Differenza tra Carta di Credito e Bancomat (Carta di Debito): Scopri Cosa Cambia

Qual è la differenza tra Carta di Carta di Credito e Bancomat? Ce lo saremo sentiti chiedere migliaia di volte, ogni volta che abbiamo provato a pagare con la nostra carta presso qualche esercizio commerciale.

“Carta di Credito o Bancomat?” Come se dalla nostra riposta potesse dipendere la possibilità di pagare o meno.

In realtà, sebbene carte di credito e bancomat si assomiglino in tutto e per tutto, non sono assolutamente la stessa cosa.

Esistono infatti delle differenze concettuali che non possono che fare la differenza non solo sul come si paga, ma soprattutto sul quando si paga.

Per l’esercente, a scanso di ogni equivoco, le cose non cambiano. Cambieranno per noi in relazione all’uno o all’altro sistema.

Vediamo insieme quali sono le differenze tra Carta Bancomat e Carta di Credito, cercando inoltre di capire se le carte prepagate appartengono all’una o all’altra specie.

No, carta di credito e bancomat non sono la stessa cosa

Nonostante utilizzino in larga parte gli stessi circuiti e le stesse tecnologie (chip e banda magnetica) le carte di credito e le carte bancomat non sono assolutamente la stessa cosa.

Stiamo infatti parlando, come avremo modo di vedere più avanti nel corso della nostra guida, di due sistemi di pagamento profondamente diversi e che si basano su sistemi completamente separati.

Che cos’è la carta di credito

La carta di credito, come abbiamo avuto modo di vedere in un’altra guida che abbiamo già pubblicato sulle pagine del nostro sito, è una carta in plastica, con il supporto di una banda magnetica e di un chip, che permette di pagare praticamente presso ogni esercizio commerciale online e offline nel nostro Paese e all’estero.

Il sistema si basa su una rete mondiale di pagamenti, che una volta inserito il nostro PIN può ottenere conferma da parte della nostra banca al pagamento.

In quel momento la banca paga al posto nostro e noi, trattandosi di un sistema appunto “a credito”, rimborseremo la somma nelle modalità che abbiamo contrattato con la nostra banca.

Quello che ci interessa sapere adesso è che le carte di credito sono un sistema paga dopo, e che quindi funzionano non perché abbiamo dei soldi depositati nel conto collegato alla carta, ma piuttosto perché la banca ha deciso di accenderci una Linea di credito, per quanto modesta questa possa essere, e consegnandoci la carta si è impegnata a pagare al posto nostro presso gli esercizi commerciali, recuperando poi da noi il denaro del pagamento, sempre seguendo le norme riportate nel contratto che abbiamo sottoscritto.

Come funziona invece il Bancomat?

La carta bancomat funziona, almeno tecnicamente e dal lato del negoziante, nello stesso identico modo.

Siamo infatti davanti ad una carta che grazie a sofisticate tecnologie di riconoscimento (chip e banda magnetica + chip) riesce ad identificare il conto corrente al quale è collegata la carta e a pagare in praticamente ogni esercizio commerciale, che si tratti di una attività online o offline.

Al contrario però di quello che abbiamo appena visto con la carta di credito, la carta bancomat integra un sistema paga adesso, ovvero potremo procedere al pagamento se e solo se ci saranno dei fondi nel conto collegato alla carta che stiamo utilizzando.

Il bancomat dunque è una sorta di chiave elettronica che ci permette di pagare direttamente con il nostro conto corrente, senza ricorrere a bonifici o ad altre operazioni che sono in genere lente e costose.

La differenza però con la carta di credito è radicale, anche se soltanto dal lato nostro che stiamo pagando. Per il negoziante, come anticipato, sarà tutto perfettamente identico.

E le carte prepagate? Sono dei bancomat o delle carte di credito?

Anche le carte prepagate condividono il funzionamento del bancomat. Non presuppongono infatti l’accesso ad una linea di credito, ma sono piuttosto in grado di pagare se e solo se ci sono dei fondi nei conti collegati alla carta stessa.

Questo vuol dire che, seppur non siano spesso collegate ad un conto corrente vero e proprio, anche le carte prepagate funzionano come sistema paga adesso e non permettono di dilazionare il pagamento.

Le carte prepagate appartengono dunque alla categoria delle carte di debito, categoria all’interno della quale possiamo anche trovare, appunto, le carte Bancomat.

Le carte di credito permettono una restituzione dilazionata nel tempo

Le carte di credito, come abbiamo anticipato, sono dei sistemi che permettono di restituire denaro successivamente alla spesa stessa.

Nel nostro ordinamento oggi, complice l’arrivo di formule particolari dall’estero dove hanno riscosso molto successo (e reso ricche le banche), è possibile scegliere tra due diversi tipi di restituzione del capitale ottenuto “In prestito”:

  • in soluzione unica il mese successivo, tipicamente il 15 del mese;
  • in soluzione rateale, spalmando il pagamento lungo diversi mesi.

La seconda tipologia, detta anche Revolving, permette di avere un sistema di pagamento rateale per tutto quello che si può acquistare (nei limiti ovviamente imposti dal plafond della carta stesso), senza dover ogni volta negoziare il prestito con una finanziaria. Un grande vantaggio, che però paghiamo a carissimo prezzo con interessi esorbitanti.

Esempio di carta di debito: Hype

Come esempio di carta di debito e per capirne più a fondo il funzionamento, possiamo presentarvi Hype.

Si tratta di una prepagata che funziona in modo decisamente standard: bisogna caricare dei fondi all’interno della carta, per poi usarla per i nostri pagamenti, potendo però fare affidamento esclusivamente sui fondi che abbiamo già caricato.

Con Hype non è possibile, come ad esempio avviene per le carte di credito, pagare a rate e dilazionare il pagamento.

Qui trovi una guida mirata a illustrare le caratteristiche della carta Hype!

Esempi di carte di credito: scopri di più su Affari Miei

Per quanto riguarda invece le carte di credito, troverai sul nostro sito tutto quello di cui hai bisogno per individuare il prodotto che più fa al caso tuo, nella nostra sezione dedicata.

Scegli tra le tante promozioni e offerte che i nostri specialisti hanno selezionato per te e comincia l’iter per l’apertura del conto che ti permetterà di ottenere una carta di credito per pagare in modo dilazionato i tuoi acquisti di oggi!

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

3 COMMENTI

  1. Bravissimi bravissimo Davide è stato veramente d’aiuto io ho 64 anni e sono molto ignorante in queste cose e volevo avere delle delucidazioni da tanto tempo Beh leggendo ti ho capito tante cose che avrei voluto mi spiegassero Grazie grazie grazie per averlo fatto tu Grazie mille continua così sei un grande sarai sicuramente l’orgoglio dei tuoi genitori

  2. L’unica cosa che non ho ancora capito forse perché non l’ho ancora letto e se mi conviene fare la carta Agos o no Io viaggerò circa due tre volte all’anno Grazie per la risposta se potrai darmela

  3. Ciao Maria Luisa,

    grazie per i complimenti. Molti bancomat (cioè Carte di Debito) sono ibridi, cioè viaggiano sia sul circuito Bancomat che siamo abituati a conoscere che su quello delle carte.

    In generale, se c’è il logo di Visa o MasterCard stai serenissima, altrimenti più che fare la carta di credito ti consiglio una prepagata che costa al massimo 10-15 euro annui e ti permette di prelevare e pagare tranquillamente.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei