Piccolo Prestito INPDAP: Tempi di Erogazione dei Prestiti INPS, Interessi e Tabelle – GUIDA

Il piccolo prestito INPDAP è una forma di apertura di credito nei confronti di dipendenti e pensionati pubblici che ne facciano apposita richiesta.

Per cercare di analizzare nel dettaglio questo strumento è bene fare una piccola digressione sull’Istituto in questione e sulle sue funzioni che lo collocano, in pratica, nella fascia che riguarda i piccoli prestiti erogati ai consumatori.

Ricordiamo, poi, anche la possibilità di accedere ai mutui INPDAP ex INPS che, in qualche modo, presentano vantaggi analoghi a quelli che vedremo.

Di cosa stiamo parlando?

L’Istituto Nazionale di Previdenza ed assistenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica è un soggetto di diritto pubblico che viene istituito nel nostro Paese nel 1993 ed esaurisce le sue funzioni nel 2011.

In quell’anno, infatti, con il decreto numero 201, è stata disposta la soppressione dell’ente e, contestualmente, sono state trasferite tutte le sue funzioni all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Quindi il Prestito INPDAP in realtà oggi fa parte dei prestiti INPS erogati ai soggetti aventi diritto visto il cambiamento.

L’INPS è diventato, in questo modo, il più grande istituto di previdenza di tutta la zona Euro e assume l’obbligo di tutelare la posizione contributiva di tutti i lavoratori italiani.

Il piccolo prestito INPDAP, oggi, viene quindi erogato dal fondo di Gestione Unitaria che è stato istituito presso la Gestione dei Dipendenti Pubblici.

Cerchi un Prestito? Confronta le Offerte Migliori di Oggi!

Per poter accedere a questo finanziamento a tasso agevolato ( prestito INPS ) è necessario essere titolari di alcuni requisiti considerati minimi per l’operazione.

In sostanza il soggetto, oltre a dover essere dipendente o pensionato dell’amministrazione pubblica, deve essere anche iscritto alla Gestione Unitaria e deve aver versato almeno 4 anni di contributi alla suddetta gestione.

Inoltre, esiste anche un altro limite all’erogazione del finanziamento, questa volta, però, si parla di un limite imposto direttamente all’Amministrazione.

In sostanza, ogni operazione deve essere valutata ed accertata in base alle reali disponibilità finanziarie che si evincono dall’ultimo bilancio del fondo della Gestione Unitaria. Questo punto è fondamentale perché cerca di coniugare la necessità del soggetto interessato al finanziamento, con le reali consistenze di liquidità del fondo.

Uno dei vantaggi ulteriori, riconosciuti ai dipendenti in esame, è la possibilità di effettuare la richiesta del piccolo prestito INPDAP senza dover presentare alcuna documentazione relativa alle modalità di spesa del capitale versato e senza la necessità di offrire alcun altro documento.

Per quanto concerne la domanda, essa deve essere fatta tramite l’apposito modello previsto e consegnata all’ufficio provinciale di competenza.

Esiste anche la possibilità di effettuarla direttamente online, sfruttando il nuovo portale della Pubblica Amministrazione.

Cerchiamo di fornire indicazioni più dettagliate con riguardo alla domanda ed ai requisiti che si debbono possedere per poter accedere a questo servizio.

Voltiamo pagina!

1
2
3
4
5
6
7
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

Usi Telegram? Iscriviti Gratis al Nostro Canale!

Affari-Miei-telegram

1
2
3
4
5
6
7
mm
Fondatore di Affarimiei.biz nel 2014. Laureato in Giurisprudenza, da sempre divoratore di libri e divulgatore sul web in campo economico e finanziario. Principali passioni: business, finanza personale e investimenti.

LASCIA UN COMMENTO