Fondo Azimut Dinamico: Recensione e Opinioni

Sei alla ricerca di informazioni sui Fondi Azimut? Ti sei imbattuto nel Fondo Azimut Dinamico e adesso ti stai domandando se possa valere la pena sottoscriverlo?

Allora sei nel posto giusto.

Oggi analizzeremo questo fondo comune di investimento, per capire se essi possano essere dei metodi per investire il risparmio in modo profittevole, cercando di abbattere i costi e limitare il rischio.

Nell’analisi vedremo vantaggi e svantaggi, profilo del fondo, costi e rendimenti di Azimut Dinamico e alla fine della trattazione troverai un capitolo apposito dove potrò fare le riflessioni sul prodotto, cercando di guidarti verso la scelta finale che poi spetterà soltanto a te.

Il fondo è gestito da Azimut Capital Management SGR S.p.A, che gestisce tra l’altro 15 fondi di diritto italiani armonizzati alla direttiva 2009/65/CE.

Questa società offre delle soluzioni caratterizzate da uno stile di gestione che permette di adattarsi attivamente a tutte le condizioni di mercato, investendo globalmente sia in strumenti azionari che in strumenti obbligazionari.

Cominciamo!

Un’introduzione su Azimut Holding

Azimut Holding è una società indipendente che si occupa di consulenza e di gestione patrimoniale.

È stata fondata nel 1989 ed è l’unica multinazionale italiana del risparmio gestito presente in 17 Paesi del mondo, che opera in Italia secondo un modello di  piattaforma aperta di prodotti e servizi offrendo ai clienti le stesse possibilità di scelta di un multi-family office, ma a livello industriale.

Per fornirti qualche numero: vanta circa 223 mila clienti, 1800 consulenti e 53 miliardi di patrimonio di gestione.

Siamo davanti alla più grande SGR indipendente sul mercato italiano, indipendente da gruppi bancari, assicurativi e industriali. Dal 2004 inoltre è stata quotata in Borsa.

Profilo del fondo

Azimut Dinamico è un fondo di diritto italiano, la cui tipologia di gestione è absolute return fund, ed è un comparto flessibile la cui valuta di base è l’euro.

Il fondo è a gestione attiva: esso però non ha un benchmark di riferimento tradizionale che rispecchi il profilo rischio/rendimento del fondo, proprio per via dello stile gestionale che lo contraddistingue. Lo stile è attivo e dal 1 luglio 2012 non prevede il confronto con un benchmark.

Azimut Dinamico investe in strumenti finanziari di natura monetaria, obbligazionaria ed azionaria.

Le azioni possono essere inserite nel portafoglio fino ad un limite massimo del 70% del patrimonio del fondo.

È prevista la facoltà di poter azzerare la componente azionaria del portafoglio e quindi di investire soltanto in titoli obbligazionari e strumenti del mercato monetario.

Il fondo ha copertura valutaria, quindi per quanto riguarda gli strumenti finanziari denominati in valute diverse dall’euro la SGR realizza la copertura dal rischio di cambio.

Le obbligazioni nelle quali investe il fondo hanno rating non inferiore all’investment grade, e sono emesse da Stati sovrani, organismi internazionali oppure emittenti societari.

Le azioni invece sono emessi da società a media/alta capitalizzazione con una diversificazione degli investimenti in tutti i settori economici.

L’obiettivo del fondo è l’accrescimento del valore del capitale investito nell’ambito della misura di rischio stabilita dal gestore e rappresentata dal Value at Risk (VaR).


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Il benchmark

Lo stile di gestione del fondo è attivo, quindi non è possibile individuare un benchmark tradizionale che rispecchi il profilo rischio/rendimento del fondo visto lo stile gestionale che lo contraddistingue.

Per questo motivo viene fornita una misura di rischio alternativa, indicata dal VaR 1 mese, con un intervallo di confidenza del 99%.

Il valore è del -9%, ma questo indicatore non vuole essere rappresentativo della perdita massima del fondo. Si tratta semplicemente di un valore che rappresenta la misura di rischio ex-ante del fondo, considerando che la massima perdita può arrivare fino al 100% del capitale investito.

Modalità di sottoscrizione, uscita e utilizzo dei proventi

Il fondo può essere sottoscritto mediante il versamento o in unica soluzione (PIC), oppure attraverso più versamenti (PAC). L’importo minimo di sottoscrizione del presente Fondo varia a seconda della modalità di sottoscrizione prescelta.

Il Depositario del Fondo è BNP Paribas Securities Services S.C.A.

L’investitore può richiedere direttamente alla SGR di uscire dall’investimento, senza dover fornire nessun preavviso, e in tal modo gli verranno rimborsate le quote.

La politica di distribuzione dei proventi è ad accumulazione, quindi essi vengono reinvestiti nel fondo stesso e non vengono invece distribuiti agli investitori.

È inoltre possibile effettuare operazioni di passaggio verso altri fondi a secondo della modalità di sottoscrizione prescelta.

Profilo di rischio

Passiamo ora ad analizzare il profilo di rischio/rendimento del fondo.

Il valore per questo fondo, nella scala che va da 1 a 7 e che indica rispettivamente minor livello di rischio e maggior livello di rischio, è pari a 5.

Stiamo parlando quindi di un fondo che possiede un rischio medio-alto, dovuto al fatto che il fondo stesso può investire fino al 70% del patrimonio in strumenti azionari, di norma più rischiosi.

Il fondo è soggetto ai rischi di credito, di controparte e di liquidità.

Azimut Dinamico è quindi rivolto ad un investitore consapevole, disposto a sopportare perdite di capitale e che sta ricercando dei rendimenti più elevati.

I costi

Possiamo a questo punto analizzare i costi del fondo, ovvero quelli che impattano maggiormente sui tuoi rendimenti e che possono mangiarti il capitale.

Qui sotto trovi un elenco di tutte le voci di spesa che devi sostenere:

  • Spese di sottoscrizione: 4%
  • Spese di rimborso: 2,50%
  • Spese correnti prelevate dal fondo in un anno: 2,17%
  • Commissioni legate al rendimento: 15% annuo dei rendimenti superiori al parametro di riferimento (50% euribor 1 anno + 0,50%), visto che non segue nessun indice. Nell’ultimo anno la commissione legata al rendimento è stata pari a 0.

Rendimenti storici

L’ultima parte della nostra trattazione è riservata al volgere uno sguardo ai rendimenti storici che ci danno una visione delle performance passate del fondo.

Nel KIID ti avvertiranno del fatto che le performance passate non sono in alcun modo predittive di quelle future, ed è vero.

Però osservare il grafico dei rendimenti può comunque servirci per avere una panoramica sull’andamento del fondo, tenendo presente tutte le raccomandazioni del caso.

Ti allego il grafico dei rendimenti.

Visto che il benchmark è cambiato più volte nel corso degli anni, esso non viene rappresentato.

Possiamo vedere come nel 2019 il fondo abbia ottenuto il 7,4%, mentre nel 2020 sia in negativo dello 0,7%. In generale possiamo vedere un andamento poco lineare. Le performance infatti a volte sono state positive, altre volte invece negative.

Questo naturalmente non vuol dire nulla in particolare, però possiamo capire che prevedere dei risultati risulta praticamente impossibile.

Opinioni di Affari Miei

Essendo giunti alla fine della recensione siamo anche arrivati alla parte nella quale ti fornisco le mie opinioni e i miei commenti sul fondo.

Se mi segui e hai già avuto modo di leggere altri miei articoli saprai che non mi piacciono troppo questi fondi comuni di investimento a gestione attiva.

Ritengo che presenti delle criticità, che ti vado subito ad elencare:

  • Poca trasparenza;
  • Presentano vincoli, visto che il gestore può appunto gestire il tuo investimento e per farlo non deve chiedere il tuo consenso
  • Costi elevati, dalle spese di sottoscrizione a quelle correnti, persino alle spese sui rendimenti.

Per i miei investimenti infatti io prediligo i fondi a gestione passiva, come per esempio gli ETF.

Si tratta di fondi che ti permettono di investire in qualsiasi strumento finanziario (puoi infatti scegliere tra azioni, obbligazioni e materie prime), in diversi settori e in tantissime aziende differenti.

Questi strumenti poi presentano dei costi di gestione molto più bassi rispetto al fondo che abbiamo appena analizzato, anche perchè essendo a gestione passiva si limitano a replicare un benchmark di riferimento e non devi remunerare nessuno per la gestione del tuo investimento, cosa che invece accade per i fondi a gestione attiva.

Con questi strumenti inoltre hai meno vincoli, e sai esattamente quello che sta succedendo al tuo investimento.

Il mio consiglio di base generale è comunque quello di studiare e di formarti per renderti consapevole delle scelte finanziarie e responsabile dei tuoi investimenti.

Nel caso in cui invece non volessi seguire questa strada, il fondo in questione potrebbe fare al caso tuo, anche se ti metto in guardia sul profilo di rischio: stiamo parlando di un rischio medio-alto, quindi valuta attentamente quello che stai cercando. Sappi che con un fondo simile potresti ottenere dei rendimenti più elevati, a fronte però di un rischio maggiore.

Considera anche sempre le spese che devi sostenere, poiché esse impattano sui tuoi rendimenti e sappi che devi essere pronto a dover sostenere delle perdite di capitale in quanto l’investimento non è garantito.

Conclusioni

Questo articolo vuole essere un punto di partenza, se stai cercando consigli per investire stai affrontando un tema serio e complesso che necessita dei giusti approfondimenti.

Se sei all’inizio del tuo viaggio, puoi iniziare dai seguenti contenuti:

Buon proseguimento su Affari Miei.


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *