Alfio Bardolla: Tutto Quello che Devi Sapere sul Coach Finanziario Più Famoso d’Italia

Se hai come obiettivo quello di fare soldi o comunque di migliorare la tua posizione economica, è praticamente impossibile che non abbia mai sentito parlare di Alfio Bardolla.

Ho scritto questo articolo per la prima volta nel 2017, dopo aver letto il suo libro più famoso, e l’ho di volta in volta aggiornato con nuovi concetti che, nella mia attività divulgativa nel campo della finanza personale, ho io stesso appreso e diffuso.

Il noto imprenditore, coach finanziario ed autore di libri dedicati alla crescita ed alla libertà finanziaria, è un personaggio che spesso divide per il suo modo di proporsi che a tanti appare non proprio accomodante.

Alfio Bardolla

Se vuoi iscriverti ad un suo corso oppure acquistare un suo libro, è normale che stia cercando sul web opinioni e commenti circa i servizi che propone e, soprattutto, su quello che dice.

Scopriamo insieme di più su un personaggio molto discusso, amato o odiato a seconda dei punti di vista.

Chi è Alfio Bardolla

Probabilmente lui ti risponderebbe: e chi è Davide Marciano di Affari Miei? Scherzi a parte, nonostante una biografia di Wikipedia molto scarsa (tipica delle persone di successo, Aranzulla docet!), Bardolla è un imprenditore nato a Chiavenna nel 1972 e titolare di attività piuttosto radicate in Italia e nel mondo.

Al momento la sua impresa più nota, soprattutto perché più pubblicizzata, è la Alfio Bardolla Training Group, azienda che si occupa di erogare corsi di formazione in materia di investimenti finanziari.

L’azienda nel 2017 si è quotata in borsa ed ha attirato ancora di più l’attenzione mediatica polarizzando l’opinione pubblica che è divisa tra detrattori e fan.

Nel 2009, poi, ha lanciato Arnold Coffee, caffetteria all’americana presente in Italia a Milano ed a Firenze che ha attirato l’attenzione di molti addetti ai lavori.

Bardolla, inoltre, è autore di diversi libri ed è spesso presente in televisione e sui giornali come esperto di crescita finanziaria e soprattutto di educazione finanziaria, un tema che nelle sue uscite mediatiche e su Facebook viene molto spesso richiamato e definito come essenziale.


Non sai come investire?

Scopri che investitore sei. Ti bastano 3 minuti per scoprire la strategia migliore per te. INIZIA ORA!


I soldi fanno la felicità?

Prendo in prestito il titolo del suo libro più famoso, che ho letto nel 2017 e che suggerisco tra i libri fondamentali che dovresti leggere assolutamente per migliorare, per fare qualche riflessione circa uno dei temi principali a cui Bardolla viene associato, quello dei soldi.

Nel momento in cui si parla di denaro, di povertà e di ricchezza, è inevitabile che si accentuino le divisioni, esattamente come quando si parla di calcio o di politica. Il buon Alfio ne è consapevole, anzi, probabilmente ne fa quasi un tratto identitario nel posizionare il suo brand.

Il titolo chiaramente provocatorio del suo libro ha lo scopo di porre l’accento sui più grandi problemi che caratterizzano la società contemporanea, basata essenzialmente sul denaro: i poveri diventano sempre più poveri ed i ricchi crescono sempre di più nel loro patrimonio.

Non c’è da meravigliarsi, se si legge il libro con attenzione, perché viene spiegato chiaramente cosa cambia tra la mentalità di un ricco e quella di un povero.

La scala sociale proposta da Bardolla è lineare:

i poveri sono quelli che non hanno adeguata cultura finanziaria e comprano o si indebitano per acquistare beni che non producono rendita.

Del resto, in maniera molto elementare, anche io sostengo questa visione quando affermo che fare il mutuo per comprare casa è una sciocchezza e che se proprio ci tenete, vi basta risparmiare per anni e comprare casa senza fare debiti inutili.

Tra un operaio o un impiegato ed un professionista o piccolo imprenditore (ceto medio) non vi è alcuna differenza perché entrambe le “categorie” spendono gran parte del loro reddito da lavoro o si indebitano per l’acquisto di giocattoli (così Alfio definisce auto e case di proprietà che non producono rendite).

Di contro, sempre secondo Bardolla, i ricchi fanno l’esatto contrario dei poveri: comprano attività (case da affittare, quote di aziende, azioni etc) che producono rendite. I ricchi, come ho spiegato in un video, hanno ben presente la differenza tra uso e proprietà e tra attivi e passivi.

Nel lungo periodo, chiaramente, è scientificamente dimostrato (se si accetta questa tesi) che i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri.

In buona sostanza, questo pensiero è molto simile a quello altrettanto autorevole di Robert T. Kiyosaki in “Padre ricco – Padre Povero”.

Clicca qui per avere in offerta “I soldi fanno la felicità”

Ha ragione Bardolla?

Sul web spesso faccio fatica a sopportare l’atteggiamento da chi mette davanti le emozioni personali alla ragione.

Bardolla è antipatico a molti e, devo dire la verità, in parte lo era anche a me.

E’ antipatico perché è un vincente, o meglio, dà l’apparenza di essere un vincente per promuovere il suo brand: se poi è ricco oppure no lo sa solo lui, nel senso che, come del resto insegna nei suoi testi, si è ricchi nella misura in cui ci si sente soddisfatti rispetto al raggiungimento dei propri obiettivi.

Le parole di Bardolla fanno male perché spesso sono vere: mi rendo conto che chi ha un mutuo trentennale sulle spalle e guadagna 1200 euro al mese si possa risentire perché, di fatto, il messaggio è abbastanza divisivo rispetto al pensiero comune delle masse.

Capisco perfettamente che chi lavora 12 ore al giorno ed arriva a fatica a pagare l’assicurazione della macchina provi odio nei confronti della schiettezza con cui il nostro parla.

E’ naturale, è la frustrazione tipica di chi alle 18 rientra dall’ufficio e passa il tempo libero ad insultare i politici, gli immigrati ed il mondo intero sui social network: è una rabbia negativa che, se non incanalata diversamente, non ti permetterà mai di cambiare vita.

Mettendo da parte però le emozioni, e l’eventuale antipatia a pelle che può trasmettere, non credo ci siano tante obiezioni da sollevare rispetto a quanto afferma nei suoi testi, in particolare rispetto al fatto che la ricchezza è determinata per l’80% dalla testa e dal 20% per la tecnica.

E’ una visione che sottoscrivo e che ritengo essenziale per avere successo nella vita: i soldi non servono a niente se non utilizzati con intelligenza e se non si forma la mente per crearli.

L’ho capito strada facendo con la meditazione e, te lo assicuro, lo potresti capire pure tu se ti liberassi dalle convinzioni negative che ti offuscano la ragione e ti impediscono di progredire.

Fidati, clicca qui e scarica “I soldi fanno la felicita”: potresti incazzarti di molto ma, quando poi andrai a dormire e rifletterai sul tuo futuro, sempre che riuscirai a mettere da parte le emozioni viscerali, capirai gran parte dei tuoi limiti e ti motiverai da solo per cambiare.

Conclusioni

Alfio Bardolla non mi vorrà male se gli ho dedicato un articolo in questo angolo remoto di web.

L’ho fatto perché pensavo che, ai fini dello sviluppo della sezione di crescita personale, parlare di lui fosse inevitabile.

Se sei alla ricerca di opinioni e commenti prima di acquistare un suo libro, sicuramente hai trovato più di un valido motivo per investire pochi euro in formazione o, semplicemente, per alimentare la tua curiosità.

Se stai pensando di partecipare ad un suo corso, magari, la lettura di qualche libro potrebbe esserti di aiuto per afferrare la vision di Bardolla e probabilmente capire meglio anche gli insegnamenti che la sua società impartisce.

In ogni caso, se deciderai in questa ultima ipotesi di investire su te stesso, è bene che ti metta in testa che le informazioni, siano esse trasferite da una società di formazione o anche da un anonimo blog come questo, possono essere recepite soltanto se si è predisposti e se ci si libera dalle negatività e dalle convinzioni negative.

In caso contrario, finirai per avercela in eterno con il mondo, passerai le ore ad insultare tutti sui social e vagherai per il web alla ricerca delle sole notizie che stimolano la tua frustrazione o che, in ogni caso, sono intrise di negatività e ripetono quello che già pensi.

Questo articolo ha lo scopo di motivarti a cambiare atteggiamento per arare il terreno verso un miglioramento: sta a te scegliere cosa fare!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.
mm
Wealth Hacker
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

7 COMMENTI

  1. Dategli una risposta: le cose gratis non se le fila nessuno!
    A 9,90 un libro Wow!Che investimento…eh sì leggere è faticoso! Bell’articolo (vi ho scoperto grazie al Monty su FB)

  2. Un argomento rifinito da capire ogni virgola, sono uno che ha fatto dei corsi di Bardolla, quello che ti abbandonano con dispensa del corso alla fine è al 100%.
    Magioranza dei guadagni proviene dai 1) corsi dai 2) coaching che sono le conseguenze dei corsi i corsi invece la conseguenza dei libri che non altro che materiale pubblicitario dove manca quello che saprai sui corsi, sui corsi manca quello che saprai dai coaching e coaching sono 600 euro al ora.Quindi prendere libro equivale a imboccare ….e poi solo questione del tempo

  3. La cosa curiosa che la gente onesta esiste e parla del fenomeno di fregatura di Bardolla ma…. non sappiamo di ascoltare.
    Per la correttezza non possono dire che quest o quell’altro prende in giro,conoscendo lo personalmente, invece dicono frasi
    ” in italia non ci sono corsi di formazione, quello che vi fanno avere è loro prodotto” – uno di queste persone è M.Gasparotto – vero è autentico imprenditore.

    • Bardolla è un motivatore, sicuramente può trasmettere spunti di riflessione che ti fa pagare a caro prezzo. Sul fatto che sia possibile guadagnare con l’immobiliare ed il trading dopo corsi che durano pochi giorni se non ore c’è fortemente da dubitare. Spesso non riesce a guadagnare chi è nell’ambiente da anni!!!

LASCIA UN COMMENTO