendimenti, e che possono quindi modificare il tuo investimento in un senso oppure nell’altro.

Vediamo quali sono gli oneri a carico del sottoscrittore.

Se decidi di sottoscrivere il prodotto non dovrai pagare alcune commissione di sottoscrizione, ma avrai però un diritto fisso per ogni operazione di sottoscrizione e di rimborso pari a 2 euro, un diritto fisso per ogni pratica di successione pari a 25 euro e delle spese per emissione pari a 15 euro.

Per quanto riguarda le commissioni di rimborso, esse sono così suddivise:

  • Nel corso del primo anno: 2,50%;
  • Nel corso del secondo anno: 2%;
  • Nel corso del terzo anno: 1,50%;
  • Nel corso del quarto anno: 1%;
  • Nel corso del quinto anno: 0,50%;
  • A decorrere dal sesto anno: 0%.

La commissione di gestione su base annua è pari allo 0,60%, mentre non sono previste commissioni di performance.

Per completezza ti allego l’immagine del prodotto stesso, presa dal KID, ovvero il foglio illustrativo ufficiale.

Come sottoscriverlo?

Se hai deciso di investire utilizzando questo fondo, allora sappi che puoi sottoscriverlo tramite versamenti unici (PIC) con un importo iniziale minimo di 500 euro e con versamenti successivi sempre di minimo 500 euro.

Durata

La durata dell’investimento è predefinita, con un orizzonte temporale di circa 6 anni (fino al 31 marzo 2028).

Entro i 12 mesi successivi al termine dell’orizzonte temporale dell’investimento, il fondo sarà oggetto di fusione per incorporazione nel fondo “BancoPosta Mix 1”, ovvero un altro fondo caratterizzato da una politica di investimento omogenea, o comunque compatibile rispetto a quella perseguita da questo fondo.

Qui trovi la recensione di BancoPosta Mix 1.

Regime fiscale 

I redditi del fondo sono esenti dalle imposte sui redditi e dall’IRAP. Il fondo percepisce i redditi di capitale al lordo delle ritenute e delle imposte sostitutive applicabili, tranne alcune eccezioni.

Il fondo rimane soggetto alla ritenuta alla fonte sugli interessi e altri proventi delle obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie non negoziati in mercati regolamentati. 

Sui redditi di capitale derivanti dalla partecipazione al fondo è applicata una ritenuta del 26%. La ritenuta è applicata sull’ammontare dei proventi distribuiti in costanza di partecipazione al fondo e sull’ammontare dei proventi compresi nella differenza tra il valore di rimborso, liquidazione o cessione delle quote. 

Opinioni di Affari Miei

Siamo arrivati al termine del nostro articolo, e possiamo quindi adesso cercare di trarre delle conclusioni e ti fornirò le mie opinioni riguardo questo prodotto.

Se hai già avuto modo di leggere altre guide sui fondi comuni di investimento, saprai che non ho un’opinione lusinghiera su questi strumenti.

Li ritengo innanzitutto dei prodotti costosi e poco efficienti: essendo gestiti attivamente, spesso essi portano vantaggi principalmente alla società che li propone più che al cliente che li sottoscrive.

Questi strumenti presentano infatti dei costi di gestione molto elevati, e questi costi vanno inevitabilmente a impattare sui rendimenti potenziali che dovresti raggiungere.

Come abbiamo visto il fondo proposto ha un rischio medio, infatti nella scala del rischio si attesta su un livello 4: non è un rischio altissimo, però non è nemmeno un rispio basso, quindi se dovessi scegliere questo prodotto poniti prima le giuste domande.

Questo è un problema non soltanto dei fondi postali, ma di questo tipo di strumento in generale, anche se fossero proposti da un’altra società di gestione.

Se ti interessano gli strumenti azionari, oppure gli strumenti obbligazionari, o ancora se vuoi investire in strumenti ESG che rispettano le tematiche ambientali, allora ci sono sicuramente delle strade più vantaggiose.

Potresti trovare degli strumenti molto più vantaggiosi, sia azionari che obbligazionari, piuttosto che andare a sceglierti questi strumenti difficili da comprendere e con dei costi esagerati.

Personalmente sono un investitore autonomo e, quando investo, mi piace sapere dove vanno a finire i miei soldi, e soprattutto cerco di preferire degli strumenti migliori, quali ad esempio gli ETF, ovvero dei fondi a gestione passiva, che abbattono i costi e si presentano come degli strumenti trasparenti e liquidi.

Prima di salutarti ti lascio qui alcune risorse che potrebbero esserti utili per cominciare il tuo percorso qui su Affari Miei e diventare un investitore consapevole:

Buon proseguimento e buoni investimenti!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *