Rendimento Etico: Opinioni e Recensione Completa della Piattaforma Italiana che Investe in Crediti Deteriorati

Internet è uno strumento che ha preso il sopravvento in pochissimi anni: in un batter di ciglia siamo passati dalle lente connessioni che provocavano quel suono gracchiante tipico che siamo in pochi a ricordare, a un mondo impregnato dall’utilizzo del web.

Tale rivoluzione ha portato moltissime novità anche nel mondo degli investimenti, compresi gli investimenti immobiliari. Grazie a piattaforme come Rendimento Etico, oggi è possibile investire nel mattone senza necessariamente dover acquistare un immobile, ma anzi, è sufficiente investire una piccola cifra.

Si tratta del meccanismo del Crowdfunding immobiliare, che si sta facendo largo e sta ottenendo un discreto successo per le sue caratteristiche: su Affari Miei mi occupo di setacciare tutte le nuove realtà di investimento per proporti recensioni complete e le mie opinioni, ma solo in seguito ad un’attenta analisi: oggi, come avrai capito, è il turno di una nuova piattaforma, ossia Rendimento Etico.

Come funziona e quali sono le sue caratteristiche? Continua a leggere, per scoprire insieme le opinioni e le considerazioni importanti su questa piattaforma.

Cos’è il Crowdfunding Immobiliare?

È bene avviare l’analisi con una rapida parentesi incentrata sulle caratteristiche di questo meccanismo: si tratta di una raccolta di fondi che prende il via proprio grazie ad Internet. Tale raccolta prevede che vi sia il raggiungimento di una quota grazie a tanti piccoli contributi da parte di gruppi di persone piuttosto numerosi, i cui componenti condividono il medesimo obiettivo.

Insomma, l’unione fa la forza (e chiede il minimo sforzo da parte di tutti!): tale concetto, una volta applicato agli investimenti nel mattone, ha consentito quindi di effettuare investimenti immobiliari senza che si rendesse necessario per l’investitore acquistar un edificio da solo, grazie appunto a piattaforme come quella su cui ci stiamo focalizzando.

Qui puoi leggere una guida completa sul crowdfunding immobiliare per valutarne i pro e i contro.

Come funziona Rendimento Etico?

Passiamo ora all’analisi di Rendimento Etico. Come funziona? Dunque, sulla base di quanto abbiamo appena detto, stiamo parlando di una nuova piattaforma di crowdfunding immobiliare, una piattaforma tutta italiana, nata a febbraio 2019: essa rappresenta una vera e propria vetrina di proposte di tipo “lending”, ovvero basata su prestiti che vengono poi restituiti a scadenza maggiorati degli interessi (che, attenzione, non sono garantiti come in ogni iniziativa di questo genere).

Questa iniziativa, come abbiamo visto, è nata nel nostro Paese grazie all’idea di dell’investitore ed esperto nel settore immobiliare Andrea Maurizio Gilardoni, e si appoggia a Credito Italia, una società che appartiene all’imprenditore stesso. Tramite una ricca rete di consulenti presente in tutto il Belpaese, viene offerto un servizio di cosiddetto “azzeramento del debito”, tramite strumenti tra cui il saldo e stralcio oppure l’acquisto del titolo di credito dall’istituto.

In altre parole, Credito Italia si impegna a saldare il mutuo in sofferenza acquistando l’immobile in oggetto. Alcuni di questi progetti vengono proposti sulla piattaforma Rendimento Etico ispirandosi appunto al meccanismo della condivisione della spesa tipica del crowdfunding.

Nonostante questo tipo di funzionamento, che è piuttosto innovativo rispetto a quello messo in atto da altre piattaforme, Rendimento Etico si impegna anche a promuovere operazioni immobiliari proposte da soggetti terzi, ovviamente dopo aver accuratamente selezionato il progetto e a patto che il proponente faccia già parte della community.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


La peculiarità della piattaforma: ecco perché il rendimento è “etico”

Ma torniamo al funzionamento del recupero di mutui sofferenti: come abbiamo visto, il meccanismo di questa nuova piattaforma made in Italy è particolare, poiché è la piattaforma stessa a individuare i progetti in fallimento per proporli alla community, con lo scopo di investire in crediti deteriorati, aiutare chi è in serie difficoltà e chi rischia quindi di perdere la propria casa all’asta a fronte di un mutuo o ipoteca che non si riesce a pagare.

Infatti, Rendimento Etico entra in trattativa con i creditori, prima che l’edificio venga venduto all’asta, riuscendo così a preservarne il valore e evitando che i proprietari si trovino indebitati.

Per spiegarlo in maniera veramente efficace, ti riporto l’esempio del primo progetto posto in essere da Rendimento Etico: si tratta del recupero di Perla del Mare, un albergo ubicato a Gabicce Mare, il quale, una volta concluso l’acquisto, sarà trasformato in un immobile residenziale composto di sette alloggi fronte mare e da due bellissimi attici dotati di terrazze panoramiche.

Come funziona la piattaforma?

Rendimento Etico è una piattaforma di lending crowdfunding e questo di offre una garanzia non indifferente, legata al fatto che, con il meccanismo del lending, non diventi socio della società che presenta il progetto da finanziare (come avviene invece con il meccanismo dell’equity crowdfunding, appoggiandoti al quale diventi invece socio della società che propone l’operazione immobiliare): il denaro è quindi considerato un semplice prestito, che sarà rimborsato alla scadenza fissata maggiorato di interesse.

Dunque, con questa piattaforma puoi investire senza rischi e senza essere vincolato ad una società in cui non vuoi restare, con la certezza di ricevere il tuo guadagno in 6/18 mesi.

Come iscriversi

Il funzionamento di Rendimento Etico è davvero intuitivo: non devi far altro che registrarti sulla piattaforma dalla home page ufficiale e creare il profilo. Qui vedi la schermata di registrazione della home page, l’ho compilata a titolo di esempio.

Non temere per la privacy, i tuoi dati e quelli degli altri investitori sono trattati con la dovuta riservatezza e ogni transazione sarà gestita in modo sicuro da Lemon Way, ossia l’istituto di pagamento autorizzato che coopera con il gruppo bancario BNP. Le proposte di investimento sono visionabili in un’apposita vetrina che riporta tutte le caratteristiche e le informazioni di ogni immobile facente parte del progetto.

Vediamo i passaggi uno per uno:

  • Registrati e crea il tuo profilo gratuitamente, e ottieni l’accesso alle informazioni sulle opportunità e progetti, scegliendo la più adatta a te;
  • Completa il tuo profilo e inizia a guadagnare: devi collegare il tuo conto corrente all’account e caricare il tuo conto deposito su Rendimento Etico tramite un bonifico o la carta di credito;
  • Scegli le tue opportunità, stabilendo quanto vuoi guadagnare e in quanto tempo, individuando la tua predisposizione al rischio. Così, potrai
    Per ogni opportunità troverai tutti i documenti che servono per decidere in maniera consapevole;
  • Segui il tuo investimento, aggiornandoti sull’andamento del tuo guadagno direttamente online, accedendo al tuo portafoglio.

Con questo meccanismo aiuti chi si trova in difficoltà: differenziando tra più investimenti, diminuisci anche il rischio per il tuo stesso investimento.

Inoltre, la fattibilità di ciascun intervento finanziario è stabilita accuratamente da una commissione di esperti, composta da avvocati, commercialisti e imprenditori immobiliari. La commissione valuta il potenziale rendimento dell’operazione proposta, rispettando i parametri etici a tutela del debitore e a garanzia degli investitori.

Quanto si guadagna?

In realtà non è possibile dare una risposta univoca, in quanto il guadagno previsto varia per ogni opportunità che si trova sulla piattaforma ed è correlato anche al tipo e alla durata dell’operazione.

Tuttavia nella vetrina puoi curiosare tra tutte le opportunità di guadagno: in ogni opportunità è indicata la stima del ritorno economico, nello specifico nel riquadro in basso a sinistra. Cliccando sulle varie opportunità puoi inoltre accedere a tutta la documentazione (tipo di immobile, business plan del progetto, planimetrie e una sintesi degli accordi presi con i creditori).

La tassazione

Nel momento in cui si decide di prelevare il proprio utile dal conto deposito di Rendimento Etico, è ovviamente necessario dichiararlo in sede di dichiarazione dei redditi: la tassazione su questa tipologia di investimenti è pari in Italia al 26%.

Tuttavia, fino a quando non si prelevano gli utili dal conto, non dovrai pagare nessuna tassa.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Rendimento Etico è sicuro?

Questo è un interrogativo centrale in ogni tipologia di investimento che puoi prendere in considerazione: dopotutto stai mettendo a repentaglio il tuo capitale, seppur per accrescerlo, ed è bene che tu sia consapevole di ciò a cui andrai incontro.

Che dire di questo strumento? È ovvio che, come tutti gli investimenti, il rischio esiste. Non vi sono certezze che il capitale venga restituito, tuttavia la piattaforma e il suo team si prodigano per vagliare attentamente le varie opportunità che poi presentano davvero sul sito.

Sappi che vale sempre la solita regola: il livello di rischio è direttamente proporzionale al rendimento che ti puoi aspettare. Più alto è il rischio, maggiore è il guadagno, e viceversa.

Rendimento Etico preferisce comunque puntare su operazioni che comportano un rischio ridotto, anche se ciò si traduce in una remuneratività minore rispetto a quella magari proposta da altre piattaforme. Ciò però significa che, soprattutto se si diversifica, la possibilità di perdere l’intero capitale investito è molto bassa, ciò anche perché vengono acquistati immobili ubicati in zone attrattive e sulla base di attente analisi circa il trend di mercato più recenti e validi.

Inoltre, considera che se non vengono raccolti abbastanza fondi per finanziare l’opportunità scelta, non perdi nulla: per ogni progetto viene definito un lasso di tempo durante cui si raccolgono i fondi per il finanziamento.

Se al termine di questo periodo i fondi raccolti non sono sufficienti per avviare l’operazione, sarai rimborsato: i soldi verranno riaccreditati sul conto deposito che hai aperto su Rendimento Etico.

Opinioni di Affari Miei

Conviene affidarsi a questa piattaforma per investire? La mia idea sugli strumenti di crowdfunding immobiliare è che può essere divertente investirvi, ma è anche molto rischioso. Se vuoi aggiungere un po’ di brio al tuo portafoglio, investire in questo modo può essere stimolante, l’importante è non gettare ad occhi chiusi tutti i risparmi in questo tipo di operazione.

Per quanto riguarda la mia opinione sulla piattaforma stessa, non posso sbilanciarmi, poiché è nata da troppo poco tempo per poterti dare una mia opinione oggettiva. Approvo certamente l’aspetto etico della piattaforma, e ne approvo anche l’indole propensa ai rischi più bassi (cioè approvo che eviti di proporre in vetrina investimenti davvero rischiosi solo perché l’elevatissimo rendimento può fare gola).

Questa è una piattaforma indubbiamente piena di potenzialità, partendo dal presupposto che il meccanismo del crowdfunding rappresenta un’opportunità interessante sia per l’imprenditore con un progetto che per l’investitore.

Risorse Utili

Con questa guida spero di averti fornito tutte le informazioni necessarie su Rendimento Etico e sulle sua potenzialità. Ti ricordo che sul blog trovi tantissime guide gratuite pensate per supportarti nell’inizio e nella gestione dei tuoi investimenti. Qui ti riporto una selezione delle migliori da non perdere:


Scopri i migliori investimenti immobiliari del momento ad alta redditività. Vai a:

La Classifica Aggiornata delle Migliori Piattaforme Online di Crowdfunding immobiliare


 

Davide Marciano
Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, ha sviluppato nel tempo la passione per la finanza personale e lo sviluppo individuale. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: Crowdfunding

1 Commento

Giosuè · 15 Febbraio 2020 alle 21:26

I problemi:
Nessuna trasparenza
Nessuna possibilità di conoscere l’effettivo andamento dell’investimento
Nessuna possibilità (visibile) di recedere dall’investimento
Non esiste un mercato secondario su cui vendere le quote investite
Investi e saprai solo a saldo e stralcio quanto hai guadagnato
Nessuna trasparenza sulle società che effettivamente divengono proprietarie degli immobili e che ottengono i finanziamenti dal crow, si si attraverso banca etica… (quando una banca è mai stata etica me lo spiegate poi a margine)
I progetti apparentemente sono sostenibili finché si tratta di singoli immobili, quando si parla e si tratta di iniziative immobiliari cioè parecchie “case” … parliamone! Sono ancora lì… perché?
L’eticitá Spesso è solo nella “intenzione” di fare beneficenza da parte del proponente
Conclusioni:
L’impressione è che sia un bel business per il gestore che è abile nel fare video, metterli su Facebook, ha una bella barba rossa e occhi di ghiaccio. Si presenta bene, un buon venditore.
Io ci ho messo il mio chip, adesso vedo quando questo schema Ponzi al cubo esplode. Mica sulle casette dei poveri pignorati, che quelle ci sta: vanno all’asta x un 1/10 del valore, i poveri hanno un debito del x10… sistemi le banche che abbiano un NPL di meno, butti fuori il tipo che tanto fuori ci doveva andare, vendi sotto prezzo e ci fai il tuo porco margine. Salvi capra e cavoli alla fine…
Ma quando parliamo di 30-60 appartamenti … il gioco si fa duro. Per rientrare, in un mercato stagnante, è dir poco, devi essere veramente competitivo e devi saper fare il mestiere.
Anche dal lato progettazione, per non parlare della realizzazione, e qui casca l’asino: trattare un appartamento come una iniziativa immobiliare, fallita altrimenti mica cascava sul crowdfunding, mi sa di ego esuberante. Se funziona sul singolo , ergo, funziona meglio sul grosso (0_0)
Consiglio: vedere come vanno i crow Esteri sulle iniziative immobiliari “corpose” in giro per l’Europa o Estonia, che hanno un mercato secondario, e quindi trarre le debite conclusioni. Per un chip si può fare, meglio che buttarli in gratta&vinci anche se … guardando le probabilità…
Ci sto lavorando dalla parte dell’esecutore dei lavori necessari per rendere appetibile al mercato anche uno solo dei 30-60 appartamenti. So di cosa parlo. Improvvisazione allo stato puro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei