Quanto Costa l’Oro al Grammo: Compro Oro, tutto quello che devi sapere

Quotazione oro, prezzo dell’oro al grammo usato, informazioni sul servizio compro oro… Questi sono alcuni degli argomenti su cui chi vuole vendere il proprio oro vorrebbe approfondire.

Nel corso di questo articolo vogliamo esaminare proprio questo discorso, fornendovi una guida per destreggiarvi in questo ramo di mercato.

La quotazione dell’oro (usato e non) è una di quelle che variano in continuazione e che sono legate all’andamento di determinati mercati finanziari.

Non sono solo le migliaia di compro oro e di gioiellerie a determinare infatti il valore dell’oro, ma anche industrie che lo utilizzano, speculatori e andamenti di borsa.

La valutazione dell’oro inoltre non deve interessarci soltanto nel caso in cui volessimo investire, ma anche se avessimo deciso di liberarci almeno in parte del vecchio oro di famiglia per mettere in cassa un po’ di denaro contante.

dunque, quanto costa l’oro al grammo usato, nel caso in cui volessimo portarlo in uno dei tanti Vendo Oro che ora affollano la penisola?

Compro oro: non solo una risposta alla crisi

I media, soprattutto quelli con un po’ di puzza sotto il naso, si sono spesi parecchio per individuare nei compro oro una delle risposte alla crisi, segno dell’impoverimento delle famiglie e della spasmodica ricerca di denaro in una congiuntura economica non esattamente favorevole, soprattutto per la classe media.

In realtà le cose non stanno così, o meglio, non è soltanto questo il motivo della comparsa dei diversi Compro Oro, che sono diventati ormai parte sostanziale del paesaggio commerciale delle nostre città.

A contribuire alla voglia di vendere è la valutazione oro, che ha raggiunto picchi altissimi soprattutto negli ultimi tempi.

Compro oro valutazione: perché è salita così tanto?

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un rialzo pressoché costante delle valutazioni dell’oro, sia sui mercati internazionali, sia nelle gioiellerie e nelle rivendite di Compro Oro.

Questo è determinato dall’incertezza dello scenario economico mondiale e anche italiano. L’oro è infatti da sempre considerato bene rifugio e al peggiorare delle condizioni economiche (e quindi all’aumentare dell’incertezza dei tradizionali strumenti di investimento) moltissimi risparmiatori comprano titoli o addirittura oro fisico (lingotti) per tutelare il proprio capitale.

La crisi è lontana dall’essere completamente passata e l’oro continua la sua corsa: stiamo vivendo un particolarissimo momento economico nel quale l’oro si trova al suo picco storico, cosa che ha spinto moltissimi a disfarsi in tutto o in parte dell’oro accumulato sia a scopo di investimento, sia come regali di battesimo, comunione, matrimonio etc.

Quanto vale un grammo d’oro?

Il prezzo dell’oro varia in continuazione, minuto per minuto, anche se non in maniera sostanziale. Nel momento in cui vi scriviamo i Compro Oro nazionali offrono circa:

  • Oro 24 kt: 33,50 euro
  • Oro 22 kt: 30,00 euro
  • Oro 18 kt: 23,90 euro

I prezzi sopra indicati sono da considerarsi al grammo e qualunque sia la forma assunta dal nostro oro, che si tratti di lingotti, di mini-lingotti o anche di gioielleria.

Sul problema dell’oro lavorato torneremo più avanti. Per ora vi basti sapere che quando venderete il vostro oro il valore “artistico” della realizzazione è completamente ininfluente, dato che l’oro verrà con ogni probabilità fuso per essere utilizzato altrove.

Per intenderci, nel caso in cui foste in possesso di realizzazioni di gioielleria dal grandissimo valore artistico, non è ai compro oro che dovrete rivolgervi, ma piuttosto a chi tratta gioielleria di seconda mano che sia di pregio.

Quanto costa l’oro al grammo usato?

L’oro non perde valore con l’uso. Il prezzo che potremo strappare per il nostro oro usato, che si tratti di gioielleria, oggettistica o anche di mini-lingotti è assolutamente identico.

Non importa se i gioielli sono rigati, se sono in pessimo stato, se sono magari ormai opachi e hanno perso la brillantezza di un tempo.

Il valore dell’oro è sempre lo stesso e non ha alcun tipo di legame con quanto sia “vecchio” il metallo.

Verrà comunque fuso e recuperato senza problemi dai gioiellieri. A far fede sarà il peso, che sarà confermato dal bilancino del rivenditore che si preoccuperà di acquistare il nostro oro.

A scanso di equivoci lo ripetiamo ancora una volta: la quotazione oro usato è identica a quella dell’oro nuovo e non c’è motivo per offrire un prezzo più basso solo perché il nostro gioiello è malandato.

Conviene vendere l’oro adesso?

È una domanda alla quale è particolarmente difficile rispondere, dato che le quotazioni potrebbero continuare a salire, oppure potrebbero cominciare a scendere anche senza preavviso.

Al momento l’oro ha una buona quotazione e sicuramente riusciremo a portare a casa molto di più di quanto lo abbiamo pagato (fatta eccezione, come abbiamo detto poco sopra, per i gioielli di pregio, di cui parleremo più avanti in modo più dettagliato).

Perché il mio gioiello vale meno di quello che l’ho pagato? Mi stanno truffando?

No, non è detto che una valutazione inferiore rispetto a quanto avevamo pagato il gioiello sia una truffa.

A determinare il prezzo di un gioiello infatti non concorre soltanto la quantità di oro, ma anche:

  • quanto sia di valore la fattura: se non si tratta di un gioiello standard, è incorporato nel prezzo il lavoro dell’artigiano. Soprattutto per i gioielli fatti a mano da artisti orafi, si potrebbe trattare di una parte consistente del prezzo
  • la presenza di eventuali pietre: soprattutto se si tratta di pietre costose, come i diamanti di buona qualità, questi possono contribuire a far innalzare il prezzo in modo consistente. Piazzare le pietre è più difficile e comunque non è un lavoro che in genere viene svolto da chi gestisce Compro Oro. Quello che vi verrà dato in cambio è esclusivamente il valore dell’oro, calcolato tramite il suo peso.

Come viene determinato il valore dell’oro venduto?

La procedura di vendita di oro presso un Compro Oro è lineare e facile da capire:

  • l’oro viene testato con uno specifico reagente per controllare che sia oro vero
  • viene pesato
  • il peso viene moltiplicato per il valore al grammo

Non ci sono in genere altre procedure più complesse per andare ad individuare il prezzo che vi verrà corrisposto per il vostro oro.

Quanto costa l’oro al grammo in gioielleria

Le gioiellerie offrono prezzi che sono legati in modo stretto a quelli che vengono praticati sulle borse mondiali che trattano preziosi.

C’è ovviamente un sovrapprezzo di esercizio, che è la somma di denaro che si metterà in tasca il gioielliere per il suo servizio.

Molti gioiellieri offrono anche un servizio di recupero di oro usato, praticando prezzi molto vicini a quelli che sono offerti dai vari Compro Oro.

In aggiunta presso le gioiellerie, se si accetta di farsi pagare con buono poi spendibile nel medesimo esercizio commerciale, si possono ottenere anche prezzi più alti rispetto a quelli che vengono praticati dagli altri Compro Oro.

Che tipo di oro conviene vendere?

L’oro migliore da vendere è quello in lingotti o comunque non lavorato, dato che il prezzo di acquisto in questo caso sarà molto vicino a quello dell’oro puro, dato che non ci saranno sovrapprezzi dovuti dalle pietre o dalla presenza di particolari lavorazioni.

Anche i gioielli “di serie”, quelli che per intenderci non hanno grande valore artistico, possono essere considerati come buon materiale da vendere, dato che non si perderà se non il 20–25% rispetto al prezzo del gioiello nuovo, differenza di prezzo che può essere comunque ammortizzata se non annullata del tutto dal fatto che il valore dell’oro al grammo è comunque salito parecchio negli ultimi anni.

Per quanto riguarda invece gli oggetti di particolare pregio, da antiquari o da rivenditori di gioielli di pregio potremo riuscire a strappare un prezzo leggermente più alto e vendere l’oro a peso in questo caso potrebbe essere meno conveniente.

Conviene prendere più quotazioni?

Tendenzialmente le quotazioni oro offerte dai diversi Compro Oro non differiscono di molto. Controllando quale sia il prezzo in borsa, potremo dunque renderci conto se sia il caso o meno di vendere in uno specifico esercizio commerciale o meno.

Soprattutto se il quantitativo che dobbiamo vendere è di poco conto, potrebbe non avere senso girare per tantissime rivendite alla ricerca del prezzo migliore: le differenze sono davvero minime e comunque sempre o quasi inferiori al 5–10%.

Quanto vale l’oro 18 kt?

L’oro 18 Carati è il meno puro e dunque il meno pregiato. Vale meno e possiamo calcolarne il valore in modo relativamente rapido:

  • prendiamo il valore dell’oro 24 kt in borsa
  • sottraiamo il 30–35%
  • avremo così ottenuto il valore che potremo richiedere per il nostro oro 18 kt

Come calcolare il valore dell’oro 24 kt

Di fronte invece all’oro 24 carati, che è l’oro più puro e più pregiato, calcolare il suo valore presso qualunque compro oro sarà ancora più facile. Dovremo limitarci a sottrarre infatti circa il 15–20% dal valore di borsa.

Con queste informazioni potrai metterti alla ricerca di una rivendita che ti offra il miglior prezzo possibile per il tuo oro, per trasformare in liquidità magari gioielli che non utilizzi più o per differenziare anche i tuoi risparmi, magari spostando quanto ottenuto così verso altri strumenti di investimento.

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

 

Video Corso Gratuito – “Investi con Buon Senso”

Investire è un percorso di responsabilità e di buon senso.

Ho realizzato un video corso gratuito con oltre 72 minuti di contenuti incredibili che ti aiuteranno a capire i pericoli e le opportunità dei principali investimenti di cui hai sentito parlare fino ad oggi.

Acchiappa subito il Video Corso Gratis!

 

 

mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO


Ricevi gli aggiornamenti da Affari Miei