Smartika: Recensione della Piattaforma Italiana per Prestiti tra Privati Peer to Peer

Il prestito tra privati non è una prerogativa degli Stati Uniti e del Nord Europa, da alcuni anni ottiene buoni riscontri anche nel nostro paese. Smartika è una delle più note piattaforme per prestiti online in Italia ed oggi mi occupo di recensirla.

Ma facciamo una breve introduzione: sulla stampa specializzata il prestito tra privati è definito Social lending o Peer to peer Lending, si tratta di un canale alternativo di credito che consente il prestito diretto tra privati, lasciando da parte banche e istituti finanziari.

Sia i Richiedenti (coloro che richiedono un prestito) che i Prestatori (coloro che investono il proprio denaro prestandolo ad altri) godono di condizioni vantaggiose: tassi più bassi per chi ottiene il prestito e interessi più alti per chi presta denaro. L’incontro tra la domanda e l’offerta avviene attraverso Internet su piattaforme specializzate.

Il social lending rappresenta un investimento alternativo, molto interessante, per coloro che prestano. Non occorrono particolari conoscenze e neppure grandi capitali, basta possedere un computer. Per scoprire come diventare Investitore di Smartika prosegui con la lettura dell’articolo.

Cosa fa Smartika?

Smartika Spa è il gestore della piattaforma e ha sede a Milano. Dal 2012 la società è autorizzata da Banca d’Italia ad operare come Istituto di Pagamento – si occupa di gestire i trasferimenti di denaro dai Prestatori ai Richiedenti e viceversa, mentre dal 2018 la Società è stata acquistata dal Gruppo Sella. Nel 2020 ha lanciato una nuova piattaforma di matchmarketing.

Il sistema è uno di quelli classici di prestiti P2P, ovvero prestiti tra privati diretti che non fanno capo a nessun istituto di credito. Sia per i richiedenti che per i prestatori è necessario effettuare l’iscrizione sulla piattaforma.

Come funziona?

Le richieste di prestito vengono accolte da Smartikae selezionate, passano solo quelle che provengono da soggetti meritevoli e che hanno un reddito in grado di sostenere i pagamenti. I Prestatori devono essere maggiorenni, residenti in Italia, in possesso di codice fiscale italiano e di un conto corrente intestato o cointestato in Italia.

Chi vuole investire deve fare un’offerta, indicando importo, tasso di interesse desiderato e classe di rischio. A quel punto, Smartika divide in parti uguali l’offerta e la distribuisce su più prestiti, in genere 50.

Quindi, ogni Richiedente riceve un’offerta di prestito combinata da Smartika mettendo insieme diversi Prestatori. Se il Richiedente accetta riceve il pagamento e si impegna a ripagare i creditori con rate mensili, capitale più interessi.

Questo sistema di suddivisione su 50 lotti permette di diversificare l’investimento e di minimizza le perdite, nel caso un debitore non dovesse ripagare perderesti soltanto il 2% della somma investita.

I mercati di Smartika

Smartika è organizzata nei 3 mercati (Conservative, Balanced e Dynamic)  in cui i Richiedenti sono raggruppati in base al loro merito creditizio.

Importo minimo e massimo

In veste di investitore puoi prestare somme a partire da 100€ fino a un massimo di 75.000€. L’importo minimo di offerta per singolo Prestito non può essere inferiore a 10 euro.

Piano dei pagamenti

I prestiti sono rimborsati in rate mensili. Il primo pagamento avviene dopo più di un mese dalla data del prestito, dopodiché a intervalli regolari con gli interessi maturati per quel periodo.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Rendimento atteso

Le opportunità di guadagno su Smartika sono mediamente più basse rispetto alla concorrenza. Il rendimento medio all’anno arriva fino al 6,5%, ma è variabile.

Costi

I Prestatori pagano una commissione annuale pari all’1% della somma data in prestito e non ancora ripagata; la commissione viene calcolata su base giornaliera e viene dedotta mensilmente dal saldo sul Conto di Pagamento.

Se un Richiedente non ripaga parte del prestito, al Prestatore non viene detratta la relativa commissione. Allo stesso modo, se un Richiedente estingue in anticipo il suo debito, il Prestatore non paga la commissione sulla parte di prestito che viene estinta.

Procedimento per investire

Investire è abbastanza facile e automatico, dovrai segui questi passaggi:

  1. Effettua la registrazione guidata sul sito.
  2. Crea un’offerta di prestito. Smartika propone tre opportunità, ovvero il Prestito Rapido (consigliato per chi è alle prime armi e vuole creare un’offerta in modo semplice e veloce. A seconda del profilo di rischio che si decide di adottare, vengono proposti quattro pacchetti che includono quattro offerte che combinano imposto e tasso); Prestito per corsi di formazione a studenti (dedicato a chi vuole finanziare un prestito destinato a studenti che decidono di formarsi. Il prestito prevede un periodo di pre-ammorrtamento di 12 mesi, pertanto la quota di interessi che il richiedente rimborserà sul prestito considera anche questo lasso temporale); Prestito su misura (dedicato agli investitori esperti che vogliono scegliere i mercati e i tassi in totale autonomia);
  3. Trasferisci la somma che vuoi prestare sul tuo conto di pagamento tramite bonifico bancario e l’offerta diventa attiva alle condizioni che hai scelto.
  4. A questo punto la tua offerta è messa in lista d’attesa. Più è basso il tasso da te richiesto, più alta sarà la tua posizione in lista e più velocemente i tuoi soldi verranno prestati. Le offerte che accettano prestiti lunghi vengono accolte più velocemente.
  5. La piattaforma abbina la tua offerta con le richieste dei Richiedenti, sommandola a quelle di altri Prestatori fino a raggiungere l’importo del prestito.
  6. I Richiedenti ripagano mensilmente le somme avute in prestito e puoi ritirare quelle somme non appena ti vengono accreditate oppure ri-investirle automaticamente per continuare a guadagnare. Se invece hai una necessità urgente, puoi utilizzare il servizio Rientro Rapido.

Nella tua area riservata potrai avere pieno controllo del tuo investimento e delle transazioni sul tuo conto di pagamento.

Opzione Rientro rapido

Questa opzione ti permette di rientrare in possesso del tuo denaro senza aspettare l’estinzione dei debiti. Se ne farai richiesta, Smartika procederà a cedere i tuoi prestiti, o parte di essi, ad altri Prestatori.

Il servizio comporta una commissione a favore di Smartika pari all’1% del valore dei prestiti ceduti (non previsto in sede di cessione dei crediti).

Per poter godere del servizio il tuo prestito dovrà rispondere ad alcuni requisiti che puoi leggere nel dettaglio sul sito.

I rischi dell’investimento

Smartika in sé è un sistema sicuro poiché è vigilata da Banca d’Italia e il denaro dei clienti viene depositato presso il Conto di Deposito Prestatori tenuto in Intesa Sanpaolo come conto deposito di beni di terzi, per legge non aggredibile dai creditori in caso di fallimento della società.

Tuttavia, l’investimento è rischioso perché esiste la reale probabilità che un debitore paghi una o più rate in ritardo o che diventi completamente insolvente, con la conseguente perdita, da parte tua, di parte o tutto il capitale investito.

Come è possibile che accada se è vero che Smartika effettua i controlli sui Richiedenti? Accade perché la sola valutazione del merito creditizio non è sufficiente a garantire un prestito.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


Cosa accade in caso di ritardo o insolvenza?

Smartika si occupa delle procedure per il recupero del credito incaricando una o più società specializzate.

I richiedenti non in linea con i piani di rimborso sono sollecitati in varie forme arrivando, se necessario, a promuovere azioni legali.

Nel caso di recupero totale o parziale, ti verrà accreditata la sola quota di capitale recuperato.

Tasse

Il reddito derivante dai guadagni realizzati su Smartika è soggetto a tassazione. Smartika è autorizzata a comportarsi come sostituto d’imposta, perciò applica una ritenute fiscale fissa alla fonte pari al 26% degli interessi percepiti nel corso dell’anno.

Punti a favore di Smartika

Esistono tantissime piattaforme, soprattutto estere, che offrono servizi di Peer to peer lending, perché dovresti appoggiarti proprio a Smartika? Vediamo alcune buone ragioni:

  • È una piattaforma regolamentata e vigilata da Banca d’Italia, in più effettua controlli sui Richiedenti, non rischi truffe;
  • La comunicazione attraverso il sito è trasparente e completa;
  • Pare anche che l’assistenza ai clienti sia efficiente;
  • Il sistema di suddivisione dell’investimento su più prestiti è progettato per minimizzare i rischi di perdita;
  • Smartika prevede diverse soluzioni di emergenza in caso di mancato pagamento del debitore.

Quali sono i contro?

Smartika riesce davvero a essere competitiva? Ecco i punti a sfavore:

  • I rendimenti realizzabili su Smartika sono piuttosto bassi, anche se in linea con il mercato;
  • I costi da pagare uniti alle tasse riducono notevolmente le aspettative di rendimento;
  • Per poter godere dell’uscita rapida dall’investimento devi sopportare una penale;
  • Le spese per le operazioni di recupero crediti sono in parte a tuo carico.

Opinioni di Affari Miei

Se vuoi investire i tuoi soldi, puoi valutare questa soluzione. Considera che la mia idea è sempre di investire piccole somme in questo tipo di strumenti, poiché si tratta di piattaforme che hanno dei costi che erodono gli interessi.

Ci sono altre soluzioni più vantaggiose per investire, ma se si tratta di diversificare, mettendo giusto qualche risparmio in uno strumento come queste piattaforme di Peer to peer lending, allora usa prudenza e non esagerare investendo tutto in questa unica direzione.

Puoi comunque liberamente fare un confronto navigando nella sezione di Affari Miei riservata alle Piattaforme di Crowdfunding.

Indipendentemente dalla piattaforma che sceglierai, il mio consiglio finale è di non prendere il social lending alla leggera. Investire con queste piattaforme è molto rischioso.

Conclusioni

Siamo giunti al termine della recensione di Smartika, il portale di P2P lending italiano. Ti auguro di fare la scelta migliore per i tuoi soldi e ti ricordo che sul mio blog puoi accedere ad una serie di guide studiate per orientare le tue scelte di investitore in base a quelle che sono le tue preferenze ed i tuoi obiettivi.

Ho pensato che potesse essere utile per te leggere la nostra selezione delle migliori guide per investire. Te le lascio qui.

Buona lettura!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l’economia e la finanza conseguendo un Master in Consulenza Finanziaria Indipendente. Nel 2019 ha scritto il libro "Vivere di Rendita - Raggiungi l'Obiettivo con il Metodo RGGI" ed ha fondato la Affari Miei Academy.
Categorie: Crowdfunding

6 Commenti

DOMENICO · 18 Febbraio 2017 alle 23:33

E’ una gestione semplicemente poco trasparente!! Come prestatore da 8 anni, oltre il 20% del capitale investito è bloccato da mesi fra ritardi (fino a 8 rate non ripagate), default (da 9 a 20 rate non ripagate) e ristrutturati che poi non ripagano nulla. Diversi prendono i prestiti e poi spariscono senza lasciare traccia o restituire nulla, recupero crediti poco efficace, aggiornamento dei dati dei morosi in molti casi non viene aggiornato da anni … il fondo di protezione Smartika lender protection che dovrebbe risarcire , dopo 12 mesi, i prestatori “truffati” è arrivato a 18-19 mesi e ancora non risarcisce. Il rientro RAPIDO che non funziona. Questo è il social lending all’Italiana!! … meditate, meditate e state alla larga da questi investimenti …. della serie: porta un amico in SMARTIKA e …. scappa lontano per sempre ….

Domenico · 30 Maggio 2018 alle 23:30

Altissima percentuale di richiedenti che non rimborsano le rate e spariscono … pessimo come forma di investimento, ho oltre il 26% in DEFAULT ed ogni mese aumenta. Un completo fallimento, sono 2 anni che sto cercando di uscire, ma ce ne vorranno almeno altri tre. Alla larga dal social lending all’italiana.

Domenico · 10 Maggio 2019 alle 16:49

Dopo numerosi reclami, l’anno scorso, hanno aggiornato tutti i vecchi default con un copia/incolla generale: 28/09/2018 Cliente in stato di indigenza attualmente disoccupato e senza fonti di reddito e beni immobiliari aggredibili liberi da ipoteche. Per alcuni: cliente irreperibile (preso il prestito è sparito). Tutti i controlli fatti? Le famose banche dati consultate? Ed il recupero crediti dovè? … Tradotto significa: zero interessi e tante perdite. Attualmente ho 150 E di vecchi Default che da anni attendono una decisione, saranno sicuramente perdite. Oltre a 102 Default (circa 1400 E di rate non ripagate) che il fondo dovrebbe rimborsare dopo 21 mesi. Molto più sicuro e conveniente un conto deposito anche a 5 anni … rende molto di più e sai quanto riavrai fra 5 anni, qui non saprai mai quanti soldi sono finiti in perdite e se hai guadagnato qualcosa. Oltretutto il rientro rapido vale solo per i prestiti perfettamente in regola con i pagamenti (pochissimi). In caso di necessità non puoi uscire. Questo è il social lending all’italiana … ottimo investimento. Alla larga dal social lending all’italiana.

Costantino · 13 Settembre 2019 alle 0:29

Salve a tutti. Sono un prestatore di Smartika che ha pensato di investire qualche soldo su questa piattaforma nel 2014, per poterne trarre un interesse un po’ più alto rispetto alle classiche forme di risparmio.
Dopo circa 3 anni ho visto che alcuni dei richiedenti hanno iniziato a ritardare con i pagamenti, finché mi è stato comunicato il loro default, con conseguente perdita del credito. Poi anche alcuni altri debitori hanno fatto default.
Il risultato è che dalla cessione dei crediti persi ho ricavato una miseria e solo in parte sono stato indennizzato delle perdite, col risultato che ad oggi ci ho nel complesso rimesso, anche se solo qualche decina di € (ma non avevo investito tantissimo!!).
Il concetto è che se si vuole investire con Smartika bisogna pensarci MOLTO ma MOLTO bene, perché se Smartika fa controlli a sufficienza non lo so, ma so che la trasparenza nelle comunicazioni sulla posizione dei singoli debitori non è il massimo e credo che tante persone chiedano prestiti sapendo già come fare per non pagare dopo.
Dato il rischio che si corre nel fare questi prestiti, se proprio li si vuole fare forse è meglio puntare un po’ in alto con il tasso di interesse, anche se la piattaforma indica a modo suo il punto in cui si è virtualmente fuori mercato.
Certo è che all’estinzione dell’ultimo prestito mi ritirerò!!

    Valter · 30 Gennaio 2020 alle 12:34

    Ora hanno abolito anche il fondo di garanzia che prima rimborsava le rate non ripagate dopo ben 21 mesi di attesa … quindi se non rimborsano le rate sono sicuramente perdite, visto che il recupero crediti è inesistente (su 150 miei prestiti che sono andati in default non hanno recuperato nulla) sulle schede dei richiedenti hanno aggiunto: irreperibile, disoccupato, senza beni liberi aggredibili … – ed i controlli che avevano fatto prima? Se alzi troppo il tuo tasso, aspetterai anni senza prestare nulla, c’è un eccesso di liquidità e pochi prestiti concessi … pessimo investimento!! Una volta entrato devi aspettare 4-6 anni per poter uscire completamente … non ci sono altre vie …

Valter · 5 Novembre 2019 alle 21:56

Vorrei precisare alcune inesattezze dell’articolo: il rientro rapido permettere di cedere ad altri i propri prestiti solo se sono stati perfettamente regolari nei rimborsi delle rate … pochi, anzi molto pochi … Io ho avuto default superiori al 20% che vengono rimborsati dopo 21 mesi di attesa, da un fondo di garanzia. Da quattro mesi tale fondo non è più in grado di coprire le numerose rate non rimborsate … si va quindi a riparto con perdite. Il recupero crediti è inesistente, spesso i richiedenti spariscono o non hanno lavoro o redditi aggredibili … quindi sono perdite … Attualmente c’è elevata liquidità e pochi prestiti concessi … chi vuole prestare lo deve fare ad interessi bassissimi … con il rischio default. A chi fosse interessato ad investire nel settore, consiglio di stare alla larga dalle promesse pubblicitarie ma di leggere e chiedere consigli sui vari forum di Finanza on Line prima di fare scelte affrettate da cui poi pentirsi amaramente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *