Pfizer, 32 miliardi di dollari di affari sul vaccino non bastano agli investitori?

Se ti stai chiedendo quanto valgano gli affari sui vaccini, allora puoi farti un’idea dalle trimestrali pubblicate nel tempo da Pfizer, colosso americano che ha sviluppato il vaccino anti-Covid e che, successivamente, ha creato la pillola anti-Covid Paxlovid.

Con il recente report che chiude il 2021, l’azienda comunica di aver generato nell’ultimo trimestre un utile netto da 3,39 miliardi di dollari, superiore agli 847 milioni di un anno prima nello stesso periodo.

I ricavi annui, per darti un’idea di cosa stiamo parlando, sono saliti del 106% rispetto al 2020, attestandosi a 81,2 miliardi di dollari trainati dai 42,6 miliardi di euro derivanti dalla vendita dei vaccini.

I profitti, invece, sono saliti del 96%.

L’azienda, in più, si aspetta di fatturare ulteriori 32 miliardi di dollari nel 2022 con il vaccino a cui aggiungere 22 miliardi di Paxlovid.

Eppure, se guardiamo l’andamento del titolo nel giorno in cui è stata pubblicata la notizia, le vendite hanno superato gli acquisti e si è registrata una flessione di alcuni punti percentuali.

Perché la borsa va male anche quando gli affari vanno bene?

Molte persone, in questi casi, credono che le borse e l’economia reale siano molto distanti tra loro, questo perché non riescono a cogliere tutte le varianti che muovono i mercati.

Tra queste ci sono le aspettative che, prima ancora dei fatturati reali, impattano in maniera significativa.

Riguardo Pfizer, che prendiamo come esempio, gli analisti si aspettavano ricavi trimestrali superiori ai 23,84 miliardi di dollari (24,12 Miliardi) e anche nelle previsioni di fatturato del vaccino anti-Covid per il 2022 si aspettavano maggiori introiti (34 miliardi contro i 32 previsti da Pfizer).

In più c’è un altro aspetto, sempre legato alle aspettative, da tenere in considerazione: l’outlook di medio termine-lungo termine.

Che vuol dire in Italiano?

Se mostrassimo il bilancio e le previsioni di Pfizer al titolare di una bancarella al mercato della Crocetta qui a Torino, sotto casa mia, sicuramente farebbe un ragionamento semplice che pare che abbiano recepito anche i grandi esperti di Wall Street: che ne sarà degli affari dopo il vaccino?

Sì, forse la questione andrà avanti per un po’ e qualcuno potrebbe anche ritenere che la Pandemia sia stata solo la prima di tante altre epidemie: fai pure gli scongiuri nel modo più scaramantico che vuoi, ma c’è qualcuno che lo pensa e non è irrealistico.

Ma se così non fosse?

Pfizer ha praticamente raddoppiato i suoi incassi, un po’ come potrebbe accadere al nostro mercante della Crocetta se chiudessero quasi tutti gli altri negozi di Torino lasciandone aperti 2-3 oltre e tutti avessero bisogno delle merci da lui messe in vendita.

Certo, risponderà ancora qualcuno, qui ci sono la ricerca, lo sviluppo e migliaia di cervelli che rendono il business delle Big Pharma più complicato della bancarella della frutta al mercato, ma, alla fine, siamo tutti sulla piazza per vendere qualcosa a qualcuno, no?

Aspettative, quanto pesate!

La risposta reale riguardo il futuro, probabilmente, non la conosce neanche il CEO di Pfizer, figurarsi se possiamo prevederla noi mentre aspettiamo che la macchinetta del caffè in ufficio allieti la nostra pausa mattutina.

Quello che è certo, però, è che le aspettative incidono in maniera importante, spesso ancor più dell’andamento concreto degli affari, e si manifestano soprattutto sul piano della volatilità.

Noi come investitori non possiamo permetterci di giocare con le aspettative come fanno gli analisti e gli hedge fund che, sovente, giocano con soldi e destini non loro, né possiamo pensare di metterci al posto del CEO di una Big Pharma per sapere cosa accadrà.

Possiamo “solo” sapere che esiste tutto questo e agire di conseguenza, diversificando il più possibile.

Chest’è… come amo dire!


Scopri che Investitore Sei

Ho creato un breve questionario con cui ti aiuto a capire che tipo di investitore sei. Al termine, ti guiderò verso i contenuti migliori selezionati in base alla tua situazione di partenza:

>> Inizia Subito <<


Imprenditore e Investitore - Co-fondatore di Affari Miei Società di Consulenza Finanziaria Indipendente
Ha iniziato il suo percorso nel 2014 scrivendo i primi articoli su Affari Miei. Dopo la laurea in Giurisprudenza, ha approfondito la sua storica passione per l'economia e la finanza conseguendo un Master Executive in Consulenza Finanziaria Indipendente.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *